Conferenza accademica sulla censura stimata dai censori di YouTube

Per favore, condividi questa storia!
Il progetto di sinistra Censored ha sponsorizzato la Critical Media Literacy Conference of the Americas sulla censura e poi debitamente scioccato quando l'intero canale della conferenza su YouTube è stato sommariamente cancellato. ⁃ TN Editor

Una conferenza sull'alfabetizzazione mediatica critica accademica che metteva in guardia sui pericoli della censura dei media è stata, ironia della sorte, censurata da YouTube. La Critical Media Literacy Conference of the Americas 2020 ha avuto luogo senza incidenti online per due giorni nel mese di ottobre e ha caratterizzato una serie di stimati oratori e panel che discutevano questioni riguardanti gli studi sui media moderni.

Alcune settimane dopo, tuttavia, l'intera registrazione video della conferenza - stimata in circa 24 ore di materiale - è scomparsa da YouTube. L'organizzatore Nolan Higdon della California State University East Bay, ha iniziato a ricevere messaggi preoccupati da altri accademici, alcuni dei quali condivisi con MintPress, che avevano utilizzato il materiale nelle loro classi, notando che era tutto misteriosamente scomparso.

"All'inizio pensavo fosse uno scherzo", ha detto Mickey Huff del Diablo Valley College, California. “La mia reazione iniziale è stata 'è assurdo'; ci deve essere stato un errore o un incidente o deve essere stato travolto in qualche modo. Non c'è violazione, non c'era ragionamento, non c'era avvertimento, non c'era una spiegazione, non c'era niente. L'intero canale era appena andato ", ha detto MintPress. Huff è anche il regista di Progetto censurato, un'organizzazione che ha sponsorizzato l'evento.

Higdon sospettava che fosse il contenuto critico dei grandi monopoli tecnologici come Google, YouTube, Facebook e Twitter che era il motivo per cui il canale era stato cancellato. “Ogni video era un pannello diverso e ogni pannello aveva persone diverse dagli altri, quindi non è che ci fosse un tema o una persona o un contenuto protetto da copyright in tutti i nostri video; questo sembra essere un attacco alla conferenza, non a un singolo video ", ha detto.

"Questa non era una festa di barili con gli utenti di Parler"

Gli organizzatori sono stati attenti a evitare la violazione del copyright, con la grande maggioranza dei loro video in formato lezione, essenzialmente una chiamata Zoom registrata. I relatori includevano alcuni dei nomi più noti negli studi sui media, con l'evento sponsorizzato da istituzioni come la Stanford University e la UCLA. "Questa non era una festa di barili con gli utenti di Parler: era una conferenza accademica", ha detto Huff.

Queste sono figure pionieristiche nel campo dell'alfabetizzazione mediatica critica. È sconvolgente che tutto questo sia appena scomparso da YouTube. L'ironia è scritta in grande ... Questo fa parte di un modo potenzialmente algoritmico per sbarazzarsi di posizioni più radicali che criticano i sistemi dei media dell'establishment, incluso il giornalismo.

Anche Higdon sospettava che l'azione di YouTube fosse politicizzata: "Questo è lo stesso anno in cui abbiamo visto la grande tecnologia cercare di influenzare la Prop 22 qui in California, quindi non sono troppo sorpreso che sarebbero stati aggressivi con persone come noi che criticano le società dei media. "

Gli organizzatori affermano di aver tentato di contattare YouTube ma di non aver ricevuto risposta.

MintPress ha parlato con i rappresentanti di Google, la società madre di YouTube, che ha negato strenuamente che avrebbero mai rimosso i contenuti dalle loro piattaforme semplicemente perché era critico nei confronti dell'azienda, osservando che sul sito web c'è una grande quantità di video che li sfidano o li attaccano. Dopo aver esaminato la questione, Google ha affermato di poter trovare un solo video e lo ha ripristinato (sebbene il video non venga visualizzato nella canale). Per quanto riguarda le ore di altri filmati, questo rimane per loro un enigma, senza alcuna traccia della sua esistenza. Quindi, sembra che non ci sarà una chiusura o una risposta definitiva a questo mistero.

Gli algoritmi prendono la mira

L'alfabetizzazione mediatica, il grande potere tecnologico e la censura sono temi scottanti in questo momento. Sulla scia del drammatico assalto del Campidoglio all'inizio di questo mese, una serie di aziende, tra cui Google, Facebook, YouTube, Twitter e Instagram, ha intrapreso azioni contro Donald Trump, limitando la sua capacità di comunicare online e quella dei suoi sostenitori. Forse in particolare, tuttavia, Google, Apple e Amazon Web Services hanno lanciato un assalto coordinato all '"app per la libertà di parola" Parler, un servizio popolare tra l'estrema destra per le sue leggi lassiste sul razzismo. Insieme, i tre hanno effettivamente portato il servizio offline in tutto il mondo.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

2 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Elle

Se vai a leggere l'intero articolo trovi una statistica: il 17% delle persone (in tutto il mondo) riceve le loro "notizie" dai siti di social media. Questa è la prova di stupido, non volontariamente ignorante, semplicemente stupido.

Ultima modifica 1 anno fa di Elle