Agenda 2030 e il nuovo ordine economico internazionale

vuotoConsiglio di sicurezza dell'ONU - New York City - 2014 01 06 "di Neptuul
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print

Con Q3 dell'anno fiscale 2015 proprio dietro l'angolo, non si può fare a meno di notare un disagio senza precedenti in ambito finanziario e sociale, e forse con una buona ragione; con meteorologi di mezzi alternativi, sia le banche nazionali che le istituzioni sovranazionali annunciano l'avvento di "Depressione globale" entro la fine di 2016, questo consenso di compagni di letto apparentemente strani lo concorda quasi universalmente sta per accadere qualcosa di spiacevole.

Queste terribili previsioni economiche esistono simultaneamente in un mondo in cui le prospettive energetiche e di sviluppo, sia a livello nazionale che transnazionale, vengono rielaborate - con implicazioni altrettanto profonde come la citata analisi dell'andamento finanziario. Sia l'amministrazione Obama "Clean Power Plan" o il EU e Cina pianificate riduzioni delle emissioni di carbonio 2030 di Neomalthusian, le entità nazionali di tutto il mondo si stanno posizionando per profondi cambiamenti di energia, sviluppo, commercio e persino valuta prima di COP21 a Parigi questo dicembre, o come alcuni lo hanno ritenuto, "Agenda 2030".

La convergenza sia della crisi economica ingegnerizzata che di una crisi di "sviluppo sostenibile" progettata alla fine del 2015 non è affatto casuale, né insignificanti. Mentre la comunità della finanza alternativa sembra destinata a litigare eternamente per il meccanica di una depressione globale in arrivo, pochi si sono posti il ​​compito di proiettare ciò che caratteredi una tale società post-depressiva sembrerà - e il "Nuovo ordine economico mondiale"Ha il potenziale per iniziare.

È la tesi di questo autore che il carattere di questa prossima era può essere compreso solo quando la calamità finanziaria è vista in tandem con l'insidiosità ecologica di Agenda 21; e tu, Reader, meriti la conoscenza e la documentazione di questa sagace trama. È pervasivo, è globale ed esiste (nella sua forma moderna) almeno dagli 1970.

Cercando di contestualizzare questa continuità storica, dobbiamo prima esaminare gli scritti dell'erudito ricercatore anti-tecnocrazia, Patrick Woode il suo lavoro pionieristico sul "Nuovo ordine economico internazionale" della Commissione trilaterale degli 1970.

La tecnocrazia e il "Nuovo ordine economico internazionale"

Come un decennio integrale in questo in corso "Age of Transitions,"Gli 1970 hanno portato cambiamenti sociopolitici ed economici inimmaginabili. La deflazione era prevalente. Il decennio vide anche l'ascesa del petrodollaro e la fine dell'era di Bretton Woods sostenuta dall'oro, così come la semina di eugenetici meme di catastrofe ambientale propagati da opere come la pubblicazione 1972 del Club di Roma, Limiti alla crescita, o John P. Holdren ugualmente neomalthusiano e lodato Ecoscience. Ha anche visto la nascita della Commissione Trilaterale, co-fondata da David Rockefeller e Zbignew Brzezinski in 1973, che, tra le altre cose, ha promosso il concetto di un "Nuovo Ordine Economico Internazionale" per reprimere il "destino" economico e ambientale del mondo e tenebre "previsioni.

Mentre la natura di questo "Nuovo Ordine Economico Internazionale" all'epoca sfuggiva al signor Wood e al suo compagno di ricerca, il dott. Antony Sutton, la prospettiva concessa dal passare del tempo ha portato Patrick Wood a dichiarare che la tecnocrazia è il vero scopo di questo Nuovo ordine. Lui scrive:

È chiaramente evidente oggi, con 40 anni di esame storico alle spalle, che il "Nuovo ordine economico internazionale"Era davvero" nuovo "e immaginava che la tecnocrazia storica sostituisse del tutto il capitalismo. La tecnocrazia era basata sull'energia piuttosto che sulla moneta e sul suo sistema di domanda e offerta che regola i prezzi. Alcuni elementi distintivi della tecnocrazia includono:

• Eliminazione della proprietà privata e accumulo di ricchezza
• Sostituzione dell'istruzione tradizionale con formazione della forza lavoro
• Micromanaging di tutta la distribuzione e il consumo di energia
• Portare le persone a vivere in un numero limitato di città e fuori dalle terre rurali
• Far rispettare un equilibrio tra le risorse della natura e il loro consumo da parte dell'uomo.

