"Polycrisis Of Doom": la madre di tutte le guerre della tecnocrazia per conquistare il mondo

Per favore, condividi questa storia!
Questo scrittore ha affermato per la prima volta nel 2015 che la tecnocrazia aveva dichiarato guerra all'umanità. La "policrisi" di oggi è l'espansione della politica della terra bruciata per ridurre la società in macerie, rendendo possibile la politica del World Economic Forum di "Build Back Better". La crisi energetica è fabbricata. La crisi alimentare è fabbricata. La crisi finanziaria è fabbricata. Gli stati-nazione stanno crollando. Qualcuno sta ascoltando?

L'immagine in primo piano in questo articolo era una vignetta politica della fine degli anni '1930, quando la tecnocrazia era in piena fioritura negli Stati Uniti e in Canada. Gli osservatori hanno visto i pericoli. Hanno chiamato fuori i tecnocrati e hanno rifiutato la tecnocrazia. ⁃ Editore TN

STORIA IN BREVE

> Adam Tooze, storico della crisi finanziaria e direttore dell'Istituto europeo della Columbia University, avverte che il mondo sta affrontando una "policrisi", una tempesta perfetta di molteplici influenze socioeconomiche globali

> La policrisi non è semplicemente la presenza di più crisi contemporaneamente. Piuttosto, si riferisce a una situazione in cui il tutto è più pericoloso della somma delle parti, poiché ogni singola crisi si intensifica, aggrava e aggrava altre crisi simultanee

> Tooze prevede che diverse crisi potrebbero scoppiare e convergere nei prossimi sei-18 mesi, tra cui una crisi alimentare, focolai pandemici, stagflazione, una crisi del debito sovrano dell'Eurozona e una potenziale guerra nucleare

> Mentre la maggioranza degli economisti è ottimista e prevede solo una lieve e temporanea recessione che colpirà gli Stati Uniti nel 2023, le prove in tempo reale non sembrano buone. La spesa dei consumatori, gli investimenti interni, le richieste di mutui, il settore manifatturiero e i carichi ciclici delle ferrovie statunitensi sono tutti in calo, mentre l'inflazione e i tassi di interesse sono in aumento. Anche il sentiment dei consumatori, un'indicazione della fiducia delle persone nell'economia e della loro disponibilità a spendere, sta crollando a un ritmo record

> Due strategie che possono rafforzare la resilienza individuale e locale allo stress che dobbiamo affrontare sono la creazione di sistemi alimentari locali e il rafforzamento delle connessioni di quartiere e comunità. Entrambi riducono la dipendenza degli individui dalle dispense del governo e, per estensione, è meno probabile che siano costretti a questi nuovi sistemi schiavi del Great Reset

In un recente articolo di Substack1 Adam Tooze, storico della crisi finanziaria e direttore dell'Istituto Europeo della Columbia University,2 esamina e spiega quella che chiama l'imminente "policrisi del destino", una tempesta perfetta di influenze socioeconomiche globali che segnalano problemi futuri.

Modellazione di crisi del quadro generale

Utilizzando grafici e "krisenbilder", ovvero "immagini di crisi", Tooze illustra i numerosi modelli di stress interconnessi in gioco sulla scena globale. Il primo grafico sottostante illustra la situazione al 21 gennaio 2022.

modelli di stress interconnessi

Il secondo grafico seguente mostra la complessità causata dal conflitto Russia-Ucraina al 24 febbraio 2022. Come notato da Tooze:3

"Quella che una volta era una mappa relativamente leggibile è diventata un pasticcio intricato... La guerra ha avuto l'impatto che ha avuto perché ha esacerbato le tensioni esistenti. I prezzi dei generi alimentari stavano già aumentando nel 2021 e provocando avvertimenti di una crisi in arrivo.

I mercati dell'energia erano stressati ben prima dello scoppio della guerra. Ora entrambi i fattori di stress sono legati alla guerra. Ho evidenziato in rosso quelli che emergono come una serie di rischi macroscopici, che potrebbero arrivare al culmine nei prossimi 6-18 mesi”.

complessità causata dal conflitto Russia-Ucraina

Molte crisi stanno colpendo tutte in una volta

Come notato da Tooze, ora affrontiamo una serie di sfide significative e a) ci stanno colpendo tutti in una volta e b) molti di loro si rafforzano e peggiorano a vicenda. Notevole è anche il fatto che c'è una grande incertezza associata ad alcuni di essi.

