Affermazione: la mobilità di base universale è un diritto umano?

Per favore, condividi questa storia!
Spostati sul reddito universale di base (UBI. La mobilità universale di base (UBM) sta arrivando e promette di essere il fondamento di un'economia sana. Naturalmente, sbarazzati delle auto che guizzano il gas, promuovi la condivisione dei giri, scooter elettrici e biciclette e aumenta autobus e metropolitana leggera. ⁃ Editor TN

Il reddito universale di base (UBI) è stato a lungo descritto come un modo per affrontare la disparità di reddito, ma esiste una soluzione che stimola direttamente l'occupazione: Mobilità di base universale (UBM), semplicemente portando le persone al lavoro.

Nelle aree in cui i viaggi sono lunghi, per i bambini è difficile sfuggire alla povertà e in molte città, le aree con scarsa mobilità hanno un alto tasso di disoccupazione e redditi bassi. Il diritto alla libera circolazione precede la Costituzione degli Stati Uniti ed è sancito dal Dichiarazione Universale dei Diritti Umani: Non è solo un diritto umano, è il fondamento di un'economia sana.

La mobilità di base universale sarebbe un sistema di partenariati e / o politiche che forniscono un livello minimo di mobilità a tutti i membri della società. Una popolazione isolata e statica è malsana, improduttiva e infelice. Una popolazione mobile è economicamente, culturalmente e socialmente dinamica. UBM può sfruttare l'automazione e le nuove piattaforme di mobilità per accelerare la crescita economica, offrendo a tutti l'accesso al lavoro e i mezzi per migliorare la qualità della vita.

Ci aspettiamo che UBM negli Stati Uniti emerga da una nuova tendenza chiamata Mobility-as-a-Service (MaaS). MaaS è l'equivalente del trasporto di Netflix: una quota di abbonamento mensile ti dà accesso a più servizi di mobilità su un'unica piattaforma. La forma dominante di mobilità negli ultimi anni di 50 negli Stati Uniti è stata l'auto privata, ma negli ultimi anni, soprattutto nelle grandi città, sono emersi nuovi servizi di mobilità: servizi di guida, bike sharing e car sharing. Stanno emergendo piani MaaS che offriranno tutti questi servizi, su abbonamento.

MaaS è attualmente in fase di test da tre importanti società statunitensi di ridesharing. via offre il ViaPasse Uber e Lyft offrono pass condivisi. Queste aziende si stanno anche espandendo per incorporare più forme di trasporto: acquisita Uber JUMP (bici elettriche) e ha annunciato l'intenzione di integrare il trasporto pubblico per diventare una vera piattaforma di mobilità e Lyft ha acquisito Motivare (bike sharing) e sta iniziando ad aggiungere il trasporto pubblico in alcune città.

Per un utente di base, il prezzo del piano MaaS è simile al prezzo del piano smartphone. Il piano MaaS più pienamente realizzato è Capriccio a Helsinki, in Finlandia, che addebita circa $ 50 al mese per servizi limitati inclusi trasporto pubblico, bike sharing e ridesharing limitato; e $ 500 al mese per un servizio di ridesharing completo che sostituisce la proprietà personale dell'auto. MaaS potrebbe ridurre significativamente la quantità di persone, in particolare i residenti urbani, che pagano per viaggiare nel corso di un anno, perché mentre le auto personali rimangono inattive 95 percento delle volte, le auto e le bici condivise ottengono un utilizzo molto più elevato, creando efficienza e risparmi sui costi.

Un'ipotetica politica UBM oggi potrebbe fornire un credito che consente a tutti di accedere a una combinazione di scelte MaaS per un periodo di tempo: un piano potrebbe includere corse 10 con i mezzi pubblici, 10 bike sharing o e-scooter e un viaggio in taxi condiviso a meno di cinque miglia; un'altra politica potrebbe consentire a tutti di scegliere un determinato valore in dollari di qualunque combinazione di scelte si adatti alle proprie esigenze.

Man mano che il costo diminuisce, l'accesso alla mobilità dei trasporti sembrerà un diritto, come la connettività Internet e telefonica. Mentre può sembrare inverosimile, pensa ai primi tempi dei telefoni cellulari e della banda larga: per un certo numero di anni il servizio universale era limitato ai telefoni fissi, mentre il cellulare e Internet erano considerati servizi speciali; solo alcune persone li avevano e pochi pensavano che l'accesso alla tecnologia fosse un diritto. Ma quando i prezzi sono scesi, le Legge sulle telecomunicazioni di 1996 gettò le basi per espandere l'accesso universale dai telefoni di rete fissa a Internet a banda larga e telefoni cellulari. Ora almeno $ 10 al mese di sussidi telefonici e dati “lifeline” sono disponibili per le persone a basso reddito in tutta la nazione - alcuni stati offrono ancora di più.

La logica è potente: proprio come la connettività, la mobilità offre un accesso essenziale alle opportunità di lavoro, alla famiglia e soddisfa bisogni di base come cibo, alloggio e cure mediche. Proprio come non puoi ottenere un lavoro se non hai un telefono per un colloquio, non puoi arrivare a un colloquio di persona senza mobilità o da e verso il lavoro una volta assunto.

Un diritto alla mobilità non significa mobilità libera per tutti, ma ci sono forti incentivi per rendere almeno alcuni servizi gratuiti, come il trasporto pubblico. L'Estonia ha implementato il trasporto pubblico gratuito a livello nazionaleParigi lo sta studiando. Nelle città con trasporto pubblico gratuito, un tema comune è che i vantaggi collettivi di incoraggiarne l'uso da parte di tutti - consentendo alle città di ridurre il traffico, l'inquinamento e i parcheggi nelle aree centrali - superano i costi relativamente bassi della fornitura a tutti.

Per bike sharing ed e-scooter, i vantaggi collettivi sono gli stessi e i costi operativi sono potenzialmente ancora più bassi. A causa dei potenziali benefici ambientali, sarebbe saggio che i governi estendessero i benefici dell'UBM a tutti piuttosto che esclusivamente ai cittadini a basso reddito.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti