Dopo i passaporti dei vaccini sono "indennizzi personali di carbonio"

Per favore, condividi questa storia!
La pandemia e l'isteria del riscaldamento globale sono la stessa cosa, emanate dagli stessi tecnocrati pazzi. Pertanto, proprio come vengono promossi i passaporti dei vaccini per salvarci tutti dal COVID, i "Personal Carbon Allowance" (PCA) ci salveranno tutti dal riscaldamento globale. Editor TN

La pandemia di COVID-19 ha offerto una scusa senza precedenti per aspiranti autoritari per soffocare la libertà.

Per combattere il virus, abbondano i controlli governativi un tempo impensabili. Intere economie sono state chiuse, aziende chiuse involontariamente e persone licenziate.

Le app di tracciamento dei contatti sono state inventate per avvisare l'utente quando esposto a qualcuno con il virus, ma tengono anche un registro chiaro dei movimenti individuali.

I mandati sui vaccini imposti attraverso "passaporti" facilitati da app telefoniche stanno ora proliferando. Presto, il mantenimento dell'occupazione o la capacità di partecipare liberamente alla società potrebbero dipendere dalla prova di aver ricevuto un vaccino.

Ok, Wesley. È certamente una medicina difficile, ma era necessaria come misura di salute pubblica per sconfiggere una pericolosa malattia trasmissibile. Una volta che il COVID-19 svanisce o diventa endemico come l'influenza, tutto torna alla normalità. Destra?

Non se i tecnocrati ottengono ciò che vogliono. Il COVID-19 ha stimolato il loro appetito per il potere e ora vogliono che la loro attuale influenza "temporanea" sul modo in cui viviamo diventi un elemento permanente della società.

La domanda è come convincere le persone a rinunciare a più libertà. Un potenziale piano imporrebbe un controllo tecnocratico internazionale in nome della prevenzione di future pandemie.

Tale approccio è stato presentato nel 2020 dal Dr. Anthony Fauci in un articolo di cui è coautore su una rivista scientifica che sostiene che le Nazioni Unite e l'OMS siano autorizzate a mettere in atto misure che avrebbero "ricostruire l'infrastruttura dell'esistenza umana. "

Combattente il riscaldamento globale presenta un pretesto ancora più inquietante per stabilire il sistema di regole da parte degli esperti. Le restrizioni alla libertà personale sono state a lungo promosse come profilassi necessaria per prevenire il degrado ambientale. Ma ora vengono spacciati come mezzo per proteggere la salute e il benessere umani.

E la "buona notizia" - dal punto di vista autocratico - è che, a differenza di COVID-19, l'obiettivo di emissioni di carbonio "nette zero", che ci dicono deve essere imposto per impedirci di bollire come un'aragosta nella pentola , non potrebbe mai essere raggiunto. Genio! Ciò significa che la tecnocrazia non finirebbe mai.

Un recente editoriale sul Journal of Medical Ethics delinea la mentalità.

"Molti governi hanno affrontato la minaccia della pandemia di COVID-19 con finanziamenti senza precedenti", si legge nell'editoriale. "La crisi ambientale richiede una risposta di emergenza simile".

Ma non si tratterebbe solo di spendere più soldi. Lo farà solo il rimodellamento più radicale della società.

"I governi dobbiamo apportare cambiamenti fondamentali al modo in cui le nostre società ed economie sono organizzate e al modo in cui viviamo", afferma l'editoriale. “I governi devono intervenire per supportare la riprogettazione dei sistemi di trasporto, città, produzione e distribuzione di cibo, mercati per investimenti finanziari, sistemi sanitari e molto altro”.

Se questo suona sospettosamente come il dottor Fauci, è perché tutti i tecnocrati la pensano allo stesso modo.

I piani elaborati dagli "esperti" limiterebbero anche la nostra libertà sottoponendoci tutti a un sistema di sorveglianza ad alta tecnologia, inquietantemente simile al tirannico sistema cinese di credito sociale. Una difesa articolo nella prestigiosa rivista scientifica Nature di quattro "esperti" ambientali, presenta una di queste proposte molto inquietanti: un mezzo per limitare il comportamento individuale noto come "permessi personali di carbonio" o PCA.

"Uno schema PCA sarebbe 'una politica nazionale obbligatoria' che comporterebbe che tutti gli adulti ricevano un'indennità di carbonio negoziabile uguale che si riduce nel tempo in linea con gli obiettivi nazionali [di carbonio]", si legge nell'articolo.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
4 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
sto solo dicendo

Sì, Agenda 2030 che prima si chiamava Agenda 21.= Spopolamento! https://www.youtube.com/watch?v=Gye6JDph4Ro&t=9s La Bibbia lo chiama omicidio.

[…] il loro potere. Il COVID-19 ha fornito la situazione perfetta per l'avanzata del totalitarismo socialista. Wesley J. Smith […]

[…] Gli autoritari barano rubando le elezioni per ottenere e mantenere il controllo totalitario. Cercano di farci cedere la libertà un piccolo passo dopo l'altro finché non siamo in loro potere. Il COVID-19 ha fornito la situazione perfetta per l'avanzata del totalitarismo socialista. Wesley J. Smith osservò: […]

[…] Gli autoritari barano rubando le elezioni per ottenere e mantenere il controllo totalitario. Cercano di farci cedere la libertà un piccolo passo dopo l'altro finché non siamo in loro potere. Il COVID-19 ha fornito la situazione perfetta per l'avanzata del totalitarismo socialista. Wesley J. Smith osservò: […]