L '"energia pulita" è più sporca, più costosa e dannosa per l'ambiente

Immagine: Christian Steiness, per gentile concessione di Vattenfal, Hasager et al.
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
L'energia "pulita" alternativa è stata un disastro intenzionale per il pianeta, costando ai contribuenti miliardi di miliardi mentre interrompe fonti energetiche economiche e affidabili come gas naturale, carbone e petrolio. Questo è un rapporto da leggere per comprendere i fatti della questione. ⁃ TN Editor

Un meticoloso nuova recensione pubblicato sulla rivista scientifica, Energie, condotto da un team di ricercatori irlandesi e statunitensi tra cui Ricercatori CERES, solleva interrogativi sorprendenti e inquietanti sulla fattibilità e sugli impatti ambientali della transizione alle fonti energetiche rinnovabili. La preoccupazione per il cambiamento climatico ha guidato massicci investimenti in nuove politiche di "energia verde" intese a ridurre le emissioni di gas serra (GHG) e altri impatti ambientali dall'industria dei combustibili fossili. Il mondo ha speso 3,660 miliardi di dollari USA in progetti sul cambiamento climatico negli otto anni 2011-2018. Un totale del 55% di questa somma è stato speso per l'energia solare ed eolica, mentre solo il 5% è stato speso per adattarsi agli impatti di eventi meteorologici estremi.

Impatti ambientali sorprendenti

I ricercatori hanno scoperto che le fonti di energia rinnovabile a volte contribuiscono a problemi per cui erano state progettate. Ad esempio, una serie di studi internazionali ha scoperto che sia i parchi eolici che quelli solari stanno provocando il cambiamento climatico locale. I parchi eolici aumentano la temperatura del suolo sottostante e questo riscaldamento fa sì che i microbi del suolo rilascino più anidride carbonica. Quindi, ironia della sorte, mentre l'energia eolica potrebbe ridurre parzialmente le "emissioni di carbonio" umane, sta anche aumentando le "emissioni di carbonio" da fonti naturali.

Le tecnologie energetiche verdi richiedono un aumento di 10 volte dell'estrazione di minerali rispetto all'elettricità da combustibili fossili. Allo stesso modo, sostituire solo 50 milioni degli 1.3 miliardi di automobili al mondo stimati con veicoli elettrici richiederebbe più del raddoppio della produzione annuale mondiale di cobalto, neodimio e litio e utilizzare più della metà dell'attuale produzione mondiale di rame annuale.

I parchi solari ed eolici necessitano anche di 100 volte la superficie terrestre dell'elettricità generata da combustibili fossili e questi conseguenti cambiamenti nell'uso del suolo possono avere un effetto devastante sulla biodiversità. Gli effetti della bioenergia sulla biodiversità sono peggiori e l'aumento dell'uso di colture come l'olio di palma per i biocarburanti sta già contribuendo alla distruzione delle foreste pluviali e di altri habitat naturali.

Implicazioni finanziarie sconcertanti

Sorprendentemente, più della metà (55%) di tutta la spesa globale per il clima negli anni 2011-2018 è stata spesa per l'energia solare ed eolica, per un totale di 2,000 miliardi di dollari. Nonostante ciò, l'energia eolica e solare hanno prodotto ancora solo il 3% del consumo mondiale di energia nell'anno 2018, mentre i combustibili fossili (petrolio, carbone e gas) hanno prodotto l'85% tra di loro. Ciò solleva interrogativi pressanti su quanto costerebbe effettuare la transizione al 100% di energie rinnovabili, come suggeriscono alcuni ricercatori.

Come afferma l'autore principale Coilín ÓhAiseadha:

“È costato al mondo 2 trilioni di dollari aumentare la quota di energia generata dal solare e dall'eolico dal mezzo percento al tre percento e ci sono voluti otto anni per farlo. Quanto costerebbe aumentarlo al 100%? E quanto tempo ci vorrà? "

Scoraggianti sfide ingegneristiche

Gli ingegneri hanno sempre saputo che i grandi parchi solari ed eolici sono afflitti dal cosiddetto "problema di intermittenza". A differenza delle fonti di generazione di elettricità convenzionali che forniscono energia continua e affidabile 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX, i parchi eolici e solari producono elettricità solo quando c'è vento o luce solare.

Il dottor Ronan Connolly, coautore della nuova recensione, sottolinea:

“La famiglia media si aspetta che i propri frigoriferi e congelatori funzionino continuamente e siano in grado di accendere e spegnere le luci su richiesta. I promotori di energia eolica e solare devono iniziare ad ammettere di non essere in grado di fornire questo tipo di fornitura di elettricità continua e su richiesta su scala nazionale a cui sono abituate le società moderne ".

Il problema non è facilmente risolvibile con l'accumulo di batterie su larga scala perché richiederebbe enormi batterie che coprano molti ettari di terreno. Tesla ha costruito una grande batteria per stabilizzare la rete nel Sud Australia. Ha una capacità di 100 MW / 129 MWh e copre un ettaro di terreno. Uno dei documenti esaminati in questo nuovo studio ha stimato che, se lo stato dell'Alberta, in Canada, passasse dal carbone all'energia rinnovabile, utilizzando il gas naturale e l'accumulo di batterie come riserva, sarebbero necessarie 100 di queste grandi batterie picco di domanda.

Alcuni ricercatori hanno suggerito che le variazioni nella produzione di energia possono essere compensate costruendo reti continentali di trasmissione di elettricità, ad esempio una rete che collega i parchi eolici nell'Europa nord-occidentale con i parchi solari nel sud-est, ma ciò richiede investimenti massicci. È probabile che crei colli di bottiglia laddove la capacità di interconnessioni è insufficiente e non elimina la vulnerabilità sottostante alle pause di sole e vento che possono durare per giorni e giorni.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
4 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
DawnieR

L'Energia Libera di Tesla è ANCORA nascosta dai globalisti! QUANDO POTUS Trump rilascerà QUELLA tecnologia, dal momento che sa tutto perché suo zio è stato incaricato di raccogliere i documenti di Tesla dopo la sua morte (OMICIDIO)!

Arlene Johnson

Sì, davvero, omicidio. Vedere http://www.truedemocracy.net/hj37/50.html
E l'uomo che lo ha ucciso è ancora vivo, che tu ci creda o no.
Pace,
Arlene Johnson
Editore / autore
http://www.truedemocracy.net
Per accedere al resto del mio lavoro, fai clic sull'icona che dice Magazine.
Per accedere a 28 post, ad oggi, che espongono il coronavirus, effettua il login
https://arlenejohnson.livejournal.com

Arlene Johnson

Il petrolio non è un combustibile fossile. Vedere http://www.truedemocracy.net/td-19/index.html

Prof D Chandrasekharam

Assolutamente corretto. Leggi il mio articolo.

Chandrasekharam, D.. e Ranjith Pathegama, G. 2020. CO2 emissioni da fonti rinnovabili: solare fotovoltaico, idrotermale e fonti EGS. J. Geomecha. Geophys. Geoenergy Georesour. https://doi.org/10.1007/s40948-019-00135-y(0123456789()., - volV () 0123458697 ()., - volV

https://timesofindia.indiatimes.com/blogs/dornadula-c/is-solar-pv-green-energy/