Fino al 90% degli americani COVID-positivi forse non erano nemmeno contagiosi

Immagine: Centri statunitensi per il controllo delle malattie
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Un'ulteriore prova che il COVID "Great Panic of 2020" passerà alla storia come un gigantesco fiasco. Tuttavia, quei tecnocrati che hanno orchestrato la falsa narrativa in primo luogo hanno già raggiunto il loro scopo nel creare un nuovo e permanente sistema globale di biosicurezza. ⁃ TN Editor

Allora a cosa servivano i blocchi?

La stragrande maggioranza dei file quasi 6 milioni di diagnosi di coronavirus negli Stati Uniti probabilmente non erano contagiosi, secondo il New York Times.

Nonostante il continuo diffuso panico da COVID-19, che include molte restrizioni legate ai virus, fino al 90% delle persone che sono risultate positive al COVID-19 portavano potenzialmente quantità di virus così "insignificanti" da non essere contagiose, secondo il Times.

Quali sono i dettagli?

Il test diagnostico più utilizzato per COVID-19 è chiamato test PCR, che, secondo la FDA, test per il materiale genetico del virus.

Il problema con il test è che riporta solo la presenza del materiale genetico ricercato. Non riporta la quantità di materiale genetico, il che significa che gli individui con livelli così insignificanti di materiale genetico COVID-19 risulteranno comunque positivi anche se non sono veramente malati.

Dai tempi:

Il test PCR amplifica la materia genetica del virus in cicli; minore è il numero di cicli necessari, maggiore è la quantità di virus, o carica virale, nel campione. Maggiore è la carica virale, maggiori sono le probabilità che il paziente sia contagioso. Questo numero di cicli di amplificazione necessari per trovare il virus, chiamato soglia del ciclo, non è mai incluso nei risultati inviati ai medici e ai pazienti affetti da coronavirus, sebbene possa indicare loro quanto siano contagiosi i pazienti. In tre serie di dati di test che includono soglie di ciclo, compilati da funzionari in Massachusetts, New York e Nevada, fino al 90% delle persone risultate positive al test non portava quasi nessun virus, secondo una recensione del Times.

Il dottor Michael Mina, un epidemiologo presso la Harvard TH Chan School of Public Health, ha detto che le soglie dei test sono attualmente troppo sensibili. Il problema, ha detto al Times, è simile a trovare un singolo capello in una stanza molto tempo dopo che la persona responsabile della caduta della ciocca di capelli se ne era andata.

La soluzione è abbassare la soglia del ciclo utilizzata per determinare se un individuo è infetto.

Attualmente, lo standard è di 37 o 40 cicli, ha riportato il Times. Ma il dottor Mina ha detto al giornale che dovrebbe essere inferiore a 30. Quindi, solo gli individui con materiale genetico da 100 a 1,000 volte superiore allo standard attuale avrebbero restituito un risultato positivo del test COVID-19, ha detto il dottor Mina.

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
5 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
solo dicendo

Non c'è Covid. Ma non importa, vero? Indossa le tue maschere e sentiti un eroe per non aver ucciso nessuno. Nel frattempo le persone sono ora completamente psicotiche ed è incurabile ma curabile con un rapido tranquillante o droghe, dicono. Vedi qui: https://www.healthline.com/health/psychosis#outlook Anche se non credo negli psichiatri, esiste una cura per le bugie e per credere alle bugie. Renditi conto che siamo in grossi guai e non c'è scampo. Le cose non andranno meglio e quello dietro a tutto questo è il diavolo stesso. Una volta che ti rendi conto che c'è un cattivo ragazzo che è Satana e a... Leggi di più "

Sapere Audete

Non c'è virus e non c'è contagio. È una gigantesca frode.

James Reinhart

Non esiste un'identificazione al microscopio elettronico del virus COVID-19 del gruppo del virus Corona. Strano considerando che ogni creatura ha un viroma e il numero di virus nel corpo umano è di diverse trilioni ed è gestito dal sistema immunitario. I disordini autoimmuni stanno aumentando logaritmicamente. Ora ce ne sono centinaia, ad esempio, i disturbi dello spettro autistico sono aumentati da 1 su 100 a 1 su 40. Un nuovo virus è "Eyes of Darkness" di Dean Koontz. Dal momento che è stato dimostrato che è inferiore alla stagione influenzale del 2018 e al virus corona così come tutti i virus... Leggi di più "

Imparare da Sars.jpg
James Reinhart

FYI: La prima pagina dei vaccini:… ci sono diverse copie. https://archive.org/details/b2136140x

Vaccinazione.jpg

[...] Fonte: fino al 90% degli americani positivi al COVID forse non era nemmeno contagioso [...]