Epic Fail: i "vaccini" per il COVID non influiscono sui tassi di infezione

JarJarDrinks / imgur
Per favore, condividi questa storia!
Ogni prova che l'inoculazione di massa inibisce i tassi di infezione è scomparsa, ma è emersa un'abbondanza di prove che le persone stanno morendo per gli spari in tutto il mondo. Peggio ancora, tra i tecnocrati non si parla ancora di fermare questo mostruoso esperimento sull'umanità. Solo i cittadini possono schiacciare la loro narrativa vacua. Editor TN

STORIA IN BREVE-

> La ricerca mostra che l'aumento dei casi di COVID-19 non è completamente correlato ai livelli di vaccinazione in 68 paesi in tutto il mondo e in 2,947 contee negli Stati Uniti

> I dati delle contee statunitensi hanno mostrato tendenze simili, con nuovi casi di COVID-19 per 100,000 persone "molto simili" indipendentemente dal tasso di vaccinazione

> Delle cinque contee statunitensi con i più alti tassi di vaccinazione - che vanno dall'84.3% al 99.9% completamente vaccinati - quattro sono nell'elenco "alta trasmissione" dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, mentre il 26.3% delle 57 contee con "bassa trasmissione" ” aveva tassi di vaccinazione inferiori al 20%

> L'Islanda e il Portogallo, che hanno entrambi più del 75% della loro popolazione completamente vaccinata, hanno più casi di COVID-19 per 1 milione di persone rispetto a Vietnam e Sud Africa, dove solo il 10% circa della loro popolazione è completamente vaccinata

> I dati del CDC mostrano che i tassi di ospedalizzazione per malattie gravi tra i completamente vaccinati sono passati dallo 0.01% a gennaio 2021 al 9% a maggio 2021 e i decessi sono passati dallo 0% al 15.1%. Se gli scatti funzionassero davvero, questi tassi sarebbero dovuti rimanere vicini allo zero

Considerando la portata della campagna di vaccinazione di massa contro COVID-19, se i colpi funzionassero come pubblicizzato, avremmo già l'immunità di gregge indotta dal vaccino. Al 28 ottobre 2021 erano state somministrate 6.94 miliardi di dosi di vaccini COVID-19, pari al 49% della popolazione mondiale che aveva ricevuto almeno una dose.1

Aggiungete a ciò il fatto che abbiamo un'immunità naturale diffusa e COVID-19 dovrebbe davvero essere un non-problema a questo punto. Raramente una pandemia dura più di 18 mesi. Tuttavia, il COVID-19 presumibilmente persiste. Chiaramente, lo sforzo di iniezione di massa non funziona.

 

Uno studio2 pubblicato sull'European Journal of Epidemiology alla fine di settembre 2021 lo conferma, mostrando che l'aumento dei casi di COVID-19 (ovvero casi positivi basati sui test PCR) non è completamente correlato ai livelli di vaccinazione in 68 paesi in tutto il mondo. Idem per 2,947 contee negli Stati Uniti Nel video di Peak Prosperity sopra, Chris Martenson, Ph.D., esamina i dettagli di questo documento.

I dati mostrano che i colpi COVID non hanno alcun impatto sui tassi di infezione

Mentre la narrativa ufficiale del COVID continua ad incolpare la pandemia in corso sui non vaccinati, i dati mostrano che le aree con alti tassi di vaccinazione, come Israele, continuano ad avere una significativa diffusione del COVID-19. Come notato da SV Subramanian, dell'Harvard Center for Population and Development Studies e un collega dell'European Journal of Epidemiology:3

“I vaccini attualmente sono la principale strategia di mitigazione per combattere il COVID-19 in tutto il mondo. Ad esempio, si sostiene che la narrativa relativa all'aumento in corso di nuovi casi negli Stati Uniti (USA) sia guidata da aree con bassi tassi di vaccinazione.

Una narrativa simile è stata osservata anche in paesi come la Germania e il Regno Unito. Allo stesso tempo, Israele, che è stato acclamato per i suoi rapidi ed alti tassi di vaccinazione, ha visto anche una sostanziale ripresa dei casi di COVID-19”.

Utilizzando i dati disponibili al 3 settembre 2021, da Our World in Data for cross-country analysis, e i dati del White House COVID-19 Team per le contee degli Stati Uniti, i ricercatori hanno studiato la relazione tra i nuovi casi di COVID-19 e la percentuale di popolazione completamente vaccinata.

Sessantotto paesi sono stati inclusi. I criteri di inclusione includevano i dati sul vaccino della seconda dose, i dati sui casi COVID-19 e i dati sulla popolazione al 3 settembre 2021. Hanno quindi calcolato i casi COVID-19 per 1 milione di persone per ciascun paese e calcolato la percentuale di popolazione completamente vaccinata.

Secondo gli autori, non c'era "nessuna relazione distinguibile tra la percentuale di popolazione completamente vaccinata e i nuovi casi di COVID-19 negli ultimi sette giorni". Semmai, tassi di vaccinazione più elevati sono stati associati a un leggero aumento dei casi. Secondo gli autori:4

"[T] la linea di tendenza suggerisce un'associazione marginalmente positiva in modo tale che i paesi con una percentuale più alta di popolazione completamente vaccinata abbiano casi COVID-19 più elevati per 1 milione di persone".

Come notato da Martenson, questo va contro la narrativa ufficiale, che afferma che gli scatti sono altamente efficaci nel prevenire l'infezione sintomatica. Wikipedia arriva al punto di affermare che "Un vaccino COVID-19 è un vaccino destinato a fornire un'immunità acquisita contro COVID-19",5 quando in realtà non fa affatto una cosa del genere.

Anche gli sviluppatori ammettono che lo scatto non può prevenire l'infezione. Riduce solo i sintomi dell'infezione. Questo dimostra quanto Wikipedia sia assolutamente inaffidabile. È di parte al punto da essere disinformazione.

Tassi di vaccinazione più elevati legati a casi più elevati

Se ci fosse qualche dubbio sulla necessità di mettere seriamente in discussione la campagna mondiale di iniezioni di massa, questo dovrebbe metterlo a tacere: Islanda e Portogallo, che hanno entrambi più del 75% della loro popolazione completamente vaccinata, hanno più casi COVID-19 per 1 milioni di persone rispetto al Vietnam e al Sud Africa, dove solo il 10% circa della loro popolazione è completamente vaccinato.6

Israele è un altro esempio. Con oltre il 60% della sua popolazione completamente vaccinata, ha avuto il più alto numero di casi COVID-19 per 1 milione di persone nei sette giorni precedenti il ​​3 settembre 2021.7

I dati delle contee statunitensi hanno mostrato tendenze simili, con nuovi casi di COVID-19 per 100,000 persone "molto simili" indipendentemente dal tasso di vaccinazione. "Sono abbastanza sicuro che non sia così che dovrebbe funzionare", dice Martenson.

Sottolinea che il presidente Biden ha recentemente rilasciato una dichiarazione in cui afferma che gli operatori sanitari devono essere completamente vaccinati perché "non possono trasmettere COVID-19 ai pazienti". "Questo non ha senso però", dice Martenson, "perché qui non vediamo quell'associazione, che dovrebbe essere, più vaccinata [una popolazione è], più bassa è la velocità di trasmissione".

Gli autori dello studio notano inoltre che non ci sono prove del fatto che i casi stiano diminuendo con l'aumento dei tassi di vaccinazione. "Sembra anche che non vi sia alcuna segnalazione significativa di casi di COVID-19 in diminuzione con percentuali più elevate di popolazione completamente vaccinata", scrivono.8

In particolare, delle cinque contee statunitensi con i più alti tassi di vaccinazione - che vanno dall'84.3% al 99.9% completamente vaccinati - quattro erano nell'elenco "alta trasmissione" dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie. Nel frattempo, il 26.3% delle 57 contee a "bassa trasmissione" aveva tassi di vaccinazione inferiori al 20%.

Lo studio ha anche tenuto conto di un ritardo di un mese che potrebbe verificarsi tra i completamente vaccinati, poiché si dice che occorrono due settimane dopo la dose finale affinché si verifichi la "piena immunità". Tuttavia, non è stata osservata "nessuna associazione distinguibile tra i casi di COVID-19 e i livelli di vaccinazione completa".9

È ora di cambiare strategia

Lo studio ha riassunto diversi motivi per cui "l'unico affidamento sulla vaccinazione come strategia primaria per mitigare il COVID-19" dovrebbe essere rivalutato. Per cominciare, l'efficacia del colpo diminuisce rapidamente.

Un rapporto del Ministero della Salute israeliano ha mostrato che l'iniezione di Pfizer-BioNTech è passata da un'efficacia del 95% a dicembre 2020, al 64% all'inizio di luglio 2021 e al 39% a fine luglio, quando il ceppo Delta è diventato predominante.10,11

"È stato riportato anche un sostanziale declino dell'immunità dai vaccini mRNA sei mesi dopo l'immunizzazione", hanno osservato i ricercatori, aggiungendo che anche i gravi ricoveri ospedalieri e la morte per COVID-19, contro i quali i vaccini affermano di offrire protezione, sono aumentati drasticamente.

I dati dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie mostrano che i tassi di ospedalizzazione per malattie gravi tra i completamente vaccinati sono passati dallo 0.01% nel gennaio 2021 al 9% nel maggio 2021 e i decessi sono passati dallo 0% al 15.1%.12,13 Se gli scatti funzionano come pubblicizzato, perché questi tassi aumentano? Avrebbero dovuto rimanere vicino allo zero.

I ricercatori hanno anche notato che l'immunità derivata dal vaccino Pfizer-BioNTech non è così forte come l'immunità acquisita attraverso il recupero dal virus COVID-19.14 Ad esempio, uno studio osservazionale retrospettivo pubblicato il 25 agosto 2021, ha rivelato che l'immunità naturale è superiore all'immunità dai colpi di COVID-19. Secondo gli autori di tale studio:15

"... l'immunità naturale conferisce una protezione più duratura e più forte contro l'infezione, la malattia sintomatica e l'ospedalizzazione causata dalla variante Delta di SARS-CoV-2, rispetto all'immunità indotta dal vaccino a due dosi BNT162b2."

Il fatto è che, mentre continuano i casi rivoluzionari tra coloro che hanno ricevuto iniezioni di COVID-19, è estremamente raro essere reinfettati da COVID-19 dopo aver già avuto la malattia e essersi ripresi.

Questo è stato dimostrato in uno studio irlandese,16 che ha esaminato i dati di 615,777 persone che si erano riprese da COVID-19, con un follow-up di oltre 10 mesi. Il tasso di reinfezione assoluto variava dallo 0% all'1.1%, mentre il tasso medio di reinfezione era solo dello 0.27%.17,18,19 Come notato dagli autori, "La reinfezione era un evento raro... senza che nessuno studio riportasse un aumento del rischio di reinfezione nel tempo".

Un altro studio ha rivelato risultati altrettanto rassicuranti. Ha seguito 43,044 persone positive agli anticorpi SARS-CoV-2 per un massimo di 35 settimane e solo lo 0.7% è stato reinfettato. Quando è stato applicato il sequenziamento del genoma per stimare il rischio di reinfezione a livello di popolazione, il rischio è stato stimato allo 0.1%.20

Dopo sette mesi, non c'era ancora alcun segno di diminuzione dell'immunità. Secondo gli autori di quello studio: “La reinfezione è rara. L'infezione naturale sembra suscitare una forte protezione contro la reinfezione con un'efficacia >90% per almeno sette mesi”.21

Tutto Rischio e Nessuna Ricompensa

Lo scopo del consenso informato è fornire alle persone tutti i dati disponibili relativi a una procedura medica in modo che possano prendere una decisione informata prima di acconsentire. Nel caso del jab COVID-19, inizialmente erano disponibili pochissimi dati, data la loro autorizzazione di emergenza.

Tuttavia, poiché gli effetti collaterali gravi sono diventati sempre più evidenti, i tentativi di condividerli pubblicamente sono stati messi a tacere. Professionisti medici e scienziati sono stati censurati e depiattati semplicemente per aver condiviso preoccupazioni fondate.

Nell'agosto 2021, un ampio studio da Israele22 ha rivelato che il vaccino Pfizer COVID-19 mRNA è associato a un rischio tre volte maggiore di miocardite,23 portando alla condizione ad un tasso da 1 a 5 eventi per 100,000 persone.24 Altri rischi elevati sono stati identificati anche in seguito al vaccino COVID-19, tra cui linfoadenopatia (linfonodi ingrossati), appendicite e infezione da herpes zoster.25

Il dottor Peter McCullough, internista, cardiologo ed epidemiologo, è tra coloro che hanno avvertito che le iniezioni di COVID-19 non solo stanno fallendo, ma mettono a rischio la vita.26 Secondo McCullough, entro il 22 gennaio 2021, erano stati segnalati 186 decessi al database del Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) a seguito dell'iniezione di COVID-19, più che sufficienti per raggiungere il segnale di mortalità preoccupante per fermare il programma.

"Con un programma di queste dimensioni, qualsiasi cosa oltre 150 morti sarebbe un segnale di allarme", ha detto. Gli Stati Uniti "hanno colpito 186 morti con solo 27 milioni di americani colpiti". McCullough crede che se fossero state istituite le adeguate schede di sicurezza, il programma di jab COVID-19 sarebbe stato chiuso nel febbraio 2021 in base alla sicurezza e al rischio di morte.27

Tuttavia, sopprimendo intenzionalmente le informazioni, i media e Big Tech hanno reso impossibile il consenso informato. Semplicemente non puoi prendere una decisione informata quando solo una parte è autorizzata a parlare e condividere informazioni. A peggiorare le cose, ci sono prove che le agenzie da cui dipendiamo per garantire la sicurezza dei farmaci e salvaguardare la salute pubblica stanno manipolando le statistiche e portando avanti la propria copertura per aumentare l'assorbimento del vaccino.

Ora, con i dati che non mostrano alcuna differenza nei tassi di casi di COVID-19 tra i vaccinati e i non vaccinati, sembra sempre più probabile che le iniezioni abbiano un alto livello di rischio con una ricompensa molto bassa, specialmente tra i giovani, il cui rischio di grave COVID-19 -XNUMX l'infezione è incredibilmente piccola.

I bambini sono messi a grave rischio

A causa del rischio di miocardite, il Comitato congiunto britannico per la vaccinazione e l'immunizzazione (JCVI) ha raccomandato contro le iniezioni di COVID-9 per i bambini sani di età compresa tra 12 e 15 anni.28

Nel frattempo, la FDA statunitense non solo ha dato il via libera agli adolescenti, ma ha anche approvato l'iniezione di Pfizer ai bambini dai 5 agli 11 anni.29 nonostante le forti obiezioni di medici e scienziati qualificati. Come riportato da The Defender:30

“Gli esperti hanno sollevato preoccupazioni per la mancanza di dati di sicurezza ed efficacia presentati da Pfizer per l'uso del suo vaccino COVID nei bambini più piccoli e hanno indicato l'aumento dei segnali di sicurezza basati sui rapporti al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS). Hanno anche messo in dubbio la necessità di vaccinare i bambini – il cui rischio di morire di COVID è “quasi zero” – del tutto.

Secondo la dott.ssa Meryl Nass, membro del comitato consultivo scientifico per la difesa della salute dei bambini, ancora una volta Pfizer non ha utilizzato tutti i bambini che hanno partecipato alla sperimentazione nel loro studio sulla sicurezza.

"Tremila bambini hanno ricevuto il vaccino COVID di Pfizer, ma solo 750 bambini sono stati inclusi selettivamente nell'analisi di sicurezza dell'azienda", ha affermato Nass. 'Gli studi nel gruppo di età 5-11 sono essenzialmente gli stessi del gruppo di età 12-15.

In altre parole, altrettanto brevi e insoddisfacenti, con dati inadeguati sulla sicurezza e sull'efficacia, senza un forte supporto sul perché questo tipo di analisi immuno-ponte sia sufficiente... Tutti gli eventi avversi gravi sono stati considerati non correlati al vaccino'...

La dottoressa Jessica Rose, immunologa virale e biologa, ha detto al panel EUA di agenti biologici che richiede l'esistenza di un'emergenza e l'inesistenza di un trattamento alternativo. "Non c'è emergenza e COVID-19 è estremamente curabile", ha detto Rose.

In uno studio sottoposto a revisione paritaria31 co-autore di Rose, i tassi di miocardite erano significativamente più alti nelle persone di età compresa tra 13 e 23 anni entro otto settimane dall'introduzione del vaccino COVID. Nei bambini di età compresa tra 12 e 15 anni, ha detto Rose, i casi segnalati di miocardite erano 19 volte superiori ai tassi di fondo...

Rose ha affermato che decine di migliaia di segnalazioni sono state presentate al VAERS per bambini di età compresa tra 0 e 18 anni. Rose ha spiegato: "In questa fascia di età, sono morti 60 bambini, 23 dei quali avevano meno di 2 anni.

È inquietante notare che il "prodotto somministrato a pazienti di età inappropriata" è stato depositato 5,510 volte in questa fascia di età. Due bambini sono stati iniettati in modo inappropriato, presumibilmente da un professionista medico qualificato, e successivamente sono morti.'”

In un 20 di ottobre, 2021, articolo,32 Paul Elias Alexander, Ph.D., un ex assistente professore di medicina basata sull'evidenza e metodi di ricerca, ha definito il piano per vaccinare i bambini piccoli "assolutamente spericolato" e "pericoloso in base alla mancanza di dati sulla sicurezza e alla scarsa metodologia di ricerca".

Abbiamo anche scoperto che la FDA sta ignorando e seppellendo i dati sui bambini che sono stati gravemente feriti negli studi sui vaccini,33 che erode ulteriormente la fiducia in quei pochi dati di prova che ci sono. Nel frattempo, i dati suggeriscono che nessun bambino è morto a causa del COVID-19 che non avesse una grave condizione di salute di base. Alexander esamina questi dati nel suo articolo.

La vaccinazione di massa guida la creazione di varianti

A rendere le cose più problematiche, ci sono prove che suggeriscono che i colpi stanno guidando la creazione di mutazioni che portano a varianti con maggiore infettività e capacità di elusione degli anticorpi. A parte l'efficacia in calo, questo aiuta a spiegare perché i tassi di infezione grave tra i vaccinati continuano a crescere.

Ad esempio, uno studio34 pubblicato il 23 agosto 2021, sul server di prestampa bioRxiv ha avvertito che la variante Delta "è destinata ad acquisire una resistenza completa ai vaccini spike di tipo selvatico".

Secondo gli autori, quando quattro mutazioni comuni sono state introdotte nel dominio di legame del recettore della variante Delta, gli anticorpi del vaccino Pfizer non sono più riusciti a neutralizzare il virus. Hanno anche scoperto che aveva una maggiore infettività. Questo potrebbe essenzialmente trasformarsi in uno scenario peggiore che predispone coloro che hanno ricevuto i colpi di Pfizer a malattie più gravi quando esposti al virus.

È già emersa una variante Delta con tre delle quattro mutazioni,35 il che suggerisce che è solo una questione di tempo prima che si sviluppi una quarta mutazione, a quel punto il virus sarebbe completamente resistente al colpo di Pfizer.

Molti hanno infatti messo in guardia sulla fuga immunitaria a causa della pressione esercitata sul virus COVID-19 durante la vaccinazione di massa.36 Un altro studio37 — questo basato su un modello matematico — ha scoperto che si può sviluppare uno scenario peggiore quando una grande percentuale di una popolazione viene vaccinata ma la trasmissione virale rimane alta.

Questo rappresenta lo scenario principale per lo sviluppo di ceppi mutanti resistenti,38 e questa è precisamente la situazione in cui si trovano gli Stati Uniti e molte altre parti del mondo in questo momento. È tempo di riconoscere che i colpi di COVID non sono la risposta. L'immunità naturale lo è. Come hanno notato i ricercatori dell'European of Journal of Epidemiology:39

“La stigmatizzazione delle popolazioni può fare più male che bene. È importante sottolineare che altri sforzi di prevenzione non farmacologici (ad esempio, l'importanza dell'igiene di base della salute pubblica per quanto riguarda il mantenimento della distanza di sicurezza o il lavaggio delle mani, la promozione di forme di test più frequenti e meno costose) devono essere rinnovati al fine di raggiungere l'equilibrio tra imparare a vivere con COVID-19 allo stesso modo continuiamo a vivere 100 anni dopo con varie alterazioni stagionali del virus dell'influenza del 1918”.

Fai la tua analisi rischio-beneficio

In effetti, a questo punto, sappiamo che non c'è motivo di temere il COVID-19. Nel complesso, la sua letalità è alla pari con la comune influenza.40,41,42,43,44 A condizione che tu non sia in una casa di cura o abbia più comorbidità, le tue possibilità di sopravvivere a un attacco di COVID-19 sono in media del 99.74%.45 Davvero non c'è niente di meglio di così, a meno che non ti aspetti che l'umanità raggiunga improvvisamente l'immortalità.

Se dovessi sviluppare sintomi, ricorda che esistono diversi protocolli di trattamento precoce efficaci tra cui scegliere, come il Frontline COVID-19 Critical Care Alliance I-MASK+46 protocollo, il protocollo Zelenko,47 e perossido nebulizzato, dettagliato nel caso paper del Dr. David Brownstein48 e l'e-book gratuito del Dr. Thomas Levy, “Recupero rapido del virus.” Qualunque sia il protocollo di trattamento che usi, assicurati di iniziare il trattamento il prima possibile, idealmente alla prima comparsa dei sintomi.

Il tasso di morte riportato per colpi di COVID-19 nel sistema nazionale di segnalazione degli eventi avversi al vaccino (VAERS), d'altra parte, supera il tasso di mortalità riportato di oltre 70 vaccini combinati negli ultimi 30 anni e se sei ferito da un vaccino COVID e vivi negli Stati Uniti, la tua unica possibilità è richiedere un risarcimento dal Countermeasures Injury Compensation Act (CICP).49

Il risarcimento dal CICP è molto limitato e difficile da ottenere. Nei suoi 15 anni di storia, ha pagato solo 29 sinistri, meno di 1 su 10.50,51,52 Ti qualifichi solo se il tuo infortunio richiede il ricovero in ospedale e determina una disabilità significativa e/o la morte e, anche se soddisfi i criteri di ammissibilità, ti viene richiesto di utilizzare la tua assicurazione sanitaria privata prima che entri in gioco per pagare la differenza.

Non ci sono rimborsi per dolore e sofferenza, solo salari persi e spese mediche non pagate. Ciò significa che un pensionato non può qualificarsi anche se muore o finisce su una sedia a rotelle. Il compenso salariale è di durata limitata e limitato a $ 50,000 all'anno e la decisione del CICP non può essere impugnata.

Per avere un'idea di quali siano effettivamente i rischi del mondo reale, prendi in considerazione la revisione di alcuni dei casi segnalati a nomoresilenzio.mondo, un sito web dedicato a dare voce ai feriti da colpi di COVID.

Infine, se tu o un capofamiglia state prendendo in considerazione il jab, rivedi il modulo di comunicazione finanziaria familiare creato da The Solari Report, allo scopo di garantire che un evento avverso o un decesso non si traduca in una distruzione finanziaria per l'intera famiglia.

Fonti e riferimenti

1 Il nostro mondo nei dati, vaccinazione contro il Coronavirus (COVID-19), 12 ottobre 2021

2, 3, 4, 6, 7, 8, 9, 12 14 39 European Journal of Epidemiology 30 settembre 2021

5 Wikipedia Vaccino COVID-19

10 CNBC 23 luglio 2021

11 L'opinione del BMJ 23 agosto 2021

13 CDC EPI Task Force 29 luglio 2021, pagina 4

15 medRxiv 25 agosto 2021

16 17 Rev Med Virol. 2021;e2260

18 The Blaze 14 luglio 2021

19 Notizie Rescue 15 luglio 2021

20 21 medRxiv 15 gennaio 2021

22 24 Il New England Journal of Medicine 25 agosto 2021

23 MedPage oggi 25 agosto 2021

25 The New England Journal of Medicine 25 agosto 2021, Risultati

26 BitChute, Episodio 20 di Prospettive sulla Pandemia: I Pericoli delle Iniezioni, 26 Agosto 2021

27 36 BitChute, episodio 20 di Prospettive sulla pandemia, "Questa intervista potrebbe salvarti la vita" Parte seconda: I pericoli delle iniezioni, 26 agosto 2021

28 Reuters 3 settembre 2021

29 ZeroHedge 26 ottobre 2021

30 Il difensore 26 ottobre 2021

31 Curr. Prob. Cardiol. 30 settembre 2021; 101011

32 Brownstone Institute 20 ottobre 2021

33 Aaronsiri.substack.com 22 ottobre 2021

34 bioRxiv 23 agosto 2021 DOI: 10.1102/2021.08.11.457114

35 bioRxiv 23 agosto 2021

37 38 Rapporti scientifici 30 luglio 2021

40 The Mercury News 20 maggio 2020 (archiviati)

41 45 Annali di Medicina Interna 2 settembre 2020 DOI: 10.7326/M20-5352

42 Breitbart 7 maggio 2020

43 Testimonianza del Senato degli Stati Uniti di Scott Atlas 6 maggio 2020 (PDF)

44 John Ioannidis Testimonianza del Senato degli Stati Uniti 6 maggio 2020 (PDF)

46 Protocollo I-MASK+ dell'alleanza FLCCC

47 Protocollo Zelenko

48 Scienza, politica di sanità pubblica e legge luglio 2020; 1: 4-22 (PDF)

49 Congressional Research Service Barra laterale legale CICP 22 marzo 2021 (PDF)

50 Life Site News 15 giugno 2021

51 Giornale delle assicurazioni 14 agosto 2020

52 Giornale delle assicurazioni 29 dicembre 2020

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

9 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] >FALLIMENTO EPICO: I “Vaccini COVID” NON influiscono sui tassi di infezione. Qualsiasi prova che l'inoculazione di massa inibisce i tassi di infezione è scomparsa, eppure è emersa un'abbondanza di prove che le persone stanno morendo a causa degli spari in tutto il mondo. Se ci fosse qualche dubbio sulla necessità di mettere seriamente in discussione la campagna mondiale di iniezioni di massa, questo dovrebbe metterlo a tacere: Islanda e Portogallo, che hanno entrambi più del 75% della loro popolazione completamente vaccinata, hanno PI casi COVID-19 per 1 milioni di persone rispetto al Vietnam e al Sud Africa, dove solo il 10% circa della loro popolazione è completamente vaccinato. Per... Per saperne di più »

D.Smith

https://www.globalresearch.ca/the-covid-19-pandemic-does-not-exist/5760903

Roba buona. Dico la stessa cosa già da più di un anno. NON C'E' PANDEMIA. Il Covid non è altro che l'influenza. In effetti, le statistiche sui decessi per influenza ogni anno sono superiori ai numeri registrati nell'articolo a quel link sopra. Vale la pena leggerlo. Le persone semplicemente non lo capiscono. Non VOGLIONO ottenerlo perché a loro piace essere "accuditi". È spaventoso come l'America sia diventata pacchiana.

allevatore

Oh! Le verità informative sono piene di energia!
peccato che non possiamo ragionare con gli zombi però,
non importa quanto ci sforziamo. Ottimo articolo per pubblicare Patrick.
Speriamo che il jab non sia così distruttivo nei miliardi come potrebbe
dimostrare di essere, e gli istigatori di questo sono messi
via per sempre. Ovviamente non vogliono ppl, quindi
lascia che siano i primi a servire.

Stephen Langley

“peccato però che non si possa ragionare con gli zombie”… AMEN ! Tuttavia, come sono diventati così? Mentre è culturalmente accettabile etichettare tali persone come "zombi", dobbiamo renderci conto della realtà della "zombificazione" e delle condizioni della sua formazione. Il mio compito personale è comprendere questo stato psicotico di massa in modo da sviluppare strategie per rompere il letterale incantesimo ipnotico che è stato lanciato sull'umanità. Se scegliamo di demonizzare ed emarginare gli "zombi" in mezzo a noi, stiamo di nuovo cadendo nel divide et impera della cabala. Quelli sotto "incantesimo" sono i nostri fratelli degli altri esseri umani e... Per saperne di più »

Vasily

Noi: “i colpi mortali non fermano il contagio e la trasmissione”

Loro: “ma riducono sintomi, ricoveri e decessi”

Noi: “nella stragrande maggioranza dei casi, i sintomi, i ricoveri e i decessi erano solo piccoli all'inizio! Soprattutto se si considera il falso test PCR e le cifre gonfiate di infezione e morte”.

In breve, i colpi mortali non fanno assolutamente nulla, tranne prepararti per una tomba precoce e/o modificarti geneticamente in qualcosa che non è più propriamente umano.

Ultima modifica 10 mesi fa di Vasily

[…] Visita il link diretto […]

[…] Epic Fail: i “vaccini” COVID non influiscono sui tassi di infezione […]

[…] Epic Fail: i “vaccini” COVID non influiscono sui tassi di infezione […]