Sindrome della maschera: come fa COVID-19 a entrare nel cervello?

Foto: Adobe Stock
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Per i pazienti COVID-19, le segnalazioni diffuse di sintomi che coinvolgono la disfunzione cerebrale includono perdita dell'olfatto e della memoria. Russell Blaylock, MD, lo ha avvertito quando ha scritto, "Indossando una maschera, i virus espirati non saranno in grado di sfuggire e si concentreranno nei passaggi nasali, entreranno nei nervi olfattivi e viaggeranno nel cervello".

Leggi l'articolo completo del dottor Blaylock, Le maschere per il viso comportano gravi rischi per i sani

Critici ignoranti e troll hanno criticato Blaylock per essere un "ciarlatano" e un "idiota". Questi sarebbero gli stessi sciocchi che indossano maschere facciali giorno dopo giorno, accumulando particelle virali nelle loro maschere che viaggiano nel loro cervello.

Indossare una maschera per un lungo periodo di tempo è pericoloso per la propria salute, punto. I tecnocrati che hanno innescato queste politiche in primo luogo stanno creando un disastro sanitario molto peggiore di un semplice virus. Loro lo sanno e dovresti farlo anche tu! ⁃ TN Editor

Recentemente, sono stati pubblicati studi che suggeriscono un collegamento tra il virus SARS-CoV-2, infiammazione cerebrale e disfunzione neurologica. Uno studio che ha coinvolto 60 pazienti che si sono ripresi da COVID-19, ad esempio, ha rilevato che il 55% di loro ha mostrato "cambiamenti strutturali" nel cervello che si sono manifestati con perdita di memoria e odore per tre mesi. Lo studio, pubblicato in The Lancet il 3 agosto 2020, ha trovato prove che il virus SARS-CoV aveva invaso l'epitelio olfattivo, tessuto all'interno della cavità nasale umana che gioca un ruolo nella capacità di annusare.1 2

L'enciclopedia Britannica descrive l'epitelio olfattivo come contenente "cellule del recettore olfattivo, che hanno estensioni ciglia specializzate". Spiega che "le ciglia intrappolano le molecole di odore mentre attraversano la superficie epiteliale" e che [i] nformazione sulle molecole viene quindi trasmessa dai recettori al bulbo olfattivo nel cervello ".3

Gli studi collegano la SARS-CoV-2 ai cambiamenti nel cervello

Secondo i risultati di The Lancet studio, "volumi ingranditi significativi [del virus SARS-CoV-2] sono stati osservati nelle cortecce olfattive bilaterali, ippocampi, insulas, giro di Heschl sinistro, opercolo Rolandico sinistro e giro cingolato destro" - "strutture" che compongono le "strutture centrali sistema olfattivo. " Tuttavia, lo studio non è stato in grado di accertare come il virus sia riuscito a infettare l'epitelio olfattivo.1 Lo studio ha rilevato:

Sono state rilevate diverse possibili vie di invasione di SARS-CoV-2, comprese le vie ematogene, linfatiche e neuro retrograde, ecc., Tuttavia la via esatta era sconosciuta.1

In un altro studio pubblicato sulla rivista Cervello l'8 luglio 2020, i ricercatori dell'University College di Londra (UCL) hanno esaminato 43 casi di COVID-19 in cui i pazienti soffrivano di un'alta incidenza di "encefalomielite acuta disseminata", grave infiammazione cerebrale. Ciò ha provocato "disfunzione cerebrale temporanea, ictus, danni ai nervi o altri gravi effetti cerebrali". A nove pazienti è stata diagnosticata una rara condizione nota come encefalomielite acuta disseminata (ADEM).4 5

Il dottor Michael Zandi, neurologo consulente presso il National Hospital for Neurology and Neurosurgery dell'UCL, ha dichiarato:

Stiamo vedendo cose nel modo in cui COVID-19 colpisce il cervello che non abbiamo mai visto prima con altri virus. Quello che abbiamo visto con alcuni di questi pazienti ADEMm, e in altri pazienti, è che puoi avere una neurologia grave, puoi essere abbastanza malato, ma in realtà hai una malattia polmonare banale.6 7

In un rapporto pubblicato in Il New England Journal of Medicine il 15 aprile 2020, un team di medici ha dichiarato di aver osservato 58 pazienti COVID-19 ricoverati a Strasburgo, in Francia e ha scoperto che l'84% di loro aveva sintomi neurologici, tra cui "encefalopatia, agitazione e confusione prominenti e segni del tratto corticospinale" e anche "ictus ischemico acuto".8 9

Tra tutti questi studi, nessuno ha individuato come il virus SARS-CoV-2 possa essere entrato nel cervello. Una possibile via, tuttavia, potrebbe essere il nervo olfattivo nel naso, che è considerato il primo nervo cranico o C1. È uno dei 12 nervi cranici nella testa. Il C1 conduce nell'epitelio olfattivo ei suoi recettori olfattivi si trovano nella mucosa della cavità nasale, essenzialmente il naso.3 8

Nervo olfattivo: naso una "scorciatoia" per i virus che entrano nel cervello

Nel gennaio 2015, uno studio dal titolo "Il nervo olfattivo: una scorciatoia per l'influenza e altre malattie virali nel sistema nervoso centrale" è stato pubblicato sulla rivista Patologia.9 Dallo studio è emerso che ...

L'infezione virale del [sistema nervoso centrale] può causare danni dall'infezione delle cellule nervose di per sé, dalla risposta immunitaria o da una combinazione di entrambi. Le conseguenze cliniche vanno dalla disfunzione nervosa in assenza di alterazioni istopatologiche alla meningoencefalite grave e alle malattie neurodegenerative.9

Lo studio ha elencato i virus che possono utilizzare il nervo olfattivo come "scorciatoia" nel cervello. I virus che entrano nel corpo attraverso il naso includono virus dell'influenza A, herpesvirus, poliovirus, paramixovirus (come RSV, morbillo, parotite), virus della stomatite vescicolare, virus della rabbia, virus della parainfluenza, adenovirus, virus dell'encefalite giapponese, virus del Nilo occidentale, virus della chikungunya, Virus La Crosse, virus dell'epatite murina e bunyavirus.9

il 2015 Patologia lo studio ovviamente non ha fatto menzione di SARS-CoV-2 poiché quel virus allora non era noto. Ma se tutti quegli altri virus possono entrare nel cervello attraverso il naso e il nervo olfattivo, allora potrebbe non essere possibile anche per SARS-CoV-2?

Il neurochirurgo Russell Blaylock, MD, ha fatto riferimento al nervo olfattivo come un percorso nel cervello in un recente articolo in Notizie e tendenze tecnologiche. Citando uno studio del 1989 la rivista Virologia intitolato "Diffusione di un coronavirus murino neurotropico nel [sistema nervoso centrale] attraverso i nervi trigemino e olfattivo",10 11 Il dottor Blaylock ha scritto:

Nella maggior parte dei casi entra nel cervello attraverso i nervi olfattivi (odore nervoso), che si collegano direttamente con l'area del cervello occupandosi della memoria recente e del consolidamento della memoria. Indossando una maschera, i virus espirati non saranno in grado di fuggire e si concentreranno nei passaggi nasali, entreranno nei nervi olfattivi e viaggeranno nel cervello.10

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
8 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Christine

Sorprendente! Grazie! Quindi abbiamo ottenuto le maschere, il virus (non letale) e Gates ha spruzzato carbonato di calcio nei suoi sforzi di geoingegneria! E quest'ultimo, se formulato correttamente, può fare molto, cito: "Sistema di rilascio genico basato su carbonato di calcio a doppia funzionalità per una consegna genica efficiente", o "Nanoparticelle di trasfezione genica non virale: funzione e applicazioni nel cervello" e " Metodi in vivo per la modulazione acuta dell'espressione genica nel sistema nervoso centrale "," Strumenti di terapia genica per le malattie cerebrali "e molto altro ancora! Sembra che molte cose fossero pronte tanti anni fa, è estremamente spaventoso in questo momento,... Leggi di più "

solo dicendo

"Potremmo non avere molto tempo a disposizione." È giusto. Quindi, sappiamo che dobbiamo decidere dove andare dopo la morte. Perché tenerti in vita in una macchina non funzionerà. L'anima si separa dal corpo dopo la morte, quindi anche la clonazione non funzionerà. Dove va l'anima? Consiglio di leggere Luca 16: 19-31 King James Version. Quando Cristo morì e risuscitò, prese le anime che aspettavano nel seno di Abramo con Lui in cielo. Stavano aspettando che il loro Salvatore morisse per i loro peccati e risuscitasse dai morti. Quindi il ladro da una parte... Leggi di più "

Ultima modifica 2 mesi fa di un utente anonimo
Esponili

Non stai comprendendo correttamente la Bibbia. Genesi 2: 7 e l'uomo divenne un'anima vivente. L'uomo è un'anima come ogni altra creatura che respira. L'uomo non ha un'anima, è un'anima. Il salario per il peccato è la morte, non la vita. Distorsione cattolica e protestante della verità. Un eletto di Cristo è morto fino al suo ritorno quando risuscita gli eletti morti. a quel punto lasci questa terra. Nessuno ha la redenzione fino al giorno della risurrezione e quei pochi testimoni rimasti in vita alla Sua venuta, che è ciò che i poteri malvagi stanno cercando di impedire.... Leggi di più "

solo dicendo

Esiste davvero un virus Covid? NO.

Esponili

David Icke è una pianta. Ricorda che giocano su entrambi i lati del recinto. Per controllare la narrazione.

[…] Per saperne di più: Sindrome da maschera: come fa "COVID-19" a entrare nel cervello? [...]

Gianni libertà

Potrebbe essere il test del tampone ...

trackback

[…] Come fa COVID-19 a entrare nel cervello? [...]