Technocracy Rising: il World Economic Forum annuncia la "Coalizione globale per la sicurezza digitale"

Wikimedia Commons
Per favore, condividi questa storia!
Internet è diretto verso la censura totale dei contenuti "non autorizzati" e degli individui che consumano o producono tali contenuti. Una volta identificato come "non sicuro", potresti essere bandito dalla presenza su Internet, negando l'accesso a e-mail e account online. Editor TN

Il WEF collabora con Big Tech e governi per sorvegliare Internet, incoraggiare "un'azione coordinata" contro voci non autorizzate ritenute "dannose" per la psiche collettiva.

Il Forum economico mondiale annunciato l'29 giugno avvierà una nuova "partnership pubblico-privato" con Big Tech e i governi di tutto il mondo per identificare e sradicare tutte le opinioni da Internet che considera "dannose".

Il WEF è una di quelle organizzazioni elitarie che esercita un'enorme influenza sui leader eletti delle nazioni occidentali, ma di cui quasi nessuno nella popolazione generale ha sentito parlare.

I suoi membri sono capi aziendali e tecnocrati internazionalisti che si incontrano una volta all'anno a Davos con l'obiettivo dichiarato di lavorare per "dare forma alle agende globali, regionali e industriali".

Ha fatto un grande successo l'anno scorso con il suo "Great Reset" altamente pubblicizzato, che promette di utilizzare la pandemia come "opportunità" per far crollare il sistema economico capitalista basato sul dollaro del mondo e "ricostruire meglio" sotto un più socialista e globale sistema integrato che rispecchia gli obiettivi dell'Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile.

Qualsiasi politico che senti usare il termine "ricostruire meglio" [Biden-Harris-Trudeau-Johnson ripetono questo mantra ogni giorno] sai ha bevuto il velenoso Kool-Aid del World Economic Forum e del suo fondatore, Klaus Schwab [nella foto qui sotto].

L'ultima impresa di Schwab è la cosiddetta “Coalizione globale per la sicurezza digitale" che consiste di dirigenti di Big Tech e funzionari governativi con l'obiettivo di creare un "quadro globale" per regolare il discorso su Internet, cancellandolo dai cosiddetti "contenuti dannosi".

[Non ho potuto fare a meno di pensare al Comitato di pubblica sicurezza tche ha condotto il regno del terrore durante la Rivoluzione francese.]

E chi può definire cosa è "dannoso"? Ebbene, la coalizione globale istituita dall'elitario WEF, naturalmente!

Il "contenuto” dannoso presi di mira da questa Coalizione globale per la sicurezza digitale, puoi scommetterci, sarà fatto su misura per intrappolare coloro che sostengono un governo limitato, i valori tradizionali e la libertà individuale. Quelli di noi che credono ancora in queste cose non saranno inclusi nella definizione del WEF di "inclusivo", "uguaglianza" o "diversità".

"La Global Coalition for Digital Safety è una piattaforma pubblico-privata per la cooperazione globale e multi-stakeholder per sviluppare innovazioni e far avanzare collaborazioni che affrontano contenuti dannosi e comportamenti online", afferma il WEF sul suo sito web.

Microsoft ha immediatamente annunciato di essere d'accordo con il piano del WEF di soffocare la libertà di parola su Internet.

Il responsabile della sicurezza digitale di Microsoft Courtney Gregoire ha dichiarato:

"La tecnologia offre strumenti per imparare, giocare, connettersi e contribuire a risolvere alcune delle più grandi sfide del mondo. Ma i danni alla sicurezza digitale rimangono una minaccia per queste possibilità. Poiché il World Economic Forum è in una posizione unica per accelerare la collaborazione pubblico-privato necessaria per far progredire la sicurezza digitale a livello globale, Microsoft è desiderosa di partecipare e aiutare a costruire soluzioni per l'intera società a questo problema dell'intera società".

Facebook sembra anche entusiasta di iniziare a trovare nuovi modi per convincere gli utenti a iniziare a pensare di consegnare i loro amici per pensieri sbagliati. Il gigante dei social media ha iniziato a inviare messaggi criptici ad alcuni utenti che recitano quanto segue:

"Sei preoccupato che qualcuno che conosci stia diventando un estremista?"

Guarda lo screenshot qui sotto che un utente ha ricevuto da Facebook oggi, 1 luglio, e inviato a questo giornalista.

Questo programma si adatta perfettamente alla retorica che è uscita da Washington da quando Biden ha rivendicato la presidenza.

Biden e il suo procuratore generale, Merrick Garland, colgono ogni occasione per parlare di "estremisti" di destra come "la più grande minaccia alla nostra democrazia". Questa è una tecnica di propaganda classica utilizzata per trasformare il sentimento pubblico contro un gruppo demografico mirato. I nazisti lo perfezionarono, usando i media per incolpare tutti i problemi della Germania sugli ebrei prima che iniziassero effettivamente a radunarli e farli sparire.

La fase successiva di questo piano malvagio è incoraggiare gli americani a... trasformarsi l'un l'altro alla polizia del pensiero online. Cosa succede dopo, dopo che uno è stato segnalato a Facebook, Google o Microsoft? I giganti della tecnologia consegneranno gli accusati di crimini mentali dai loro "amici" e "seguaci" online all'FBI politicizzato di Biden? Funziona esattamente così in Cina.

I lettori di questo blog sanno che la Cina è il modello propagandato da chi crede nel Grande Reset. Ora i loro piani sono stati resi pubblici sul sito Web del World Economic Forum con questo annuncio della loro Global Coalition for Digital Safety.

Il WEF afferma:

“Con la crescente sfida per contrastare la disinformazione sanitaria, i contenuti estremisti violenti e terroristici e lo sfruttamento dei bambini online, c'è un urgente bisogno di un coordinamento globale più deliberato per migliorare la sicurezza digitale.

“La Global Coalition for Digital Safety mira ad accelerare la cooperazione pubblico-privato per affrontare i contenuti dannosi online e servirà a scambiare le migliori pratiche per nuove normative sulla sicurezza online, intraprendere azioni coordinate per ridurre il rischio di danni online e promuovere la collaborazione su programmi per migliorare l'alfabetizzazione mediatica digitale”.

Nella citazione sopra, nota come subdolamente il WEF raccolga i diffusori di "disinformazione sanitaria" - che sarebbe chiunque esprima reticenza su programmi sperimentali di vaccinazione di massa, blocchi COVID, uso obbligatorio di maschere, ecc. - con estremisti violenti, terroristi e trafficanti di bambini . Come intelligente.

Il WEF ha l'audacia di affermare che la sua coalizione sarà "imparziale" nel controllare Internet. Questa è la stessa organizzazione gestita da Schwab, che afferma apertamente che la pandemia dovrebbe essere sfruttata come una "finestra unica di opportunità" per cambiare radicalmente il modo in cui le persone vivono, lavorano, fanno affari e si inseriscono nella società.

"Il Forum è in una posizione unica per sfruttare la sua piattaforma imparziale e il potere di convocazione per guidare la cooperazione pubblico-privato tra le principali parti interessate focalizzate sul miglioramento della sicurezza online", afferma il WEF nel suo comunicato sulla nuova coalizione.

Il WEF si propone come arbitro globale che definisce termini come "contenuto dannoso" e "disinformazione". Si lamenta inoltre del fatto che i canali di social media crittografati come Telegram e Signal siano in grado di consentire agli utenti di comunicare senza censura e spionaggio.

Ecco le sue raccomandazioni per "aree chiave di interesse che ora richiedono un'azione coordinata" da parte dei governi e dei loro alleati Big Tech:

1. Condividi le migliori pratiche sugli standard di sicurezza: Scambiare conoscenze su politiche e pratiche per migliorare la sicurezza online, considerando le politiche sui contenuti, i rimedi, i rapporti sulla trasparenza, l'uso dei dati e le nuove tecnologie

2. Affrontare l'equilibrio tra privacy e sicurezza: Condividere le migliori pratiche per affrontare la crescente tensione tra privacy e sicurezza poiché i contenuti dannosi sui canali crittografati rischiano di eludere il rilevamento

3. Concorrenza di mercato: Promuovere un migliore allineamento tra le normative incentrate sulla sicurezza e sulla concorrenza per favorire l'innovazione del mercato e consentire la scelta dei consumatori

4. Cooperazione intergiurisdizionale sui contenuti: Consentire azioni sui contenuti che abbracciano le giurisdizioni e richiedono un maggiore coordinamento tra i paesi (ad es. contenuti creati in una contea ma che causano danni in un'altra)

5. Allineamento di definizione: Supporta il lavoro su definizioni coerenti per le categorie di contenuti, come l'autolesionismo e il cyberbullismo, per consentire l'applicazione, la segnalazione e la misurazione standardizzate in tutte le regioni.

Se il COVID ci ha insegnato qualcosa, è che le piattaforme di social media Big Tech, in combutta con le élite del potere globale, hanno definito per noi ciò che è permesso e non è permesso dire su Internet.

I post che sfidano la narrativa ufficiale sul virus e il modo migliore per rispondere ad esso sono stati immediatamente censurati, etichettati con avvertimenti volti a screditare i post o rimossi tutti insieme.

La ragione più tipica di tale censura era che questi post "violavano gli standard della comunità", che consistono in un legalese misterioso e vagamente formulato che nessuno legge.

Le grandi società tecnologiche stanno anche lavorando sempre più di concerto con i governi di tutto il mondo, inclusi gli Stati Uniti e il Partito Comunista Cinese al potere in Cina, per regolamentare ciò che le persone possono vedere su Internet.

Ma tutto questo controllo sul libero flusso di informazioni non è sufficiente per alcune delle élite del potere globale.

Ora sono pronti a portare le loro tattiche della Gestapo al livello successivo.

Vogliono metterci l'uno contro l'altro.

Non lasciare che lo facciano.

Ora è il momento per tutti i patrioti amanti della libertà nelle nazioni di tutto il mondo di svegliarsi, sollevarsi, riconoscere queste tattiche come divisive e antiumane e unirsi contro questo pernicioso gruppo di predatori globali.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
15 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Marshall Lentini

"Ora è il momento per tutti i patrioti amanti della libertà nelle nazioni di tutto il mondo di svegliarsi, sollevarsi, riconoscere queste tattiche come divisive e antiumane e unirsi contro questo pernicioso gruppo di predatori globali”.

Non succederà. Governami più forte, papà, è il nuovo credo delle masse sradicate.

Orwell88

Purtroppo tutto quello che hai scritto è azzeccato. Come combattiamo questo "Sistema Bestia" della fine dei tempi con lo stesso "Sistema" in cui opera? Internet e la tecnologia moderna sono secondo me la soluzione all'illustre piano di potere e controllo globale di Satana. In quale altro modo avrebbe tenuto d'occhio tutti i cittadini? Quello che dobbiamo fare è uscire dal sistema. Togliti dalla rete e “stacca la spina” Ho comprato libri e collezionato e stampato molto materiale sovversivo e anticomunista. Il Signore mi ha messo nel cuore di farlo per ovvie ragioni. Il problema però... Per saperne di più »

Ren

Un sacco di stupidi idioti adorano questo incubo. Vogliono un governo brutale e totalitario. Tutti i democratici sono contenti di questo inferno in terra. Dimostrando che non sono affatto esseri umani. Gli esseri umani sperimentano la solitudine. I democratici no. Odiano i volti e i sorrisi umani. Sono impermeabili alla tortura psicologica perché non hanno sofferto nulla durante i blocchi a livello emotivo. I democratici non hanno veri amici o persone care. Un branco di narcisisti superficiali e pavoneggianti che sarebbero felici di trascorrere il resto della loro vita in isolamento, tagliati fuori dal contatto umano. Pubblicare selfie su Instagram. Non è affatto umano. Xuckerberg non deve preoccuparsi... Per saperne di più »

Ultima modifica 6 mesi fa di Ren

[…] Technocracy Rising: World Economic Forum annuncia la "Coalizione globale per la sicurezza digitale" […]

[…] Leggi questo e inizia a prepararti per come sarà il tuo piano B! https://www.technocracy.news/technocracy-rising-world-economic-forum-announces-global-coalition-for-… […]

Wayne Cunningham

Assicurati di avere Gesù nel tuo cuore. Non temere perché Dio ha ancora il controllo. Quando arriverà il giudizio, e accadrà, molte di queste cosiddette élite che non credono che Dio esista e odia i cristiani saranno duramente deluse e perderanno tutto ciò che hanno ottenuto ingannando e calpestando le persone. Prega per loro che vedranno che Gesù è la risposta a tutti i problemi e confessare che è il Signore e il Salvatore garantirà la vita con Lui per l'eternità invece dell'eternità nel Lago di Fuoco.

americano

Questo è il comunismo 101.

[…] Technocracy Rising: World Economic Forum annuncia la "Global Coalition for Digital Safety": il World Economic Forum ha annunciato il 29 giugno che avvierà una nuova "partnership pubblico-privato" con Big Tech e i governi di tutto il mondo per identificare e sradicare tutte le opinioni da Internet che considera "dannoso". […]

[…] Technocracy Rising: World Economic Forum annuncia la "Coalizione globale per la sicurezza digitale" […]

Elle

E, alcune persone, anche persone dell'alt-media, non "credono" che ci sia un gruppo predatore di individui collegati tramite la genetica e/o l'ideologia in collusione per forzare le loro opinioni/desideri/controllo sull'umanità nel nuovo Corona World Order loro costruito nel 2020? Dai un'occhiata alle parole usate qui. Questa è veramente una dichiarazione nazista, fascista in ogni modo, e una messa a punto per gli stupidi che non sanno leggere e comprendere la verità, rendendo il resto di noi gli ebrei del futuro. “Con la crescente sfida per contrastare la DISINFORMAZIONE sanitaria, l'ESTREMISMO violento e i CONTENUTI TERRORISTICI e lo SFRUTTAMENTO dei BAMBINI online, c'è un... Per saperne di più »

[…] e il potenziale per l'anonimato su Internet in generale, collegando i documenti d'identità rilasciati dal governo all'accesso a Internet. Ciò consentirebbe di sorvegliare ogni contenuto online a cui si accede, così come ogni […]