Psicosi di massa: come creare una pandemia di malattia mentale

Per favore, condividi questa storia!
La tecnocrazia si definiva nel 1938 come "la scienza dell'ingegneria sociale". Questo articolo fa luce sui meccanismi coinvolti in questo mondo oscuro di manipolazione intenzionale e attentamente pianificata delle masse. Il mondo è attualmente in uno stato di psicosi indotta, che si approfondisce con ogni nuova ondata di paura e propaganda. Editor TN

Il video di 20 minuti sopra, "Psicosi di massa - Come un'intera popolazione diventa mentalmente malata", creato da After Skool e Academy of Ideas,1 è un'affascinante illustrazione di come la psicosi di massa può essere indotta.

La psicosi di massa è definita come "un'epidemia di follia" che si verifica quando "gran parte della società perde il contatto con la realtà e scende nelle delusioni".

Un classico esempio storico di psicosi di massa è la caccia alle streghe che si è svolta nelle Americhe e in Europa durante il XVI e XVII secolo, quando decine di migliaia di persone, per lo più donne, furono torturate, annegate e bruciate vive sul rogo. L'ascesa del totalitarismo nel XX secolo è un esempio più recente di psicosi di massa.

Il peggior nemico dell'uomo

Come notato nel video:

“Le masse non hanno mai avuto sete di verità. Si allontanano dall'evidenza che non è di loro gusto, preferendo deificare l'errore, se l'errore li seduce. Chi può fornire loro illusioni è facilmente il loro padrone; chiunque tenti di distruggere le loro illusioni è sempre la loro vittima”.

Questa è una citazione attribuita a Gustave Le Bon, uno psicologo sociale francese famoso per i suoi studi sulle folle. Il suo libro, "La folla: uno studio sulla mente popolare",2 fa un tuffo profondo nelle caratteristiche delle folle umane e come, quando riunite in gruppi, le persone tendono ad abbandonare la deliberazione cosciente a favore dell'azione inconscia della folla. Allo stesso modo, lo psicologo Carl Jung una volta ha affermato che:

“Non è la carestia, non i terremoti, non i microbi, non il cancro, ma l'uomo stesso è il più grande pericolo dell'uomo per l'uomo, per il semplice motivo che non esiste una protezione adeguata contro le epidemie psichiche, che sono infinitamente più devastanti delle peggiori malattie naturali. catastrofi».

Quando una società cade nella follia, i risultati sono sempre devastanti. Jung, che ha studiato le psicosi di massa, ha scritto che gli individui che compongono la società colpita "diventano moralmente e spiritualmente inferiori". Diventano "irragionevoli, irresponsabili, emotivi, irregolari e inaffidabili".

Peggio ancora, una folla psicotica si impegnerà in atrocità che qualsiasi individuo solitario all'interno del gruppo normalmente non prenderebbe mai in considerazione. Eppure, nonostante tutto, le persone colpite rimangono inconsapevoli della loro condizione e non possono riconoscere l'errore nei loro modi.

Quali sono le cause della psicosi di massa?

Per capire come un'intera società può essere portata alla follia, devi prima capire cosa spinge un dato individuo alla follia. A parte l'abuso di droghe o alcol, o una lesione cerebrale, la psicosi è tipicamente innescata da fattori psicogeni, cioè influenze che hanno origine nella mente.

Uno dei fattori psicogeni più comuni che possono scatenare la psicosi è un'ondata di emozioni negative come la paura o l'ansia che porta la persona in uno stato di panico. Quando si è nel panico, l'inclinazione naturale è cercare sollievo. Un individuo psicologicamente resiliente può adattarsi affrontando la propria paura e alla fine sconfiggendola.

Un altro meccanismo di coping è una rottura psicotica. Come spiegato nel video, una rottura psicotica non è la discesa nel caos, ma piuttosto un riordino del proprio mondo esperienziale in un modo che mescoli realtà e finzione, realtà e illusioni, in modo tale che venga ripristinato un senso di controllo e panico finisce. I passaggi psicogeni che portano alla follia possono essere riassunti come segue:

  1. Fase di panico — Qui, l'individuo inizia a percepire il mondo che lo circonda in modo diverso e ne è spaventato. C'è una minaccia percepita, che sia reale, inventata o immaginata. La confusione cresce poiché non riescono a trovare un modo per spiegare razionalmente gli strani eventi che si verificano intorno a loro.
  2. Fase di insight psicotico — Qui l'individuo riesce a spiegare la sua esperienza anormale del mondo inventando un modo illogico ma magico di vedere la realtà. Si usa il termine “intuizione”, perché il pensiero magico permette all'individuo di fuggire dal panico e ritrovare un significato. Tuttavia, l'intuizione è psicotica, perché si basa su delusioni.

Proprio come un individuo psicologicamente debole e vulnerabile può essere portato alla follia, così grandi gruppi di persone deboli e vulnerabili possono scendere nella follia e nel pensiero magico.

Il totalitarismo è una società costruita sulle illusioni

Nel XX secolo, abbiamo assistito a un aumento del totalitarismo, definito dal professore e studioso di studi religiosi Arthur Versluis come:

"Il fenomeno moderno del potere statale centralizzato totale unito alla cancellazione dei diritti umani individuali: nello stato totalizzato, ci sono quelli al potere e ci sono le masse oggettivate, le vittime".

In una società totalitaria ci sono due classi: i governanti e i governati, ed entrambi i gruppi subiscono una trasformazione patologica. I governanti sono elevati a uno stato simile a un dio in cui non possono sbagliare - una visione che porta facilmente alla corruzione e al comportamento non etico - mentre i governati vengono trasformati in soggetti dipendenti, il che porta alla regressione psicologica.

Joost Meerloo, autore di “Rape of the Mind”, paragona le reazioni dei cittadini che vivono in stati totalitari a quelle degli schizofrenici. Sia i governanti che i governati sono malati. Entrambi vivono in una nebbia delirante, poiché l'intera società e le sue regole sono sostenute dal pensiero delirante.

Come notato nel video, solo le persone illuse regrediscono a uno stato infantile di totale sottomissione, e solo una classe dirigente illusa crederà di possedere la conoscenza e la saggezza per controllare la società dall'alto verso il basso. E solo una persona illusa crederà che un'élite assetata di potere che governa una società mentalmente regredita porterà a tutto tranne che alla sofferenza di massa e alla rovina finanziaria.

La psicosi di massa che è il totalitarismo inizia all'interno della classe dominante, poiché gli individui all'interno di questa classe sono facilmente innamorati delle delusioni che aumentano il loro potere. E nessuna illusione è più grande dell'illusione che possono, e dovrebbero – anzi sono destinati a – controllare e dominare tutti gli altri.

Sia che la mentalità totalitaria prenda la forma del comunismo, del fascismo o della tecnocrazia, un'élite dominante che ha ceduto alle proprie delusioni di grandezza si accinge a indottrinare le masse nella propria contorta visione del mondo. Tutto ciò che serve per realizzare quella riorganizzazione della società è la manipolazione dei sentimenti collettivi.

Uccisione della mente

Menticidio è un termine che significa "uccisione della mente", ed è un antico modo di controllare le masse uccidendo sistematicamente lo spirito umano e il libero pensiero. È un sistema attraverso il quale l'élite dominante imprime la propria visione del mondo delirante nella società.

Una società è predisposta al menticidio dalla semina intenzionale della paura. Un modo particolarmente efficace per indurre paura e panico che sfociano in psicosi è lo scatenamento di ondate di terrore, e non importa se il “terrore” in questione è reale o fittizio. La tecnica delle onde di terrore può essere rappresentata graficamente come un modello d'onda crescente in cui ogni round di paura è seguito da un round di calma.

Dopo un breve periodo di calma, il livello di minaccia viene nuovamente elevato, con ogni round di allarmismo più intenso di quello precedente. La propaganda - notizie false e fuorvianti - vengono utilizzate per abbattere le menti delle masse e, nel tempo, diventa sempre più facile controllare tutti poiché la confusione e l'ansia lasciano il posto al pensiero magico e all'intuizione psicotica presentati come soluzioni attraverso i media.

Rapporti contraddittori, raccomandazioni senza senso e menzogne ​​sfacciate vengono dispiegate intenzionalmente, poiché aumentano la confusione. Più una popolazione è confusa, maggiore è lo stato di ansia, che riduce la capacità della società di far fronte alla crisi. Man mano che la capacità di far fronte appassisce, maggiori sono le possibilità che si sviluppi una psicosi di massa.

Come notato nel video, "La confusione aumenta la suscettibilità di una discesa nelle delusioni del totalitarismo". Oppure, come ha notato Meerloo nel suo libro:

“La logica può essere soddisfatta con la logica, mentre l'illogicità no. Confonde coloro che pensano in modo corretto. La grande bugia e le sciocchezze ripetute in modo monotono hanno più un fascino emotivo... che logica e ragione. Mentre le persone sono ancora alla ricerca di una ragionevole controargomentazione alla prima menzogna, i totalitari possono aggredirle con un'altra».

L'ascesa della tecnocrazia

Ciò che distingue il totalitarismo moderno dai precedenti stati totalitari è la tecnologia. I mezzi per incitare alla paura e manipolare il pensiero delle persone non sono mai stati più efficienti o efficaci. TV, Internet, smartphone e social media sono tutte fonti di informazioni in questi giorni ed è più facile che mai controllare il flusso di tali informazioni.

Gli algoritmi filtrano automaticamente le voci della ragione e del pensiero razionale, sostituendole invece con le narrazioni della paura. Le moderne tecnologie hanno anche qualità di dipendenza, quindi molti si espongono volontariamente al lavaggio del cervello. Commentando la dipendenza dell'uomo dalla tecnologia, Meerloo osserva:

“Niente riposo, niente meditazione, niente riflessione, niente conversazione. I sensi sono continuamente sovraccarichi di stimoli. L'uomo non impara più a mettere in discussione il suo mondo. Lo schermo gli offre risposte già fatte”.

Isolamento: uno strumento che induce psicosi di massa

A parte l'assalto di allarmisti e falsa propaganda, l'ultimo strumento per indurre la psicosi è l'isolamento. Quando sei privato di interazioni e discussioni sociali regolari, diventi più suscettibile alle delusioni per una serie di motivi:

  1. Perdi il contatto con le forze correttive di esempi positivi, modelli di comportamento e pensiero razionale. Non tutti sono ingannati dai tentativi di lavaggio del cervello dell'élite al potere, e queste persone possono aiutare a liberare gli altri dalle loro delusioni. Quando sei in isolamento, il potere di questi individui diminuisce notevolmente.
  2. Come gli animali, il comportamento umano è molto più facile da manipolare quando l'individuo è tenuto in isolamento. Come ha scoperto la ricerca sugli animali, i riflessi condizionati si sviluppano più facilmente in un laboratorio tranquillo e appartato con un minimo di stimoli per sminuire l'indottrinamento.

Quando si vuole addomesticare un animale selvatico, bisogna isolare l'animale e ripetere pazientemente uno stimolo particolare fino ad ottenere la risposta desiderata. Gli esseri umani possono essere condizionati allo stesso modo. Sola, confusa e martoriata da ondate di terrore, una società tenuta isolata l'una dall'altra scende nella follia mentre il pensiero razionale viene cancellato e sostituito con il pensiero magico.

Una volta che una società è saldamente nella morsa della psicosi di massa, i totalitari sono liberi di fare l'ultimo, decisivo passo: possono offrire una via d'uscita; un ritorno all'ordine. Il prezzo è la tua libertà. Devi cedere il controllo di tutti gli aspetti della tua vita ai governanti, perché a meno che non gli venga concesso il controllo totale, non saranno in grado di creare l'ordine che tutti bramano.

Questo ordine, tuttavia, è patologico, privo di ogni umanità. Elimina la spontaneità che porta gioia e creatività nella propria vita richiedendo un rigoroso conformismo e un'obbedienza cieca.

E nonostante la promessa di sicurezza, una società totalitaria è intrinsecamente timorosa. È stato costruito sulla paura, ed è anche mantenuto da essa. Quindi, rinunciare alla tua libertà per la sicurezza e un senso di ordine porterà solo a più della stessa paura e ansia che hanno permesso ai totalitari di ottenere il controllo in primo luogo.

Come si può invertire la psicosi di massa?

Si può prevenire il totalitarismo? E gli effetti della psicosi di massa possono essere invertiti? Sì, ma proprio come l'approccio menticida è su più fronti, così deve esserlo la soluzione. Per aiutare a riportare la sanità mentale in un mondo folle, devi prima concentrarti su te stesso e vivere in modo tale da fornire ispirazione per gli altri da seguire. Come notato da Jung:

“Non per nulla la nostra epoca grida alla personalità redentrice, a colui che può emanciparsi dalla morsa della psicosi collettiva e salvare almeno la propria anima, che accende un faro di speranza per gli altri, proclamando che qui è almeno un uomo che è riuscito a districarsi dalla fatale identità con la psiche di gruppo”.

Successivamente, è necessario condividere e diffondere la verità - la contronarrativa alla propaganda - il più lontano possibile. Poiché la verità è sempre più potente delle bugie, il successo della propaganda si basa sulla censura della verità. Un'altra tattica è usare l'umorismo e il ridicolo per delegittimare l'élite al potere.

Una strategia proposta da Vaclav Havel, un dissidente politico che divenne presidente della Cecoslovacchia, si chiama "strutture parallele". Una struttura parallela è qualsiasi tipo di attività, organizzazione, tecnologia, movimento o ricerca creativa che si inserisce all'interno di una società totalitaria pur essendo moralmente al di fuori di essa.

