L'inverno demografico è accelerato dalla pandemia del "Baby Bust"

Foto di copertina del documentario demografico invernale
Per favore, condividi questa storia!
La propaganda della sovrappopolazione mondiale è pura finzione tecnocratica. Le popolazioni che invecchiano stanno aumentando vertiginosamente in tutto il mondo insieme all'infertilità che ha portato a un numero notevolmente inferiore di nascite. Gli Stati Uniti sono ora al di sotto del tasso di sostituzione. ⁃ TN Editor

Poco più di una settimana fa, abbiamo segnalato su una delle più grandi minacce deflazionistiche che incombono sull'economia globale: cioè, la diminuzione della popolazione cinese, poiché le morti superano le nascite per la prima volta, una tendenza che i demografi ritengono possa solo peggiorare man mano l'impatto della politica del figlio unico in Cina si fa sentire sul numero della sua popolazione.

mentre le banche di Wall Street e le maggiori società americane si lamentano delle crescenti pressioni inflazionistiche nelle loro ricerche sul lato vendita e nelle chiamate sugli utili, l'ultimo aggiornamento sulla popolazione del CDC ha appena confermato che la tendenza deflazionistica di un tasso di natalità in calo è proseguita lo scorso anno negli Stati Uniti. In effetti, si potrebbe sostenere che questa tendenza è stata sovralimentata dalla pandemia, vanificando le teorie su un blocco del "baby boom" poiché il numero di nascite negli Stati Uniti è diminuito del 4% nel 2020, scendendo al livello più basso dal 1979.

In altre parole: grazie alla pandemia, i tassi di natalità negli Stati Uniti sono scesi al livello più basso in una generazione.

I tassi di natalità sono diminuiti in ogni razza, etnia e gruppo di età, anche tra gli adolescenti (anche se i tassi di natalità degli adolescenti sono in calo negli Stati Uniti da decenni), secondo i dati, pubblicati dal Centro nazionale per la salute del CDC.

Come abbiamo notato all'epoca, una popolazione in calo è destinata a creare serie sfide per l'economia cinese alimentata dal debito. È una delle ragioni per dubitare della propaganda del presidente Xi sulla "crescita" della Cina a livello globale.

Tuttavia, il calo dei tassi di natalità è un problema nel mondo sviluppato e gli Stati Uniti non fanno eccezione. I dati provvisori per il 2020, a 3.6 milioni di nascite, segna il sesto calo annuale consecutivo. Il calo probabilmente continuerà nel 6, quando verrà registrato il peso maggiore dell'impatto della pandemia, ma con un ritardo di nove mesi.

Bloomberg ha suggerito che i timori di contrarre il virus durante la gravidanza o durante il parto in ospedale, combinati con l'insicurezza del lavoro e le misure governative che limitano il contatto sociale e l'attività commerciale, dissuadevano gli americani dall'avere figli, secondo i sondaggi di Ovia Health, una tecnologia per la salute delle donne. azienda.

"Ci sono diversi fattori che entrano nella pianificazione familiare e un intero ecosistema di supporto che abilita e autorizza genitori e futuri genitori", ha affermato Paris Wallace, amministratore delegato di Ovia Health. "Nel 2020, quasi tutti questi fattori sono stati ribaltati e molti di quei sistemi di supporto sono crollati".

Mentre i tassi di natalità sono diminuiti per le donne in tutte le fasce d'età tra i 15 ei 40 anni, il calo è stato più netto negli stati che sono stati colpiti più duramente dal COVID-19, come la California e New York. E l'esodo dai centri urbani affollati ha esacerbato il calo dei tassi di natalità in luoghi come New York, dove il costante urlo delle sirene delle ambulanze durante l'estate probabilmente ha reso difficile per le coppie entrare nell'umore.

È interessante notare che molte coppie incinte in città sono fuggite per partorire altrove (beh, almeno quelle che potevano permetterselo).

La percentuale di nascite di residenti di New York avvenute al di fuori della città è aumentata per tutti i mesi tra marzo e novembre. I residenti bianchi non ispanici avevano una probabilità 2.5 volte maggiore di partorire fuori città ad aprile e maggio 2020 rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Ecco alcuni altri risultati chiave per gentile concessione di Bloomberg.

  • Le nascite in Florida hanno superato quelle a New York lo scorso anno - di appena 440. È ancora significativo dato che il differenziale a favore di New York era di circa 1,500 e 5,000 nel 2019 e nel 2018, rispettivamente.
  • Meno di 10,000 bambini sono nati in Alaska, Vermont, Washington DC e Wyoming nel 2020.
  • Il numero di nascite è diminuito del 3% per le donne ispaniche, del 4% per le donne bianche non ispaniche e delle donne nere non ispaniche e dell'8% per le donne asiatiche non ispaniche.

Per riassumere, un tasso di natalità in calo lascia agli Stati Uniti due opzioni: aumentare l'afflusso di immigrati o rischiare uno scoppio nel livello pro capite di L'esplosione del debito americano.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
4 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Marilyn Griffin

Ricordi molti anni fa l'improvvisa grande spinta alla sovrappopolazione? Ebbene, il messaggio è arrivato ai cittadini delle nazioni occidentali e il nostro tasso di natalità ha cominciato a diminuire. Ma le persone delle nazioni del terzo mondo non hanno prestato attenzione a quegli avvertimenti sulla sovrappopolazione e hanno continuato la loro pratica di non controllo delle nascite. Segue l'ultimo decennio, quando improvvisamente abbiamo assistito a un'enorme migrazione di musulmani dalle nazioni del pozzo nero del terzo mondo in Africa e nel Medio Oriente verso le nazioni dell'Europa occidentale. A questi cittadini di queste nazioni, Inghilterra, Germania, Francia, ecc., È stato ripetutamente detto che dovevano accogliere queste migliaia di estranei indesiderati e non assimilabili... Per saperne di più »

Robert Olin

L'imminente idiocrazia, o forse è già qui.

Marc Maximilien Authier

In faccia l'eugenismo nazista. Oggi i criminali della Gates Foundation e della Rockerfeller Foundation lo chiamano "Great Reset" o Agenda 21 ma più spesso "Covid 19" vaccinazione di massa con pseudo vaccini mortali, pericolosi, non sicuri e non testati. Si tratta davvero di GENOCIDING da parte del 90% degli umani di nascosto. Le persone colpevoli di questi crimini contro l'umanità, dovranno essere radunate, arrestate, processate e impiccate come i nazisti che sono. Considerando il numero di morti che seguiranno dopo l'iniezione dei loro pseudo vaccini con armi biologiche, mi aspetto lo sterminio di massa di miliardi di persone. Il processo è già stato fatto... Per saperne di più »

Ultima modifica 5 mesi fa di Marc Maximilien Authier
Laura McDonough

Abbiamo registrato un aumento dell'inflazione negli ultimi mesi, un bambino costa $ 250,000 (escluso il college). Le donne devono lavorare per decenni per mantenere un tenore di vita dignitoso per una coppia, con poche eccezioni come il coniuge ad alto reddito. Quelli sintonizzati su technocracy.news e altri siti web non vorrebbero un bambino, sapendo che non avrebbero un futuro in generale. Sono in pensione e ho studiato le agende globaliste per quasi 45 anni, noi e altre coppie che conosciamo (ora nei loro 60 anni '70) siamo anche senza figli e alcuni sanno metà di quello che so sull'agenda 2030. Un altro problema per i giovani. Risparmia, max... Per saperne di più »