Stai pensando che questo elenco sia vagamente familiare? Dovresti, perché rappresenta la manifestazione moderna di programmi come Agenda 21, Sviluppo sostenibile, Crescita intelligente, Smart Grid, Cap And Trade, Cambiamenti climatici, Common Core, enormi operazioni di sorveglianza e molto altro ancora. Tutto ciò ci è stato portato dalle macchinazioni della Commissione Trilaterale e dei suoi membri sin da 1973, e fa tutto parte del suo piano generale per sostituire completamente il capitalismo con la Technocracy. Questo è il loro "Nuovo ordine economico internazionale“!

-Patrick Wood, Endgame of Technocracy

La Commissione Trilaterale, tuttavia, non era la sola a propagare l'ideale del "Nuovo Ordine Economico Internazionale". Come per tutte le cose globali e "sostenibili", le Nazioni Unite si nasconderanno sicuramente nelle vicinanze. Il Il "Consiglio per il commercio e lo sviluppo" delle Nazioni Unite (o UNCTAD) è stata la principale istituzione multinazionale (in collaborazione con la Commissione trilaterale) nel promuovere con orgoglio un tale Nuovo Ordine nel corso del decennio:

NewIntEcOrder-UNCTAD

Come notato nel mio precedente articolo su COP21 e il prossimo "aggiornamento" di Agenda 21la documentazione su ciò che questo "accordo vincolante e legale" comporta direttamente da fonti ONU legate alla Conferenza è scarsa; cioè, fino a quando non si abbandona la ricerca di letteratura sulla facciata "verde" e si arriva direttamente alla fonte del "Nuovo Ordine Economico Internazionale" - cioè globale commercio governance, come documentato dall'UNCTAD:

Breve-36-5

È nei riassunti della politica 2015 dell'UNCTAD che iniziamo a trovare una parvenza di chiarezza su ciò che un clima geopolitico ed economico post-globale ha in serbo per noi; e come tutti gli hegeliani in crescita sanno, a livello globale problemi invito (ingegnerizzato) globale Solutions.

UNCTAD e la Visione dell'Umanità “Multilaterale sostenibile”

Breve-36-1

Negli ultimi anni di 40, il "Nuovo ordine economico internazionale" ha cambiato nome e struttura, ma mai i suoi obiettivi primari. Il suo vecchio nome è stato eliminato in favore della rappresentazione del nostro mondo sempre più prigioniero e globalizzato, "Multilateral Global Trade Governance" è il suo nuovo moniker. Le minacce di bombe demografiche, il picco del petrolio e il raffreddamento globale prevalenti anche negli 70 hanno lasciato il posto ai nemici fantastici delle emissioni di carbonio e dell '"insostenibilità" così ampiamente propagandaci nel 21st Century.

In vero stile tecnocratico, l'UNCTAD dichiara che il nuovo volto della governance globale "trasformativa" e "multilaterale" non è sostenuto da uno sviluppo sostenibile nel loro 2015 Informativa sulla politica n. 31:

Breve-31-1

Questo spostamento verso il "multilateralismo" è più che retorico, rappresentando un cambiamento strutturale nella natura del globalismo. È anche non limitato all'UNCTAD, in quanto FMI, BRI, Banca mondiale, e sì, anche i BRICS hanno richiesto un "Nuovo ordine mondiale multipolare" per un pò di tempo. Questa nuova forma di globalismo dovrebbe essere apparentemente inclusiva, consentendo a nazioni come la Cina, la Russia, l'India e il Brasile una certa misura di controllo regionale, mentre alla fine è asservita all '"accordo legale e vincolante" di COP21. Continuando con Informativa sulla politica n. 31:

Breve-31-2

Vediamo che questi nuovi "meccanismi multilaterali inclusivi" sono tutt'altro che volontari, poiché l'UNCTAD prosegue concludendo che tali meccanismi "impedirebbero la liberalizzazione competitiva", in altre parole, il multilateralismo è progettato per prevenire le nazioni del secondo e terzo mondo dalla ricerca di una struttura di sviluppo al di fuori della visione "sostenibile" delle Nazioni Unite.

