Nuova agenda economica urbana: come localizzare, socializzare e democratizzare l'economia

Per favore, condividi questa storia!

La globalista London School of Economics offre una triste scelta per le città: se non stai pranzando al tavolo della New Urban Agenda, allora SEI il pranzo. La tecnocrazia e lo sviluppo sostenibile stanno trasformando l'economia globale, che è principalmente guidata dalle città.  Editor TN

Tutto deve passare e il modello economico urbano dominante degli ultimi anni sta iniziando a scricchiolare, e una nuova agenda progressista sta minacciando di sostituirlo. Alla base c'è un rifiuto dell'economia liberale, un interrogatorio sulla politica economica urbana e il desiderio di riorganizzare le nostre economie cittadine: la giustizia sociale e la sostenibilità ambientale non sono solo speranze ma obiettivi centrali.

Gli investimenti globali, l'agglomerazione, la proprietà e la finanziarizzazione non stanno offrendo socialmente. In questo, il nuovo movimento sta lavorando per distribuire l'economia e ampliare il potere su di essa. Questo non è teorico: l'agenda è pratica, viva e in crescita. Come ha affermato la teorica politica Hannah Arendt: "la politica si basa sul fatto della pluralità umana". E stiamo assistendo a una nuova pluralità di azioni esemplificata da movimenti comunisti (cioè Barcellona) e da nuove reti globali come "Città senza paura". Si tratta di costruzione della ricchezza della comunità nel Regno Unito e in Europa dal Centro per le strategie economiche locali (CLES) e  Democracy Collaborative negli Stati Uniti. Si estende all'innovazione sociale, come esemplificato in buone economie cittadine. Si tratta di scatenare attività in giro economia fondamentale, energia comunale, finanza locale, cooperative, attività bancarie comunitarie e laboratori favolosi.

Purtroppo nel Regno Unito, e in particolare in Inghilterra, molte delle nostre città sono dietro la curva. Negli ultimi anni di 8, sotto il dominio dell'austerità, molti hanno riposto molta fiducia cieca ed eccessiva fiducia nella politica economica liberale urbana della devoluzione delle città, dell'economia degli agglomerati e boomgoggling politiche di crescita. Ora è ovvio che le ortodosse di sviluppo dell'imprenditorialità urbana a favore dello sviluppo stanno fallendo socialmente. L'aumento di ricchezza sta fluendo verso il già ricco o estratto da investitori esterni. Un approccio che ha promesso e prodotto la "classe creativa", il consumo nel centro della città e i nuovi splendidi edifici della vita urbana ha, in egual misura, prodotto un approfondimento delle disuguaglianze e l'indurimento della povertà. Questo difetto non è una novità: è evidente da decenni in tutto il mondo. Eppure, in Inghilterra, gli fu data una nuova e tardiva locazione di vita dall'economia liberale del Tesoro, incorniciata da un'austerità pubblica senza precedenti.

Questa agenda negligente dal punto di vista sociale e ambientale è debole di fronte alla sfida ed è sempre più fuori contatto con l'umore pubblico. Come lieve antidoto, abbiamo assistito all'aumento dell'agenda della "crescita inclusiva" e possiamo aspettarci azioni lodevoli come le carte volontarie per l'impiego (spesso senza denti), l'aumento della filantropia aziendale, un migliore accesso ai posti di lavoro e programmi di miglioramento delle competenze. Tutte queste sono cose decenti, ma irrimediabilmente deboli, vista la portata della sfida. Non illudiamoci, piccoli aggiustamenti sociali non controlleranno il colosso economico liberale urbano. La crescita inclusiva può riconoscere il problema, ma evita di sfidare la concentrazione di ricchezza o di costruire giustizia sociale. La crescita inclusiva non è una riorganizzazione socialmente giusta dell'economia, è "prendiamo la nostra torta e mangiamola" - e come tale è irrealistico. Naturalmente, gli investimenti globali e la competitività all'interno dell'economia globale sono importanti, ma dobbiamo anche affrontare le dure realtà del presente.

Innanzitutto, declino economico. Con l'incertezza economica globale e la Brexit in corso, è altamente probabile che le aree lotteranno economicamente più di quanto si possa prevedere in modo ottimistico (ovvero il Greater Manchester Spatial Framework è basato sulla crescita annuale 2.5% in VGA fino a 2035). Questo è ambizioso ma sfrenatamente ottimista. Dobbiamo essere sensibili e costruire la resilienza economica e avere meno fiducia cieca nella crescita e nella ricchezza per portare i dividendi sociali promessi. Il futuro è garantire che le strategie industriali ed economiche bilancino il ritorno finanziario e sociale e che un nuovo narrativa sociale delle città è permesso sviluppare tempo e spazio.

In secondo luogo, i cambiamenti tecnologici inducono un cambiamento nella ricchezza. La rivoluzione tecnologica e l'accelerazione dell'automazione stanno accelerando un passaggio di lunga data dalla ricchezza attraverso l'occupazione alla ricchezza attraverso il ritorno degli investimenti. L'automazione significa sempre più che i lavori di produzione con competenze medio-basse scompariranno. Pertanto, o condanniamo di più il lavoro poco retribuito, robotico e insicuro oppure riorganizziamo l'economia. La protezione del posto di lavoro deve essere ripristinata e il ritorno finanziario sugli investimenti deve essere ampliato e approfondito, non limitato da pochi. Il compito è chiaro: ora dobbiamo costruire più forme di investimento municipale di proprietà democratica e veicoli di ritorno, e far avanzare le forme di proprietà che cercano di catturare e ampliare i guadagni di ricchezza (cioè le cooperative).

In terzo luogo, i punti di forza locali. Scegli qualsiasi strategia economica locale inglese e metterà in evidenza l'importanza della produzione avanzata, della biotecnologia, dei settori digitali e delle competenze elevate. Non vi è dubbio che questi saranno settori chiave in futuro e devono essere sviluppati a ritmo. Ma la natura feroce della competizione economica globale significa che questi obiettivi sono condivisi da centinaia di città in tutto il mondo avanzato. Dobbiamo essere più intelligenti e meno generici. In molte regioni della città inglese, le opzioni economiche più realizzabili sono le industrie sociali e creative esistenti e l'impresa locale. Le città devono investire in infrastrutture sociali e imprese sociali e, soprattutto, sostenere l'attività delle piccole imprese indigene.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti