NAU rinasce come "partenariato nordamericano per il clima, l'energia pulita e l'ambiente"

Youtube
Per favore, condividi questa storia!

Nel disperato tentativo di stabilire una tecnocrazia globale prima che le persone si sollevino e le fermino fredde sulle loro tracce, l'élite globale sta facendo una rinnovata spinta per rianimare e stabilire l'Unione nordamericana che è stata tentata sotto George Bush in 2005-6.

Il presidente Obama ha incontrato questa settimana il primo ministro canadese Justin Trudeau e il presidente messicano Enrique Peña Nieto per formare un nuovo "piano d'azione di partenariato" modellato sul piano radicale per l'energia pulita di Obama.

Secondo la dichiarazione dei leader,

“Le nostre azioni per allineare le politiche climatiche ed energetiche proteggeranno la salute umana e contribuiranno a creare condizioni di parità per il nostro imprese, famiglie e lavoratori. In riconoscimento dei nostri stretti legami e della visione condivisa, ci impegniamo oggi per un ambizioso e duraturo partenariato nordamericano per il clima, l'energia pulita e l'ambiente che ci pone fermamente sulla strada per un futuro più sostenibile ". [Enfasi aggiunta]

È chiaro che gli obiettivi di base di 2005 rimangono gli stessi: integrare e armonizzare le tre nazioni per il bene di imprese, famiglie e lavoratori.

Questo scrittore ha prodotto diversi documenti autorevoli nel 2005/2006 che confutavano l'Unione nordamericana e il cosiddetto "partenariato per la sicurezza e la prosperità". Nel Verso un'Unione nordamericana, Ho spiegato la storia completa degli Accordi e degli eventi che hanno portato a quel rifiuto storico che ha costretto la chiusura del sito Web SPP e il totale abbandono dell'agenda.

Nel 2006, i "Tre Amigos" erano George Bush, Vincente Fox e Stephen Harper. Oggi sono Obama, Nieto e Trudeau. Stessa agenda, volti diversi.

Questo nuovo partenariato è anche in particolare abbinato all'accordo di libero scambio nordamericano (NAFTA) del 1992, in quanto "liberalizza" le regole di origine per molti prodotti, compresi i prodotti siderurgici e agricoli. Il trasporto di merci viene affrontato anche promettendo di portare "carburante diesel a bassissimo tenore di zolfo e veicoli pesanti di livello mondiale".

Più le cose cambiano, più rimangono le stesse. Possiamo solo sperare che le proteste di americani, canadesi e messicani chiudano questo sforzo attuale per creare un super-stato dell'Unione nordamericana.

Il testo completo del documento Whitehouse.gov è presentato di seguito.

Piano d'azione per il partenariato per il clima, l'energia pulita e l'ambiente in Nord America

Washington, DC– (ENEWSPF) - 29 giugno 2016. Il partenariato nordamericano per il clima, l'energia e l'ambiente è stato annunciato dal primo ministro Justin Trudeau, dal presidente Barack Obama e dal presidente Enrique Peña Nieto il 29 giugno 2016 al North American Vertice dei leader a Ottawa, Canada. Questo piano d'azione identifica i risultati da raggiungere e le attività che i tre paesi devono perseguire nell'ambito di questo duraturo partenariato.

Promuovere energia pulita e sicura

Promuovere l'energia pulita e l'integrazione delle risorse energetiche, comprese le energie rinnovabili:

