Il greenismo sta distruggendo le antiche praterie australiane

immagine: Cathy Zwick
Per favore, condividi questa storia!
Gli estremisti verdi affermano che salveranno il pianeta se gli lasciamo avere il controllo delle politiche ambientali. Tutti coloro che sono stati risucchiati da questa trippa trovano nell'esperienza che è vero proprio il contrario: distruggono tutto ciò che toccano. ⁃ Editore TN

È la stagione delle piogge verdi in Australia: la Coral Community ha appena ricevuto un miliardo di dollari di tangenti verdi dal PM Morrison (questo dopo 141 milioni di dollari dal PM Turnbull poco più di 3 anni fa). I koala hanno ricevuto 50 milioni di dollari da Morrison mentre il governo del Queensland ha acquistato un enorme pascolo da convertire in parco nazionale. E, naturalmente, la Green Broadcasting Commission ha ottenuto 3.3 miliardi di dollari in più in 3 anni per promuovere la propria agenda verde.

Gran parte di questo innesto verde è diretto a corrompere gli elettori verdi coccolando alberi e coralli, entrambi tra i sopravvissuti a lungo termine dell'Australia. Tuttavia, la più grande distruzione ambientale odierna viene inflitta alle praterie australiane un tempo magnifiche da quegli stessi verdi urbani.

Quando gli europei videro per la prima volta l'Australia, gran parte del paese era coperto da praterie e foreste aperte. Nel 1770 quel grande botanico Sir Joseph Banks riferì “pochissime specie di alberi, ma ogni luogo era ricoperto da grandi quantità di erba”. Molti altri esploratori e coloni hanno fatto osservazioni simili.

Le vaste praterie australiane ospitavano marsupiali, emù, otarde, fringuelli e pappagalli. Erano stati mantenuti per secoli dagli aborigeni che accendevano fuochi ovunque per molte ragioni. Questo regime di molti piccoli fuochi patchwork ha prodotto e mantenuto le praterie.

I primi coloni riconobbero il valore della combustione durante la stagione fredda per rendere ignifughe le loro proprietà e ringiovanire le preziose erbe autoctone. Purtroppo, negli ultimi decenni, l'uso del fuoco è stato soppresso da verdi e burocrati, così che gli incendi odierni sono irregolari, non pianificati, feroci e solitamente accesi nel periodo peggiore dell'anno da fulmini o incendiari.

Erbacce e alberi presto invadono le praterie danneggiate da incendi feroci irregolari.

La distruzione delle praterie ancestrali dell'Australia ha ricevuto un enorme impulso negli ultimi anni da parte di estremisti verdi che mirano a rimuovere le attività umane dall'Australia rurale promuovendo più parchi nazionali, riserve, terre della corona, aree del patrimonio e "fiumi selvaggi". I loro divieti di disboscamento, caccia, pascolo e bonifica della ricrescita hanno trasformato molti parchi nazionali in paradisi di erbacce e parassiti.

La prevenzione degli incendi frequenti (lo strumento chiave utilizzato da generazioni di aborigeni e primi coloni per mantenere il paesaggio erboso dell'Australia) e la diffusione della silvicoltura a credito di carbonio stanno accelerando la distruzione delle nostre terre di prateria.

Una volta che le praterie sono invase dagli arbusti legnosi, questi danno rapidamente protezione alle erbacce nocive come lantana, groundsel, fico d'India e bosso, e parassiti come conigli, volpi, licaoni, gatti, cervi e maiali.

Le praterie hanno un altro insidioso nemico verde: la diffusione di coperte soffocanti di pannelli solari sovvenzionati che rubano il sole su cui fanno affidamento tutte le piante.

Le meravigliose erbe del mondo ei loro semi commestibili nutrono la maggior parte del regno animale, direttamente o indirettamente. Il sacrificio deliberato delle praterie ai pannelli solari e alle erbacce legnose è un'altra politica verde suicida.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

5 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Erik Nielsen

Precisamente.
Gli agricoltori, gli ispettori dei vigili del fuoco e la polizia sanno chi sono i peccatori, e il Partito dei Verdi sta urlando nei media e nei loro uffici per avere più budget per creare più problemi per la natura.

[…] Leggi di più: il greenismo sta distruggendo le antiche praterie australiane […]

[…] Leggi di più: il greenismo sta distruggendo le antiche praterie australiane […]

trackback

[…] Il greenismo sta distruggendo le antiche praterie australiane […]

trackback

Questo sito

[…] Quindi ecco il post originale: Il greenismo sta distruggendo le antiche praterie australiane […]