Le città intelligenti promuovono l'isolamento sociale, non l'insieme

Immagine: strade di New York
Per favore, condividi questa storia!
I tecnocrati progettano le città secondo la loro "scienza dell'ingegneria sociale", dove i cittadini sono solo animali nel labirinto da controllare, dirigere, gestire e sorvegliare. Le città intelligenti saranno il flagello dell'umanità, non la sua salvezza. ⁃ TN Editor

Romanzo di George Orwell 1984, pubblicato su 1949, immagina una società organizzata da uno stato totalitario in cui la vita quotidiana è regolata e il Grande Fratello programma ogni mossa. Non un governo totalitario, ma il potere corporativo, combinato con le nuove applicazioni delle tecnologie dell'informazione, può condurci a una società simile.

Senza dubbio le tecnologie digitali sono trasformative. Le comunicazioni istantanee di Internet, la gioia di FaceTime con amici e parenti e la vasta serie di informazioni di Google hanno arricchito incommensurabilmente la vita umana. I cellulari hanno reso accessibile quasi tutto il mondo.

Ciò che le tecnologie digitali hanno fatto in medicina, industrie, trasporti, rapporti commerciali non è altro che un miracolo. Tuttavia, ciò non significa che siano privi di costi sociali e che ogni nuovo uso di queste tecnologie aumenterà il benessere umano.

Le tecnologie digitali combinate con sensori e satelliti vengono ora applicate alle nostre attività quotidiane, minacciando le basi dell'organizzazione sociale e delle relazioni umane. Siamo sempre più programmati per agire, comportarci e relazionarci tra loro in modi predeterminati.

Due tendenze sono sorprendenti: riduzione dei contatti umani e rapporti faccia a faccia e perdita della spontaneità e del processo decisionale personale nella vita quotidiana, aumentando l'isolamento sociale e il regime.

I Sidewalk Labs proposti da Google a Toronto prevedono un quartiere urbano guidato dalla tecnologia. Le discussioni pubbliche su questi piani si concentrano sulla privacy, la proprietà dei dati e la sorveglianza, la vita sociale irreggimentata che arriva con il suo vicinato guidato da algoritmi dovrebbe essere di pari preoccupazione. Esaminiamo alcune tendenze già in atto.

La nuova esperienza di acquisto ha lo scopo di liberarci dall'attesa in coda e dalla gestione di un cassiere selezionando, selezionando, scansionando e pagando da soli generi alimentari e altri beni. Lo shopping online porta vestiti, scarpe e persino automobili. Skip the Dishes fornirà il cibo preferito a portata di mano. Si può lavorare da casa senza la compagnia dei colleghi. App, programmi e algoritmi stanno distruggendo le connessioni umane e gli incontri casuali.

Le auto senza conducente sono all'orizzonte e le città intelligenti sono la nuova promessa. Le tecnologie intelligenti non solo ci libereranno dal processo decisionale, ma ci guideranno anche nella nostra vita quotidiana. Non è questo l'1984 abbracciato volontariamente senza un fratello maggiore visibile?

La ricaduta sociale di questi modi di vivere intelligenti è l'isolamento sociale, la solitudine, la perdita di scelte personali e la libertà di prendere decisioni. La penetrazione delle tecnologie digitali, in nome dell'efficienza economica, nelle nostre piccole interazioni casuali e quotidiane erode le opportunità per le connessioni umane.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite
3 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Lulie May

Chiamalo per quello che è VERAMENTE, al contrario di quello che ti dicono che è> Città idiote, telefoni idioti, ecc.!

Fred

Una "prenotazione" con qualsiasi altro nome. . .

Rachele N

E questa promozione dell'isolamento delle città sta avvenendo nello stesso momento in cui costringe tutti a evitare gli altri oa semi isolarsi. Chiamando questo il nuovo normale.
Toelettatura evidente.