  • Sforzarsi di raggiungere un obiettivo per il Nord America di 50% di generazione di energia pulita da parte di 2025, comprese le tecnologie di cattura e stoccaggio rinnovabili, nucleari e di carbonio, nonché la riduzione della domanda attraverso l'efficienza energetica, con azioni intraprese da ciascun paese individualmente per raggiungere questo obiettivo regionale essere conformi alle proprie condizioni, quadri giuridici specifici e obiettivi nazionali per l'energia pulita.
  • Promuovere lo sviluppo e la diffusione dell'energia pulita (comprese le tecnologie di cattura e stoccaggio di energia rinnovabile, nucleare e di carbonio).
  • Supportare lo sviluppo di progetti di trasmissione transfrontaliera, anche per l'elettricità rinnovabile. I tre paesi riconoscono l'importante ruolo che le linee di trasmissione transfrontaliere possono svolgere nella pulizia e nell'aumento dell'affidabilità e della flessibilità della rete elettrica del Nord America. Almeno sei linee di trasmissione attualmente proposte o in fase di revisione, come la Great Northern Transmission Line, la New England Clean Power Link e la Nogales Interconnection, aggiungerebbero circa 5,000 megawatt (MW) di nuova capacità di trasmissione transfrontaliera.
  • Studiare, identificare e attuare congiuntamente le opzioni per un'ampia integrazione del sistema energetico, compreso il completamento della seconda parte della Quadriennale dell'Energia incentrata su una revisione completa del sistema elettrico. Inoltre, sviluppa il North American Renewable Integration Study
  • Maggiore collaborazione trilaterale per incoraggiare l'inverdimento delle iniziative del governo e l'acquisto di prodotti più efficienti, energia più pulita e veicoli puliti, a seconda dei casi. L'amministrazione dei servizi generali degli Stati Uniti, i servizi pubblici e gli appalti canadesi annunciano l'intenzione di aumentare la percentuale di elettricità che acquistano da fonti di energia pulita a 100% di 2025.
  • Una maggiore collaborazione trilaterale per incoraggiare l'inverdimento delle iniziative del governo attraverso lo scambio continuo e la cooperazione tra paesi per condividere e sfruttare metodologie, strumenti, analisi e lezioni appresi per migliorare ulteriormente la sostenibilità delle nostre operazioni federali.

Migliorare l'efficienza energetica:

  • Allineare e migliorare ulteriormente gli standard di efficienza degli apparecchi e delle apparecchiature. Ci impegniamo ad allineare sei standard di efficienza energetica o procedure di test per le apparecchiature entro la fine di 2017 e un totale di dieci standard o procedure di test entro la fine di 2019.
  • Promuovere l'efficienza industriale e commerciale per ridurre il consumo di energia e aumentare la competitività attraverso lo standard di prestazione energetica ISO 50001 volontario e impegnarsi a fissare un obiettivo comune per l'assorbimento ISO 50001 da parte di 2017.
  • Lavorare in modo collaborativo per identificare almeno un importante partner industriale per pilotare l'adozione di ISO 50001 lungo tutta la sua catena di approvvigionamento, enfatizzando le risorse tecniche a supporto del successo di questa strategia per le piccole e medie imprese (PMI) nella regione.

Accelerare l'innovazione dell'energia pulita e promuovere la cooperazione in materia di informazioni sull'energia:

  • Sfruttare la partecipazione a Mission Innovation identificando iniziative comuni di ricerca e dimostrazione per promuovere tecnologie pulite in settori prioritari quali: riduzione delle emissioni di metano; cattura, utilizzo e stoccaggio del carbonio; reti elettriche e accumulo di energia; nonché condizionamento degli spazi ed efficienza energetica negli edifici.
  • Attraverso il piano di lavoro sulla competitività nordamericana, portare avanti un'iniziativa di partenariato nordamericano per l'energia pulita per sostenere lo sviluppo di collegamenti tra le società di tecnologia dell'energia pulita, con particolare attenzione alle PMI, e promuovere l'uso e l'esportazione di energia pulita e tecnologia ambientale nordamericana.
  • Ulteriore collaborazione anticipata sulla piattaforma di cooperazione nordamericana sull'informazione energetica, includendo ulteriori informazioni geospaziali relative alle infrastrutture transfrontaliere, mappe statiche delle risorse solari, un catalogo di risorse di energia rinnovabile e aggiornamenti pertinenti al glossario terminologico.

Rafforzare l'affidabilità, la resilienza e la sicurezza della rete elettrica nordamericana:

  • Basandosi sull'esperienza statunitense-canadese, il Messico e gli Stati Uniti hanno avviato discussioni per esplorare un modello concettuale simile per una cooperazione bilaterale più approfondita sull'affidabilità elettrica. Questa cooperazione è un passo fondamentale verso la creazione di una visione trilaterale condivisa per l'affidabilità dell'elettricità in Nord America.
  • I nostri tre paesi si impegnano a rafforzare la cooperazione in materia di affidabilità elettrica per rafforzare la sicurezza e la resilienza di una rete elettrica nordamericana sempre più integrata contro le crescenti minacce presentate da attacchi informatici e gravi eventi meteorologici. Riduzione degli inquinanti climatici di breve durata Ridurre le emissioni di metano nel petrolio e settore gas:
  • Ridurre le emissioni di metano dal settore petrolifero e del gas, la più grande fonte di metano industriale al mondo, 40-45% di 2025 verso il raggiungimento degli obiettivi di gas serra nei nostri contributi determinati a livello nazionale ed esplorare ulteriori opportunità di riduzione del metano. I tre paesi si impegnano a sviluppare e attuare quanto prima le normative federali per le fonti esistenti e nuove per raggiungere l'obiettivo. Intendiamo invitare altri paesi a raggiungere questo obiettivo ambizioso o sviluppare il proprio obiettivo di riduzione del metano.
  • Collaborare allo sviluppo di programmi e politiche federali e scambiare informazioni, pratiche ed esperienze sulla riduzione delle emissioni nel settore petrolifero e del gas per migliorare i risultati.
  • Incoraggia le aziende petrolifere e del gas a unirsi agli sforzi internazionali come il partenariato per il petrolio e il gas metano della coalizione per il clima e l'aria pulita (CCAC) e la Global Methane Initiative e iniziative nazionali.
  • Condividere informazioni e strumenti per supportare una migliore raccolta di dati sul metano, misurazioni delle fonti migliorate e trasparenza della comunicazione delle emissioni in tutto il Nord America per migliorare l'efficacia degli inventari delle emissioni e promuovere l'adozione di tecnologie e pratiche economiche per la misurazione, il monitoraggio e le emissioni sul campo mitigazione Sviluppare strategie nazionali per il metano concentrandosi su settori chiave:
  • sviluppare e attuare strategie nazionali di riduzione del metano che potrebbero rivolgersi a settori chiave quali petrolio e gas, agricoltura e gestione dei rifiuti. Supportare l'impegno regionale e l'iniziativa di collaborazione nell'ambito della Commissione per la cooperazione ambientale (CEC) utilizzando misure volontarie per ridurre e recuperare gli sprechi alimentari in Nord America, in linea con Target 12.3 degli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, che prevede una riduzione del 50% dello spreco alimentare globale di 2030.
  • Intraprendere azioni per ridurre le emissioni dalle discariche, la terza fonte di metano a livello globale.

Ridurre il carbonio nero (fuliggine):

  • Impegnarsi a perseguire azioni interne per ridurre il carbonio nero, riconoscendo che il carbonio nero è un inquinante climatico con forti impatti di riscaldamento che influiscono sulla qualità dell'aria e sulla salute umana e che l'azione per ridurre le emissioni di carbonio nero è una componente importante degli sforzi per affrontare il cambiamento climatico, come un complemento alla riduzione dei gas a effetto serra.
  • Rafforzare le iniziative per ridurre il carbonio nero in settori come l'industria e l'agricoltura, anche attraverso il supporto tecnico e la condivisione di informazioni sulle migliori pratiche, strategie e metodologie.
  • Riduci le emissioni di carbonio nero dei nuovi veicoli diesel per impieghi gravosi fino a livelli quasi nulli in tutto il continente implementando 2018, standard diesel, a bassissimo tenore di zolfo e allineati a livello mondiale, a bassissimo tenore di zolfo.
  • Distribuire energie rinnovabili ed alternative di efficienza a diesel, carbone o legna da ardere in comunità remote, in collaborazione con partner e organizzazioni internazionali.
  • Collaborare all'implementazione del Zero Routine Flaring della Banca Mondiale da parte dell'iniziativa 2030.
  • Affermare gli sforzi esistenti per quantificare e ridurre le emissioni di carbonio nero in altri luoghi. Questi includono:
    • Costituzione dell'inventario del Nord America per il carbone nero ai sensi del CEC, attraverso il quale ogni paese presenta un inventario nazionale.
    • Supportare o attuare, se del caso, la pianificazione dell'azione nazionale attraverso il CCAC, oltre a iniziative specifiche del settore come quelle riguardanti i rifiuti solidi urbani, il gasolio e le emissioni industriali attraverso il CCAC.
    • Sviluppo di inventari di carbonio nero conformi alla Convenzione sull'inquinamento atmosferico transfrontaliero a grande distanza.

Ridurre gli idrofluorocarburi:

  • In 2016, gli Stati Uniti prevedono di mettere a punto una regola per espandere l'elenco di alternative a basso potenziale di riscaldamento globale e vietare l'uso di alcuni idrofluorocarburi a riscaldamento globale elevato (HFC) nell'ambito del programma Significant New Alternatives Policy (SNAP). Il Canada prevede di istituire un regime nazionale di autorizzazione e rendicontazione per gli HFC e di sviluppare nuove misure normative HFC, tra cui una riduzione graduale degli HFC e divieti specifici del prodotto. Il Messico prevede di avviare nuove azioni per autorizzare l'uso di alternative HFC a basso potenziale di riscaldamento globale approvate da SNAP, nonché di promuovere il loro uso come alternative agli HFC ad alto potenziale di riscaldamento globale e rimuovere gli ostacoli allo spiegamento. Promuovere trasporti puliti ed efficienti Ridurre il consumo di energia e il gas serra e emissioni inquinanti atmosferiche dei veicoli a motore:
  • Collaborare per promuovere un approccio continentale comune e ridurre il consumo di energia e i gas a effetto serra e ottenere altri importanti benefici per la qualità dell'aria dei veicoli a motore, tra cui:
    • Accelerare lo spiegamento di veicoli puliti ed efficienti nelle flotte governative, anche attraverso gli impegni statunitensi di espandere le infrastrutture di ricarica presso le strutture federali, e sfruttando finanziamenti innovativi ed economie di scala per le agenzie statunitensi che cercano di ampliare flotte e infrastrutture di veicoli pulite ed efficienti;
    • Collaborare con l'industria per identificare iniziative a supporto della scelta dei consumatori e incoraggiare l'adozione di veicoli puliti ed efficienti;
    • Sostenere lo sviluppo e l'incoraggiamento degli investimenti pubblici e privati ​​in infrastrutture di rifornimento di carburante pulite per stabilire corridoi di rifornimento di carburante puliti in Nord America;
    • Allineare le normative, i codici e gli standard applicabili ove appropriato;
    • Promuovere attività di ricerca, sviluppo e dimostrazione di nuove tecnologie pulite, compresi i veicoli avanzati;
    • Organizzare un incontro per coinvolgere i leader del settore e le altre parti interessate entro la primavera di 2017 come parte di una visione condivisa per un settore automobilistico nordamericano competitivo e pulito, e
    • Promuovere l'accesso alle infrastrutture di rifornimento dei veicoli a emissioni zero nelle case, nei luoghi di lavoro e nelle comunità.
  • 2018 implementa standard XNUMX per carburanti diesel di livello ultra-basso contenuto di zolfo e per veicoli pesanti (HDV) allineati.
  • Implementare standard di efficienza del carburante allineati, per veicoli leggeri (LDV) e HDV e / o gas a effetto serra conformi rispettivamente a 2025 e 2027.
  • Allineare gli standard sulle emissioni di gas di scarico e di evaporazione dell'aria evaporativa LDV con gli standard statunitensi Tier 2 completi di 2018 e completare integralmente gli standard Tier 3 di 2025, implementando allo stesso tempo standard di benzina a bassissimo contenuto di zolfo.

Supportare l'implementazione delle migliori pratiche di trasporto verde:

  • Allinea e armonizza gli sforzi per il trasporto merci verde per il Nord America espandendo il programma SmartWay per includere il Messico. I tre paesi intendono collaborare per ridurre il consumo di carburante attraverso le migliori pratiche nelle operazioni e nella gestione della flotta, migliorando l'efficienza energetica e riducendo le emissioni.

Ridurre le emissioni del trasporto marittimo:

  • Continuare a collaborare attraverso l'Organizzazione marittima internazionale (IMO) per affrontare le emissioni di gas a effetto serra prodotte dalle spedizioni internazionali, comprese le emissioni delle navi esistenti.
  • Accolgo con favore la recente approvazione di un sistema obbligatorio di raccolta dati globale all'interno dell'IMO per raccogliere dati sulle emissioni di CO2 specifiche per nave ed efficienza energetica.
  • collaborazione continua attraverso la CEC a sostegno della finalizzazione e della presentazione all'IMO di una proposta di designazione dell'Area messicana di controllo delle emissioni. Lavorare insieme e attraverso l'Organizzazione per l'aviazione civile internazionale (ICAO) per ridurre le emissioni attraverso un paniere di misure, inclusa l'adozione al 2016 ICAO Assemblaggio di una solida misura basata sul mercato per aiutare a consentire una crescita neutra del carbonio da 2020 in poi. Questa misura dovrebbe trovare un equilibrio adeguato tra il principio di non discriminazione e la differenziazione tra paesi con diverse circostanze nazionali e approvare l'introduzione graduale dell'attuazione e un approccio dinamico alla distribuzione dei requisiti di compensazione come mezzo per farlo. I tre paesi prevedono di unirsi alla prima fase della misura adottata e collaborano per raggiungere un risultato positivo in occasione dell'assemblea dell'ICAO.

Proteggere la natura e far progredire la scienza

Incoraggiare l'integrazione delle conoscenze tradizionali e la sensibilità al genere:

  • Collaborare con le comunità e i leader indigeni e locali per includere in modo più ampio e rispettoso le conoscenze tradizionali nel processo decisionale, inclusa la gestione delle risorse naturali, ove appropriato, e nel far progredire la nostra comprensione del cambiamento climatico e della resilienza climatica. Riconosciamo inoltre l'importanza di un approccio sensibile al genere all'azione per il clima e allo sviluppo sostenibile.

Conservazione tradizionale e uso sostenibile della biodiversità:

  • Intraprendere azioni nazionali per integrare la conservazione e l'uso sostenibile della biodiversità in e attraverso diversi settori, a sostegno degli Accordi ambientali multilaterali di cui ogni paese è parte. Conservare la farfalla monarca e il suo habitat:
  • Basandosi sui significativi progressi compiuti dai tre paesi a partire da 2014 per affrontare le minacce alla farfalla monarca, continuano ad affrontare la perdita e il degrado dell'habitat attraverso il gruppo di lavoro trilaterale per la conservazione non solo della farfalla monarca, ma anche di altri impollinatori.
  • Promuovere un habitat sufficiente per l'allevamento, la stadiazione, la migrazione e lo svernamento è reso disponibile a livello nazionale per sostenere l'obiettivo della popolazione 2020 Eastern Monarch rappresentato dalla sua occupazione di sei ettari di habitat svernanti in Messico.
  • Continuare a collaborare attraverso il Tri-national Monarch Science Partnership per coordinare la ricerca prioritaria, il monitoraggio, la condivisione delle informazioni e lo sviluppo di strumenti.

Proteggi gli uccelli migratori e il loro habitat:

  • Rinnovare e raccomandare attività regionali, bilaterali e trilaterali a sostegno della conservazione degli uccelli migratori e dell'habitat.
  • Sviluppa una visione per i prossimi anni 100 di conservazione degli uccelli.
  • Scambiare informazioni sulle migliori pratiche, promuovere programmi di ricerca e monitoraggio cooperativi e coordinati, riunire le parti interessate per sviluppare strategie di investimento per la conservazione ed espandere l'educazione ambientale e la sensibilizzazione.

Proteggere le specie migratorie terrestri e marine e il loro habitat:

  • Attuare programmi per conservare e migliorare i corridoi biologici per le balene e altre specie e i loro habitat, comprese le loro catene alimentari e la qualità degli ecosistemi. Rafforzare la cooperazione su specie esotiche invasive:
  • Collaborare ulteriormente per affrontare le specie esotiche invasive su scala continentale. Istituire un gruppo di lavoro trilaterale per esplorare lo sviluppo di un piano strategico e d'azione congiunto di alto livello che identifichi le aree chiave per la collaborazione, anche nell'ambito del CEC, e di avviare un'indagine sui progetti e sulle iniziative di specie esotiche invasive transfrontaliere esistenti.

Rafforzare la conservazione delle specie chiave e combattere il traffico di specie selvatiche:

  • Continuare a collaborare strettamente all'attuazione della Convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e di fauna selvatiche minacciate di estinzione (CITES), compresi gli sforzi per fermare il commercio illegale di animali selvatici. Sviluppare piani d'azione specifici per fornire soluzioni creative per proteggere le specie quotate CITES, con l'obiettivo di garantire un equilibrio a lungo termine tra conservazione e commercio internazionale sostenibile che coinvolga tutte le parti interessate.

Rafforzare la cooperazione sulla gestione degli oceani:

  • Riconoscendo l'importanza dei servizi climatici, solide osservazioni e reti di modellizzazione per gli sforzi di mitigazione e adattamento, integrare meglio i sistemi di osservazione degli oceani e promuovere la ricerca complementare sugli oceani e sui cambiamenti climatici, compresi gli impatti dei cambiamenti climatici sugli oceani e sugli ecosistemi marini.
  • Supportare gli sforzi collaborativi sui sistemi di allarme rapido per catastrofi naturali; in particolare, migliorare le capacità di osservazione degli oceani e condividere e standardizzare i dati delle boe oceaniche che supporterebbero questi sistemi.
  • Rafforzare la cooperazione tra le rispettive aree marine protette, con l'obiettivo di aumentare la resilienza economica e socio-ecologica nel contesto del cambiamento climatico.
  • Migliorare la conservazione e il ripristino delle zone umide, che aumentano le azioni di mitigazione (carbonio blu), preservano i servizi degli ecosistemi costieri e riducono i potenziali impatti di eventi meteorologici più frequenti o intensi sotto le proiezioni dei cambiamenti climatici.

Mostrare la leadership globale nell'affrontare il cambiamento climatico

Supportare l'attuazione dell'accordo di Parigi:

  • Riafferma il nostro impegno di aderire all'Accordo quest'anno e invita tutte le nazioni a sostenerne l'entrata in vigore anticipata.
  • Attuare i rispettivi Contributi determinati a livello nazionale (NDC) e condividere i progressi su questi sforzi, lavorare per aumentare le loro ambizioni nel tempo e cooperare, ove appropriato.
  • Supportare i partner internazionali nei loro sforzi di mitigazione e adattamento, anche come articolato nei loro NDC, piani nazionali di adattamento e altri quadri strategici, attraverso viali come forum internazionali, cooperazione triangolare nelle Americhe e fornendo assistenza allo sviluppo e finanziamenti per il clima.
  • Sviluppare strategie di sviluppo delle emissioni di gas a effetto serra a medio termine e di lungo periodo a norma dell'accordo di Parigi quest'anno. Intraprendere un dialogo trilaterale sullo sviluppo di queste strategie.
  • Promuovere la piena attuazione del quadro di trasparenza istituito ai sensi dell'accordo di Parigi, con modalità, procedure e linee guida comuni per la segnalazione e la revisione. Aiutare i paesi in via di sviluppo a sviluppare capacità istituzionali e tecniche per soddisfare tali requisiti.
  • Condividere le migliori pratiche e soluzioni tecniche per migliorare l'efficacia della contabilità, anche per il settore fondiario e gli approcci relativi al mercato del carbonio.
  • Riconoscendo il ruolo che i mercati del carbonio possono svolgere nel contribuire a raggiungere gli obiettivi climatici promuovendo al contempo l'innovazione, sostenere la solida attuazione delle disposizioni relative ai mercati del carbonio dell'accordo di Parigi, ove applicabile.
    • Insieme e in stretta collaborazione con Stati, province e territori, esploriamo le opzioni per garantire l'integrità e la trasparenza ambientale e applicare una contabilità solida, al fine di evitare il "doppio conteggio" delle riduzioni delle emissioni verso il raggiungimento dei NDC.
    • Incoraggiare i governi subnazionali a condividere le lezioni apprese sulla progettazione di sistemi di tariffazione del carbonio efficaci e politiche e misure di supporto.

Rafforzare gli sforzi di adattamento interno e la resilienza ai cambiamenti climatici:

  • Partecipare e cooperare alla pianificazione e all'azione dell'adattamento climatico nazionale, basandosi sugli sforzi mirati in atto a livello nazionale e subnazionale e concentrandosi in particolare su settori altamente integrati e ecosistemi condivisi e, ove possibile, su azioni con co-benefici di mitigazione, coinvolgendo maggiormente comunità vulnerabili e che adottano un approccio sensibile al genere e rispettoso dei diritti umani.
  • Rafforzare gli sforzi di riduzione del rischio di catastrofi, preparazione coordinata e risposta alle catastrofi e sistemi di allarme rapido.
  • Continuare a collaborare attraverso il gruppo di lavoro sui cambiamenti climatici e la salute umana in Nord America per favorire le relazioni transfrontaliere e aumentare la capacità di adattamento ai cambiamenti climatici nel settore della salute umana.
  • Continuare a collaborare attraverso il CEC per sviluppare un sistema operativo di sorveglianza sindromica in tempo reale per eventi di calore estremo in tre comunità a rischio nei nostri tre paesi e per evidenziare le migliori pratiche e le lezioni apprese sullo sviluppo di tale sistema.

Incoraggia la solida azione di G-20:

  • Eliminare gradualmente gli inefficienti sussidi ai combustibili fossili di 2025 in linea con l'impegno di G-20 2009 di eliminare gradualmente gli inefficienti sussidi ai combustibili fossili a medio termine, dal momento che Canada, Stati Uniti e Messico confermano il proprio impegno a eliminare gradualmente gli inefficienti sussidi ai combustibili fossili di 2025 e fornire supporto mirato per le comunità più povere;
  • Sviluppare strategie di sviluppo a basse emissioni di gas a effetto serra ai sensi dell'accordo di Parigi di 2020;
  • Impegnarsi a migliorare le prestazioni ambientali dei veicoli pesanti, anche attraverso l'attuazione di rigorose normative nazionali in materia di efficienza del carburante e / o emissioni di gas a effetto serra, emissioni di inquinanti atmosferici e carburanti a basso contenuto di zolfo e attraverso programmi di trasporto merci verde; e,
  • Affronta le emissioni di metano dal settore del petrolio e del gas sviluppando e implementando politiche e regolamenti nazionali e subnazionali per la riduzione del metano e partecipando a meccanismi come il partenariato per il petrolio e il gas metano della coalizione per il clima e l'aria pulita. Queste azioni potrebbero supportare i passi futuri verso l'adozione di obiettivi nazionali di riduzione delle emissioni, se del caso.

Adozione di una modifica di riduzione di idrofluorocarburi del protocollo di Montreal (HFC):

  • Adottare un emendamento di riduzione graduale HFC del protocollo di Montreal ambizioso e completo in 2016 e collaborare con altri paesi in modo che possano sostenere l'adozione di un emendamento quest'anno.

Allinea metodi analitici:

  • Data la natura integrata di molti aspetti delle tre economie, allineare i metodi analitici per valutare e comunicare l'impatto delle emissioni dirette e indirette di gas a effetto serra dei grandi progetti. Basandosi sugli sforzi esistenti, allineare gli approcci, riflettendo la migliore scienza disponibile per tenere conto dei costi generali per la società delle emissioni di gas a effetto serra, compreso l'utilizzo di metodologie simili per stimare il costo sociale del carbonio e di altri gas a effetto serra per valutare i vantaggi delle misure politiche che riducono quelle emissioni.

Promuovere un futuro più sicuro, economico, accessibile e pulito a livello regionale e globale:

  • Supportare le raccomandazioni formulate nel rapporto 2016 di maggio della Task Force Stati Uniti-Caraibi-America centrale sulla sicurezza energetica e aiutare a guidare il mondo in importanti sforzi multilaterali come la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui negoziati sui cambiamenti climatici, il Ministero dell'energia pulita, Missione Innovazione, Iniziative per la sicurezza energetica dei Caraibi, Partenariato energetico e climatico delle Americhe, Collegamento delle Americhe 2022 e Forum sulla leadership del sequestro del carbonio.
  • Coinvolgere i paesi partner e le banche multilaterali di sviluppo per promuovere l'accesso e l'integrazione universale dell'energia nelle Americhe e mobilitare finanziamenti per lo sviluppo di progetti energetici sostenibili, con particolare attenzione alle comunità indigene, ai gruppi emarginati e alle regioni più vulnerabili come i Caraibi e America Centrale.
  • Promuovere lo sviluppo di energia sostenibile e la crescita economica attraverso mercati dell'energia trasparenti e competitivi e riducendo gli ostacoli agli scambi e agli investimenti in tecnologie e servizi puliti.

Promuovere una giusta transizione verso un'economia di energia pulita:

  • Investire strategicamente nelle comunità per aiutarle a diversificare le economie, creare e sostenere posti di lavoro di qualità e condividere i benefici di un'economia a energia pulita. Ciò include la promozione di un lavoro dignitoso, la condivisione delle migliori pratiche e la collaborazione con le parti sociali come le organizzazioni dei lavoratori e dei datori di lavoro e le organizzazioni non governative su sole strategie di transizione a beneficio dei lavoratori e delle loro comunità.
  • Proteggere i principi e i diritti fondamentali sul lavoro dei lavoratori che estraggono e perfezionano i combustibili fossili e che producono, installano e gestiscono tecnologie energetiche.

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

9 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Dennis Bishop

Hai notato la stretta di mano gratuita del muratore che Obama sta dando trudeau!

Poliwatch

Non stanno perdendo tempo a spostare l'Agenda ONU 2030 insieme. Quindi ora abbiamo il nostro equivalente dell'UE. Questo non è un bene. Il Regno Unito è stato totalmente vittima di bullismo da parte dell'UE. La Germania ha praticamente gestito i paesi dell'UE. Il Regno Unito non aveva alcun controllo sulle forze armate di politica estera, sul loro ordinamento giuridico, sulle forze dell'ordine, sulle riserve valutarie, sul commercio, sull'ambiente, sulla pesca, sull'agricoltura, sui medicinali e sui supplementi. Il costo per il Regno Unito era di 1.3 milioni di sterline all'ora !!

Lynn Kocal

Possono fare tutti gli accordi che vogliono ma non funzionerà se non ci conformeremo. 10 ° emendamento.

Robert Vincin

11 / 10 su presentazione tempestiva. L'assemblea dei delegati delle Nazioni Unite UNFCCC COP per 22 anni scambia dati senza esperienza o potere per invertire fisicamente l'accumulo di CO2e di massa. Il protocollo di NAU è senza dubbio un modello per abbassare fisicamente CO2e e, in tal modo, invertire deserto, siccità e povertà. Le Nazioni Unite USG 1996-99 mi hanno invitato a unirmi al panel che è diventato il protocollo UNFCCC di Kyoto! In 2005, mi ha messo in condizione di unirmi ai governatori 9 7 Minsters attraverso la RPC per ridurre la massa di CO2, suolo-carbonio in crescita. Il modello https://www.youtube.com/watch?v=YbI8YZmBP8g si basa sulla scienza della natura che rispetta la regola dell'anno UNFCCC 100. Bene... Per saperne di più »

Lynn Kocal

Se le piante hanno bisogno di CO2 per crescere e produrre O2 per farci respirare, perché non piantare più alberi e coltivare più raccolti per ridurre la CO2? La CO2 non ha nulla a che fare con la siccità, le cattive pratiche agricole sì.

Ray Songtree

Vorrei sottolineare come il "cambiamento climatico" sarà utilizzato per la campagna di sfocatura di genere e per distruggere le ultime culture indigene tradizionali, entrambi obiettivi specifici nella formulazione. "- Favorire l'incorporazione della conoscenza tradizionale e della sensibilità di genere: collaborare con le comunità e i leader indigeni e locali per includere in modo più ampio e rispettoso le conoscenze tradizionali nel processo decisionale, [Questo significa pagare le persone che considerano corruttibili per essere i leader, al fine di svendere le loro terre per qualsiasi tipo di estrazione mineraria, per portare nelle scuole l'insegnamento dell'educazione globale e della comprensione globale, non locale, ecc.... Per saperne di più »