Il professore di Stanford dichiara: "La libertà accademica è morta"

Per favore, condividi questa storia!
I pazzi gestiscono il manicomio e sono ossessionati dalla distruzione di tutto ciò che toccano, inclusa la scienza stessa. Ecco perché il titolo del mio nuovo libro è “The Evil Twins of Technocracy and Transumanism”. Le loro politiche e azioni sono anti-umane, anti-civiltà e anti-Dio. Il dottor Jay ha ragione: "La libertà accademica è morta". ⁃ Editore TN
+-

Un professore di Stanford che ha sfidato l'ortodossia dei blocchi ha avvertito che "la libertà accademica è morta" e che tutti coloro che si sono opposti alla narrativa del regime ora affrontano "un ambiente di lavoro profondamente ostile".

Dr. Jay Bhattacharya, un autore del Dichiarazione del Grande Barrington in cui migliaia di scienziati hanno chiesto una politica di immunità di gregge rispetto ai blocchi, ha avvertito che "Quando prendi una posizione che è in contrasto con il clero scientifico, la tua vita diventa un inferno vivente".

Parlando di recente all'Academic Freedom Conference presso la Graduate School of Business di Stanford, Bhattacharya, che in precedenza aveva descritto i lockdown come la politica più catastroficamente dannosa di "tutta la storia", e "l'unico peggior errore di salute pubblica degli ultimi 100 anni", ha osservato "abbiamo un alto clero che dichiara dall'alto ciò che è vero e ciò che non è vero".

In un ulteriore intervista a Fox News, Bhattacharya ha osservato: "La premessa di base è che se non si dispone di protezione e libertà accademica nei casi difficili, quando un membro della facoltà ha un'idea che è impopolare tra alcune delle altre facoltà - docenti potenti o persino l'amministrazione ... Se loro non proteggerlo in quel caso, allora non hai affatto libertà accademica.

Bhattacharya e migliaia di altri accademici e scienziati sono stati inizialmente diffamati per i blocchi schiaccianti, ma da allora sono stati rivendicati come il sociale e medico Il bilancio delle chiusure è stato rivelato.

Bhattacharya ha detto della dichiarazione: "Lo scopo del documento di una pagina era volto a dire al pubblico che non c'era un consenso scientifico a favore del blocco, che in realtà molti epidemiologi, molti medici, molte altre persone - persone di spicco - non erano d'accordo con il consenso”.

Il professore ha poi descritto come i fautori della dichiarazione siano stati sistematicamente esclusi da discussioni e dibattiti.

"Se Stanford si fosse davvero impegnata per la libertà accademica, avrebbe... lavorato per assicurarsi che ci fossero dibattiti e discussioni, seminari, dove queste idee fossero discusse tra i docenti", ha esortato, aggiungendo che "il potere ha sostituito l'idea di verità come la luce guida”.

"Quindi c'è qualcuno come Tony Fauci che dice senza ironia, che se mi interroghi, non stai semplicemente interrogando un uomo, stai mettendo in discussione la scienza stessa," Bhattacharya ha inoltre osservato, aggiungendo "Questo è un esercizio di potere grezzo, in cui si pone effettivamente come il papa della scienza piuttosto che un genuino desiderio di apprendere la verità".

"Hanno cercato sistematicamente di far sembrare che tutti fossero d'accordo con le loro idee sulla politica COVID, quando in realtà c'era un profondo disaccordo tra scienziati ed epidemiologi sulla giusta strategia", ha affermato il professore.

Bhattacharya ha anche invitato il nuovo proprietario di Twitter Elon Musk a "smascherare il regime di censura del governo":

https://twitter.com/DrJBhattacharya/status/1595643074587242496?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1595643074587242496%7Ctwgr%5E507df28c9aaaa3f8a52860d51bca750e1539c2e5%7Ctwcon%5Es1_c10&ref_url=https%3A%2F%2Fsummit.news%2F2022%2F11%2F24%2Fanti-lockdown-stanford-professor-academic-freedom-is-dead%2F

I commenti di Bhattacharya arrivano quando una nuova analisi dei dati federali e statali ha rivelato che per la prima volta la maggioranza degli americani che muoiono di COVID è stata almeno parzialmente vaccinata.

"Il cinquantotto percento dei decessi per coronavirus ad agosto erano persone vaccinate o potenziate", riporta il Washington Post in un pezzo intitolato 'Covid non è più principalmente una pandemia di non vaccinati'.

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

2 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
prof Dickens

Nessuno della sinistra fasco-marxista sa chi sia Mario Savio, a nessuno importa, e infatti è solo poco più di un minuto e mezzo, che nessuno guarderà (per essere impegnato a guardare Ballando con le stelle seminude, i Kartrashian, e Maury Povitch nel suo quotidiano "il cui padre è l'ennesima donna promiscua", ma solo per la cronaca, lei è Savio, che è uno dei leader nel portare sul campo il movimento di sinistra che sostiene, ehm... la libertà di parola. https://youtu.be/xz7KLSOJaTE?t=1

[…] Il professore di Stanford dichiara: “La libertà accademica è morta” […]