Il passato oscuro della banca per gli insediamenti internazionali

Per favore, condividi questa storia!

Sebbene scritto da Patrick Wood in 2005, nulla è cambiato al fatto storico della Banca dei regolamenti internazionali. Ha radici nefaste ed è la radice del rubinetto della globalizzazione moderna.

Oggi, la BRI sta tornando di nuovo alla ribalta a causa della sua direzione verso le banche centrali di andare senza contanti. È evidente che non ha perso potere e influenza nel corso dei decenni. Per chiunque voglia capire come funziona davvero il mondo, questo è un articolo da leggere. ⁃ Editor TN

 

Creata a Bretton Woods nel 1944, la Banca Mondiale è stata dominata da banchieri internazionali, membri del Council on Foreign Relations e successivamente dalla Commissione Trilaterale. La corruzione e l'interesse personale si scatenano quando i fondi pubblici vengono convertiti in mani private a miliardi.

Introduzione

Secondo la Banca mondiale, è,

“Una fonte vitale di assistenza finanziaria e tecnica ai paesi in via di sviluppo di tutto il mondo. Non siamo una banca nel senso comune. Siamo costituiti da due istituzioni di sviluppo uniche di proprietà di 184 paesi membri: la Banca internazionale per la ricostruzione e lo sviluppo (IBRD) e l'Associazione internazionale per lo sviluppo (IDA). Ogni istituzione svolge un ruolo diverso ma di supporto nella nostra missione di riduzione della povertà globale e miglioramento degli standard di vita. L'IBRD si concentra sui paesi poveri a reddito medio e meritevoli di credito, mentre IDA si concentra sui paesi più poveri del mondo. Insieme forniamo prestiti a basso interesse, credito senza interessi e sovvenzioni ai paesi in via di sviluppo per l'istruzione, la salute, le infrastrutture, le comunicazioni e molti altri scopi ". 1

Parole nobili come "la nostra missione di riduzione della povertà globale e miglioramento del tenore di vita" porterebbero il lettore a credere che la Banca Mondiale sia un'organizzazione di benessere globale e benevola. Perché allora la Banca Mondiale si unisce al Fondo Monetario Internazionale e all'Organizzazione Mondiale del Commercio come organizzazioni che le persone in tutto il mondo amano odiare?

In realtà, la Banca mondiale ha il suo peso, insieme al Fondo monetario internazionale e alla Banca degli insediamenti internazionali, per integrare forzatamente i paesi minori del mondo nel proprio marchio di democrazia capitalistica.

Inizio della Banca mondiale

Fratello del FMI, la Banca Mondiale è nata dalla Conferenza Monetaria e Finanziaria delle Nazioni Unite a Bretton Woods, New Hampshire, nel luglio 1944. Il nome originale dato alla Banca Mondiale era Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BIRS) e riflette la sua missione originale: ricostruire l'Europa dopo la devastazione della seconda guerra mondiale. Il nome "Banca mondiale" non è stato effettivamente adottato fino al 1975.

Sia l'IBRD che il FMI sono stati creati come agenzie specializzate indipendenti delle Nazioni Unite, di cui rimangono fino ad oggi.

La parola "Sviluppo" nel nome IBRD era piuttosto insignificante all'epoca perché la maggior parte dell'emisfero meridionale era ancora sotto il dominio coloniale, con ogni padrone coloniale responsabile delle attività commerciali nei rispettivi paesi.

Nota: alcuni sostengono che le élite bancarie desideravano originariamente porre fine al colonialismo ristrutturando gli investimenti e gli schemi commerciali nei paesi colonizzati. Questo documento non affronterà questo problema, ma va notato che questo è stato esattamente quello che è successo, in molti casi aiutato dalle operazioni della Banca mondiale e del FMI.

In quanto banca di “ricostruzione”, tuttavia, la Banca Mondiale era impotente. Alla fine ha prestato solo $ 497 milioni (USA) per progetti di ricostruzione. Il Piano Marshall, al contrario, divenne il vero motore della ricostruzione dell'Europa, prestando oltre $ 41 miliardi (USA) entro il 1953.

I principali architetti della Banca Mondiale sono stati Harry Dexter White e John Maynard Keynes, entrambi riassunti come segue: Global Banking: The International Monetary Fund (vedere l'articolo per i dettagli completi):

"Questa è la fibra morale e le credenziali intellettuali dei creatori del FMI [e della Banca mondiale]: uno era un economista ideologo inglese con una tendenza marcatamente globale, e l'altro un funzionario del governo statunitense corrotto e di alto rango che era un Spia sovietica. "2

Struttura della Banca mondiale

Oggi la Banca mondiale è composta da due unità primarie: il già citato IBRD e l'International Development Association (IDA), che è stata creata in 1960.

La BIRS presta solo a governi meritevoli di credito; in altre parole, c'è l'aspettativa che ripagheranno i loro prestiti. L'IDA, al contrario, presta solo a governi che non sono meritevoli di credito e che di solito sono le nazioni più povere. Insieme, creano un "uno-due" nei prestiti globali a qualsiasi governo di cui sono in grado di parlare in prestito. Gli Stati Uniti attualmente contribuiscono con circa 1 miliardo di dollari all'anno di fondi dei contribuenti all'IDA.

Altre tre affiliate si uniscono alla Banca mondiale, per essere chiamate collettivamente il Gruppo Banca Mondiale:

  • The International Finance Corporation (IFC) - Fondata nel 1956, presta direttamente al settore privato nelle contee in via di sviluppo.
  • L'Agenzia multilaterale di garanzia degli investimenti (MIGA), fondata in 1988, fornisce garanzie agli investitori nei paesi in via di sviluppo contro perdite causate da rischi non commerciali.
  • Il Centro internazionale per la risoluzione delle controversie sugli investimenti (ICSID) - Fondato nel 1966, fornisce strutture internazionali per la conciliazione e l'arbitrato delle controversie sugli investimenti.

La sede centrale della Banca mondiale è Washington, DC. Impiega circa 7,000 nel complesso di Washington e un altro 3,000 negli uffici 109 sparsi in tutti i paesi membri.

IBRD finanzia le sue operazioni di prestito vendendo obbligazioni con rating AAA e altri strumenti di debito ad altre banche, fondi pensione, compagnie assicurative e società di tutto il mondo. Al contrario, l'IDA è finanziata da contributi (contribuenti) dei paesi membri. I livelli annuali di prestito sono all'incirca uguali tra IBRD e IDA. Mentre l'IFC genera il proprio capitale in mercati aperti, MIGA e ICSID ricevono la maggior parte dei loro finanziamenti dalla Banca mondiale, molti dei quali sono finanziati dai contribuenti.

La proprietà della Banca mondiale consiste in azioni di voto detenute dai paesi membri, in base alle dimensioni e ai contributi. Attualmente, gli Stati Uniti sono il principale azionista con il 16.4 percento dei voti totali. I prossimi blocchi di voto più grandi sono il Giappone (percentuale 7.9) e la Germania (percentuale 4.5). Poiché le decisioni più importanti richiedono un voto in maggioranza di 85 percento, gli Stati Uniti possono porre il veto su qualsiasi cambiamento (100% -16.4% = 83.6%).

Egemonia americana

Va notato che le Nazioni Unite hanno sede negli Stati Uniti, su terreni originariamente donati da David Rockefeller. La conferenza di Bretton Woods si tenne nel New Hampshire. Ogni presidente della Banca mondiale è stato salutato dagli Stati Uniti. Non sorprende che il resto del mondo consideri la Banca mondiale come un'operazione americana.

C'è stata una regola non scritta ma tradizionale secondo cui il presidente della Banca mondiale sarà sempre un americano, mentre il presidente del FMI è europeo. (Una recente eccezione a questo è l'attuale presidente del FMI, che è canadese)

È istruttivo rivedere gli ex presidenti della Banca mondiale, perché dimostra quale cabala d'élite controlla realmente le operazioni della Banca mondiale. A sua volta, ciò indicherà fortemente i veri beneficiari dell'egemonia della Banca mondiale. Le biografie e le realizzazioni complete di questi uomini superano di gran lunga lo spazio disponibile in questo rapporto, quindi si notano solo alcuni punti salienti.

1. Eugene Meyer. Da giugno a dicembre, 1946. Presidente, Consiglio dei governatori della Federal Reserve di 1930-1933; proprietario del Washington Post; Membro del Consiglio per le relazioni estere; agente di Lazard Freres, Brown Brothers, Harriman; nominato capo della War Finance Corporation durante la prima guerra mondiale da Woodrow Wilson.

2. John J. McCloy. Marzo 1947 ad aprile 1949. Membro e presidente del Council on Foreign Relations; Presidente, Ford Foundation; Presidente, Chase Manhattan Bank; avvocato il cui studio era consigliere presso la Chase Manhattan Bank.

3. Eugene Black. Da luglio 1949 a dicembre 1962. Presidente, Consiglio di amministrazione del Federal Reserve System (1933-34); vicepresidente senior della Chase Manhattan Bank; Membro del Consiglio per le relazioni estere; membro del Bilderbergers; ha creato la International Finance Corporation e la International Development Association presso la Banca mondiale.

4. George Woods. Da gennaio 1963 a marzo 1968. Vicepresidente di Harris, Forbes & Co .; vice presidente di Chase Bank; vice presidente e membro del consiglio di First Boston Corp. (una delle più grandi società di investment banking statunitensi).

