La grande lotta si fa mentre i legislatori considerano la legge nazionale sulla privacy

Wikimedia Commons
Per favore, condividi questa storia!
Alcuni legislatori stanno diventando saggi nelle richieste di Big Tech per l'autoregolamentazione delle questioni relative alla privacy e stanno mettendo i cittadini al primo posto. Poiché i tecnocrati accumulano compulsivamente dati, combatteranno contro qualsiasi restrizione alla raccolta dei dati. Questo sarà un vero banco di prova per Tecnocrazia contro Repubblica Costituzionale. ⁃ TN Editor

L'industria tecnologica e i gruppi di consumatori si stanno preparando per una lotta mentre i legislatori iniziano a considerare se redigere una legge nazionale sulla privacy.

La spinta a convincere il Congresso ad attuare gli standard federali sulla privacy sta acquisendo nuova urgenza dopo che la California ha approvato quella che è considerata la legge sulla privacy più severa della nazione questo giugno. La misura obbliga le aziende a essere più trasparenti su ciò che fanno con i dati dei consumatori e offre agli utenti un controllo senza precedenti sulle loro informazioni personali.

Ma la legge della California ha suscitato preoccupazioni nel settore tecnologico, che teme di dover rispettare un mosaico di diverse normative statali.

Ora i gruppi industriali stanno spingendo il Congresso a approvare una legge nazionale sulla privacy che impedirebbe agli stati di applicare i propri standard.

I sostenitori della privacy sono scettici rispetto alle proposte del settore e temono che i giganti di Internet cooptino il processo al fine di ottenere protezioni più deboli rispetto allo standard della California implementato in tutto il paese.

“Non vogliono un controllo efficace. Non vogliono una regolamentazione delle loro pratiche commerciali, che è davvero urgente ”, ha detto a The Hill Jeff Chester, direttore esecutivo del Center for Digital Democracy (CDD). "Lavoreranno dietro le quinte per modellare la legislazione che non proteggerà gli americani dal fatto che tutte le loro informazioni vengano regolarmente raccolte e utilizzate da questi giganti digitali".

"Vedono la legge federale come un'opportunità per impedire regole più forti", ha aggiunto.

La prossima settimana, i dirigenti di Google, Apple, AT&T e altre importanti società tecnologiche e di telecomunicazioni testimonieranno davanti al Comitato del Commercio del Senato come presidente repubblicano del panel, Sen. John Thune (SD), si prepara a introdurre una nuova legge sulla privacy.

I gruppi di consumatori temono che all'udienza vengano ascoltate solo voci di settore e che le società di Internet avranno un ruolo fuori misura nel definire la legislazione. Ora chiedono un posto al tavolo.

Mercoledì, una coalizione di gruppi di interesse pubblico tra cui il CDD, l'American Civil Liberties Union e l'Electronic Privacy Information Center ha inviato una lettera a Thune chiedendogli di garantire che i consumatori abbiano voce in capitolo.

"Mentre non abbiamo alcuna obiezione alla partecipazione di gruppi di imprese alle audizioni del Senato sulla privacy dei consumatori, il primo istinto del Senato dovrebbe essere quello di ascoltare l'opinione pubblica americana su questi importanti temi", si legge nella lettera.

Frederick Hill, un portavoce del comitato, ha detto a The Hill in una e-mail che il panel terrà più audizioni sulla questione.

"Per la prima udienza, il comitato sta portando aziende che la maggior parte dei consumatori riconosce per rendere più comprensibile la discussione sulla privacy", ha affermato Hill. "Prevediamo che ci saranno opportunità per altre voci in future audizioni sull'argomento".

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti