Gli obiettivi diventano chiari mentre la commissione trilaterale collega il think-tank che colpisce il presidente brasiliano Jair Bolsonaro

Wikimedia Commons
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print

The Peterson Institute for International Economics (PIIE) ha pubblicato un nuovo documento programmatico, L'Amazzonia è una bomba al carbonio: come possono il Brasile e il mondo collaborare per evitare di scatenarla? Il documento demonizza il neoeletto presidente Jair Bolsonaro per essere stato la causa della distruzione dell'Amazzonia, che considera parte del "Global Commons". Il primo paragrafo dà il tono:

Il riscaldamento globale è ampiamente e correttamente accusato di incendi in tutto il mondo. Ma gli incendi dell'Amazzonia in Brasile rappresentano uno specifico fallimento della politica del governo per molti anni, soprattutto di recente, poiché le agenzie pubbliche brasiliane che dovrebbero contenere gli incendi causati dall'uomo sono state deliberatamente indebolite. Gli incendi vengono provocati da agricoltori, proprietari di bestiame e altri ogni anno per sgombrare la terra, ma sono aumentati in numero e gravità in 2019, da quando il presidente Jair Bolsonaro è entrato in carica il 1 di gennaio e ha iniziato a rispettare l'impegno della sua campagna per facilitare l'uso ambientale e del territorio e regolamenti sanitari.

PIIE è stata fondata dal compianto Peter G. Peterson (1926-2018), anche lui membro fondatore della Commissione trilaterale elitaria di 1973, insieme a David Rockefeller e Zbigniew Brzezinski. Oggi, il consiglio di amministrazione di PIIE comprende uno sciame di attuali ed ex membri della Commissione, tra cui C. Fred Bergsten, Lawrence Summers, Richard Cooper, Stanley Fischer, Robert Zoellick, Alan Greenspan, Carla A. Hills, George Schultz, Paul Volcker, tra gli altri. In breve, PIIE è gestito dalla crema dell'élite globale.

La Commissione trilaterale si è imposta in 1973 per creare un nuovo ordine economico internazionale. Dopo aver riformato i sistemi di commercio e finanza globali catturando il ramo esecutivo del governo degli Stati Uniti, Trilateral Gro Harlem Brundtland ha fornito il foraggio intellettuale per la creazione di Sviluppo sostenibile e Agenda 21 che è stata adottata dalle Nazioni Unite in 1992 a Rio De Janeiro, Brasile.

Sebbene sia facile considerare le Nazioni Unite come la fonte della demonizzazione di leader populisti come il brasiliano Bolsonaro e l'americano Donald Trump, poche persone vedono i veri maestri burattinai dietro le Nazioni Unite.

PIIE ha giocato la sua mano trilaterale, tuttavia, spingendo esattamente le stesse politiche che ha spinto sulle Nazioni Unite in primo luogo: "Gli incendi in Brasile sono un classico caso di ciò che i sociologi chiamano la" tragedia dei beni comuni ", cosa succede quando le risorse condivise vengono sfruttate dagli utenti che perseguono il proprio sostentamento a spese del bene comune."

Il concetto di "beni comuni globali" significa che la foresta pluviale amazzonica non appartiene davvero al Brasile, ma piuttosto a tutto il mondo. Pertanto, il Brasile non è libero di gestire le proprie risorse come altre nazioni, ma piuttosto deve sottomettersi alla gestione da parte dell'élite globale. Non importa che la foresta pluviale rappresenti l'60 percento della massa terrestre totale del Brasile.

Presentando il problema in vera forma isterica, afferma PIIE, "Scienziati, ONG e attivisti ambientali si oppongono alle politiche di Bolsonaro, avvertendo che potrebbero preparare il terreno per il disastro". La risposta immediata lo fornisce "Le società sanno come affrontare questo problema: attraverso azioni collettive e regolamenti governativi".

Dopo aver picchiato a fondo Bolsonaro, il documento di PIIE si conclude con condiscendenza,

Sebbene gli incendi in Amazzonia debbano essere condannati, è tempo che la comunità internazionale lasci da parte le sue giustificate lamentele con l'amministrazione Bolsonaro e cooperi su una strategia per fornire le risorse per conservare e sviluppare la più grande foresta pluviale continua del pianeta.

In altre parole, la comunità internazionale dovrebbe ignorare Bolsonaro e accumularsi sul Brasile per privarlo del 60 percento della sua massa sovrana.

Se l'intenzione di PIIE e della Commissione trilaterale non è ancora evidente al lettore, vorrei essere chiaro. L'oggetto del Nuovo Ordine Economico Internazionale è ed è sempre stato quello di sequestrare tutte le risorse significative del mondo in un "bene comune" gestito da loro sotto la bandiera del "bene comune".

Come Trilateral Brundtland ha definito lo sviluppo sostenibile in Il nostro futuro comune, Essa “È il tipo di sviluppo che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare i propri bisogni."

Hanno convinto i cittadini del mondo che sono le uniche persone benevoli e qualificate a proteggerci dal nostro presunto egoismo e irresponsabilità. Oh, a proposito, saranno sicuri di risparmiare alcune risorse anche per i tuoi figli e nipoti.

In qualsiasi altra epoca della storia, questo sarebbe chiamato quello che è: una truffa.

Unisciti alla nostra mailing list!


Technocracy.News è il - esclusivamente. sito web su Internet che riporta e critica la tecnocrazia. Ti preghiamo di dedicare un minuto a sostenere il nostro lavoro su Patreon!
Avatar
1 Discussioni dei commenti
0 Discussione risposte
0 Seguaci
Per molti commenti
Discussione più calda del commento
0 Autori di commenti
Autori di commenti recenti
Sottoscrivi
ultimo il più vecchio più votati
Notifica
trackback

[...] Gli obiettivi diventano chiari mentre la commissione trilaterale collega il think-tank che batte il presidente brasiliano Jair Bolso ... [...]