Una volta create abbastanza strutture parallele, nasce una cultura parallela che funziona come un santuario della sanità mentale all'interno del mondo totalitario. Havel spiega questa strategia nel suo libro "The Power of the Powerless".

Ultimo ma non meno importante, per prevenire la caduta nella follia totalitaria, l'azione sana e razionale deve essere intrapresa dal maggior numero possibile di persone. L'élite totalitaria non si siede a girarsi i pollici, sperando e desiderando di aumentare il proprio potere e controllo. No. Stanno attivamente prendendo provvedimenti per aumentare la loro posizione. Per difendersi da loro, gli aspiranti governati devono essere altrettanto attivi e risoluti nella loro controspinta verso la libertà.

Tutto questo può essere estremamente impegnativo poiché le persone intorno a te soccombono alla psicosi collettiva. Ma come disse una volta Thomas Paine:

"La tirannia, come l'inferno, non si vince facilmente, eppure abbiamo questa consolazione con noi, che più duro è il conflitto, più glorioso è il trionfo".

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
9 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] Fare clic su questo collegamento per la fonte originale di questo articolo. Autore: Dott. Giuseppe Mercola […]

sto solo dicendo

Carl Jung, un occultista che trasse le sue idee dal suo spirito guida che si faceva chiamare Filemone. In altri reparti comunicava con un demone, un diavolo. I demoni odiano il genere umano e mentono copiosamente. La maggior parte di coloro che ci governano hanno i demoniaci, 'spiriti guida' che sono diavoli che dicono loro cosa fare e scrivono soprattutto scienziati atei!. Quello che sta succedendo oggi non è quello che ha detto Jung, ma è il PECCATO. Le persone si comportano come fanno perché sono peccatori. La differenza quindi che i cristiani rinati essendo peccatori sono salvati dal sangue... Per saperne di più »

sharon a

Sì, tu ed io potremmo capire queste cose, ma questo video può comunque aiutare uno spettatore a capire l'argomento di una classe dirigente e la loro metodologia sul commettere "menticidio" sulle masse.
Questo video ha solo un approccio diverso simile a un link che hai lasciato per quanto riguarda una prospettiva storica riguardo a JFK/911/ Tutto è un trucco da uomo ricco….[molti di quegli umani coinvolti le cui azioni erano tutt'altro che “sante”].

sto solo dicendo

Per me è stata una perdita di tempo. Volevo solo che la gente sapesse che la psicologia non è scienza, è una farsa! “Delusion” è la parola chiave che ha detto. La parola “mentale” non è nella Bibbia, né lo è psicosi. Illusione, menzionata solo una volta nel NT”: E per questo motivo Dio manderà loro una forte illusione, affinché credano alla menzogna: 2 Tessalonicesi 2:11. Come mai? Continua a leggere: https://www.kingjamesbibleonline.org/2-Thessalonians-Chapter-2/ https://www.blueletterbible.org/search/search.cfm?Criteria=mental&t=KJV#s=s_primary_0_1 https:// www.blueletterbible.org/search/search.cfm?Criteria=psychosis&t=KJV#s=s_primary_0_1 Ora, mi rendo conto che alcuni "cristiani" sono caduti nella menzogna, ma 2 Tessalonicesi 2:11 non sta parlando di loro, Paolo sta parlando di quelli che non lo hanno fatto... Per saperne di più »

sto solo dicendo

Inoltre voglio dire che il 'cervello' non è menzionato neanche nella Bibbia. 'Cuore' è menzionato circa 844 volte. Gesù disse: "Questo popolo si avvicina a me con la sua bocca e mi onora con le sue labbra, ma il suo cuore è lontano da me". Matteo 15:8. …'Che se confesserai con la tua bocca il Signore Gesù e crederai nel tuo cuore che Dio lo ha risuscitato (Gesù) dai morti, sarai salvato. Poiché con il cuore l'uomo crede per ottenere la giustizia e con la bocca si fa confessione per la salvezza». Romani 10:9-10. Quindi qui ci sono i fatti, amico... Per saperne di più »

sto solo dicendo

Luca 21: 26

"Il cuore degli uomini viene meno per paura e per aver cura di quelle cose che vengono sulla terra, perché le potenze del cielo saranno scosse."

ishvaaag

E prima di tutto e in totale disaccordo con la ragione e il buon senso.

[…] Psicosi di massa: come creare una pandemia di malattie mentali […]

[…] Dall'articolo: Psicosi di massa: come creare una pandemia di malattia mentalehttps://www.technocracy.news/mass-psychosis-how-to-create-an-pandemic-of-mental-illness/ […]