Il piano smart della Cina per rafforzare la sorveglianza

Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print

L'onnipresente sorveglianza cinese unisce software di riconoscimento facciale e intelligenza artificiale per tracciare le "persone di interesse" che potrebbero rappresentare una minaccia per la vita della città. Ciò include un'analisi pre-criminale sofisticata che dovrebbe individuare i criminali prima che agiscano. La Cina è il leader globale nell'implementazione della tecnocrazia. Editor TN

A ovest di Pechino c'è un minimarket che non è gestito dallo staff, ma da una tecnologia digitale artificialmente intelligente.

Il negozio "Eatbox" si trova in un affollato centro commerciale e non è più grande di una cassa di spedizione.

I clienti per la prima volta usano il telefono per scansionare un codice a barre all'ingresso, quindi caricare un selfie nel database dei negozi. In meno di un minuto il volto del cliente viene registrato online e possono entrare stando di fronte all'ingresso.

Un sistema di riconoscimento facciale apre la porta, consentendo al cliente di entrare.

I prodotti scelti vengono quindi scansionati e pagati tramite telefono cellulare. Se un cliente non riesce a pagare la porta di uscita si rifiuterà di aprire.

L'acquirente Hu Guanxiong afferma che è più efficiente dei normali negozi.

"L'intera esperienza di acquisto è molto rapida. Scegli i tuoi articoli, paga e vai. Non c'è molto da aspettare o preoccuparsi dei soldi. "

Ora una tecnologia simile viene applicata a intere città. La Cina prevede di trasformare i centri urbani 500 in "città intelligenti" entro la fine di quest'anno.

"Le città intelligenti utilizzano le ultime tecnologie per comprendere, catturare e acquisire dati urbani complessi e strutturarli in modo tale da fornire maggiori informazioni a leader e cittadini e consentire loro di prendere decisioni migliori", spiega Walter Fang, direttore esecutivo Vicepresidente di iSoftstone, una società di computer con sede a Pechino che progetta sistemi urbani intelligenti per il governo.

Secondo le città intelligenti della Cina, i dati relativi a tutto, dall'amministrazione comunale, alla gestione dei rifiuti, al trasporto e al monitoraggio dell'inquinamento, saranno centralizzati e accessibili dal governo attraverso un "centro operativo intelligente", una sala con enormi schermi che dettagliano informazioni utili e ricercabili.

"In passato, tutte queste informazioni raccolte attraverso telecamere diverse, sensori o rivelatori diversi erano come silos di informazioni. Ad esempio dati sul traffico o sul tempo. Queste informazioni diventano più preziose quando sono integrate ", ha affermato Fang.

Un aspetto cruciale del piano delle città intelligenti è il miglioramento della sicurezza pubblica mediante l'installazione di reti di "telecamere intelligenti".

La start-up di Beijing Tech SenseTime sviluppa telecamere di sorveglianza che non solo identificano le persone, ma tracciano anche la loro posizione in tutta la città e avvisano la polizia di comportamenti sospetti.

“In tutto il mondo ci sono circa 250 milioni di telecamere di sicurezza e in precedenza erano tutte monitorate da una persona. Ma le nostre tecnologie possono superare la precisione umana nel riconoscimento facciale e nella classificazione degli oggetti ", ha dichiarato Xu Li, CEO di SenseTime.

"In questo modo le nostre telecamere possono identificare meglio le" persone di interesse "per aiutare la gestione della città."

Il corrispondente della tecnologia Bloomberg di Pechino, David Ramli, afferma che il governo cinese vuole installare quante più telecamere intelligenti possibile per ridurre l'onere per gli enti di pubblica sicurezza.

"Questo permette loro di rintracciare quante più persone possibile con meno uomini e meno soldi."

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Avatar
Sottoscrivi
Notifica