Perché Elon Musk dovrebbe lodare la Cina sulla censura di Internet?

Per favore, condividi questa storia!
Elon Musk ripete a pappagallo la dottrina originale della tecnocrazia, "creeremo un'era di estrema abbondanza di beni e servizi, in cui tutti potranno vivere una vita di abbondanza". Gravita sulla Cina perché la Cina è una tecnocrazia. Dio li fa e poi li accoppia. ⁃ Editore TN
A luglio, miliardario e Tesla CEO Elon Muschio ha scritto un editoriale per China Cyberspace, la rivista di proprietà e pubblicata dal regolatore Internet del paese, la Cyberspace Administration of China. In esso, ha delineato la sua visione per il futuro della tecnologia sia sulla Terra che nello spazio.

"Grazie per l'invito dalla rivista China Cyberspace", ha esordito Musk. "Sono lieto di condividere con i miei amici cinesi alcuni dei miei pensieri sulla visione della tecnologia e dell'umanità".

Sabato scorso è stata pubblicata una copia dell'intervista al Canale di Pechino substack di Yang Liu, insieme alla traduzione in inglese. Sebbene la rivista sia stata pubblicata il mese scorso, a causa della presenza online praticamente inesistente dell'agenzia, il testo dell'articolo di Musk è stato rivelato solo di recente su Internet.

Ha continuato suggerendo che la tecnologia "potrebbe un giorno superare la comprensione e il controllo umani", una teoria che secondo lui funzionerà a nostro favore fintanto che "non siamo compiacenti e manteniamo sempre un senso di urgenza".

Il resto dell'editoriale è diviso in quattro sezioni, energia pulita, robot umanoidi, collegamento neurale ed esplorazione dello spazio.

Nella prima, Musk ha spiegato di voler vedere un passaggio all'energia rinnovabile, in particolare dal Sole, che secondo lui gli esseri umani non stanno facendo abbastanza per sfruttare.

Musk ha anche espresso il desiderio di un trasporto completamente elettrificato e di una rete economica che includa automobili, aerei e navi.

"La più grande difficoltà nel promuovere l'energia sostenibile risiede nella produzione su larga scala di celle per batterie al litio", ha aggiunto Musk, osservando che "le aziende cinesi saranno una forza da non sottovalutare nella causa dell'innovazione energetica".

Musk ha poi discusso del "Tesla Bot", che secondo lui è stato sviluppato per "sostituire le persone in compiti ripetitivi, noiosi e pericolosi", ma un giorno potrebbe "servire milioni di famiglie" svolgendo lavori umili.

"È prevedibile che con la potenza dei robot", ha aggiunto Musk, "creeremo un'era di estrema abbondanza di beni e servizi, in cui tutti potranno vivere una vita di abbondanza. Forse l'unica scarsità che esisterà in futuro è che creiamo noi stessi come esseri umani".

Per quanto riguarda Neuralink, che secondo lui non era molto noto in Cina, Musk ha lanciato l'idea che un giorno potrebbe consentire agli esseri umani di "integrarsi efficacemente con l'intelligenza artificiale".

Musk ha quindi delineato i suoi piani per la tecnologia extraterrestre, vale a dire la costruzione di un insediamento umano su Marte tramite SpaceX.

Ha concluso invitando "partner cinesi più affini" a unirsi a lui nell'"esplorazione di energia pulita, intelligenza artificiale, collaborazione uomo-macchina ed esplorazione dello spazio per creare un futuro che vale la pena aspettare".

Secondo a Pekingnology su Substack, China Cyberspace esiste solo sotto forma di rivista fisica, tuttavia un articolo alla volta viene pubblicato sul suo canale WeChat. L'articolo di Musk non è stato ancora condiviso digitalmente.

Come community di New York Times rapporti, Musk ha "investito molto in Cina" e dopo aver aperto la sua fabbrica Tesla a Shanghai nel 2019 ha suggerito che "la Cina è il futuro".

Quando è emersa la notizia dell'editoriale di Musk, molti hanno sollevato preoccupazioni riguardo al suo rapporto con il governo cinese.

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

9 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
William

serpente nell'erba, ha ingannato molte persone

Elle

Solo le persone stupide che credono a ciò che la propaganda di Hollywood/CIA promuove per promuoverlo, tra gli altri.

Elle

"Quando è emersa la notizia dell'editoriale di Musk, molti hanno sollevato preoccupazioni riguardo al suo rapporto con il governo cinese".

Pensi? Dio.

[…] Leggi di più: Perché Elon Musk dovrebbe lodare la Cina sulla censura di Internet? […]

[…] Leggi di più: Perché Elon Musk dovrebbe lodare la Cina sulla censura di Internet? […]

[…] Perché Elon Musk dovrebbe lodare la Cina sulla censura di Internet? […]

Beverly

Elon Musk è un cavallo di Troia. Non fidarsi.

Pecore al macello

Sta giocando il gioco dei Rothchild di supportare entrambe le parti, quindi vince qualunque cosa accada. Lo Starlink di Musk è ciò che i drogati che hanno preso il jab saranno agganciati al presupposto che non ci crei

trackback

[…] Perché Elon Musk dovrebbe lodare la Cina sulla censura di Internet? […]