Banche e cooperative di credito vedono le "conseguenze devastanti" della valuta digitale della banca centrale (CBDC)

Per favore, condividi questa storia!
Come ho detto, quando la Federal Reserve creerà la propria valuta digitale e accetterà il suo primo conto di deposito dei consumatori, il Tesoro degli Stati Uniti sarà obsoleto e il Congresso perderà ogni controllo sulla creazione di denaro e monete. Ciò significa che un monopolio del private banking controlla l'intero sistema monetario. ⁃ Editore TN

Credit union e gruppi di commercio bancario hanno rilasciato una lettera congiunta al presidente e al membro di grado della Commissione per i servizi finanziari della Camera, avvertendo di "conseguenze devastanti" se la Federal Reserve avanzerà con una valuta digitale della banca centrale (CBDC). La lettera è stata inviata il 25 maggio, un giorno prima che il Comitato convocasse un'audizione su "Risorse digitali e futuro della finanza: esame dei vantaggi e dei rischi di una valuta digitale della banca centrale statunitense.” Quell'udienza ha preso la testimonianza di un solo testimone, Lael Brainard, il vicepresidente della Federal Reserve.

Il fatto che le cooperative di credito, che spesso servono i lavoratori sindacalizzati, si siano unite ai gruppi bancari di categoria per firmare la lettera, dà credibilità alle "conseguenze devastanti" che la lettera enumera di una valuta digitale della banca centrale.

Una CBDC consentirebbe alla Federal Reserve di competere per i depositi con le cooperative di credito e le banche. La lettera valuta correttamente lo svantaggio di una tale mossa come segue:

“Il denaro privato viene creato attraverso l'intermediazione finanziaria da banche e cooperative di credito, il processo in cui le istituzioni finanziarie prendono depositi, prestano e investono quei depositi. Il denaro privato viene utilizzato dalle istituzioni finanziarie per fornire finanziamenti alle imprese e ai consumatori e quindi sostiene la crescita economica. L'introduzione di una CBDC sarebbe una decisione deliberata di trasferire un certo volume di denaro privato in denaro pubblico, con conseguenze potenzialmente devastanti per il costo e la disponibilità di credito per consumatori e imprese. In sintesi, i risparmi delle imprese e dei consumatori non finanzierebbero più le attività delle banche – principalmente prestiti – ma invece finanzierebbero le attività della Federal Reserve – principalmente titoli emessi dal Dipartimento del Tesoro, Fannie Mae e Freddie Mac”.

Allo stesso modo, la lettera avverte:

"In effetti, una CBDC fungerà da concorrente avvantaggiato per i depositi bancari al dettaglio che sposteranno denaro dalle banche e in conti presso la Federal Reserve, dove i fondi non possono essere restituiti all'economia. Questi conti di deposito rappresentano oggi il 71% dei finanziamenti bancari. La perdita di questa fondamentale fonte di finanziamento minerebbe l'economia del modello di business bancario, limitando gravemente la disponibilità di credito, aumentando il costo del credito e provocando un rallentamento dell'economia. L'ABA stima che anche un CBDC in cui i conti fossero limitati a $ 5,000 per "utente finale" potrebbe comportare $ 720 miliardi di depositi che lasciano il sistema bancario".

La lettera congiunta richiama anche l'assurdità che il dollaro non sia già digitalizzato. (Chiunque utilizzi un metodo "paga per telefono" per pagare una bolletta mensile in pochi secondi dal proprio conto corrente o una carta di debito per pagare gli acquisti apprezza appieno quanto sia già rapido e snello il dollaro digitale.) Le cooperative di credito e i gruppi bancari scrivono come segue:

“Contrariamente alle affermazioni di alcuni sostenitori della CBDC, una CBDC statunitense non è necessaria per 'digitalizzare il dollaro', poiché oggi il dollaro funziona principalmente in forma digitale. Il denaro delle banche commerciali è un dollaro digitale ed è attualmente accettato senza dubbio da aziende e consumatori come mezzo di pagamento".

Nel luglio 2019, il professore ed economista della NYU Nouriel Roubini ha anche toccato la velocità esistente del sistema di carte di credito Visa rispetto alla valuta digitale in un'intervista a Bloomberg News. Roubini ha dichiarato:

“…nessuno, nemmeno questa conferenza blockchain, accetta Bitcoin per pagare le tasse della conferenza perché puoi fare solo cinque transazioni al secondo con Bitcoin. Con il sistema Visa puoi fare 25,000 transazioni al secondo... Una sciocchezza di Crypto. È un fallimento. Nessuno lo usa per nessuna transazione.

Una delle principali preoccupazioni al Congresso e alla Fed sembra essere che un altro paese, come la Cina, potrebbe superare gli Stati Uniti nello sviluppo della propria valuta digitale della banca centrale e mettere in pericolo il dollaro USA come valuta di riserva mondiale. All'audizione della Commissione per i servizi finanziari della Camera il 26 maggio, il vicepresidente della Fed Brainard ha testimoniato quanto segue:

“La futura evoluzione dei pagamenti internazionali e dei flussi di capitale influenzerà anche le considerazioni su un potenziale CBDC statunitense. Il dollaro è la valuta più utilizzata nei pagamenti e negli investimenti internazionali, il che avvantaggia gli Stati Uniti riducendo i costi di transazione e di prestito per le famiglie, le imprese e il governo statunitensi. Negli stati futuri in cui le altre principali valute estere sono emesse in forma CBDC, è prudente considerare come la potenziale assenza o presenza di un dollaro digitale della banca centrale statunitense potrebbe influenzare l'uso del dollaro nei pagamenti globali. Ad esempio, la People's Bank of China ha sperimentato lo yuan digitale e molte altre banche centrali estere stanno emettendo o valutando la possibilità di emettere le proprie valute digitali. Un CBDC statunitense potrebbe essere un potenziale modo per garantire che le persone in tutto il mondo che usano il dollaro possano continuare a fare affidamento sulla forza e sulla sicurezza della valuta statunitense per effettuare transazioni e condurre affari nel sistema finanziario digitale. Più in generale, è importante che gli Stati Uniti svolgano un ruolo guida nello sviluppo di standard che regolano le transazioni finanziarie digitali internazionali che coinvolgono CBDC coerenti con le norme di privacy, accessibilità, interoperabilità e sicurezza".

La lettera congiunta delle cooperative di credito e dei gruppi bancari ha affrontato tale questione come segue:

“… non sembra necessario un CBDC per sostenere il ruolo del dollaro USA a livello internazionale. Mentre molti paesi hanno sperimentato una CBDC, molti si sono concentrati su un modello all'ingrosso, cosa non contemplata dal documento di discussione della Federal Reserve. Inoltre, molti hanno ritirato questi esperimenti poiché i costi di implementazione sono diventati evidenti. La Federal Reserve osserva che lo status del dollaro come valuta di riserva globale è guidato da 1) la forza e l'apertura della nostra economia, 2) la profondità dei nostri mercati finanziari e 3) la fiducia nelle nostre istituzioni e nello stato di diritto".

Wall Street in parata è stato scettico sulle mani invisibili dietro questa spinta per una valuta digitale della banca centrale presso la Fed – (la Fed è il fornitore perpetuo di salvataggi alle banche dei casinò di Wall Street) – da quando una mano invisibile simile ha spinto Saule Omarova in avanti come Il candidato del presidente Biden a capo dell'Office of the Comptroller of the Currency, l'autorità di regolamentazione delle banche nazionali (quelle che operano attraverso i confini statali).

Nell'ottobre dello scorso anno, la Vanderbilt Law Review ha pubblicato a Carta di 69 pagine di Omarova in cui ha proposto non solo una valuta digitale della banca centrale, ma una ristrutturazione radicale e da far rizzare i capelli della Fed che includerebbe quanto segue:

(1) Spostare tutti i depositi delle banche commerciali dalle banche commerciali ai cosiddetti FedAccounts presso la Federal Reserve;

(2) Consentire alla Fed, in "circostanze estreme e rare, quando la Fed non è in grado di controllare l'inflazione aumentando i tassi di interesse", di confiscare i depositi da questi FedAccount al fine di inasprire la politica monetaria;

(3) Consentire alla banca regionale della Fed più in conflitto con Wall Street del paese, la Fed di New York, quando ci sono "aumenti del valore di mercato a tassi indicativi di una tendenza alla bolla", come con i titoli tecnologici odierni, di "ridurre questi titoli, esercitando così una pressione al ribasso sui loro prezzi”;

(4) Eliminare la Federal Deposit Insurance Corporation (FDIC) che assicura i depositi bancari negli Stati Uniti e che impedisce il panico nelle banche;

(5) Consolidare tutte le funzioni di vigilanza bancaria presso l'OCC – di cui Omarova è stata nominata a capo.

All'inizio di novembre, Omarova stava affrontando ancora più polemiche quando è stato rivelato che aveva chiamato la stessa industria che era stata nominata per supervisionare la "quintessenza dell'industria del buco del culo" in un documentario canadese del 2019. Omarova alla fine ha ritirato la sua nomina dopo che è diventato chiaro che non aveva i voti per essere confermata.

Puoi leggere la lettera congiunta dell'unione di credito e dei gruppi bancari per saperne di più, clicca qui; La testimonianza di Brainard è disponibile per saperne di più, clicca qui.

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

4 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
un b
Lora

Troppo confuso per me, devono essere le tracce chimiche.

Abubakar Muhammad

Da quanto ho letto sopra è abbastanza chiaro che le cooperative di credito o gli istituti di panificazione non hanno a cuore il miglior interesse della popolazione ma piuttosto tutti soffrono mentre mantengono il controllo sul denaro, è anche chiaro che se il Congresso non lo fa t accettare che CBDC sia il fatto che CBDC offre zero debiti, UBI e altri benefici sociali che significherebbero nessuna povertà e zero fame, il Congresso deve essere devoluto in quanto non sopporta o rappresenta il benessere della sua gente.

Brandon

"La Federal Reserve osserva che lo status del dollaro come valuta di riserva globale è guidato da 1) la forza e l'apertura della nostra economia, 2) la profondità dei nostri mercati finanziari e 3) la fiducia nelle nostre istituzioni e nello stato di diritto".

La mia comprensione è che la ragione principale della forza dell'USD è il commercio di petro e gli schemi di "aiuto" e prestito del FMI e della Banca mondiale. Guarda le interviste e i libri di Michael Hudson per maggiori informazioni. Non mi aspetto che la maggior parte dei banchieri consideri il nostro rapporto di sfruttamento con il resto del mondo come un'educata conversazione a cena.