Soffrire vaccinati da 5 volte a 25 volte più rischio di infiammazione cardiaca rispetto ai non vaccinati

Per favore, condividi questa storia!
Ogni guerra produce vittime e la guerra della tecnocrazia all'umanità non fa eccezione, tranne per il fatto che il 98 per cento della popolazione non riconosce nemmeno che siamo in guerra in primo luogo. Le iniezioni di mRNA sono completamente fallite e stanno uccidendo migliaia di persone, ma le autorità non stanno ancora facendo nulla per fermare la carneficina. ⁃ Editore TN

L'infiammazione del cuore che richiedeva cure ospedaliere era più comune tra le persone che hanno ricevuto COVID-19 vaccini rispetto a quelli che non l'hanno fatto, secondo un nuovo studio di decine di milioni di europei.

I tassi di miocardite o pericardite, due tipi di infiammazione del cuore, sono al di sopra dei livelli in una coorte non vaccinata, fissati a 38 per 100,000 dopo aver ricevuto una seconda dose di un vaccino basato sulla tecnologia dell'RNA messaggero (mRNA) nei maschi di età compresa tra 16 e 24 anni— gli studi di gruppo hanno dimostrato che sono maggiormente a rischio della condizione post-vaccinazione, hanno scoperto ricercatori con agenzie sanitarie in Finlandia, Danimarca, Svezia e Norvegia.

"Questi casi extra tra gli uomini di età compresa tra 16 e 24 anni corrispondono a un rischio 5 volte maggiore dopo Comirnaty e 15 volte dopo Spikevax rispetto ai non vaccinati", il dott. Rickard Ljung, professore e medico presso l'Agenzia svedese per i prodotti medici e uno dei i principali investigatori dello studio, hanno detto a The Epoch Times in una e-mail.

Comirnaty è il marchio del vaccino Pfizer mentre Spikevax è il marchio del vaccino di Moderna.

I tassi erano anche più alti tra la fascia di età per coloro che hanno ricevuto qualsiasi dose dei vaccini Pfizer o Moderna, che utilizzano entrambi la tecnologia mRNA. E i tassi erano elevati tra i maschi vaccinati di tutte le età dopo la prima o la seconda dose, ad eccezione della prima dose di Moderna per quelli di età pari o superiore a 40 anni e le femmine di età compresa tra 12 e 15 anni.

I ricercatori hanno estratto i dati dai registri sanitari nazionali, analizzando 23.1 milioni di persone di età pari o superiore a 12 anni. L'analisi riguardava i dati dal 27 dicembre 2020 all'incidenza di miocardite o pericardite o alla fine del periodo di studio, che era il 5 ottobre 2021.

"I rischi di miocardite e pericardite erano più alti entro i primi 7 giorni dalla vaccinazione, erano aumentati per tutte le combinazioni di vaccini mRNA ed erano più pronunciati dopo la seconda dose", hanno scritto i ricercatori nello studio, che è stato pubblicato da il Journal of American Medical Association dopo la revisione tra pari.

Moderna e Pfizer non hanno risposto alle richieste di commento.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

4 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Vicki Zaccardo

Ciao Patrick, ho appena ascoltato un tuo bellissimo video su Tecnocracy ma penso che il canale che lo ha pubblicato abbia un titolo clickbait. L'articolo che un amico ha pubblicato in cui è stato incorporato il video aveva un titolo che dubito che tu approveresti. ti ho scritto su fb Non posso commentare la tua pagina perché di nuovo in fb jail.

https://www.bitchute.com/video/WtvYojNoCWye/

[…] Leggi di più: Sofferenza vaccinata da 5 volte a 25 volte più rischio di infiammazione cardiaca rispetto ai non vaccinati […]

[…] Leggi di più: Sofferenza vaccinata da 5 volte a 25 volte più rischio di infiammazione cardiaca rispetto ai non vaccinati […]