Quale potrebbe essere il potenziale pandemico delle nuove varianti di COVID? Il conflitto Russia-Ucraina si trasformerà in una guerra nucleare? Non c'è davvero modo di prevedere con precisione come andranno a finire quegli scenari. D'altra parte, alcune di queste forze compensano o migliorano altre ma, ancora una volta, è difficile prevedere la probabilità che si verifichino.

Nella tabella seguente, Tooze riassume i principali punti di crisi e la loro probabile influenza reciproca. Nota che si riferisce a queste interazioni come "del tutto provvisorie e altamente discutibili".

In effetti, alcuni dei suoi lettori sottolineano diverse influenze aggiuntive che potrebbero essere aggiunte al mix, come l'armamento del dollaro USA, il deplatforming della Russia dal sistema SWIFT, l'ingerenza degli Stati Uniti nel conflitto Russia-Ucraina, la spinta all'espansione NATO, consentendo alle agenzie sanitarie di dettare la politica economica e molto altro.

Tuttavia, l'analisi di Tooze, per quanto incompleta possa essere, può essere utile per coloro che sono disposti a riflettere sulle potenziali ramificazioni delle interazioni globali che potrebbero esserci di fronte nei prossimi sei-18 mesi.

Come interagiscono i rischi

Previsioni per il 2023-2024

Come spiegato da Tooze, la "policrisi" non è semplicemente la presenza di più crisi contemporaneamente. Piuttosto, è "una situazione... in cui il tutto è ancora più pericoloso della somma delle parti".4

Il motivo per cui l'insieme finisce per essere più pericoloso di qualsiasi combinazione di crisi messe insieme è il modo in cui si intensificano, si aggravano e si aggravano a vicenda in modo simbiotico. E, se Tooze ha ragione, potremmo trovarci nel bel mezzo di questa policrisi nei prossimi sei-18 mesi, o tra il 2023 e il 2024. Tooze spiega:5

“Quello che questa matrice ci aiuta a fare è distinguere i tipi di rischio in base al grado e al tipo della loro interconnessione. Il rischio di escalation nucleare si distingue per il fatto che non è influenzato in modo significativo da nessuno degli altri rischi.

Sarà deciso dalla logica della guerra e dal processo decisionale a Mosca e Washington. Una crisi alimentare non rende più, né meno probabile, un'escalation nucleare. D'altra parte, un'escalation nucleare farebbe, per non dire altro, un'escalation drammatica di molti degli altri rischi.

L'inflazione continua probabilmente fungerà da motore di molti altri rischi, ma tali rischi a loro volta (COVID, recessione, crisi del debito EZ sov) probabilmente ridurranno il rischio di inflazione.

Non direi che questa sia una previsione, ma mi spinge a pensare che l'inflazione sarà transitoria. La maggior parte dei grandi shock che possiamo aspettarci tendono ad avere un impatto deflazionistico.

Al contrario, una recessione sembra sempre più probabile, in parte perché l'effetto della maggior parte degli shock negativi che potremmo aspettarci – da COVID, aumento dell'inflazione o stallo fiscale al Congresso – puntano in quella direzione.

L'ovvio passo successivo è chiedersi se i circuiti di feedback nella matrice sono positivi o negativi. Quindi, ad esempio, una recessione rende più probabile una crisi del debito sovrano dell'Eurozona, che a sua volta scatenerebbe gravi pressioni deflazionistiche in tutta Europa.

Al contrario, l'inflazione sembra in effetti auto-calmante. Gli effetti che produce tendono piuttosto a smorzare l'inflazione che ad alimentare un'accelerazione. Almeno come ho specificato qui la matrice.

Una crisi globale della fame sembra allarmante, in parte perché tutti gli altri rischi maggiori aggraveranno il problema. Una crisi della fame, tuttavia, colpirà in gran parte le persone povere e impotenti nei paesi a basso reddito, quindi è improbabile che un feedback possa esacerbare una qualsiasi delle altre grandi crisi.

È un effetto di forze che operano altrove, piuttosto che esso stesso un motore di escalation. In questa misura la matrice diventa un modo per tracciare la gerarchia di potere dello sviluppo diseguale e combinato. Alcune persone ricevono shock. Altri li sfornano".

Prospettive a breve termine per l'economia statunitense

In un articolo del 1 luglio 2022, Substack,6 Tooze fa un tuffo più profondo nelle prospettive a breve termine per gli Stati Uniti in particolare. La Federal Reserve sta ora inasprindo la sua politica monetaria "più drasticamente che in qualsiasi momento dall'inizio degli anni '1980", mentre l'inflazione rimane "ostinatamente alta" allo stesso tempo.

La domanda nella mente di tutti è: siamo in una recessione e potrebbe peggiorare in una depressione? La recessione è quando un paese subisce un calo del prodotto interno lordo (PIL) per due trimestri consecutivi, mentre una depressione è caratterizzata da riduzioni più a lungo termine dell'attività economica.

Secondo il National Bureau of Economic Research, gli Stati Uniti erano ufficialmente in recessione a febbraio 2020.7,8 Quando l'economia è cresciuta del 5.7% nel 2021, è stato dichiarato un rimbalzo,9 ma poi il PIL è sceso nuovamente, prima di un tasso annuo dell'1.6% nel primo trimestre del 2022, seguito da un tasso negativo del 2.1% nel secondo trimestre,10 che ha messo tecnicamente gli Stati Uniti in territorio di recessione ancora una volta.

Tooze osserva che la maggioranza degli economisti è ottimista e prevede solo una lieve e temporanea recessione nel 2023, ma le prove in tempo reale non sembrano buone. A partire dall'inizio di luglio 2022, la spesa per consumi, gli investimenti interni, le richieste di mutui, il settore manifatturiero e i carichi ciclici delle ferrovie statunitensi sono tutti in calo, mentre l'inflazione e i tassi di interesse sono in aumento.11,12

Anche il sentimento dei consumatori, un'indicazione della fiducia delle persone nell'economia e della loro disponibilità a spendere, sta crollando a un ritmo record.13 Tooze conclude la sua recensione affermando:

“Tutto sommato, potresti dire che questa è una prospettiva cupa. E c'è chi è sempre più scettico sulla possibilità di un atterraggio morbido. Ma è sicuramente troppo presto per dirlo.

Se lo scopo del gioco è controllare l'inflazione provocando un rallentamento, allora le prove che stiamo vedendo, finora, sono esattamente ciò che cerchereste. Quello che resta da vedere è come interagiscono le diverse forze recessive e se si trasformano in condizioni meteorologiche davvero avverse".

Due strategie per rafforzare la tua resilienza

Anche se potremmo non essere in grado di prevedere con precisione quanto grave sarà la situazione, sembra prudente dire che stiamo tutti affrontando momenti difficili. Un fattore che Tooze non include in nessuna delle sue analisi è il fatto ormai evidente che alcune di queste crisi sono state fabbricate intenzionalmente, con l'obiettivo di rompere e smantellare i sistemi attuali per giustificare l'introduzione di sistemi completamente nuovi.

Il sistema finanziario e il sistema alimentare sono due esempi chiave in cui sembra essere in atto una decostruzione intenzionale. Fondamentalmente, ciò che le élite tecnocratiche che si credono i governanti del mondo intendono sostenere è che, poiché i sistemi non funzionano più, devono essere "ricostruiti meglio".

Tuttavia, i nuovi sistemi non porteranno in alcun modo, forma o forma a beneficio della popolazione in generale. Questo è vero a livello globale, non solo negli Stati Uniti. Questi nuovi sistemi, delineati sotto la bandiera di The Great Reset, sono sistemi schiavi che, una volta collegati in rete, formeranno una prigione digitale virtuale.

Ogni persona sul pianeta sarà sotto il loro controllo collettivo, poiché i tecnocrati possederanno tutto mentre al resto dell'umanità verranno assegnate risorse come cibo ed energia in base a criteri di obbedienza.

La buona notizia è che sempre più persone si stanno rendendo conto di ciò che questa cabala dello "stato profondo" sta facendo, e questo è un altro jolly che può capovolgere le cose e, si spera, ridurre l'impatto di alcune di queste crisi. Due strategie che possono rafforzare la resilienza individuale e locale allo stress che dobbiamo affrontare sono la creazione di sistemi alimentari locali14 e il rafforzamento delle connessioni di quartiere e comunità.

Costruendo un forte sistema alimentare locale, riduci l'insicurezza alimentare e costruendo una rete comunitaria di specialisti, riduci gli effetti di un sistema finanziario in rovina poiché puoi semplicemente barattare beni e servizi.

La coesione sociale offre anche molti benefici psicologici.15 Anche i sistemi alimentari locali e le reti comunitarie riducono la dipendenza degli individui dalle elemosine del governo e, per estensione, è meno probabile che siano costretti a entrare in questi nuovi sistemi di schiavi del Great Reset.

Come costruire un sistema alimentare locale

Come spiegato da Brian Williams, un ex pianificatore alimentare locale a Columbus, Ohio, in un articolo del 2017 su StrongTown,16 la costruzione di un forte sistema alimentare locale va oltre gli orti comunitari, i mercati degli agricoltori e le azioni dell'agricoltura sostenuta dalla comunità (CSA).

Sebbene questi siano gateway preziosi, non vanno abbastanza lontano. Fornisce diversi suggerimenti eccellenti per coloro che sono disposti a guidare un movimento alimentare locale nella propria città natale, inclusi i seguenti. Williams include molti altri suggerimenti, che puoi leggere nel suo articolo, ma questi sono alcuni di quelli centrali:17

· XNUMX€ Garantire impegni di acquisto locale da scuole, ospedali, college, ristoranti, negozi di alimentari locali e altre istituzioni — Tali impegni sono cruciali per lo sviluppo delle infrastrutture necessarie per un forte mercato alimentare locale.

Quando hai una domanda da grandi istituzioni, puoi quindi portare agricoltori, trasformatori di alimenti e distributori in una rete di filiera completa, poiché i contratti saranno abbastanza grandi da supportare tutti e rendere l'impresa finanziariamente sostenibile.

· XNUMX€ Richiedi il supporto di robot da cucina e distributori esistenti — Molte piccole imprese a conduzione familiare faticano a sbarcare il lunario e potrebbero essere più che disposte a entrare a far parte della tua rete locale. Due componenti chiave sono i macelli e le aziende di autotrasporti per distribuire il cibo da un luogo all'altro. Ma hai anche bisogno di robot da cucina in grado di lavare, confezionare e tagliare a dadini o tagliare il cibo.

· XNUMX€ Costruire una rete di agricoltori locali disposti a collaborare — I singoli agricoltori potrebbero non essere in grado di soddisfare le richieste di contratti di grandi dimensioni, ma unendo la produzione di più aziende potrebbe farlo.

· XNUMX€ Costruisci l'infrastruttura economica - Se alcuni servizi non sono disponibili, determina cosa è necessario e fai un appello alla comunità. Non si sa mai chi potrebbe essere disposto ad avviare un'azienda per soddisfare un bisogno locale.

Tieni presente che la produttività finanziaria è fondamentale per far funzionare un sistema alimentare locale. Tutti i soggetti coinvolti devono trarne vantaggio finanziario, altrimenti il ​​sistema non sarà sostenibile. La buona notizia è che una rete locale mantiene i soldi all'interno della comunità ed è più facile rimanere finanziariamente sostenibili quando nulla viene sottratto ai giocatori fuori dallo stato che non spendono i loro guadagni all'interno della tua comunità.

· XNUMX€ Costruire relazioni con funzionari della sanità pubblica locale, funzionari per lo sviluppo economico, rappresentanti legislativi e banchieri — Come notato da Williams, “i funzionari della sanità pubblica … regolano le attività locali legate al cibo. Se la loro regolamentazione sembra troppo rigida o irrealistica, gli esperti di sviluppo economico possono aiutare a chiarire i dettagli e cercare altre opportunità.

Le banche alimentari hanno già camion e sono possibili partner nelle sfide della distribuzione. I banchieri hanno soldi da prestare agli agricoltori che vogliono espandersi, ai distributori che hanno bisogno di un altro camion e ai trasformatori che stanno crescendo per soddisfare la domanda".

Fonti e riferimenti

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

5 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] Fonte: "Polycrisis Of Doom": la madre di tutte le guerre della tecnocrazia per conquistare il mondo […]

dickens fangoso

"Ogni persona sul pianeta sarà sotto il loro controllo collettivo, poiché i tecnocrati possederanno tutto mentre al resto dell'umanità verranno assegnate risorse come cibo ed energia in base a criteri di obbedienza...".

Eff off globalisti. Io N—E—V—E—R—mi tirerò al tuo fascismo. Questo è SEMPRE e in sempre

Psico dei media op

Qui qui. Una vita senza libertà non è una vita, è schiavitù.

[…] Leggi di più: “Polycrisis Of Doom”: la madre di tutte le guerre della tecnocrazia […]

Psico dei media op

Odio essere una Debbie Downer, ma la realtà è che i globalisti stanno vincendo perché controllano la narrativa. Se le onde aeree non possono dire alla gente la verità, allora gli idioti non capiranno mai cosa sta succedendo e si alzeranno e lo fermeranno. 7.5 miliardi di persone contro poche migliaia di globalisti e globalisti stanno vincendo semplicemente perché solo il 15% della popolazione ha la curiosità intellettuale o il buon senso per mettere in discussione cose che non hanno senso e fare le proprie ricerche. Quello a cui stiamo assistendo è il culto di Jim Jones su scala globale. È praticamente impossibile... Per saperne di più »