Nessuna auto consentita: rivoluzione urbana 'Superblock'

superblocchiCredito fotografico: Eriver Hijano
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
La spinta globale a vietare le auto dai centri cittadini continua mentre i pianificatori urbani progressisti di tutto il mondo si affollano all'ultima moda. Il nuovo meme di design si chiama 'Superblock' e sta guadagnando popolarità. ⁃ Editor TN

Durante i fine settimana, Calle de Postas a Vitoria-Gasteiz, in Spagna, sembra una festa di blocco senza fine. I ciclisti condividono la strada all'ombra della magnolia con cani senza guinzaglio e bambini in bilico. Ci sono vivaci tavoli da bar e famiglie sulle panchine che mangiano il gelato. Questa è la vita in questa città di 200,000 nei Paesi Baschi, dove quasi metà delle strade sono state convertite in zone senza auto negli ultimi dieci anni.

"Questa città è il mio caso di prova", afferma Salvador Rueda, un urbanista spagnolo noto per la supervisione di conversioni pedonali su larga scala a Barcellona e Buenos Aires, tra gli altri luoghi. Vitoria-Gasteiz, dice, è il suo "laboratorio", una città la cui storia come centro di produzione automobilistica - è sede di fabbriche per Mercedes e Michelin - la rende una vetrina improbabile. "Se possiamo fare qualcosa qui, gli altri possono vederlo e replicare i nostri risultati."

Rueda, 66, è noto come il principale sostenitore del mondo di "superblocchi", in cui gruppi di strade commerciali o residenziali sono bloccati attraverso il traffico, attraversati da passerelle pedonali e tappezzati di centri commerciali erbosi. Grazie al suo lavoro, Vitoria-Gasteiz ne ha 63, con piani per 48 di più. "È una rivoluzione", dice Rueda mentre percorriamo le bici lungo Calle de Postas. "Una rivoluzione economica, in cui non è necessario demolire un singolo edificio."

L'idea di grandi blocchi privi di veicoli, che esiste dagli 1920, è stata applicata, spesso con risultati deludenti, alla progettazione di campus aziendali e abitazioni pubbliche. Ma nessuno ha usato i superblocchi così ampiamente o con successo come Rueda. In alcune parti del centro di Vitoria-Gasteiz, lui e il suo team hanno ridotto il numero di auto sulla strada del 27%, portando a una riduzione del 42% delle emissioni di anidride carbonica della città. Un 50% completo di residenti cammina come mezzo di trasporto principale e una bici 15%. A settembre le Nazioni Unite hanno chiamato Vitoria-Gasteiz il città verde dell'anno globale, citando il suo impegno "non solo per la sostenibilità ma per l'uguaglianza, la sicurezza, la felicità e la salute dei cittadini". Le città degli Stati Uniti e dell'America Latina stanno valutando di adottare il suo modello.

Per realizzare un superblocco, Rueda e il suo team in genere iniziano con nove blocchi quadrati per un totale di circa 40 acri. Quindi estendono i marciapiedi, piantano alberi, aggiungono piste ciclabili e installano panchine. Le auto non sono del tutto vietate - nei progetti spagnoli di Rueda, i residenti e i veicoli di consegna devono rispettare un limite di velocità di 10 chilometri (miglia 6) all'ora, l'equivalente di una corsa - ma attraverso il traffico non è consentito. Le telecamere controllano le velocità e le rotte delle auto e i trasgressori vengono multati di € 200 ($ 223) per ogni violazione. "Tutti qui seguono le regole", dice Rueda, scendendo dalla sua bici e indicando maliziosamente una telecamera a circuito chiuso su un edificio. "Ma nel caso in cui non lo faccia, li teniamo d'occhio."

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti