I chioschi Internet LinkNYC sono impostati sulla sorveglianza ubiquitaria

Wikimedia Commons
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Il codice nascosto scoperto per caso rivela il vero scopo della smart city Technocrats per le centinaia di chioschi, fondamentalmente convertendo i cittadini in prodotti mentre vengono sorvegliati, tracciati, hackerati e imballati nelle strade della città. Questo fa parte della strategia Smart City per implementare la tecnocrazia. ⁃ Editor TN

I chioschi LinkNYC sono diventati un pugno nell'occhio familiare per i newyorkesi. Al di sopra di 1,600 di questi imponenti monoliti di nove piedi e mezzo - i loro schermi a doppia faccia decorati con pubblicità e fatti divertenti - sono stati installati in tutta la città sin dai primi 2016. Il sindaco Bill de Blasio ha celebre la loro capacità di fornire "la rete Wi-Fi municipale più veloce e più grande del mondo" come "un passo fondamentale verso una città più equa, aperta e connessa per ogni newyorkese, in ogni quartiere". Chiunque può utilizzare Android dei chioschi tablet per cercare indicazioni stradali e servizi; sono inoltre dotati di stazioni di ricarica, pulsanti 911 e telefoni per chiamate domestiche gratuite.

Ma anche se i chioschi hanno fornito importanti servizi per connettere i newyorkesi, possono anche rappresentare una preoccupante espansione della rete di sorveglianza della città, potenzialmente collegando ogni distretto a un nuovo livello di monitoraggio invasivo. Ogni chiosco ha tre telecamere, sensori 30 e linee di mira accentuate per la visualizzazione sopra la folla.

Da quando i piani per LinkNYC sono stati svelati per la prima volta, giornalisti, residenti ed esperti di libertà civili hanno sollevato preoccupazioni sul fatto che i chioschi Internet potrebbero archiviare dati sensibili sui propri utenti e possibilmente tenere traccia dei loro movimenti. Negli ultimi due anni, l'American Civil Liberties Union, Electronic Frontier Foundation e un piccolo ma vocale gruppo di attivisti - tra cui Ripensa a LinkNYC, un gruppo anti-sorveglianza di base e la coalizione anonima Stop LinkNYC - hanno messo in luce il potenziale del chiosco di localizzare, raccogliere informazioni personali e sorvegliare la massa.

Ora un ricercatore universitario ha scoperto indicazioni nel codice LinkNYC - reso accidentalmente pubblico su Internet - che LinkNYC potrebbe attivamente pianificare il tracciamento delle posizioni degli utenti.

Sei il prodotto

I piani per sostituire la rete di cabine telefoniche della città con chioschi abilitati Wi-Fi sono stati annunciati per la prima volta da de Blasio in 2014. Meno di un anno dopo, la città premiata un contratto a un consorzio camaleontico di compagnie private conosciute come CityBridge. È stato un affare interessante: i chioschi LinkNYC, a costo zero per la città, avrebbero offerto una copertura Internet gratuita a chiunque passasse vicino. CityBridge, a sua volta, sarebbe responsabile dell'installazione, della proprietà e della costruzione dei dispositivi, con piani di rimborso delle spese attraverso la pubblicità. I display gemellati 55 da pollici porteranno infine annunci mirati derivati ​​dalle informazioni raccolte sugli utenti dei chioschi.

Questi termini hanno sollevato allarmi tra i ricercatori di Internet e gli esperti di privacy, che hanno rapidamente sottolineato che nulla nella vita è veramente gratuito. "Come sappiamo", Benjamin Dean, un analista di politica tecnologica, ha detto ai partecipanti a una conferenza di hacking a New York in 2016, "Quando non paghi, non sei il cliente, sei il prodotto".

Il giocatore chiave in CityBridge è noto come Intersection e uno di Intersection maggiori investitori è Sidewalk Labs, con il quale condivide anche gli stessi uffici e lo stesso personale. Daniel Doctoroff, CEO di Sidewalk Labs, è il presidente del consiglio di amministrazione di Intersection. Sidewalk Labs è di proprietà della holding di Google, Alphabet Inc. In altre parole, il piano per coprire New York City con obelischi dotati di fotocamera 7,500 è stato in gran parte sottoscritto dalla società precedentemente nota come Google - una società la cui società modello di business dipende dalla vendita del tuo Informazioni personali agli inserzionisti. Come Doctoroff, che era anche l'ex vice sindaco dello sviluppo economico della città, ha detto dei chioschi: "Avendo accesso all'attività di navigazione delle persone che utilizzano il Wi-Fi - tutte anonime e aggregate - possiamo effettivamente indirizzare gli annunci alle persone nelle vicinanze e quindi ovviamente nel tempo, seguirli attraverso molte cose diverse, come beacon e servizi di localizzazione, nonché la loro attività di navigazione. Quindi, in effetti, quello che stiamo facendo è replicare l'esperienza digitale nello spazio fisico. "

A marzo 2016, la New York Civil Liberties Union ha sollevato molteplici preoccupazioni con l'ufficio del sindaco sulla vasta e indefinita conservazione dei dati di LinkNYC e le possibilità di sorveglianza ingiustificata della polizia di New York. La NYCLU ha chiesto se i sensori e le telecamere ambientali fossero collegati ai sistemi NYPD, incluso il Domain Awareness System (costruito da Microsoft). Da allora LinkNYC ha aggiornato la sua politica per dichiarare che ci vorranno sforzi ragionevoli per informare gli utenti se le loro informazioni sono condivise con le forze dell'ordine.

Nel maggio di quest'anno, Charles Meyers, uno studente universitario al New York City College of Technology, ha trovato cartelle nel LinkNYC biblioteca pubblica su GitHub, una piattaforma per la gestione di file e software, che sembrano sollevare ulteriori domande sul tracciamento della posizione e sulla protezione della piattaforma dei dati dei suoi utenti. Meyers fece copie delle basi di codice in questione - "LinkNYC Mobile Observation" e "RxLocation" - e condivise entrambe le cartelle con The Intercept.

Secondo Meyers, il codice "LinkNYC Mobile Observation" raccoglie la longitudine e la latitudine dell'utente, nonché il tipo di browser dell'utente, il sistema operativo, il tipo di dispositivo, gli identificatori del dispositivo e i flussi di clic URL completi (inclusi data e ora) e aggrega queste informazioni in un database. Secondo Meyers, questo codice, insieme alle funzioni della base di codice "RxLocation", suggerisce che la società è interessata a tracciare le posizioni degli utenti Wi-Fi in tempo reale. Se tale codice fosse eseguito su un'app mobile o un chiosco, ha affermato, la società sarebbe in grado di rendere disponibili annunci in tempo reale in base a dove e chi fosse qualcuno e che ciò costituirebbe una potenziale violazione della società politica sulla riservatezza. In 2016, la politica sulla privacy di LinkNYC ha chiarito che non ha raccolto informazioni sulla posizione precisa degli utenti. "Tuttavia", afferma, "sappiamo dove forniamo i servizi WiFi, quindi quando utilizzi i servizi possiamo determinare la tua posizione generale".

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti