La prova che la censura di Twitter dei critici di Big Pharma è un fenomeno globale

Immagine: AFP
Per favore, condividi questa storia!
La censura di Twitter sui contenuti anti-globalisti è globale e non limitata agli Stati Uniti. Questo articolo racconta la palese censura di Twitter in India. Il colpo di stato della tecnocrazia è globale e intende controllare l'intera popolazione della terra. ⁃ TN Editor

Sabato, Twitter ha ammesso di lavorare attivamente con il governo indiano per censurare le critiche sulla sua gestione della pandemia poiché il numero di casi e morti continua a salire alle stelle. Ci sono rapporti diffusi che il governo indiano ha ha travisato il numero di morti e il tasso reale di casi potrebbe essere fino a 30 volte superiore rispetto a quanto riportato. Il paese ha una carenza di letti, ossigeno e altri elementi essenziali a causa della mancanza di preparazione adeguata per una nuova ondata. Non sorprende che il governo indiano sia passato a reprimere le critiche. Ciò includeva una chiamata a Twitter per censurare tali informazioni e Twitter, ovviamente, ha rispettato. Con il sostegno di molti leader democratici negli Stati UnitiTwitter ora censura regolarmente i punti di vista negli Stati Uniti e in India non ha avuto problemi ad arruolarlo per reprimere coloro che lanciavano l'allarme sulla gestione della crisi da parte del governo.

Sepolto in un Storia dell'Associated Press sulla furiosa pandemia e sui fallimenti del governo indiano ci sono queste due linee:

“Sabato, Twitter ha accolto la richiesta del governo e ha impedito alle persone in India di visualizzare più di 50 tweet che sembravano criticare la gestione della pandemia da parte dell'amministrazione. I post mirati includono tweet di ministri dell'opposizione critici nei confronti di Modi, giornalisti e indiani comuni ".

L'articolo cita Twitter che afferma di avere il potere di "negare l'accesso al contenuto solo in India" se la società ha determinato che il contenuto è "illegale in una particolare giurisdizione". Pertanto, le critiche al governo in questo contesto sono illegali, quindi Twitter ha accettato di diventare un braccio del governo nella censura delle informazioni.

Tieni presente che alcune di queste informazioni potrebbero essere vere e proteggere effettivamente le vite. Non si tratta di “fake news” ma di sforzi da parte di giornalisti e altri per rivelare fallimenti da parte del governo che potrebbero costare centinaia di migliaia di vite. La politica di Twitter stati:

I contenuti che sono dimostrabilmente falsi o fuorvianti e che possono comportare un rischio significativo di danno (come una maggiore esposizione al virus o effetti negativi sui sistemi di salute pubblica) potrebbero non essere condivisi su Twitter. Ciò include la condivisione di contenuti che possono fuorviare le persone sulla natura del virus COVID-19; l'efficacia e / o la sicurezza di misure preventive, trattamenti o altre precauzioni per mitigare o curare la malattia; regolamenti ufficiali, restrizioni o esenzioni relative ai consigli sanitari; o la prevalenza del virus o il rischio di infezione o morte associati a COVID-19. Inoltre, possiamo etichettare i Tweet che condividono informazioni fuorvianti su COVID-19 per ridurne la diffusione e fornire un contesto aggiuntivo.

Qui i critici affermano che Twitter sta agendo in coordinamento con il governo indiano per censurare le critiche alla sua risposta - critiche che potrebbero esporre "rischi significativi di danno" da negligenza del governo. Inoltre, Twitter non sembra semplicemente contrassegnare i tweet, ma bloccarli per volere del governo come un ufficio di censura esterno.

Questo è il volto dei nuovi censori. Il futuro nel controllo della parola non è nel classico modello di media statale, ma nell'alleanza di stati con giganti aziendali come Twitter. Twitter ora si impegna attivamente in ciò che i leader democratici chiamano con approvazione "robusta modifica dei contenuti" per controllare i punti di vista e il dissenso politico.

Quando il CEO di Twitter Jack Dorsey si è presentato dinanzi al Senato per scusarsi per aver bloccato la storia di Hunter Biden prima delle elezioni come un errore, i senatori hanno insistito su lui e altri dirigenti di Big Tech per una maggiore censura.

In quell'udienza, membri come il senatore Mazie Hirono (D., HI) hanno pressato testimoni come Mark Zuckerberg e Jack Dorsey per avere la certezza che a Trump sarebbe stato impedito di parlare sulle loro piattaforme: "Cosa siete disposti a fare entrambi riguardo all'uso di Donald Trump delle vostre piattaforme dopo che smetterà di essere presidente, sarà ancora considerato degno di nota e sarà ancora in grado di utilizzare le vostre piattaforme per diffondere disinformazione? "

Piuttosto che affrontare i pericoli di tale censura dei resoconti delle notizie, il senatore Chris Coons ha insistito su Dorsey per espandere le categorie di materiale censurato per impedire alle persone di condividere qualsiasi punto di vista che considera "negazionismo climatico". Allo stesso modo, il senatore Richard Blumenthal sembrava prendere il significato opposto da Twitter, ammettendo che era sbagliato censurare la storia di Biden. Blumenthal ha detto che era "preoccupato che entrambe le vostre società stiano, in effetti, facendo passi indietro o ridimensionando, che tu non stia agendo contro la disinformazione pericolosa". Di conseguenza, ha chiesto una risposta a questa domanda:

"Ti impegnerai per lo stesso tipo di solido playbook sulla modifica dei contenuti in queste prossime elezioni, incluso il controllo dei fatti, l'etichettatura, la riduzione della diffusione della disinformazione e altri passaggi, anche per i politici nelle prossime elezioni di ballottaggio?"

"Robusta modifica del contenuto" ha un certo fascino, come un tipo di aggiornamento del software. Non è una modifica del contenuto. È censura. Se i nostri rappresentanti intendono reprimere la libertà di parola, dovrebbero ammettere di essere sostenitori della censura.

Ciò che è affascinante è il modo in cui le società di social media hanno privatizzato la censura. Queste società ora attuano direttive per censurare materiale ritenuto illegale o falso o fuorviante da chi detiene il potere. L'azienda inoltre non mostra alcun obbligo di proteggere la libertà di parola. Quando l'India chiede la censura, alza le spalle e dice che le opinioni dissenzienti ora sono illegali.

Nel frattempo, i liberali ora supportano la repressione della libertà di parola e il potere delle multinazionali sull'espressione del punto di vista.

Abbiamo discusso come scrittoriredattoricommentatoriaccademici hanno accolto le crescenti richieste di censura e controllo del linguaggio, incluso Presidente eletto Joe Biden e la sua consulenti chiave. Persino i giornalisti stanno conducendo attacchi alla libertà di parola e alla libera stampa. Ciò comprende accademici che rifiutano il concetto stesso di oggettività nel giornalismo a favore dell'open advocacy. Il direttore del giornalismo della Columbia e lo scrittore del New Yorker Steve Coll ha denunciato come il diritto alla libertà di parola del Primo Emendamento fosse stato "utilizzato come arma" per proteggere la disinformazione.

I liberali ora abbracciano la censura e lo hanno persino dichiarato "La Cina aveva ragione" sui controlli Internet. Molti Democratici sono tornati indietro sulla falsa narrativa secondo cui il Primo Emendamento non regola le società private, quindi questo non è un attacco alla libertà di parola. La libertà di parola è un diritto umano che non è basato unicamente o esclusivamente definito dal Primo Emendamento. La censura da parte delle società Internet è una minaccia del "Fratello minore" discussa a lungo dai sostenitori della libertà di parola. Alcuni possono abbracciare volentieri i controlli aziendali sul linguaggio, ma è ancora una negazione della libertà di parola.

Questo è il motivo per cui io recentemente descritto me stesso come Internet Originalist. Twitter è ora sfacciatamente e senza scusarsi un censore aziendale. La domanda è se il pubblico rimarrà in silenzio o, come alcuni, abbraccerà effettivamente il nuovo ordine orwelliano di "robusta modifica dei contenuti".

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

8 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Elle

“… Queste società ora attuano direttive per censurare materiale ritenuto illegale, falso o fuorviante da chi detiene il potere. L'azienda inoltre non mostra alcun obbligo di proteggere la libertà di parola. Quando l'India chiede la censura, alza le spalle e dice che le opinioni dissenzienti ora sono illegali ". Quindi, Twitter e altri del governo non eletto concordano con il "governo aziendale" eletto degli Stati Uniti che il pubblico americano dovrebbe essere tenuto disinformato su qualsiasi verità che lo metta in cattiva luce. Oh! proprio come il sistema governativo comunista cinese. Mentono ai loro cittadini, li sorvegliano costantemente e incarcerano chiunque pensi.... Per saperne di più »

Ultima modifica 1 anno fa di Elle
Rachele N

Ed è per questo che molti di noi rifiutano questo "vaccino" che ci fanno pressione affinché lo prendano.
Si comportano come sociopatici. Perché fidarsi di loro con questo esperimento medico non testato?

Elle

Impossibile modificare i commenti.