Le richieste della Camera spingono per i crediti di imposta sulle energie rinnovabili come stimolo del coronavirus

vuotoProgetto SunSolar
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Per quanto sia prevedibile il sorgere del sole in Oriente, sono già emerse richieste aperte per spendere soldi per stimolare le iniziative Green New Deal e l'energia alternativa. Questo investimento non aiuterà il recupero.

Durante la crisi finanziaria del 2008, il presidente Barack Obama ha investito in ingenti spese per stimolare il lancio di Smart Grid che ora controlla onnipresentemente la distribuzione e il consumo di energia. Oggi è al centro dell'energia rinnovabile. Riesci a vedere che entrambi sono focalizzati direttamente sull'ENERGIA e sul suo controllo? ⁃ Editor TN

Mentre i legislatori continuano a elaborare la legislazione per far fronte all'impatto della pandemia di coronavirus, i democratici delle case stanno cercando di inserire disposizioni sul credito d'imposta per le energie rinnovabili in un pacchetto di incentivi più ampio volto a stabilizzare l'economia.

I copresidenti della Coalizione per l'energia sostenibile e l'ambiente della Camera hanno dichiarato in una dichiarazione congiunta a Morning Consult che hanno un occhio rivolto a affrontare "sia il rallentamento economico che stiamo affrontando a seguito di COVID-19 sia la crisi climatica in corso" con queste misure.

"I nostri membri hanno spinto per questi crediti nel pacchetto di finanziamento di fine anno [2019] e continueranno a lottare per loro in questo round di stimolo economico", hanno dichiarato i rappresentanti Gerry Connolly (D-Va.), Paul Tonko (DN .Y.) E Doris Matsui (D-Calif.).

Le sette potenziali disposizioni sul credito d'imposta sono state oggetto di a 27 febbraio lettera che 24 gruppi di difesa ambientale e associazioni di categoria nel settore delle energie rinnovabili hanno inviato ai leader del Comitato House Ways and Means e al Senato Finance Committee. I gruppi hanno spinto il Congresso a dare la priorità alla codifica degli incentivi fiscali sull'energia pulita promuovendo, tra gli altri, l'uso e la produzione di sistemi di accumulo di elettricità, energia solare, eolica ed elettrica.

Ora, quegli stessi gruppi di sostegno e di commercio hanno colto l'opportunità di raccogliere sostegno per le misure come parte di un potenziale pacchetto di stimolo economico per affrontare la pandemia di coronavirus. Sono in contatto con i membri della coalizione per l'energia sostenibile della Camera, nonché con il Comitato speciale sulla crisi del clima del Senato, il Comitato sui modi e le condizioni della Camera, il Comitato delle finanze del Senato e la leadership in entrambe le camere del Congresso, secondo Bill Parsons, direttore operativo del Consiglio americano sulle energie rinnovabili.

Secondo quanto riferito, i legislatori hanno due pacchetti di stimolo distinti nei lavori: uno che si occuperà di più immediati problemi di salute pubblica e di emergenza finanziaria di quelli colpiti dalla pandemia di coronavirus, e uno che potrebbe sostenere industrie colpite dall'attesa recessione economica. Le disposizioni sul credito d'imposta per le energie rinnovabili sono attualmente considerate come parte di quest'ultimo pacchetto.

"L'industria delle energie rinnovabili non è assolutamente immune alle interruzioni della catena di approvvigionamento che accompagnano una pandemia come questa", ha affermato Parsons. "A causa di interruzioni della catena di approvvigionamento e della sensibilità temporale della capacità degli sviluppatori di monetizzare questi crediti fiscali, COVID-19 sta già avendo un impatto dannoso sul settore delle energie rinnovabili e prevediamo che l'impatto peggiorerà solo nel tempo."

Come conseguenza della pandemia, l'industria statunitense delle energie rinnovabili si trova ad affrontare problemi diffusi della catena di approvvigionamento perché i materiali necessari per le infrastrutture eoliche e solari provengono in gran parte dalla Cina. E queste preoccupazioni sono aggravate dal fatto che due crediti fiscali esistenti si stanno avvicinando ai loro fini: il credito d'imposta sugli investimenti per il solare e altre tecnologie (che è diminuito dal 30 percento nel 2019 al 26 percento fino al 2020, ed è soggetto a future riduzioni) e il credito d'imposta sulla produzione per l'eolico (che scade nel 2021). L'ultima volta che i crediti d'imposta per le energie rinnovabili hanno visto una maggiore estensione è stata nel Bolletta di stimolo 2009 a seguito della crisi finanziaria del 2008.

"Se lo scopo di un disegno di legge di stimolo economico è quello di fornire supporto a persone e industrie che sono state influenzate negativamente dal coronavirus, il settore delle energie rinnovabili soddisfa assolutamente tali criteri", ha affermato Parsons, citando le interruzioni della catena di approvvigionamento, la disponibilità del credito fiscale e la urgenza di affrontare il cambiamento climatico.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Avatar
1 Discussioni dei commenti
0 Discussione risposte
0 Seguaci
Per molti commenti
Discussione più calda del commento
1 Autori di commenti
4TimesAYear Autori di commenti recenti
Sottoscrivi
ultimo il più vecchio più votati
Notifica
4TimesAYear
ospite
4TimesAYear

Non si tratta più del virus Corona. Faranno meglio a concentrarsi o non ci saranno stimoli - almeno spero che il Senato e Trump abbiano il senso di rifiutare qualsiasi cosa lì dentro se non è direttamente associata al virus. Anche allora, non sono sicuro che sia necessario un salvataggio. Disponiamo di reti di disoccupazione e di sicurezza sociale per far fronte ai risultati delle restrizioni imposte a imprese e posti di lavoro.