Se c'è ancora qualche dubbio sul fatto che l'alleanza BRICS e la sua New Development Bank rappresentino questo trappola multilaterale globalista, UNCTAD dichiara fermamente che i BRICS sono una componente regionale integrale in questo diagramma:

Breve-31-3

Quest'ultima previsione fa eco alla pubblicazione 2014 di UNCTAD, Una banca di sviluppo BRICS: un sogno che diventa realtà? che detiene anche l'NDB BRICS come partner chiave di Agenda 21 e del suo servo globale Technocratic, scritto a lungo da questo autore in precedenza.

Questa dialettica banca contro banca è la versione globalista di Coke vs Pepsi. Repubblicani contro democratici. Est contro ovest. Banca BRICS contro Banca mondiale. Multilaterale vs. monopolare. Tutto risulta in sintesi di "governance commerciale globale" cui aspirano lo stabilimento anglo-americano e l'agenda 21.

In UNCTAD Sintesi politica sui cambiamenti climatici n. 4, la struttura di questo nuovo sistema di governance non è stata menzionata altro che dal cinese (Correzione editoriale: S. coreano) Il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-Moon. Se la sua descrizione non rappresenta il "globalismo multilaterale", non so che cosa:

Breve-4-1

Presumibilmente le nazioni sovrane saranno sottomesse alle entità regionali (BRICS, NAFTA, UE, ecc.). Le entità regionali si attengono a una serie concordata di standard globali di sviluppo e economici (COP21). La città, la città e la comunità, da lungo tempo sottoscritte da Principi di "sviluppo sostenibile" di ICLEI come enunciato da 92 di Rio, sono già al passo con questo "globalismo multilaterale".

"E che dire dell'individuo", si potrebbe meditare? Un simile concetto "fuori moda" non ha spazio neleterno loop di feedback cibernetico di governance commerciale globale "verde" come indicato dall'UNCTAD:

Breve-4-2

I suddetti standard di "condivisione della conoscenza", "revisione tra pari" e "responsabilità" saranno gestiti non interamente dagli organi di governo, ma governo Algoritmi, poiché tali compiti banali sono probabilmente gestiti dalle nostre città, dispositivi di misurazione, case e automobili sempre più "intelligenti"; uno spostamento destinato a presagire il maggiore controllo che tali dispositivi porteranno alla vita quotidiana all'interno di questo "Nuovo Ordine Economico multilaterale".

È improbabile che tali radicali alterazioni all'interazione globale e sociale avranno luogo se non "motivate" da periodi di crisi. Nel Briefing politico n. 36 dell'UNCTAD, l'importanza della nostra ultimo si nota la crisi globale di 2008 nella creazione dei prerequisiti per il globalismo "verde":

Breve-36-2

Breve-36-6

È quindi logico che l'attivazione di questi accordi commerciali bilaterali, regionali e megaregionali creati a seguito della depressione di 2008 richieda allo stesso modo l'attivazione di una calamità economica; calamità che i media alternativi e il Banca dei regolamenti internazionaliallo stesso modo prevedono come inevitabile. Se una tale struttura globale "trasformativa" deve essere avviata prima o intorno a COP21 questo dicembre, è probabile che il resto di 2015 sia realizzato con una continua incertezza economica.

Il brief prosegue notando una serie di società transnazionali che aderiscono a questo nuovo Global Globalismo verde, alcune delle quali dovrebbero avere familiarità con l'astuto lettore e ricercatore di Deep Political:

Breve-36-8

Tutti sono stati intimamente coinvolti nel Neomercantile "apertura della Cina"E il dilagante accumulo tecnologico dell'Est da parte della capitale occidentale dagli 90, con l'insidiosa partecipazione di IBM a programmi vari come l'Olocausto, polizia algoritmi precrime, e ilinvenzione del concetto di "città intelligente" essere ben documentato. Di Lucent Technologies e IBM nello specifico, James Corbett di Il rapporto Corbett scrive:

Nello stesso periodo, la Cina è passata dal 30th, il più grande obiettivo degli investimenti statunitensi in ricerca e sviluppo, a 11th, a seguito del raddoppio delle consociate statunitensi nel paese. L'elenco delle aziende che hanno avviato le principali attività o strutture di ricerca e sviluppo in Cina negli 1990 si legge come un who's who del set Fortune 500 annidato in CFR: DuPont, Ford, General Electric, General Motors, IBM, Intel,Lucent Technologies, Microsoft, Motorola, Rohm e Haas avevano tutti una partecipazione significativa in Cina all'inizio del 21st secolo.

