La Commissione europea accoglie con favore l'agenda delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile 2030

Per favore, condividi questa storia!

L'agenda 2030, un quadro universale per tutti i paesi per aiutare a sradicare la povertà e raggiungere lo sviluppo sostenibile di 2030, include una serie ambiziosa di obiettivi di sviluppo sostenibile di 17 e sarà adottata oggi in occasione di un vertice speciale delle Nazioni Unite.

2030 Agenda per lo Sviluppo Sostenibile essere adottato oggi dal Nazioni unite stabilisce un quadro globale per sradicare la povertà e raggiungere lo sviluppo sostenibile di 2030, basandosi sulObiettivi di Sviluppo del Millennio (MDGs) adottato in 2000. Come il primo accordo globale in assoluto che stabilisce un programma d'azione universale e completo, l'agenda 2030 include una serie ambiziosa di obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) e obiettivi associati 17 di 169, mobilitando tutti i paesi e le parti interessate verso il loro raggiungimento e influenzando le politiche nazionali. L'agenda 2030 comprende anche le Nazioni Unite Addis Abeba Agenda d'azione adottato a luglio, che stabilisce i diversi mezzi necessari per attuare l'agenda 2030, comprese le risorse nazionali, i finanziamenti privati ​​e l'assistenza pubblica allo sviluppo (APS).

L'UE è stata leader nel contribuire a questo processo sin dall'inizio. È ora impegnato a portare avanti questo programma, sia all'interno dell'UE (come attraverso le prossime iniziative dell'UE come, tra l'altro, la strategia per l'economia circolare, concepita per affrontare modelli più sostenibili di produzione e consumo) e attraverso le politiche esterne dell'UE sostenendo gli sforzi di attuazione in altri paesi, in particolare quelli più bisognosi.

Primo vicepresidente Frans Timmermans, responsabile dello sviluppo sostenibile e alla guida della delegazione della Commissione per conto del presidente Juncker, ha dichiarato: “Questo accordo è un evento storico e un significativo passo avanti per l'azione globale sullo sviluppo sostenibile. Sono orgoglioso di affermare che sin dall'inizio l'UE si è impegnata a fondo per raggiungere un risultato ambizioso, con un'agenda universale per tutti i paesi, ricchi e poveri allo stesso modo, integrando pienamente le dimensioni economica, sociale e ambientale della sostenibilità. Il risultato è una pietra miliare che unisce il mondo intero attorno a obiettivi comuni per un futuro più sostenibile. Siamo determinati ad attuare l'Agenda 2030 che darà forma alle nostre politiche interne ed esterne, assicurando che l'UE svolga appieno il suo ruolo ”.Il vertice delle Nazioni Unite per l'adozione della nuova agenda 2030 si svolgerà presso la sede delle Nazioni Unite a New York su 25-27 a settembre e vedrà la partecipazione di più di capi di Stato e di governo 150 provenienti da tutto il mondo. La Commissione europea è rappresentata dal primo vicepresidente FransTimmermans, Alto rappresentante per gli affari esteri e la politica di sicurezza / Vicepresidente della Commissione Federica Mogherini e commissario per la cooperazione internazionale e lo sviluppo Neven Mimica.

sfondo

Sugli obiettivi di sviluppo del millennio

Gli Obiettivi di sviluppo del millennio (MDG) hanno dimostrato che la definizione di obiettivi può aiutare a guidare progressi senza precedenti in tutto il mondo e ottenere risultati notevoli. Hanno guidato la politica di sviluppo dell'UE per gli anni di 15 e l'UE ha contribuito notevolmente al raggiungimento degli obiettivi. L 'UE e i suoi Stati membri sono collettivamente i donatore di sviluppo più grande del mondo di gran lunga, fornendo 58 miliardi di € in 2014.

Sulla nuova agenda 2030

L'Agenda 2030 ("Trasformare il nostro mondo: l'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile) è stata concordata informalmente per consenso alle Nazioni Unite nell'agosto di quest'anno e ha fatto riferimento a questo vertice per l'adozione formale da parte dell'Assemblea generale. Anche l'Agenda d'Azione di Addis Abeba concordata a luglio costituisce parte integrante dell'Agenda 2030, definendo strumenti, politiche e risorse che devono essere messe in atto per garantirne l'attuazione.

L'adozione dell'Agenda 2030 segnerà il culmine di un processo triennale inclusivo (precedentemente noto come “l'agenda di sviluppo post 2015”) e che è stato caratterizzato dalla partecipazione senza precedenti della società civile e di altri stakeholder. Segue gli obiettivi di sviluppo del millennio (MDG), la conferenza delle Nazioni Unite Rio + 20 sullo sviluppo sostenibile e le conferenze sul finanziamento dello sviluppo. Contribuirà anche ai negoziati in corso per un nuovo accordo globale sul cambiamento climatico che sarà concluso a dicembre a Parigi.

La nuova agenda 2030 ridefinirà il modo in cui la comunità internazionale lavora insieme per un impegno globale verso un diverso tipo di futuro per le persone e il pianeta - uno che metterà il mondo sulla strada dello sviluppo sostenibile. Mentre gli Obiettivi di sviluppo del millennio (OSM) hanno preso di mira i paesi in via di sviluppo, l'agenda 2030 è il primo accordo globale in assoluto che stabilisce un programma d'azione universale e globale che interesserà tutti i paesi, comprese le politiche interne.

I 17 nuovi obiettivi di sviluppo sostenibile (noti come "SDGs") e 169 obiettivi associati bilanciano le tre dimensioni dello sviluppo sostenibile - ambientale, sociale ed economico - coprendo aree come povertà, disuguaglianza, sicurezza alimentare, salute, consumo e produzione sostenibili , crescita, occupazione, infrastrutture, gestione sostenibile delle risorse naturali, cambiamento climatico, nonché uguaglianza di genere, società pacifiche e inclusive, accesso alla giustizia e istituzioni responsabili.

La nuova serie di obiettivi garantirà che il mondo continui a mantenere gli impegni MDG e Rio precedenti, includendo anche obiettivi per una serie di altre aree. I progressi verso gli OSM sono stati diseguali in tutto il mondo e non tutti gli obiettivi sono stati raggiunti. I cambiamenti geopolitici degli ultimi anni di 15 hanno portato alla consapevolezza che un insieme più universale di obiettivi, che richiedono soluzioni integrate, è ora più appropriato. La nuova agenda è molto più ampia e si applica a tutti i paesi. È nato in un processo partecipativo senza precedenti che ha coinvolto persone di tutto il mondo.

Come accordo universale, l'attuazione della nuova agenda richiederà un'azione da parte di tutti i paesi. Sarà sostenuto da un partenariato globale che mobiliti l'azione di governi e parti interessate a tutti i livelli. Questa agenda avrà un forte meccanismo di follow-up e revisione, che consentirà il monitoraggio dei progressi nella sua attuazione e garantirà la responsabilità nei confronti dei nostri cittadini. Una delle principali innovazioni nell'agenda 2030 è il riconoscimento del fatto che lavorare per lo sviluppo sostenibile richiede progressi simultanei su tre fronti, con le questioni economiche, sociali e ambientali affrontate insieme in modo integrato.

L'intera gamma di risorse, sia nazionali che internazionali, pubbliche e private, sarà necessaria per una corretta attuazione. Tutti i paesi dovranno contribuire con la loro giusta quota, tenendo conto dei livelli di sviluppo, dei contesti e delle capacità nazionali. La proprietà e la responsabilità nazionali saranno di fondamentale importanza per realizzare l'Agenda.

Leggi il comunicato stampa completo qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti