Christiana Figueres: le imprese statunitensi non tollererebbero un'uscita guidata da Trump dall'accordo di Parigi

Per favore, condividi questa storia!

Nota TN: Figueres è l'attuale capo del cambiamento climatico alle Nazioni Unite, anche se a luglio lascerĂ  quel posto. Probabilmente ha ragione sul fatto che alcuni interessi commerciali di mentalitĂ  globale negli Stati Uniti combatteranno Trump con le unghie e con i denti se tenterĂ  di mantenere la sua promessa di abbandonare l'accordo di Parigi sul cambiamento climatico. 

Le minacce del candidato presidenziale repubblicano Donald Trump di `` annullare '' l'accordo di Parigi potrebbero aver suscitato preoccupazione tra gli ambientalisti di tutto il mondo, ma sembra che Christiana Figueres, la principale diplomatica delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, non sia eccessivamente preoccupata dalle minacce del magnate immobiliare.

In una delle sue interviste finali come capo del Segretariato delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici prima di dimettersi dal suo incarico a luglio, Figueres ha detto BusinessGreen I leader delle imprese statunitensi si opporrebbero a qualsiasi tentativo di Trump di ritirare gli Stati Uniti dall'accordo di Parigi, poichĂ© l'economia a basse emissioni di carbonio rappresenta un'opportunitĂ  commerciale così importante.

"Non credo che il business statunitense lo permetterebbe, perché il business statunitense ha visto che questa è in realtà un'opportunità molto, molto interessante per le tecnologie e le competenze statunitensi, tecniche e di altro tipo, da investire e da utilizzare in tutto il mondo. mondo ", ha detto. "E c'è così tanto da guadagnare qui dagli Stati Uniti ma anche da altri paesi, che spingerebbe gli affari statunitensi ai piedi per allontanarsi da un processo che ora è un processo globale inarrestabile".

I commenti arrivano in risposta al primo importante discorso del candidato repubblicano sulla politica energetica alla fine del mese scorso, quando lui promesso di annullare l'accordo di Parigi e fermare tutti i pagamenti di denaro pubblico USA al fondo per il clima delle Nazioni Unite.

Ma Figueres ha detto che mentre una presidenza Trump potrebbe "rimuovere unilateralmente se stessa dall'accordo di Parigi", era scettica che sarebbe accaduto, in parte a causa della probabile risposta del business e in parte perché una tale mossa avrebbe "un enorme effetto dannoso sul posizione politica degli Stati Uniti a livello internazionale ”.

Durante l'intervista ad ampio raggio, Figueres ha sottolineato la necessitĂ  di un'azione urgente sul campo per creare ambienti politici in cui le imprese a basse emissioni di carbonio possano prosperare. Ha anche elogiato le aziende che stanno adottando misure per trasformare i loro modelli di business, evidenziando il lavoro del maggiore petrolifero saudita Aramco e del gigante petrolifero francese Total come due operatori storici energetici ad alta intensitĂ  di carbonio che fanno perno verso un modello a basse emissioni di carbonio.

La notizia arriva mentre il presidente Obama intensifica i suoi sforzi per garantire che l'accordo di Parigi entri in vigore prima di lasciare l'incarico nel gennaio 2017. La scorsa settimana, dopo un incontro con il primo ministro indiano Narendra Modi, dove l'azione per il clima era in cima all'agenda, Obama ha ribadito L'impegno degli Stati Uniti a ratificare l'accordo di Parigi il prima possibile quest'anno. Nel frattempo,Modi ha rivelato che l'India prevede anche di ratificare l'accordo entro la fine dell'anno - la prima volta ha stabilito un calendario per la ratifica.

Per entrare in vigore, l'accordo di Parigi deve essere ratificato da almeno i paesi 55, che rappresentano almeno lo 55 per cento delle emissioni globali.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti