Whitehead: il governo degli Stati Uniti sta conducendo una guerra psicologica contro la nazione, armando tutto

Per favore, condividi questa storia!
Un certo indicatore di guerra è la presenza e l'uso della guerra psicologica per confondere e dominare il nemico. È un peccato che siamo stati dichiarati nemici e la dilagante guerra psicologica ci viene attaccata ad ogni nuova raffica di propaganda. La tecnocrazia si è definita "la scienza dell'ingegneria sociale" già nel 1938. ⁃ TN Editor

"Vi siete mai chiesti chi sta tirando le fila? 

... Tutto ciò che tocchiamo è un'arma. Possiamo ingannare, persuadere, cambiare, influenzare, ispirare. Veniamo in molte forme. Siamo ovunque."- Video di reclutamento per le operazioni psicologiche dell'esercito americano

Il governo degli Stati Uniti sta combattendo guerra psicologica sul popolo americano.

No, questa non è una teoria del complotto.

Guerra psicologica, secondo la Rand Corporation, "comporta l'uso pianificato di propaganda e altre operazioni psicologiche per influenzare le opinioni, le emozioni, gli atteggiamenti e il comportamento dei gruppi di opposizione".

Fatti anni ora, il governo ha bombardato la cittadinanza con campagne di propaganda e operazioni psicologiche volte a mantenerci conformi, facilmente controllabili e di supporto ai vari sforzi dello stato di polizia all'estero e all'interno.

Il governo è così fiducioso nei suoi poteri di manipolazione orwelliani che è portato a vantarsene. Proprio di recente, ad esempio, il 4th Psychological Operations Group dell'esercito americano, il ramo delle forze armate responsabile guerra psicologica, ha rilasciato un reclutamento video che promuove i suoi sforzi tira i fili, trasforma tutto ciò che tocca in un'arma, sii ovunque, inganna, persuadi, cambia, influenza e ispira.

Questo è il pericolo che si nasconde in bella vista.

Delle molte armi nel vasto arsenale del governo, la guerra psicologica potrebbe essere la più devastante in termini di conseguenze a lungo termine.

Come il giornale militare Compito e scopo spiega "La guerra psicologica consiste nell'influenzare i governi, le persone di potere e i cittadini di tutti i giorni... Le missioni chiave dei soldati PSYOP sono di influenzare "emozioni, avvisi, ragionamenti e comportamenti di governi e cittadini stranieri", "ingannare deliberatamente" le forze nemiche, consigliare i governi e fornire comunicazioni per i soccorsi in caso di calamità e gli sforzi di salvataggio ".

Tuttavia, non lasciarti ingannare dal pensare che queste campagne di psyops (operazioni psicologiche) siano rivolte solo a nemici stranieri. Il governo ha chiarito con parole e fatti che "noi persone" siamo nemici interni da prendere di mira, rintracciare, manipolare, microgestire, sorvegliare, considerare sospetti e trattati come se i nostri diritti fondamentali fossero semplici privilegi che possono essere facilmente scartati.

Aiutato e favorito dai progressi tecnologici e dalla sperimentazione scientifica, il governo ha sottoposto il popolo americano a "propaganda della torta di mele” per buona parte del secolo scorso.

Considera alcuni dei modi in cui il governo continua a pagare guerra psicologica su una cittadinanza in gran parte ignara.

Armare la violenza. Con una regolarità allarmante, la nazione continua a essere soggetta a ondate di violenza che terrorizzano l'opinione pubblica, destabilizzano l'ecosistema del paese e danno al governo maggiori giustificazioni per reprimere, bloccare e istituire politiche ancora più autoritarie per il cosiddetto bene di sicurezza nazionale senza molte obiezioni da parte della cittadinanza.

Sorveglianza armata, campagne pre-crimine e pre-pensiero. La sorveglianza, lo stalking digitale e il data mining del popolo americano si sommano a una società in cui c'è poco spazio per indiscrezioni, imperfezioni o atti di indipendenza. Quando il governo vede tutto e sa tutto e ha un'abbondanza di leggi per rendere anche il cittadino più apparentemente onesto un criminale e trasgressore della legge, allora il vecchio adagio che non hai nulla di cui preoccuparti se non hai più niente da nascondere non è più si applica. Aggiungi programmi pre-crimine nel mix con agenzie governative e società che lavorano in tandem per determinare chi è a potenziale pericolo e gira una ragnatela appiccicosa di valutazioni delle minacce, avvisi di rilevamento comportamentale, "parole" segnalate e rapporti di attività "sospetti" che utilizzano occhi e orecchie automatizzati, social media, software di rilevamento del comportamentoe spie cittadine, e tu hai le carte in regola per un perfetto incubo distopico. La guerra al crimine del governo ha ora virato nel regno dei social media e dell'intrappolamento tecnologico, con agenti governativi che adottano false identità sui social media e immagini del profilo create dall'IA al fine di sorvegliare, prendere di mira e catturare potenziali sospetti.

Armare le valute digitali, i punteggi dei social media e la censura. I giganti della tecnologia, lavorando con il governo, hanno dato la loro versione di giustizia sociale attraverso la tirannia digitale e la censura aziendale, mettendo la museruola a chi vogliono, quando vogliono, con qualsiasi pretesto vogliono in assenza di un vero e proprio processo, revisione o ricorso. Sfortunatamente, la censura digitale è solo l'inizio. Valute digitali (che possono essere utilizzate come "uno strumento per la sorveglianza governativa dei cittadini e il controllo sulle loro transazioni finanziarie”), insieme ai punteggi dei social media e al capitalismo di sorveglianza creano una cartina di tornasole per determinare chi è abbastanza degno di far parte della società e punire gli individui per errori morali e trasgressioni sociali (e premiarli per aver aderito al comportamento sanzionato dal governo). In Cina, milioni di individui e aziende, inseriti nella lista nera come "indegni" in base ai punteggi di credito dei social media che li classificano in base al fatto che siano cittadini "buoni", sono stati vietato l'accesso ai mercati finanziari, l'acquisto di beni immobili o il viaggio in aereo o in treno.

Conformità armata. Anche la legge o il programma governativo più ben intenzionati può essere - ed è stato - pervertito, corrotto e utilizzato per portare avanti scopi illegittimi una volta che il profitto e il potere sono stati aggiunti all'equazione. La guerra al terrorismo, la guerra alla droga, la guerra al COVID-19, la guerra all'immigrazione clandestina, i regimi di confisca dei beni, i regimi di sicurezza stradale, i regimi di sicurezza delle scuole, dominio eminente: tutti questi programmi sono nati come risposte legittime a preoccupazioni pressanti e da allora sono diventati armi di obbedienza e controllo nelle mani dello stato di polizia.

Intrattenimento armato. Nel secolo scorso, l'Ufficio per i media di intrattenimento del Dipartimento della Difesa ha fornito a Hollywood attrezzature, personale e competenze tecniche a spese dei contribuenti. In cambio, il complesso industriale militare ha ottenuto un ruolo da protagonista in blockbuster come Top Gun e il suo sequel riavviato Top Gun: Maverick, che si traduce in pubblicità gratuita per i falchi della guerra, reclutamento di fanti per l'impero militare, fervore patriottico dei contribuenti che devono pagare il conto delle guerre infinite della nazione e visionari di Hollywood lavorando per sfornare thriller distopici che facciano apparire la macchina da guerra rilevante, eroica e necessaria. Come ha osservato Elmer Davis, un'emittente televisiva della CBS che è stata nominata capo dell'Office of War Information, "Il modo più semplice per iniettare un'idea di propaganda nella mente della maggior parte delle persone è lasciarla passare attraverso un'immagine di intrattenimento quando non si rendono conto di essere oggetto di propaganda”.

Armare le scienze comportamentali e le spinte. Oltre ai pericoli palesi presentati da un governo che si sente giustificato e autorizzato a spiare la sua gente e ad usare il suo arsenale in continua espansione di armi e tecnologia per monitorarli e controllarli, ci sono anche i pericoli nascosti associati a un governo autorizzato a usare questi stessi tecnologie per influenzare i comportamenti in massa e controllare la popolazione. In effetti, è stato il presidente Obama a emettere un ordine esecutivo dirigere le agenzie federali a utilizzare metodi di "scienza comportamentale" per ridurre al minimo la burocrazia e influenzare il modo in cui le persone rispondono ai programmi del governo. È un breve salto, un salto e un salto da un programma comportamentale che cerca di influenzare il modo in cui le persone rispondono alle scartoffie a un programma governativo che cerca di plasmare le opinioni del pubblico su altre questioni più consequenziali. Così, sempre più, i governi di tutto il mondo—anche negli Stati Uniti— su cui fanno affidamento "unità di spinta" per guidare i cittadini nella direzione in cui i poteri forti vogliono che vadano, pur preservando l'apparenza del libero arbitrio.

Campagne di desensibilizzazione armate volte a cullarci in un falso senso di sicurezza. Gli eventi degli ultimi anni: la sorveglianza invasiva, i rapporti sull'estremismo, i disordini civili, le proteste, le sparatorie, i bombardamenti, le esercitazioni militari e le esercitazioni di tiratori attivi, i blocchi, gli allarmi colorati e le valutazioni delle minacce, i centri di fusione , la trasformazione della polizia locale in estensioni dell'esercito, la distribuzione di equipaggiamento e armi militari alle forze di polizia locali, i database governativi contenenti i nomi di dissidenti e potenziali piantagrane - hanno cospirato per acclimatare la popolazione ad accettare volontariamente uno stato di polizia, anche con gratitudine.

Armare paura e paranoia. Il linguaggio della paura è parlato in modo efficace dai politici su entrambi i lati del corridoio, gridato dagli esperti dei media dai loro pulpiti della TV via cavo, commercializzato dalle società e codificato in leggi burocratiche che fanno ben poco per rendere le nostre vite più sicure o più sicure. La paura, come mostra la storia, è il metodo più spesso utilizzato dai politici per aumentare il potere di governo e controllare una popolazione, dividendo il popolo in fazioni e persuadendolo a considerarsi nemico l'un l'altro. Questo schema machiavellico ha così irretito la nazione che pochi americani si rendono conto di essere stati manipolati per adottare una mentalità "noi" contro "loro". Invece, alimentati dalla paura e dal disgusto per gli oppositori fantasma, accettano di versare milioni di dollari e risorse in elezioni politiche, polizia militarizzata, tecnologia di spionaggio e guerre infinite, sperando in una garanzia di sicurezza che non arriva mai. Nel frattempo, coloro che detengono il potere, acquistati e pagati da lobbisti e corporazioni, portano avanti i loro costosi programmi, e "noi idioti" veniamo gravati dalle tasse e sottoposti a perquisizioni, incursioni della polizia e sorveglianza XNUMX ore su XNUMX .

Genetica armata. La paura non solo ingrassa le ruote della transizione al fascismo coltivando cittadini timorosi, controllati, pacificati e intimiditi, ma si radica anche nel nostro stesso DNA in modo che trasmettiamo la nostra paura e obbedienza alla nostra progenie. Si chiama eredità epigenetica, la trasmissione attraverso il DNA di esperienze traumatiche. Ad esempio, i neuroscienziati hanno osservato che la paura può viaggiare attraverso generazioni di DNA di topi. Come Il Washington Post rapporti, "Gli studi sugli esseri umani suggeriscono che figli e nipoti potrebbero aver sentito l'impatto epigenetico di eventi traumatici come la carestia, l'Olocausto e gli attacchi terroristici dell'11 settembre 2001".

Armare il futuro. Con maggiore frequenza, il governo ha lanciato avvertimenti sulla disperata necessità di prepararsi per il futuro distopico che ci attende. Ad esempio, il Pentagono video di allenamento, "Megacittà: futuro urbano, complessità emergente”, prevede che entro il 2030 (guarda caso, lo stesso anno in cui la società inizia a raggiungere la singolarità con il metaverso) i militari sarebbero chiamati a utilizzare le forze armate per risolvere futuri problemi politici e sociali interni. Quello di cui stanno veramente parlando è la legge marziale, confezionata come una preoccupazione ben intenzionata e prioritaria per la sicurezza della nazione. L'agghiacciante video di formazione di cinque minuti dipinge un quadro minaccioso del futuro tormentato da "reti criminali", "infrastrutture scadenti", "tensioni religiose ed etniche", "impoverimento, baraccopoli", "discariche aperte, fogne sovraccariche", un "massa crescente di disoccupati" e un paesaggio urbano in cui la ricca élite economica deve essere protetta dall'impoverimento dei poveri. "Noi le persone" siamo i poveri.

L'obiettivo finale di queste campagne di controllo mentale, confezionate sotto le spoglie del bene superiore, è vedere fino a che punto il popolo americano consentirà al governo di spingersi nel rimodellare il paese nell'immagine di uno stato di polizia totalitario.

I fatti parlano da soli.

Qualunque altra cosa possa essere - un pericolo, una minaccia, una minaccia - il governo degli Stati Uniti non si preoccupa certamente dei nostri migliori interessi, né è in alcun modo amico della libertà.

Quando il governo si considera superiore alla cittadinanza, quando non opera più a beneficio del popolo, quando il popolo non è più in grado di riformare pacificamente il proprio governo, quando i funzionari del governo cessano di agire come funzionari pubblici, quando i funzionari eletti non rappresentano più la volontà del popolo, quando il governo viola abitualmente i diritti del popolo e perpetra più violenze contro i cittadini rispetto alla classe criminale, quando la spesa pubblica è irresponsabile e non contabilizzata, quando la magistratura agisce come tribunali dell'ordine piuttosto che come giustizia , e quando il governo non è più vincolato dalle leggi della Costituzione, allora non hai più un governo "del popolo, del popolo e per il popolo".

Quello che abbiamo è un governo dei lupi.

Le nostre spalle sono contro il proverbiale muro.

“Noi popolo” – che pensiamo, che ragioniamo, che prendiamo posizione, che resistono, che esigono di essere trattati con dignità e cura, che crediamo nella libertà e nella giustizia per tutti – siamo diventati cittadini sottovalutati di uno stato totalitario che vede le persone come sacrificabili una volta che hanno superato la loro utilità per lo Stato.

Preparati.

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

7 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] Pubblicato il 2 minuti fa da EVENTI ATTUALI […]

Lutero

Questo è un attacco monumentale al popolo della nazione, che è il motivo principale per cui George Soros avrebbe investito così tanto denaro per far sì che tutto ciò accadesse. L'élite ha un solo obiettivo ed è la schiavitù mentale per le masse insanguinate. Una volta che il pubblico potrà tirar fuori la testa e vedere questo programma per quello che è, e chi c'è dietro tutto questo!

J.Robert

Cfr. il libro Three Felonies a Day dell'avvocato Harvey Silverglate, dove postula che ognuno di noi commetta 3 reati ogni giorno. “Ogni cittadino sovietico ha commesso almeno tre reati al giorno, perché gli statuti penali erano scritti in modo così ampio da coprire le normali attività quotidiane. Il Partito Comunista ha deciso chi perseguire tra i milioni di possibili criminali. D'altra parte, «le leggi sono fatte per uomini di ordinaria intelligenza e dovrebbero, quindi, essere interpretate secondo le regole ordinarie del buon senso. Il loro significato non va ricercato nelle sottigliezze metafisiche che possono far sì che qualsiasi cosa significhi tutto... Per saperne di più »

Emil

Per quanto riguarda la censura da parte delle grandi corporazioni, non vedo perché il Primo Emendamento a tutela del discorso politico non dovrebbe essere applicato a loro? Per prima cosa, immagino che la maggior parte di queste gigantesche multinazionali che gestiscono i social network prendano in un modo o nell'altro i finanziamenti del governo, anche se indirettamente. Inoltre, sono diventati così onnipresenti da svolgere praticamente una funzione pubblica e per questo motivo le protezioni del Primo Emendamento dovrebbero essere applicate a loro proprio come vengono applicate al governo e ai suoi agenti. È ridicolo che tu non possa letteralmente dire nulla che devii dal mainstream... Per saperne di più »

Elle

Buon articolo. Questi sono alcuni fatti malati e incasinati della vita sul pianeta Terra.

Grazie per aver elencato l'armamento, individualmente. Aiuta i dormienti quando iniziano a svegliarsi e cercano informazioni reali. È tutto in un posto per loro.

[…] Fonte Notizie sulla tecnocrazia giugno […]