Mercola: come Big Tech controlla ciò che vedi online

Youtube.
Per favore, condividi questa storia!
Il colpo di stato della tecnocrazia è ora palesemente in faccia, ma la maggior parte delle persone ancora non capisce cosa stia accadendo perché i tecnocrati stanno inondando il mondo di disinformazione e disinformazione. ⁃ TN Editor

In questo episodio di Full Measure, la pluripremiata giornalista investigativa Sharyl Attkisson affronta Big Tech e la sua censura delle informazioni che vedi quotidianamente su Internet.1 La restrizione della libertà di parola è aumentata negli ultimi mesi, quando Facebook, Twitter e YouTube hanno compiuto passi senza precedenti per mettere a tacere gli account dei social media del presidente degli Stati Uniti.

Mentre molti hanno accolto favorevolmente la censura, altri si sono espressi contro la violazione della libertà di parola e la precedenza che stabilisce per il futuro. Anche il CEO di Twitter Jack Dorsey si è detto a disagio per la decisione, twittando il 13 gennaio 2021:2

“Dover intraprendere queste azioni frammenta la conversazione pubblica. Ci dividono. Limitano il potenziale di chiarimento, redenzione e apprendimento. E crea un precedente che ritengo pericoloso: il potere che un individuo o un'azienda ha su una parte della conversazione pubblica globale ".

Indipendentemente dalle proprie affiliazioni politiche, la mossa evidenzia l'immenso controllo che le aziende hanno sulle informazioni online e come possono essere cedute per sostenere o smantellare determinati programmi.

Gli sforzi per combattere le "fake news" sono aumentati dopo le elezioni

Zachary Vorhies è stato un insider Big Tech per più di otto anni. Ex ingegnere informatico senior di Google e YouTube di Google, ha detto che tutto andava alla grande - e poi è successo qualcosa: Donald Trump ha vinto le elezioni nel 2016. Nella prima settimana dopo le elezioni del 2016, Vorhies ha detto ad Attkisson, Google ha tenuto una riunione di tutte le mani .

Il CFO dell'azienda è scoppiato in lacrime per i risultati delle elezioni, mentre il fondatore Sergey Brin ha dichiarato di esserne stato personalmente offeso. In breve, i capi di Google sono stati devastati dalla vittoria inaspettata di Trump, e subito dopo Vorhies ha detto: "L'azienda ha preso una sinistra estrema e ha abbandonato i principi liberali e si è diretta verso una gestione autoritaria di prodotti e servizi".

Alla fine, quando Vorhies si rese conto che Google sta manipolando l'opinione pubblica e il panorama politico, si è dimesso in modo da poter avvertire il pubblico che sembrava che Google stesse tentando un colpo di stato contro il presidente. Ha fatto eco a questi sentimenti durante la nostra intervista del 2019 e ha condiviso la sua profonda conoscenza di questo monopolio globale, rivelando il perché Google non è una fonte di informazioni affidabile più.

Mentre alcune delle informazioni rivelate sono relative alla politica, puoi leggere le mie opinioni sul governo federale bipartitico degli Stati Uniti. Il punto di condividere queste informazioni è che Google sta manipolando i risultati di ricerca per riflettere le sue opinioni e influenzare il comportamento sociale mentre nega che ciò stia accadendo.

Come Google sta alterando la realtà

Secondo Vorhies, all'incontro di tutte le mani svoltosi poco dopo le elezioni presidenziali del 2016, il CEO di Google Sundar Pichai ha affermato che una delle cose di maggior successo che avevano fatto durante le elezioni è stata l'applicazione del "machine learning" per nascondere le fake news.

L'apprendimento automatico è un tipo di intelligenza artificiale che sta dietro la censura dilagante di Google, qualcosa che hanno soprannominato Machine Learning Fairness o ML Fairness. "Come immagini", ha detto Vorhies durante la nostra intervista del 2019 (con collegamento ipertestuale sopra), "non chiameranno il loro regime di censura qualcosa di negativo. Lo chiameranno qualcosa come "correttezza". "

“Quindi, se sei contrario, sei contro l'equità. È un eufemismo. Ho scoperto che c'era questo progetto ombrello, "ML Fairness", e c'erano questi sottocomponenti come "Project Purple Rain", che è un team di risposta 24 ore su XNUMX che monitora Internet ", ha detto.

Entro il 2017, Vorhies aveva scoperto più di 950 pagine di documenti Google riservati che mostravano un piano per riorganizzare l'intera Internet in base ai valori aziendali di Google, utilizzando l'apprendimento automatico per intervenire per la "correttezza". Si è dimesso nel giugno 2019 e ha consegnato i documenti al Dipartimento di Giustizia, quindi li ha resi pubblici tramite Project Veritas per esporre le attività di censura di Google.3 Secondo Project Veritas:4

“Le cose sono diventate politiche nel giugno 2017 quando Google ha cancellato 'covfefe' dal suo dizionario di traduzione in arabo per fare in modo che un tweet di Trump diventasse una sciocchezza. Ciò sarebbe stato positivo se non fosse stato per la coincidenza dei principali media che hanno tentato di invocare il 25 ° emendamento per rimuovere Trump dalla presidenza, una settimana dopo.

A questo punto Zach Vorhies si è insospettito che Google potesse essere coinvolto in una cospirazione sediziosa per rimuovere il presidente degli Stati Uniti. Zach ha deciso che la cache dei documenti doveva essere fornita alle forze dell'ordine appropriate (Dipartimento di giustizia) per rivelare l'attività sediziosa e al pubblico per far loro conoscere la piena portata delle capacità di controllo delle informazioni di Google ".

L '"ingiustizia algoritmica" affronta la narrazione della realtà

Susan Wojcicki, CEO di YouTube, ha affermato che spingere verso il basso "notizie false" e aumentare le "notizie autorevoli" sembra una cosa positiva, ha riferito Attkisson,5 ma quando Vorhies ha esaminato i documenti di progettazione di Google, le notizie false che stavano censurando non erano realmente false.

“Ero apolitico”, ha detto, “ma ho iniziato a pensare, questa è davvero una notizia falsa? Perché lo definiscono come fake news per giustificare la censura? " Parte di questo ha coinvolto gli sforzi di Google nella ricostruzione sociale per correggere "l'ingiustizia algoritmica", che potrebbe essere qualsiasi algoritmo che rafforzi gli stereotipi esistenti.

La realtà oggettiva potrebbe essere algoritmicamente ingiusta? Google dice di sì. Vorhies ha utilizzato l'esempio di una ricerca su Google per i CEO e le immagini restituite includevano principalmente uomini. Sebbene sia la realtà, questo potrebbe essere considerato algoritmicamente ingiusto e, secondo Google, giustifica l'intervento per risolverlo. Utilizza anche l'esempio dei consigli di ricerca di compilazione automatica che compaiono se esegui una ricerca su Google.

Il riempimento automatico è ciò che accade quando inizi a digitare una query di ricerca in un motore di ricerca e gli algoritmi si attivano per offrire suggerimenti per completare la ricerca. Se digiti "gli uomini possono", potresti ricevere consigli di compilazione automatica come "gli uomini possono allattare" e "gli uomini possono rimanere incinta" o "le donne possono produrre sperma", cose che rappresentano un'inversione degli stereotipi e un'inversione dei ruoli di genere.

Siamo stati portati a credere che qualunque siano i consigli di compilazione automatica è ciò che la maggior parte delle persone sta cercando - Google ha affermato che i suggerimenti forniti sono generati da una raccolta di dati utente - ma non è vero, almeno non più. Come ha detto Vorhies durante la nostra intervista del 2019:

“Questa storia sulla compilazione automatica è stata divulgata per la prima volta dal dottor Robert Epstein, uno psicologo formato ad Harvard ed ex redattore capo di Psychology Today. Quello che ha detto è che Google ha lanciato un sacco di voti per Hillary utilizzando questa funzione di autosuggest. Ho indagato su questa affermazione. Ho verificato che fosse vero ... Si è scoperto che molte delle ricerche più popolari sono state soppresse.

… La cosa più significativa di questa funzione è il fatto che non ti aspetti che questa parte della tua esperienza online sia nata per ragioni politiche. Pensi che questo sia legittimamente ciò che le altre persone stanno cercando. Di conseguenza, non hai i filtri attivi. Il tuo cervello mette questi filtri quando inizia a valutare informazioni politicamente caricate.

Quando leggi un articolo di giornale, potresti pensare a te stesso: "Questo può essere vero, potrebbe non essere così". Sei scettico. Ma quando stai digitando una ricerca, non lo pensi perché non pensi che sia truccato, quindi qualunque pregiudizio sia inerente a quel risultato di ricerca scivola e va direttamente nel tuo subconscio. Questo è ciò che stava spiegando Epstein. "

Vorhies ha detto che il suo punto di svolta è arrivato quando Pichai ha detto al Congresso che la società non filtra in base a pregiudizi politici e siti web di liste nere. "È stato allora che ho visto che Sundar Pichai mentiva al Congresso dicendo che non usano le liste nere".6

La verifica dei fatti di Big Tech è aumentata

L'improvviso assalto delle organizzazioni di "verifica dei fatti" è un'altra forma di censura che interferisce con il discorso libero. Citando i dati del Duke University Reporters 'Lab, Attkisson afferma che "i gruppi di verifica dei fatti sono più che quadruplicati in numero in cinque anni da 44 a 195". La verifica dei fatti rappresenta ora un'industria multimilionaria che può avvantaggiare determinati interessi.

"Facebook e Google sono i principali finanziatori di testate giornalistiche e di fact check", riferisce Attkisson, "spendendo centinaia di milioni di dollari". Il problema con l'etichettatura di qualcosa come "informazioni false e fuorvianti" è il danno che si verifica se tali informazioni non sono effettivamente false o fuorvianti. Quando un banner si apre sui social media che avverte i lettori che il contenuto è falso, la maggior parte delle persone non farà clic.

Secondo il Poynter Institute, uno dei partner di controllo dei fatti di Facebook, che si autodefinisce un "leader mondiale del giornalismo" che ritiene essenziale una stampa libera,7 una volta che un post di Facebook viene contrassegnato come falso da un fact-checker, la sua copertura diminuisce in media dell'80%.8

Inoltre, anche l'elenco di Facebook dei partner fidati per il controllo dei fatti è fortemente in conflitto. Difesa della salute dei bambini citato in giudizio Facebook, il suo CEO Mark Zuckerberg e tre dei suoi partner per il controllo dei fatti: Science Feedback, Poynter Institute e PolitiFact9 - affermando, in parte, di non essere indipendenti o fondati sui fatti, anche se si descrivono come tali.

I fact checker ricevono milioni dai gruppi politici

PolitiFact è una filiale del Poynter Institute che afferma che il giornalismo di verifica dei fatti è il suo "cuore",10 mentre Science Feedback è un'organizzazione francese che afferma di verificare la "credibilità" delle affermazioni scientifiche "influenti" nei media.11

Science Feedback, che spesso si schiera con l'industria dei vaccini, è stato utilizzato anche per screditare un documentario che legava il coronavirus a un laboratorio a Wuhan, in Cina, ma la fonte di Science Feedback era uno scienziato statunitense che lavorava presso il laboratorio di Wuhan.

Inoltre, secondo Attkisson, PolitiFact ha ricevuto milioni da gruppi interessati a reinventare il capitalismo, conta gli immigrati nel censimento degli Stati Uniti e cambia i processi di voto per le elezioni presidenziali dal sistema elettorale al voto popolare.

PolitiFact ha anche ricevuto $ 900,000 dal Democracy Fund, che è uno dei principali finanziatori degli sforzi politici anti-Trump, mentre Open Society Foundations e Omidyar Network di sinistra hanno dato al Poynter Institute $ 1.3 milioni per la sua rete internazionale di controllo dei fatti.12

Attkisson afferma che la censura del controllo dei fatti è aumentata nelle ultime settimane della campagna presidenziale del 2020 con Twitter che censura o etichetta i tweet di Trump e una denuncia del New York Post sul figlio di Joe Biden e, dopo le elezioni, YouTube ha vietato i video che contestano la vittoria di Biden. In definitiva, cosa c'è di sbagliato nelle aziende che cercano di impedire che informazioni dannose o teorie del complotto raggiungano le persone?

Come ha detto Vorhies, “Il problema è che sono un monopolio. E se metteranno il dito sulla narrativa pubblica, sarà un'ingerenza nelle elezioni ".13

'Saltare dal caminetto al fuoco'

La sezione 230 del Communications Decency Act del 1996 fornisce la protezione della responsabilità delle piattaforme Internet per i contenuti generati dagli utenti. Big Tech sta spingendo per l'inclusione della sezione 230 del Communications Decency Act in vari accordi di libero scambio, per proteggerli dalle normative straniere.

Mentre Sezione 230 rende possibile la libertà di parola online per tutti, consente inoltre a Google, YouTube e Facebook di filtrare e censurare ciò che vogliono pur qualificandosi come una piattaforma piuttosto che come un curatore di contenuti.

Il Congresso ha minacciato di punire la Big Tech privandola delle protezioni legali nella Sezione 230, ma l'intervento del governo potrebbe aggiungere un altro livello di problemi, dice Attkisson. Cindy Cohn, direttore esecutivo della Electronic Frontier Foundation, è d'accordo, osservando14:

“Solo perché hai un problema non significa che ogni soluzione sia quella giusta. E penso che potremmo davvero saltare da un caminetto a un incendio se poi decidessimo che lasceremo che chiunque sia responsabile del governo decida quello che vediamo ".

Gli sforzi per chiudere le discussioni pubbliche e le informazioni sono in pieno vigore. Che cosa si può fare? La conoscenza è davvero potere, quindi guarda oltre le etichette dei verificatori di fatti e le prime pagine dei risultati di ricerca predefiniti di Google - e le società dietro di loro - nella tua ricerca della verità. Esistono alternative per la maggior parte se non tutti i prodotti Google e, utilizzando queste altre società, possiamo aiutarli a crescere in modo che Google diventi sempre meno rilevante.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

3 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
sto solo dicendo

La disinformazione e la disinformazione sono distese. GLI UOMINI NON POSSONO AVERE BAMBINI, PERIODI, INCINTA, ecc. Se sei un uomo, qualunque cosa fai al tuo corpo, taglia, cuci o incolla, o quali vestiti indossi, sei pur sempre un uomo. Mentalmente sei incasinato. “Maschio e femmina li creò; e li benedisse, e chiamarono il loro nome Adamo, nel giorno in cui furono creati ". Genesi 5: 2 Maschio זָכָ֥ר (zā · ḵār) Sostantivo - maschile singolare Ebraico di Strong 2145: Ricordato, un maschio e una femmina וּנְקֵבָ֖ה (ū · nə · qê · ḇāh) Congiuntivo waw | Sostantivo - femminile singolare ebraico di Strong... Per saperne di più »

Larry

Se non vedi la grande tecnologia e msm sta mentendo, hai bisogno di aiuto.