Benvenuti nel Metaverso: una raffica di aggressioni, razzismo, barzellette sullo stupro

Fotografia: Canale 4
Per favore, condividi questa storia!
Mark Zuckerberg ha scommesso la sua fortuna sul cavallo sbagliato con Meta e il metaverso, e prevedo che l'intero progetto finirà in una triste sconfitta, se non in bancarotta. Non esiste un programma di intelligenza artificiale al mondo in grado di controllare gli atteggiamenti e le azioni di base delle persone peccaminose che possono nascondere la propria identità e fare tutto ciò che vogliono senza conseguenze. ⁃ Editore TN

Prima di entrare nel metaverso, avevo letto alcuni articoli su di esso e le persone non avevano le cose più belle da dire. Ma volevo vedere se era vero, o se le persone stavano solo cercando di trovare la negatività. Sono un grande utente dei social media, quindi uno spazio virtuale 3D dove puoi interagire con altre persone – dove gli artisti fanno concerti e le case di moda fanno spettacoli? Questo è eccitante per me!

Ma nei primi 10 minuti dopo aver indossato un visore VR ed essere entrato in una chat room, ho visto bambini minorenni che simulavano sesso orale a vicenda. Ho subito molestie sessuali, razzismo e battute sullo stupro. A un certo punto, ho sentito qualcuno dire "Mi piacciono le bambine dai nove ai 12 anni: è solo il mio genere".

Mi sono imbattuto in un utente che stava vomitando il linguaggio più disgustoso che abbia mai sentito in vita mia, al punto che non potevamo nemmeno trasmettere quello che stava dicendo. sto parlando estremo razzismo - incitamento all'odio, elenco dei tipi di persone che odiava, il tipo di persone che voleva uccidere. Era così violento. Ed è successo tutto in una stanza a cui ho potuto accedere nonostante utilizzassi un profilo che avevo indicato come 13 anni.

È arrivato al punto che stavo davvero iniziando a preoccuparmi di quanto fosse brutto fare il nostro documentario. Ero consapevole che avevamo bisogno di equilibrio, quindi mi sono ritrovato a cercare disperatamente di trovare cose buone a cui aggrapparmi. Ma le cose brutte continuavano ad arrivare così fitte e veloci. non ho chiesto in qualsiasi di esso, io esistevo solo in quello spazio.

Sono entrato nelle chat room e la gente mi rimproverava, anzi mi urlava contro. A un certo punto, sette utenti mi hanno circondato e hanno cercato di costringermi a rimuovere il mio scudo di sicurezza in modo che potessero fare cose al mio corpo. Ho provato a scappare, ma mi hanno appoggiato contro un muro, cercando di afferrarmi, facendo commenti sessuali. Era l'equivalente virtuale dell'aggressione sessuale.

So che non è reale, ma quando indossi le cuffie, sembra davvero di essere lì: puoi sentire le loro voci reali e, ovunque muovi la testa, il mondo viaggia con te. Inganna il tuo cervello facendogli pensare che lo stai davvero vivendo. Dimentichi che non è reale. È così intimidatorio.

Un problema più grande è quanto sia difficile segnalare effettivamente quel tipo di comportamento. Hai bisogno di nomi, documenti d'identità, una sorta di prova. Ma quando stai assistendo a qualcosa che ti sconvolge, il tuo primo pensiero non è necessariamente: "Fammi registrare questa conversazione così posso denunciarla e loro possono agire". Il modo in cui si aspettano che tu ti lamenti non ha alcun senso. Mi sono appena ritrovato a chiedermi: mi sento come se potessi tenermi al sicuro in questo ambiente? Potrebbe l'utente medio? Potrebbero i bambini? E al momento: no, non credo che possano.

Utilizzando quel profilo che avevo impostato su 13 anni, sono stato in grado di accedere a tutti i tipi di cose che non avrei dovuto. Stavo usando un'app che dice che è adatta dai sette anni in più, ma continuavo a imbattermi in stanze in cui le persone giravano, twerkavano e simulavano il sesso. Gli utenti che hanno 13 anni non dovrebbero essere in grado di accedere a quella stanza. Le persone che hanno sette anni non dovrebbero essere in grado di accedere a quella stanza. Ma così com'è, possono.

La cosa peggiore è quanto diventi insensibile. Il modo casuale in cui le persone usavano un linguaggio estremamente violento che era omofobo, razzista e sessista significava che dopo la mia terza o quarta immersione nel metaverso, ne diventavo desensibilizzato. Potresti vederlo accadere anche con altre persone. C'erano stanze in cui si svolgevano le conversazioni più razziste e altre persone si stavano semplicemente rilassando, senza prestare attenzione. È uno spazio in cui si è normalizzato.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

7 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] Leggi l'articolo originale […]

Elle

OH MIO DIO.

DawnieR

Non esiste NESSUNA COSA come 'AI'!!!! L'INTELLIGENZA, per sua MOLTA NATURA, NON PUÒ ESSERE ARTIFICIALE! 'Intelligenza Artificiale' è un OXYMORON! È come dire che esiste 'ACQUA SECCA'.

Brad

Mi chiedo se questi troll siano davvero veramente peccaminosi o stiano semplicemente distruggendo il metaverso di Meta di proposito, conoscendo la vera e molto più grande natura peccaminosa della visione di Zucker?

Boris

Questo è un pezzo di propaganda per promuovere l'Online Safety Bill nel Regno Unito, che è una grave minaccia alla libertà di parola e ai media alternativi.

Cjjs

Sì, ho pensato lo stesso. Ho anche notato che promuoveva l'uso dell'ID online. È il Guardian, quindi c'è da aspettarselo. Non riesco a credere di essere stato un lettore abituale e di pensare che questo articolo fosse il migliore del gruppo nel Regno Unito!

Lee Anne

Questo è il motivo per cui i GENITORI devono essere adulti e NON lasciare che i loro figli accedano a Internet senza restrizioni. Se i genitori chiudessero gli account dei loro figli, la grande tecnologia offrirebbe effettivamente aree monitorate per i bambini lasciando che gli adulti abbiano aree di libertà di parola.