5. Robert Strange McNamara. Aprile 1968 a giugno 1981. Presidente e direttore della Ford Motor Company; Segretario alla Difesa nelle amministrazioni Kennedy e Johnson; membro della Commissione Trilaterale, Council on Foreign Relations e Bilderbergers; trustee onorario del consiglio dell'Aspen Institute. Ha negoziato personalmente l'ingresso della Cina nella Banca Mondiale.

6. AW Clausen. Da luglio 1981 a giugno 1986. Presidente, CEO e presidente di Bank of America; membro, Commissione Trilaterale; membro, Comitato Bretton-Woods.

7. Barbiere B. Conable. Da luglio 1986 a agosto 1991. Membro della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti da 1965 a 1985; membro della Commissione trilaterale e del Consiglio per le relazioni estere; collega senior, American Enterprise Institute; membro del consiglio di amministrazione della Borsa di New York; membro della Commissione per la governance globale.

8. Lewis T. Preston. Settembre 1991 a maggio 1995. Presidente, CEO e presidente di JP Morgan & Co. e presidente del comitato esecutivo; vice presidente di Morgan Guaranty Trust Co .; membro e tesoriere del Council on Foreign Relations; direttore della General Electric.

9. James D. Wolfensohn. Giugno 1995 a 2005 Partner esecutivo e capo del dipartimento di investment banking, Salomon Brothers (New York); vice presidente esecutivo e amministratore delegato, Schroders Ltd. (Londra); direttore della Rockefeller Foundation; membro del consiglio di amministrazione della Rockefeller University; fiduciario onorario, Brookings Institution; Direttore del Consiglio della popolazione (fondato da John D. Rockefeller); membro del Consiglio per le relazioni estere.

10. Paul Wolfowitz. 2005 - presente. Vice segretario alla difesa (2001-2005); membro, Commissione Trilaterale; membro, Council on Foreign Relations; membro, Bilderbergers; direttore della nave ammiraglia neocon, Project for the New American Century (PNAC); membro del gruppo d'élite "Vulcaniani" che consigliava George W. Bush sulla politica estera durante le elezioni presidenziali del 2000 (altri membri neocon includevano Condoleezza Rice, Colin Powell e Richard Perle); membro e spesso relatore dei Social Democrats USA (successore del Socialist Party of America).

Un modello importante emerge qui. Questi uomini incorniciano un periodo di tempo di 50 che va da 1946 a 2006. I primi giocatori sono morti da tempo. Non vi era alcun legame sociale tra i primi e gli ultimi presidenti. Tuttavia, sette su dieci sono membri del Council on Foreign Relations; quattro sono membri della Commissione Trilaterale, sette hanno importanti affiliazioni bancarie globali (Chase Manhattan, JP Morgan, Bank of America, First Boston, Brown Brothers, Harriman, Salomon Brothers, Federal Reserve) e quattro uomini erano direttamente collegati agli interessi di Rockefeller.

Non è necessaria un'analisi dettagliata per vedere emergere il modello: i banchieri globali (la stessa vecchia folla) e i relativi proxy globali, hanno completamente dominato la Banca mondiale per tutta la sua storia. Collettivamente e individualmente, hanno sempre operato in modo mirato e coerente per il proprio guadagno finanziario egoistico. Perché qualcuno dovrebbe aspettarsi che anche solo uno di loro si comporti in modo strano (ad esempio, si preoccupi della povertà nel mondo) mentre dirige il timone della Banca mondiale?

Scopi di convenienza

Qualunque fossero i veri scopi della Banca Mondiale e del FMI, gli scopi mostrati pubblicamente sono cambiati quando era conveniente e necessario.

In 1944, la ricostruzione dei paesi dilaniati dalla guerra dopo la seconda guerra mondiale era la questione importante.

Quando la Banca ha dimostrato la sua impotenza prestando solo una miseria di meno di $ 500 milioni, ha cambiato la sua immagine pubica posizionandosi come controllo e bilanciamento con l'espansione del comunismo. Senza la Banca Mondiale di coinvolgere tutti i paesi minori del mondo che erano suscettibili all'influenza comunista, il comunismo potrebbe diffondersi e infine minacciare di porre fine alla guerra fredda con un brutto olocausto nucleare.

Il sentimento pubblico e legislativo alla fine si è esaurito e la Banca è stata nuovamente sottoposta a pesanti critiche quando Robert Strange McNamara è stato nominato presidente.

Riduzione della povertà: cavallo di Troia

Come notato sopra, McNamara è stato presidente della Banca mondiale da 1968 a 1981. Era anche tra i membri originari della Trilateral Commission, fondata in 1973 da Rockefeller e Brzezinski, ed era ampiamente considerata una figura centrale nell'élite globale dei suoi tempi.

È stato McNamara a far cadere l'attenzione della Banca mondiale sulla povertà e sulla riduzione della povertà. Questo è rimasto essenzialmente il richiamo della sirena fino al presente. Questa è stata una manovra brillante perché chi avrebbe mai detto di essere contro i poveri o a favore della povertà? Qualsiasi attacco alla Banca verrebbe quindi visto come un attacco alla stessa riduzione della povertà. Dal 1968 in poi, il grido di battaglia della Banca è stato "eliminare la povertà".

Questo è chiaramente visibile nella pagina Chi siamo del sito web della Banca Mondiale, dove queste parole sono ben visibili:

“Ogni istituzione (IBRD e IDA) svolge un ruolo diverso ma di supporto in la nostra missione di riduzione della povertà globale e il miglioramento degli standard di vita." [enfasi aggiunta]

Tuttavia, l'articolo I dello Statuto dell'Accordo dell'IBRD, come modificato in febbraio 16, 1989, espone i suoi scopi ufficiali come segue:

(i) Contribuire alla ricostruzione e allo sviluppo dei territori dei membri facilitando l'investimento di capitale a fini produttivi, incluso il ripristino di economie distrutte o distrutte dalla guerra, la riconversione di strutture produttive a bisogni di pace e l'incoraggiamento dello sviluppo di strutture e risorse produttive nei paesi meno sviluppati.

(ii) Promuovere investimenti esteri privati ​​mediante garanzie o partecipazioni a prestiti e altri investimenti effettuati da investitori privati; e quando il capitale privato non è disponibile a condizioni ragionevoli, per integrare gli investimenti privati ​​fornendo, a condizioni adeguate, finanziamenti a fini produttivi con il proprio capitale, i fondi raccolti da esso e le sue altre risorse.

(iii) Promuovere la crescita equilibrata a lungo termine del commercio internazionale e il mantenimento dell'equilibrio nei bilanci dei pagamenti incoraggiando gli investimenti internazionali per lo sviluppo delle risorse produttive dei membri, contribuendo così ad aumentare la produttività, il tenore di vita e le condizioni di lavoro nei loro territori.

(iv) Organizzare i prestiti concessi o garantiti da essa in relazione ai prestiti internazionali attraverso altri canali in modo che i progetti più utili e urgenti, grandi e piccoli, siano trattati per primi.

(v) condurre le proprie operazioni tenendo in debito conto gli effetti degli investimenti internazionali sulle condizioni commerciali nei territori dei membri e, negli anni immediatamente successivi al dopoguerra, aiutare a realizzare una transizione graduale da una guerra a un'economia in tempo di pace.

La Banca sarà guidata in tutte le sue decisioni dagli scopi sopra indicati.3

Si noti che la parola "povertà" non compare nemmeno una volta. Il motivo è chiaro: qualunque sia il "business as usual" potrebbe essere con la Banca, non ha nulla a che fare con la povertà o la riduzione della povertà. Piuttosto, la Banca è in affari per prestare denaro stimolando la domanda di prestiti nei paesi in via di sviluppo, al fine di aumentare il commercio internazionale. I principali beneficiari del commercio internazionale sono le multinazionali e di conseguenza i poveri sono in realtà più poveri.

Questa ipocrisia fu notata anche dal premio Nobel ed ex capo economista della Banca Mondiale, Joseph Stiglitz, già nel 2002:

Per quanto riguarda questi "paesi clienti", si trattava di una farsa in cui i politici fingevano di fare qualcosa per risolvere i problemi [della povertà] mentre gli interessi finanziari lavoravano per preservare quanto più possibile lo status quo.4
Liberalizzazione e adeguamenti strutturali

Quando Alden Clausen (anche lui membro originario della Commissione Trilaterale) rilevò le redini di Robert McNamara in 1981, si verificò un enorme scossone nella banca. Come notò Stiglitz,

"All'inizio degli anni '1980 si è verificata un'epurazione all'interno della Banca Mondiale, nel suo dipartimento di ricerca, che ha guidato il pensiero e la direzione della Banca." 5

Clausen, un vero membro chiave dell'élite globale, ha portato un nuovo capo economista con nuove idee radicali:

"... Ann Krueger, una specialista del commercio internazionale, meglio conosciuta per il suo lavoro sulla 'ricerca dell'affitto' - come gli interessi speciali usano le tariffe e altre misure protezionistiche per aumentare i propri redditi a scapito di altri ...Krueger ha visto il governo come il problema. I mercati liberi sono stati la soluzione ai problemi dei paesi in via di sviluppo."6 [enfasi aggiunta]

Questo era precisamente il momento in cui le cosiddette politiche di liberalizzazione e gli adeguamenti strutturali venivano attuati con forza come mezzo per costringere i paesi a privatizzare le industrie. Se i governi rappresentassero il problema, dovrebbero trasferire le aree di infrastrutture critiche alle multinazionali private che, secondo Krueger, potrebbero comportarsi meglio e in modo più efficiente rispetto agli enti governativi burocratici.

Non sorprende che la maggior parte degli economisti del personale in carriera abbia lasciato la banca all'inizio degli anni '1980 per protestare contro le politiche di Clausen e Krueger.

Come funziona la lavanderia dei soldi

Il meccanismo e il funzionamento degli aggiustamenti strutturali, insieme alla stretta collaborazione tra l'FMI e la Banca mondiale, sono stati adeguatamente trattati nel Global Banking: The International Monetary Fund di The August Review. Il seguente esempio ben documentato sarà il "quadro che vale più di mille parole" nello sforzo della Rivista di profilare la Banca self-serving e le politiche aziendali globali. Dimostra anche l'approccio "tag-team" utilizzato dalla Banca e dall'FMI nell'apertura indiscreta di mercati chiusi in paesi non cooperativi. È una storia piuttosto intricata, ma una lettura attenta produrrà la comprensione di come funziona il "sistema".

Water Wars

Nel 1998, il FMI ha approvato un prestito di 138 milioni di dollari per la Bolivia che descriveva come progettato per aiutare il paese a controllare l'inflazione e stabilizzare la sua economia interna. Il prestito era subordinato all'adozione da parte della Bolivia di una serie di "riforme strutturali", inclusa la privatizzazione di "tutte le rimanenti imprese pubbliche", compresi i servizi idrici. Una volta approvati questi prestiti, la Bolivia è stata sottoposta a forti pressioni da parte della Banca Mondiale per garantire che non esistessero sussidi pubblici per l'acqua e che tutti i progetti idrici sarebbero stati eseguiti in base al "recupero dei costi", il che significa che i cittadini devono pagare l'intera costruzione, finanziando , costi di esercizio e manutenzione di un progetto idrico. Poiché l'acqua è un bisogno umano essenziale ed è cruciale per l'agricoltura, i prezzi per il recupero dei costi sono insoliti, anche nel mondo sviluppato.

In questo contesto, Cochabamba, la terza città più grande della Bolivia, ha messo in vendita i suoi impianti idrici alla fine del 1999.

Solo un'entità, un consorzio guidato dalla controllata della Bechtel Aguas del Tunari, ha offerto un'offerta e le è stata assegnata una concessione di 40 anni per la fornitura di acqua. I dettagli esatti della negoziazione sono stati tenuti segreti e Bechtel ha affermato che i numeri all'interno del contratto sono "proprietà intellettuale". Ma in seguito è emerso che il prezzo includeva il finanziamento da parte dei cittadini di Cochabamba di una parte di un enorme progetto di costruzione di una diga intrapreso dalla Bechtel, anche se l'acqua del progetto della diga di Misicuni sarebbe stata del 600% più costosa delle fonti d'acqua alternative. I Cochabamban dovevano anche pagare alla Bechtel un profitto del 15% garantito contrattualmente, il che significa che alla gente di Cochabamba veniva chiesto di pagare gli investimenti mentre il settore privato riceveva i profitti.

Immediatamente dopo aver ricevuto la concessione, in alcuni casi la società ha aumentato i tassi d'acqua fino allo 400%. Questi aumenti sono arrivati ​​in un'area in cui il salario minimo è inferiore a $ 100 al mese. Dopo l'aumento dei prezzi, si stima che uomini e donne autonomi paghino un quarto dei loro guadagni mensili per l'acqua.

Immediatamente dopo aver ricevuto la concessione, in alcuni casi la società ha aumentato i tassi d'acqua fino allo 400%. Questi aumenti sono arrivati ​​in un'area in cui il salario minimo è inferiore a $ 100 al mese. Dopo l'aumento dei prezzi, si stima che uomini e donne autonomi paghino un quarto dei loro guadagni mensili per l'acqua.

Gli abitanti della città erano indignati. Nel gennaio del 2000, un'ampia coalizione chiamata Coordinamento per la difesa dell'acqua e della vita, o semplicemente La Coordinadora, guidata da un operaio locale, Oscar Olivera, ha chiesto manifestazioni pacifiche. Cochabamba è stata chiusa per quattro giorni per uno sciopero generale e l'interruzione dei trasporti, ma le manifestazioni si sono interrotte quando il governo ha promesso di intervenire per abbassare le tariffe dell'acqua. Tuttavia, quando a febbraio non ci sono stati risultati, le manifestazioni sono ricominciate. Questa volta, tuttavia, i manifestanti sono stati accolti con gas lacrimogeni e opposizione della polizia, lasciando 175 feriti e due giovani accecati.

La minaccia che la privatizzazione dei servizi pubblici ai sensi del GATS (Accordo generale sul commercio dei servizi) rappresenta per la democrazia è stata dimostrata nel marzo 2000. La Coordinadora ha tenuto un referendum non ufficiale, ha contato quasi 50,000 voti e ha annunciato che il 96% degli intervistati era favorevole all'annullamento di il contratto con Aguas del Tunari. La compagnia idrica ha detto loro che non c'era nulla da negoziare.

In aprile 4, i residenti della città sono tornati in piazza, chiudendo la città. Ancora una volta, hanno incontrato la resistenza della polizia e, nell'aprile 8, il governo ha dichiarato la legge marziale. L'esercito boliviano gli ha sparato in faccia un manifestante 17, uccidendolo. Tuttavia, le proteste sono continuate e, in aprile 10, il governo ha ceduto, firmando un accordo che ha accettato la richiesta dei manifestanti di annullare la concessione idrica. La gente di Cochabamba ha ripreso la sua acqua.

Sfortunatamente, questa storia stimolante non si è conclusa semplicemente con la vittoria del popolo di Cochabamba. Il 25 febbraio 2002, Bechtel ha presentato un reclamo utilizzando le protezioni degli investitori concesse in un accordo bilaterale di investimento tra Bolivia e Paesi Bassi presso la Banca Mondiale, chiedendo un pagamento di $ 25 milioni di dollari come risarcimento per i profitti persi.7

Nota: Bechtel Engineering è la più grande società di ingegneria civile al mondo. È di proprietà privata della famiglia Bechtel. Per molti anni, il consigliere generale (e il vicepresidente) di Bechtel non era altro che il membro originale della Commissione trilaterale Caspar Weinberger.

Da allora, la Banca Mondiale ha concesso ulteriori prestiti per la “riduzione della povertà” alla Bolivia. Leggere attentamente l'attuale valutazione della Banca (2006) sulla Bolivia disponibile sul suo sito web:

“La Bolivia sta vivendo un momento di difficoltà e incertezza. Negli ultimi mesi, vari disordini politici e sociali si sono intensificati con gravi conseguenze, culminati nelle dimissioni del presidente Gonzalo Sánchez de Lozada nell'ottobre 2003 e nella nomina del vicepresidente Carlos Mesa a presidente. L'attuale amministrazione eredita un difficile clima economico, politico e sociale, che è aggravato da questioni a lungo termine, come la profonda disuguaglianza, un'economia che è stata influenzata negativamente dalla recente crisi economica della regione e un diffuso disincanto pubblico per la corruzione "8

Disturbi politici e sociali? Clima economico, politico e sociale difficile? Disuguaglianza profonda? Disincanto diffuso con la corruzione? Lascia uno senza parole.

Quindi, nel caso della Bolivia, vediamo quanto segue in funzione:

  • Un prestito del FMI è concesso alla Bolivia, con condizionalità
  • La Banca mondiale interviene per applicare le condizionalità e imporre adeguamenti strutturali
  • La Banca Mondiale presta fondi per lo "sviluppo" alla Bolivia e contemporaneamente convoca consorzi di banche private per finanziare i vari progetti che la Bechtel aveva in mente.
  • Bechtel fa un'offerta unica e viene accettata.
  • Il progetto sull'acqua termina in un fallimento totale e Bechtel viene espulso dopo l'estrema pressione politica dei consumatori.
  • Bechtel presenta una richiesta di "mancato guadagno" in base a una "garanzia assicurativa" pre-negoziata con il Gruppo della Banca Mondiale (MIGA, vedi sopra).
  • Se Bechtel vince la sua richiesta, verrà rimborsato con i soldi dei contribuenti forniti dai paesi membri.
  • Indubbiamente, tutti i prestiti delle banche del settore privato che in seguito si inaspriranno, saranno salvati anche con fondi dei contribuenti.

Questo tipo di operazione è sfrontata sottrazione (anche se forse legalmente) di fondi a tutti in vista: Bolivia, la città di Cochabamba, la gente di Cochabamba, i contribuenti statunitensi. Gli unici beneficiari sono la Bechtel, le banche commerciali e alcuni politici corrotti che hanno ricevuto le loro consuete tangenti e tangenti.

Una domanda penetrante rimane a cui rispondere: quando Bechtel ha puntato per la prima volta l'accordo sulla Bolivia? Bechtel ha avuto un ruolo nel suggerire o creare in primo luogo le condizionalità e gli adeguamenti strutturali specificati dalla Banca mondiale? In tal caso, ci sarebbero motivi di indagine penale.

Non è probabile che la Banca mondiale ce lo dirà, a causa dei suoi meccanismi interni molto segreti. Perfino Stiglitz ha notato,

“Il FMI e la Banca Mondiale hanno ancora standard di divulgazione molto più deboli di quelli dei governi di democrazie come gli Stati Uniti, o la Svezia o il Canada. Tentano di nascondere i rapporti critici; è solo la loro incapacità di prevenire fughe di notizie che spesso costringe l'eventuale divulgazione ”. 9

Corruzione

La Banca mondiale riceve accuse di corruzione da molti anni. Poiché la Banca è un'agenzia specializzata indipendente delle Nazioni Unite e considerando il vecchio adagio, "Il frutto non cade lontano dall'albero", questo potrebbe non essere una sorpresa per i più. Le Nazioni Unite hanno una storia importante e documentata sulla corruzione di ogni tipo immaginabile. Sarebbe troppo semplicistico lasciarlo così.

A maggio, 2004, il senatore Richard Lugar (R-Indiana), in qualità di presidente del Comitato per le relazioni estere, ha dato il via alla più recente inchiesta sulla corruzione relativa alle attività delle banche multilaterali di sviluppo, di cui la Banca mondiale è la principale.

I responsabili delle varie banche di sviluppo sono stati invitati a testimoniare (volontariamente) davanti al Comitato. Secondo il senatore Lugar, James Wolfensohn "ha rifiutato l'invito, citando la prassi consolidata dei funzionari della Banca di non testimoniare davanti alle legislature dei loro numerosi paesi membri".

Testimoni davanti al Comitato hanno testimoniato che fino a $ 100 miliardi potrebbero essere andati persi a causa della corruzione nei progetti di prestito della Banca Mondiale.

Nelle osservazioni di apertura del senatore Lugar, sottolinea che l'intera storia della Banca mondiale è sospetta, con tra il 5 e il 25 per cento di tutti i prestiti persi a causa della corruzione.

“Ma la corruzione rimane un problema serio. Il dottor Jeffrey Winters della Northwestern University, che testimonierà davanti a noi oggi, stima che la Banca mondiale "abbia partecipato per lo più passivamente alla corruzione di circa 100 miliardi di dollari dei suoi fondi di prestito destinati allo sviluppo". Altri esperti stimano che tra il 5 e il 25 per cento dei 525 miliardi di dollari che la Banca mondiale ha prestato dal 1946 sia stato utilizzato in modo improprio. Ciò equivale a tra $ 26 miliardi e $ 130 miliardi. Anche se la corruzione è nella fascia più bassa delle stime, milioni di persone che vivono in povertà potrebbero aver perso l'opportunità di migliorare la propria salute, istruzione e condizioni economiche ". 10

Ci si deve chiedere perché i funzionari della Banca Mondiale siano stati così sciatti e negligenti con i dollari dei contribuenti. Inoltre, ci si deve chiedere se la corruzione fosse una necessità per raggiungere gli scopi sottostanti della Banca, ovvero creare progetti fasulli e indesiderati per “stimolare” il commercio.

Il senatore Lugar ha continuato le sue osservazioni di apertura,

“La corruzione ostacola gli sforzi di sviluppo in molti modi. Le tangenti possono influenzare importanti decisioni bancarie sui progetti e sugli appaltatori. L'uso improprio dei fondi può gonfiare i costi del progetto, negare l'assistenza necessaria ai poveri e causare il fallimento dei progetti. Il denaro rubato può sostenere dittature e finanziare violazioni dei diritti umani. Inoltre, quando i paesi in via di sviluppo perdono i fondi delle banche di sviluppo a causa della corruzione, i contribuenti di quei paesi poveri sono ancora obbligati a rimborsare le banche di sviluppo. Quindi, non solo gli impoveriti sono privati ​​dei benefici per lo sviluppo, ma sono lasciati a ripagare i debiti risultanti alle banche ".11

Non è stato determinato quali dipendenti della Banca possano aver preso tangenti in cambio di influenza, ma si può essere certi che qualsiasi accordo che inizi con la corruzione ha solo una direzione da seguire: verso il basso. Alla fine, sono gli individui indifesi che rimangono con la borsa. I debiti contratti ei progetti falliti non fanno che aumentare l'impoverimento di persone già povere.

Questo non vuol dire che le accuse di corruzione alla Banca Mondiale siano solo rivelazioni moderne. Nel 1994, in occasione del 50 ° anniversario della sua creazione a Bretton Woods, South End Press ha rilasciato "50 anni sono sufficienti: il caso contro la Banca mondiale e il Fondo monetario internazionale". a cura di Kevin Danaher. Il libro descrive i rapporti ufficiali della Banca e del FMI che rivelano lo stesso tipo di corruzione di allora. Inoltre, ha rivelato diversi tipi di corruzione, ad esempio,

“Al di là dei soldi sprecati e della devastazione ambientale, c'era un lato ancora più sinistro della Banca durante gli anni della McNamara: la predilezione della Banca Mondiale per il crescente sostegno ai regimi militari che torturavano e uccidevano i loro sudditi, a volte subito dopo il violento rovesciamento di altri governi democratici. Nel 1979, il senatore James Abourezk (D-South Dakota) denunciò la banca all'aula del Senato, osservando che la Banca stava aumentando "i prestiti a quattro nuovi governi repressivi [Cile, Uruguay, Argentina e Filippine] due volte più velocemente di tutti gli altri". ' Ha osservato che 15 dei governi più repressivi del mondo avrebbero ricevuto un terzo di tutti gli impegni di prestito della Banca mondiale nel 1979, e che il Congresso e l'amministrazione Carter avevano tagliato gli aiuti bilaterali a quattro dei 15 - Argentina, Cile, Uruguay ed Etiopia - per flagranti violazioni dei diritti umani. Ha criticato l '"eccessiva riservatezza" della banca e ha ricordato ai suoi colleghi che "votiamo il denaro, ma non sappiamo dove va". 12

Il testo parla da solo e non ha bisogno di commenti. I lettori di questo rapporto avranno probabilmente una migliore comprensione di dove sono andati i soldi!

Conclusioni

Questo rapporto non pretende di essere un'analisi esaustiva della Banca Mondiale. Ci sono molte sfaccettature, esempi e casi di studio che potrebbero essere esplorati. In effetti, molti libri critici e analitici sono stati scritti sulla Banca Mondiale. L'obiettivo di questo rapporto era di mostrare come la Banca Mondiale si inserisce nella globalizzazione come membro centrale nella triade dei poteri monetari globali: il FMI, la BRI e la Banca Mondiale.

È probabile che la Banca mondiale continui a operare nonostante qualsiasi quantità di crisi politica o protesta pubblica. Tale è il modello delle istituzioni dominate dagli elitari. Tale è la storia del Fondo monetario internazionale e della Banca dei regolamenti internazionali.

È sufficiente concludere che ...

  • dei due architetti della Banca Mondiale, uno era un importante agente comunista sovietico (Harry Dexter White) e l'altro era un idealogue britannico (John Maynard Keynes) totalmente dedicato al globalismo (Vedi Global Banking: The International Monetary Fund per maggiori dettagli su White e Keynes)
  • Fin dall'inizio, la Banca è stata dominata da interessi bancari internazionali e membri del Consiglio per le relazioni estere e successivamente dalla Commissione trilaterale
  • il grido di "riduzione della povertà" è una farsa per nascondere il riciclaggio di miliardi di dollari dei contribuenti, se non trilioni, in mani private
  • il grido di "riduzione della povertà" disinnesta i critici della Banca come contro i poveri e a favore della povertà
  • la corruzione alla Banca mondiale risale a decenni, se non fino all'inizio

Le note

  1. Sito web della Banca Mondiale, pagina Informazioni
  2. The August Review, Global Banking: The International Monetary Fund
  3. Sito web della Banca Mondiale, Articoli dell'Accordo IBRD: Articolo I
  4. Stiglitz, Globalization and its Discontents (Norton, 2002), p. 234
  5. ibidem, p. 13
  6. ibid
  7. Wallach, la cui organizzazione commerciale? (The New Press, 2004), p.125]
    • Vedi anche, Bechtel vs. Bolivia: la rivolta dell'acqua boliviana
    • Vedi anche, The New Yorker, lettera su Leasing the Rain
    • Vedi anche, PBS, Leasing the Rain
  8. Sito web della Banca Mondiale, Bolivia Country Brief
  9. Stiglitz, op. cit., p. 234
  10. Lugar, sito web del Senato degli Stati Uniti, $ 100 miliardi potrebbero essere andati persi a causa della corruzione della Banca mondiale, 13 maggio 2004
  11. ibid.
  12. Hanaher, 50 Years is Enough: The Case Against the World Bank and the International Monetary Fund, (South End Press, 1994), p. 10

NOTA: Carl Teichrib ha contribuito a questo rapporto

 

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

3 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
sarà marrone

Questo articolo riguarda principalmente la Banca mondiale, non l'FMI, come suggerisce il titolo, anche se funzionano in concerto.

Vincent

Sono d'accordo con la spinta di questo articolo. Ma difenderebbe la reputazione di Keynes qui. È stato travolto dagli Stati Uniti nel suggerire una configurazione commerciale Bretton Woods / Global piuttosto diversa. Voleva il sistema di riserva globale Bancor che sarebbe stato un piano migliore di quello che Dexter White ha creato per il mondo.

https://theweek.com/articles/626620/how-john-maynard-keynes-most-radical-idea-could-save-world

trackback

[…] è de oudste van alle wereldwijde financiële Organisaties, veel ouder dan de bekendere zoals de Wereldbank dell'Internationaal Monetair Fonds (FMI). Het heeft zichzelf vele malen opnieuw uitgevonden […]