-James Corbett, Il grande disaccoppiamento: come l'Occidente sta progettando la propria rovina

Quindi sembrerebbe lo stesso insieme di società "Fortune 500" nidificate in CFR, responsabili della costruzione della capacità industriale e tecnologica della Cina, che stanno promuovendo lo sviluppo sostenibile con le Nazioni Unite e all'interno delle stesse nazioni BRICS. Queste entità occidentali hanno rafforzato la moderna statura economica della Cina per pura volontà? Approfittarsi esclusivamente di egoismo? O il compimento di questa più grande agenda collettivista è il "quid pro quo" richiesto dall'Occidente in cambio di prelibatezze come l'aumento del potere regionale nell'Asia-Pacifico?

La fine di quest'anno delle economie BRICS (in particolare la Cina), nonché i principali mercati occidentali, se non apertamente coordinati, offrono certamente un'opportunità unica per portare queste "soluzioni (verdi) globali" proposte alle "crisi globali".

In chiusura

Come questo blog ha deciso di dimostrare sin dal suo inizio, globaleism è davvero ciò che afferma il suo titolo - globale. Non conosce confini, nazioni o ideologie, salvo la completa e totale sottomissione transnazionale di esseri umani autonomi - a livello globale. Tecnocrazia - regola da una classe di élite trincerate e Tecnologie "snitch society" - sarà il personaggio di questa prossima era globale. Lo sviluppo sostenibile (Agenda 21) è il suo veicolo.

Non raggiunge la "Fine della strada" senza una transizione dal "Vecchio Ordine Mondiale Economico" al Nuovo, una divergenza impossibile senza una crisi economica globale di cui non si è mai visto un fenomeno simile in quasi un secolo.

L'agenda 21 e la prospettiva della calamità economica sono concetti inseparabili dai deliri dell'ex sottosegretario generale delle Nazioni Unite e dell'architetto co-agenda 21, Maurice Strong, è diventato una questione di record pubblico in 1992. Nel parlare con l'attivista in ritardo George Washington Hunt in occasione di una conferenza ambientale delle Nazioni Unite in ColoradoForte, sotto l'egida di un libro di finzione che sperava di scrivere, rifletté casualmente su come un "Nuovo Ordine Mondiale" potesse prendere forma:

E se un piccolo gruppo di questi leader mondiali dovesse concludere che il rischio principale per la terra provenga dalle azioni dei paesi ricchi? Per salvare il pianeta, il gruppo decide: non è l'unica speranza per il pianeta che le civiltà industrializzate collassino? Non è nostra responsabilità determinarlo?

Questo gruppo di leader mondiali forma una società segreta per provocare un collasso economico. È febbraio Sono tutti a Davos. Questi non sono terroristi. Sono leader mondiali. Si sono posizionati nelle materie prime e nei mercati azionari mondiali. Hanno progettato, usando il loro accesso a mercati azionari e computer e forniture d'oro, un panico. Quindi, impediscono la chiusura dei mercati azionari mondiali. Inceppano gli ingranaggi. Assoldano mercenari che tengono in ostaggio i leader di Davos. I mercati non possono chiudere.

-Maurice Strong

Strong ha terminato bruscamente la sua storia concludendo che "probabilmente non avrebbe dovuto dire cose del genere". Non che abbia dovuto continuare, da dove ci troviamo in 2015, possiamo vedere come finisce questa storia: Con il mondo di Strong all'orizzonte . La prossima crisi economica ingegnerizzata, pronta per essere lanciata con un proverbiale "ribaltamento dell'interruttore", sarà sicuramente globale. Tuttavia, le fantasie di Strong sulla presa di ostaggi di Davos di oltre venti anni fa potrebbero rivelarsi del tutto superflue a COP21 nella nostra era moderna, poiché quasi tutta l'opposizione a Agenda 21 sulla scena globale è stata riassunta dalla sua promessa di controllo tecnologico completo e di un seggio al " tavolo multilaterale. "

Tu, Reader, non hai posto a questo tavolo. Un ingranaggio apparentemente insignificante in una macchina internazionale; ma armato della conoscenza di ciò che verrà, forse un ingranaggio che un giorno potrebbe presto decidere di fermarsi. Questa macchina, dopo tutto, è ognuno di noi.

La storia originale sull'agenda 2030 è apparsa qui prima ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti