COVID-19 accelera la grande guerra al denaro

Fintech è l'erede che sembra diventare il sistema finanziario dello sviluppo sostenibile, noto anche come Technocracy. Pertanto, il denaro non ha posto in questo nuovo sistema di controllo totale ed è destinato all'estinzione, costringendo così tutti a un mondo digitale. ⁃ Editor TN

La crisi della corona ha già subito un tributo molto elevato e ha causato danni profondi nelle nostre società e nelle nostre economie, la cui portata deve ancora essere evidente. Abbiamo visto il suo impatto sulla produttività, sulla disoccupazione, sulla coesione sociale e sulla divisione politica. Tuttavia, c'è un'altra tendenza molto preoccupante che è stata accelerata sotto il velo della paura e della confusione che la pandemia si è diffusa. La guerra in contanti, che era già in atto da quasi un decennio, si è drasticamente intensificata negli ultimi mesi.

Il problema"

Negli ultimi anni, mentre la guerra al denaro si è intensificata, ci siamo abituati ad ascoltare alcuni argomenti o "ragioni" sul perché dovremmo abbandonare tutti i soldi di carta e trasferirci in massa in un'economia esclusivamente digitale. Questi punti di discussione sono stati ripetuti più e più volte, nella maggior parte delle economie occidentali e da innumerevoli figure istituzionali. "Il contante è utilizzato da terroristi, riciclatori di denaro e criminali" è probabilmente il più spesso ripetuto, poiché è stato ampiamente impiegato nella maggior parte dei dibattiti sulla transizione digitale. Solo un paio d'anni fa, è stato utilizzato anche da Mario Draghi, a supporto della decisione di ritirare la banconota da 500 euro. Non abbiamo ricevuto informazioni o dati specifici su quanti terroristi stessero effettivamente usando questa nota di alta denominazione, ma sappiamo che molti cittadini rispettosi della legge lo stavano usando per salvare, così come i proprietari di piccole imprese per le loro esigenze di liquidità operativa .

Ora, tuttavia, la crisi della corona ha introdotto una direzione completamente nuova di retorica anti-liquidità e nuovi argomenti a favore di un'economia digitale. Anche nelle prime fasi della pandemia, quando essenzialmente non si sapeva concretamente nulla del virus stesso o della sua trasmissione, i semi di nuove paure erano già stati piantati da resoconti mediatici sensazionali e figure politiche e istituzionali che stimolavano la paura. L'idea insidiosa che "è possibile catturare Covid attraverso i contanti" potrebbe essere stata prematuramente diffusa, ma è rimasta nella mente della maggior parte delle persone. Ciò è ovviamente comprensibile, dati i livelli estremamente elevati di incertezza e ansia nel pubblico in generale. Voler eliminare le potenziali minacce era un istinto naturale, così come lo stimolo a riprendere almeno un po 'di controllo sulle nostre vite, dopo che erano state improvvisamente gettate nel caos totale sulla scia del congelamento economico globale.

Un altro fattore che ha aiutato concretamente il passaggio dal denaro fisico è stato del tutto pratico. Date le misure di blocco e le nuove direttive sul "distanziamento sociale" che sono state applicate in tutto il mondo, è diventato difficile utilizzare i contanti, anche se si voleva davvero, o non si avevano altri mezzi di transazione, come nel caso di miliardi di persone . Con i negozi fisici costretti a chiudere e con sempre più negozi online che offrono la consegna senza contatto (come scelta o come requisito di servizio), la necessità di denaro contante ha rapidamente lasciato il posto ai pagamenti digitali.

Per la maggior parte di noi, che ha accesso all'online banking, alle carte o ad altri servizi di pagamento digitale, ciò non ha comportato alcun inconveniente reale e probabilmente non ci abbiamo nemmeno pensato. Tuttavia, per molti dei nostri concittadini è stato un grave ostacolo, che in alcuni casi ha bloccato il loro accesso ai beni di base e alle forniture essenziali. Contrariamente alle brillanti promesse dell'economia digitale, dell'inclusione finanziaria e della convenienza, resta il fatto che ci sono ancora milioni di persone che semplicemente non hanno accesso a questo nuovo mondo coraggioso. Secondo i dati della Banca mondiale, a livello globale ci sono 2.5 miliardi di persone senza conto bancario, con un'alta concentrazione nei paesi in via di sviluppo. Anche in Occidente, tuttavia, vi è una parte molto ampia della popolazione che non è aperta e / o non ha accesso alle soluzioni digitali, mentre gli anziani sono anche in larga misura "bloccati" dall'economia digitale. Per tutti questi milioni di persone, il denaro contante è l'unico modo per risparmiare, effettuare transazioni e coprire i propri bisogni di base.

La soluzione"

Con la liquidità presentata non solo come un pericolo per la società e per la sicurezza nazionale, ma anche come un rischio diretto per la salute a causa del coronavirus, la spinta verso alternative digitali è stata massicciamente rafforzata negli ultimi mesi. Sia le organizzazioni internazionali che i singoli governi hanno partecipato attivamente e incoraggiato questa spinta, alcuni attraverso dichiarazioni di orientamento pubblico e altri attraverso l'applicazione schietta di regole e misure dirette che non lasciano spazio reale ai loro cittadini per fare le proprie scelte.

Il CDC, nella sua guida ufficiale ai lavoratori al dettaglio, ha raccomandato di "incoraggiare i clienti a utilizzare opzioni di pagamento senza contatto", mentre un rapporto della Word Bank ha sottolineato la necessità di adottare pagamenti senza contanti per motivi di "protezione sociale". La Banca centrale degli Emirati Arabi Uniti ha incoraggiato l'uso di servizi bancari online e pagamenti digitali "come misura per proteggere la salute e la sicurezza dei residenti negli Emirati Arabi Uniti", e la Banca d'Inghilterra ha riconosciuto che le banconote possono contenere "batteri e virus" e ha raccomandato alle persone di lavare i loro mani dopo aver maneggiato denaro. A marzo, un rapporto di Reuters ha rivelato che la Federal Reserve americana stava mettendo in quarantena dollari rimpatriati dall'Asia e così pure la banca centrale della Corea del Sud, mentre le banche in Cina sono state costrette dal governo a disinfettare le fatture e conservarle in un luogo sicuro fino a 14 giorni, prima di metterli in circolazione.

Un punto culminante, tuttavia, è arrivato a maggio, quando il World Economic Forum ha pubblicato un articolo nella sua "Agenda globale" che sostiene fortemente l'adozione di massa dei pagamenti digitali, per motivi di salute pubblica. In esso, gli autori sostengono che "i pagamenti digitali senza contatto nel punto vendita, come il riconoscimento facciale, i codici QR (Quick Response) o le comunicazioni near field (NFC), possono rendere meno probabile la diffusione del virus ad altri attraverso scambi di contanti. " Hanno anche applaudito agli sforzi della Cina nella digitalizzazione dei pagamenti e sembrano tenere il paese e le sue misure come un modello da emulare: "Il percorso della Cina per consentire i pagamenti digitali dovrebbe fornire alcune lezioni ad altri paesi desiderosi di seguire l'esempio". Dal momento che un certo numero di governi occidentali può davvero essere "desiderosi di seguire l'esempio", diamo un'occhiata più da vicino a questo brillante esempio ed esaminiamo ciò che ciò comporta veramente.

Leggi la storia completa qui ...




Caos sostenibile: quando i globalisti chiedono un "grande ripristino"

The ultra-radical agenda of the global elite is to completely disrupt the existing order and implement its new Sustainable Development model, aka Technocracy, where the entire planet will be micromanaged by technology. It’s a Brave New World after all. ⁃ TN Editor

The unveiling on June 3rd by the World Economic Forum of ‘il colore del pollice Great Reset‘ agenda appears on the surface to be a newly devised concept created directly in response to Covid-19. As it turns out the first soundings of a ‘azzerare‘ were actually made as far back as 2014.

To appreciate the significance of the WEF’s intervention, it is important first to recognise the years leading up to 2020 and how they laid the foundations for where we are today.

2014

Each January the WEF host their annual meeting in Davos, Switzerland. In 2014, Christine Lagarde, who was then the managing director of the IMF, called for a ‘azzerare‘ of monetary policy, the financial sector regulatory environment and structural reforms of global economies.

Lagarde was adamant that a reset was required ‘in the way in which the economy grows around the world‘. Fleshing this out, Lagarde cited the dangers to financial stability due to ‘bubbles developing here and there‘, the over 200 million globally who were unemployed and economic growth being too slow.

Despite these concerns, Lagarde’s view was that fiscal consolidation within national economies was still necessary in order to control spending and ensure the post 2008 ‘recupero'.

In January 2019 I posted an article that went into detail about the monetary policy aspect of the ‘azzerare‘ promoted by Lagarde (Monetary Policy ‘Reset’: From Rhetoric to Actuality). I raised how at the time of Lagarde’s intervention the Federal Reserve were tapering their asset purchasing scheme (quantitative easing), introduced in the aftermath of the collapse of Lehman Brothers that triggered the 2008 financial crisis.

Come the end of 2014, the Fed had called a halt entirely to QE. A year later in December 2015, they began to raise interest rates for the first time in over a decade and would later go on to introduce an asset reduction programme where the central bank began to roll off assets from its balance sheet.

For Lagarde, international cooperation would be essential for a reset to succeed. Without nations cooperating, it would likely be fraught with instability and market turbulence. In an interview with Bloomberg at the time of the WEF meeting, Lagarde stressed the importance of the ‘medio termine‘ when it came to achieving the reset:

The short term collides with the medium term but the question is to bring the medium term into the personal, political and corporate equation. And that’s the job of the IMF.

2015

Looking back, 2015 was a highly significant year that saw global planners state quite openly their ambitions for a New World Order to be implemented over the next decade and a half.

First came the unveiling of the United Nation’s derived Agenda 2030 in September, and with it seventeen main objectives known as the Sustainable Development Goals. Agenda 2030 was adopted by the 193 members of the UN, with adoption coinciding with the 70th anniversary of the institution’s existence.

Chief amongst the seventeen goals were to end poverty by 2030 and for there to be zero hunger. Action on climate change was also needed, as was the creation of sustainable cities and communities and good health and wellbeing (which the UN directly associate with vaccinating families).

Agenda 2030 replaced the Millennium Development Goals, which were introduced in 2000 and encompassed a series of targets to be completed by 2015. Secondo l'ONU, 'enormi progressi‘ had been made ‘but more needs to be done'.

To get a sense of what the UN means by ‘ancora di più‘, when the Sustainable Development Goals were signed off Claire Melamed, who in 2015 was Director of the global think tank Overseas Development Institute, ha detto alla BBC:

If they’re going to be met we’re going to have to see huge amounts of money. We’re going to have see governments behaving in a completely different way. We’re going to have to see companies totally changing their business practices. It can be done, but the real question is whether we want to do it enough.

Melamed is now the Chief Executive Officer of Global Partnership for Sustainable Development Data. Amongst the organisation’s funding partner’s are the Bill and Melinda Gates Foundation, which is a prominent organisation in the drive for a vaccine to immunise people against Covid-19.

In December 2015, three months after the announcement of Agenda 2030, came the founding of the Paris Climate Agreement at the COP21 conference. The agreement ties directly into the United Nations and operates within the bounds of the UN’s Framework Convention on Climate Change, and was the first ever universal and legally binding agreement adopted on the subject.

To achieve the goals of the agreement, one of which is limiting global warming to below two degrees, ‘appropriate financial flows, a new technology framework and an enhanced capacity building framework will be put in place, thus supporting action by developing countries and the most vulnerable countries, in line with their own national objectives. '

So far, 189 countries have ratified the agreement out of 197 that were present at the Paris conference. In October 2016, the required threshold was reached for the accord to enter into force.

2016

With Agenda 2030 and the Paris Climate Agreement now set in motion, the World Economic Forum (which fully endorses the United Nation’s Sustainable Development Goals) ran with the Fourth Industrial Revolution (4IR) as the theme for it’s annual meeting. I wrote about this in 2018 (Fourth Industrial Revolution: Mission Creep towards a New World Order – Part One) and picked up on how the executive chairman of the WEF, Klaus Schwab, described the impact that the Fourth Industrial Revolution would have on the world.

First, it would be all encompassing and involve all stakeholders of the global polity, meaning full engagement with the public and private sectors, academia and civil society. Some aspects to the revolution include disruption to jobs and skills, business disruption, innovation and productivity, agile governance and security and conflict.

Second, connecting through these areas are a whole raft of concerns which comprise the rise of blockchain technology, global governance, the future of enterprise, workforce and employment, the future of government, the future of production, sustainable development and social protection systems.

The revolution is dubbed as a digital revolution, one where the ‘fusion of technologies‘ embodying the physical, digital and biological spheres come together. Artificial intelligence, robotics, nano and bio technology are all part of the vision for 4IR.

Schwab made it very plain that the world can expect the revolution to be a ‘symbiosis between micro-organisms, the human body, the products people consume and the buildings we inhabit.’ One consequence of this is that human beings will no longer just be users of technology, rather they will start to converge with both the digital and biological worlds to become part of it. A second consequence is that every industry on the planet will be subjected to a degree of ‘rottura‘ as the 4IR advances, resulting in the systems of production, management and governance being transformed.

It does not stop there. Outside of jobs, human identity, privacy, notions of ownership, consumption patterns, the time devoted to work and leisure, how we develop as individuals and how we meet people and nurture relationships will all have to change to accommodate 4IR. Since the onset of Covid-19, many of these things have already undergone significant ‘rottura'

Soon after the 2016 WEF meeting, the world experienced substantial geopolitical ructions with the UK voting to leave the European Union and Donald Trump being elected as the United States’ 45th President.

2019

Three years after they signalled major technological, political and societal change was coming, the World Economic Forum were back with a new theme – ‘Globalization 4.0: Shaping a New Architecture in the Age of the Fourth Industrial Revolution‘. It was a subject I covered in an article published around the time (Why Dismissing Globalist Warnings as ‘Project Fear’ May Prove a Mistake).

Executive chairman Klaus Schwab was at it again, reiterating that ‘our systems of health, transportation, communication, production, distribution, and energy – just to name a few – will be completely transformed. ' Included in the breadth of transformation would be blockchain and distributed ledger technology, two fundamental components in the drive towards a global digital currency network.

In talking about ‘Globalization 4.0‘, Schwab described the present day as an ‘era of widespread insecurity and frustration‘, and went on to blame this environment for a rise in populism.

What Schwab did not make direct mention of is how a resurgence of protectionist tendencies was assisting the WEF in being able to push the argument for 4IR. The greater the level of global disunity, the more opportunity that groups like the WEF have in being able to cultivate the concept of a New World Order and convince people of its necessity. Globalization 4.0 is a facet of 4IR, a vision that Schwab is unreservedly committed to:

Globalization 4.0 has only just begun, but we are already vastly underprepared for it. Clinging to an outdated mindset and tinkering with our existing processes and institutions will not do. Rather, we need to redesign them from the ground up, so that we can capitalize on the new opportunities that await us, while avoiding the kind of disruptions that we are witnessing today.

'Pronto o no‘, Schwab warned, ‘a new world is upon us'.

Five months on from the WEF meeting, the Bank for International Settlements introduced a new concept called the ‘BIS Innovation Hub‘, also known as ‘Innovation BIS 2025‘. This is a topic I have also written about previously (Innovation BIS 2025: A Stepping Stone Towards an Economic ‘New World Order’).

The BIS described the Hub as a medium term strategy consisting of three main elements:

  • Identify and develop in-depth insights into critical trends in technology affecting central banking
  • Develop public goods in the technology space geared towards improving the functioning of the global financial system
  • Serve as a focal point for a network of central bank experts on innovation

When launching the hub, BIS General Manager Agustin Carstens spoke of ‘reshaping the financial landscape‘ following ‘the scars left by the financial crisis‘. According to Carstens, now was the time to set about reforming the way that the central banking community operates.

When digging down into the BIS Innovation Hub, it becomes clear that at the core of the project is the creation of central bank digital currency (CBDC). In practice, this would mean the abolition of tangible assets such as banknotes and coins and see the creation of a new form of digital money issued by central banks.

Global payment systems are in the process of being reformed to accommodate the use of blockchain and distributed ledger technology, and central banks are now beginning to disseminate technological detail for how a CBDC could be issued.

As it stands, a volatile geopolitical climate, exacerbated by Covid-19 and the unproven fear that handling physical money could transmit the virus, is assisting the BIS in their ambitions for completely resetting how the general public will interact with central bank money over the coming years.

In a follow up article we will look specifically at what the World Economic Forum have termed ‘Il grande reset‘ and what exactly global planners are seeking to achieve.

Leggi la storia completa qui ...




Progressivi: le banche centrali viste come agenti chiave della tecnocrazia

Parallelamente al grande ripristino della Banca mondiale e del WEF, l'autore conclude: "Man mano che il mondo emerge dalla pandemia di coronavirus, ci sarà un'opportunità una volta nel secolo per ricostruire l'ordine economico globale".

TN vede questa visione confusa, ma sottolinea che la causa progressiva globale comprende certamente che la tecnocrazia è viva e vegeta.

Siamo intrappolati in un trilemma della democrazia - capitalismo - tecnocrazia.

La soluzione, sostiene l'economista politico Benjamin Braun, è quella di trasformare il sistema finanziario in un settore di utilità orientato al bene pubblico e di socializzare la pianificazione della banca centrale.

La storiografia liberale standard afferma che, a seguito di una violenta battuta d'arresto iniziale, il capitalismo e la democrazia sono entrati in un matrimonio.

Quel matrimonio ha vissuto una luna di miele ("Golden Age"), prima che la relazione diventasse sempre più problematica in condizioni di globalizzazione e finanziarizzazione. Questa narrativa è stata, ovviamente, ridimensionata: la prosperità e la libertà nel Nord globale sono state basate sullo sfruttamento e l'oppressione nel Sud globale. Il mio punto di partenza, tuttavia, è a seconda linea di critica, che mette in discussione la narrazione del matrimonio principalmente per motivi politici interni: invece di un matrimonio di democrazia e capitalismo, dovremmo pensare all'era del dopoguerra come a una inquieta convivenza di capitalismo, democrazia e tecnocrazia.

Le tre parti del triangolo capitalismo-democrazia-tecnocrazia rappresentano soluzioni istituzionali alternative al problema di organizzare e coordinare l'attività economica (in realtà, queste soluzioni spesso si sovrappongono). Sotto il New Deal post, condizioni pre-globalizzazione del periodo di Bretton Woods (dalla fine della guerra fino al 1971), il Nord-Ovest globale sposò con successo il capitalismo e la democrazia sotto un regime politico ampiamente keynesiano ("socialdemocrazia"). La globalizzazione finanziaria ha gradualmente eroso questo accordo. Quando la socialdemocrazia si trasformò nella "Terza Via", caratterizzata dai governi Blair e Clinton degli anni '1990, che promosse l'austerità e l'indipendenza delle banche centrali, lo spazio fiscale e la scelta democratica si ridussero. La crisi finanziaria globale ha consolidato questo spostamento verso l'asse capitalismo-tecnocrazia - più drammaticamente nell'area dell'euro, dove i governi nazionali hanno ricevuto ordini dalla Banca centrale europea. Ponendo l'accento sulla perdita di scelta democratica e autodeterminazione, i critici hanno soprannominato il nuovo allineamento "Liberalismo (neo) autoritario".

Dove le cose si fanno interessanti è il terzo lato del triangolo: chiamiamolo "socialismo democratico". Per capire perché il ritorno a una socialdemocrazia sperimentata potrebbe non essere un'opzione, è importante considerare come le circostanze storiche sono cambiate. L'insediamento socialdemocratico nacque da una situazione in cui la Grande Depressione e le due guerre mondiali avevano ridotto l'economia globale a ciò che Perry Mehrling chiamate uno "stato finanziariamente sottosviluppato". A seguito della seconda guerra mondiale, lo stato ebbe una notevole influenza sui settori chiave dell'economia, i sindacati erano forti e i dirigenti di grandi società finanziariamente indipendenti e ancorate a livello nazionale credevano nella crescita fordista "ad alto salario e ad alto consumo" modello. In questa economia mista, capitale e governi eletti democraticamente dipendevano l'uno dall'altro.

La situazione oggi è diversa. Il capitalismo finanziato rappresenta un ostacolo molto più grande alla giustizia distributiva, all'uguaglianza politica e, soprattutto, alla sostenibilità climatica. Alla ricerca del salario e delle tasse più bassi possibili e della struttura finanziaria e legale ottimale, le società si sono auto-frammentate in tutto il mondo. Le corporazioni, e sempre più le nostre case e infrastrutture, sono di proprietà di potenti investitori finanziari che gestiscono la ricchezza della ricca élite mondiale. A differenza dei gestori fordisti del passato, questo capitale finanziato non dipende da relazioni sostenibili con altre parti interessate locali ma da banche centrali indipendenti e tribunali arbitrali per proteggerlo contro democrazia locale. Nelle condizioni attuali, è dubbio che rimanga un percorso diretto al vecchio capitalismo socialdemocratico.

È possibile forgiare un nuovo percorso verso un futuro progressivo? I progressisti vedono correttamente la "tecnocrazia effettivamente esistente" come una modalità di governance orientata alla protezione del capitalismo finanziato dalle maggioranze elettorali e dovrebbero essere scettici sulle idee ingenue della "tecnocrazia progressiva" nell'attuale ordine istituzionale. Detto questo, rivendicare il potere fiscale e monetario dello stato e mobilitarlo al servizio di obiettivi progressivi sarà un progetto tecnocratico, oltre a un progetto politico.

tecnocrazia

I tecnocrati formano un sottogruppo di burocrati. Possiedono conoscenze specializzate e, a differenza dei semplici tecnici, occupano posizioni di potere nell'apparato del governo. tecnocrazia è "un sistema di governance in cui gli esperti tecnicamente addestrati governano in virtù della loro conoscenza e posizione specializzate nelle istituzioni politiche ed economiche dominanti". Sia gli stati autoritari che quelli democratici si basano fortemente sul governo tecnocratico. Casi di spicco comprendono il neoliberismo autoritario in Cile, il capitalismo di stato autoritario in Cina, il capitalismo di stato in sviluppo nell'Asia orientale.

In gran parte del mondo, la tecnocrazia manteneva un profilo leggermente più basso: il lavoro per lo più nascosto alla vista dell'inflazione mirato dalle banche centrali indipendenti per l'Occidente, per esempio, o il lavoro politico per soddisfare le richieste del FMI condizionalità per il resto.

Come Robert Dahl una volta notato, le società democratiche potrebbero trovarsi di fronte a un compromesso tra "efficacia del sistema e partecipazione dei cittadini". Verso la fine del ventesimo secolo, in un clima di trionfalismo postbellico a destra e capitolazione a sinistra, prese una visione ottimistica della tecnocrazia. Il consenso nelle scienze politiche era che la "legittimità dell'output" prodotta da una maggiore efficacia poteva compensare le perdite nella "legittimità dell'input" derivante dalla minore partecipazione dei cittadini. Da allora, tuttavia, le cose sono cambiate.

L'area della governance tecnocratica che ha visto il maggiore aumento di potere non eletto è stata senza dubbio la banca centrale. A seguito della crisi di stagflazione degli anni '1970 e La repressione di Paul Volcker sull'inflazione negli Stati Uniti nei primi anni '1980, i paesi di tutto il mondo hanno trasferito la responsabilità della politica monetaria da coloro che erano direttamente responsabili nei confronti dei rappresentanti eletti a tecnocrati che governano le banche centrali "indipendenti". Limitando tale indipendenza a mandati relativamente limitati di stabilità dei prezzi, l'argomentazione è andata avanti, questo accordo istituzionale avrebbe trovato un equilibrio tra le esigenze del capitalismo finanziato e le esigenze della democrazia. Questo non era, tuttavia, come sono andate le cose da allora.

Contrariamente alla narrazione secondo cui l'indipendenza della banca centrale costituiva una forma di gestione economica depoliticizzata e che massimizza il benessere, le banche centrali conservavano un potere straordinario nel determinare i risultati distributivi. L'intera scala di tale potere è diventata evidente sulla scia della crisi finanziaria globale del 2008. Le operazioni di liquidità illimitate delle banche centrali e gli acquisti di attività hanno messo in evidenza la loro capacità di fare "tutto il necessario" per sostenere coloro che ritenevano meritevoli di sostegno, pur rimanendo ampiamente isolato dal controllo democratico.

Leggi la storia completa qui ...




Il denaro contante sarà la più grande vittima di COVID-19

La valuta per un sistema economico è come il sangue per il tuo corpo. Lo sviluppo sostenibile, noto anche come Technocracy, guerre contro il denaro della Free Enterprise per passare a Fintech e al nuovo sistema economico. ⁃ Editor TN

Il mondo di oggi è pieno di Fiat Money.

"Fiat" significa "lascia che sia così".

La moneta Fiat è la moneta simbolica fornita e regolata da governi e banche centrali. Il suo valore si basa su un decreto del governo secondo il quale esso da solo deve essere utilizzato come "corso legale" per pagare qualsiasi cosa in quel paese. Il suo valore diminuisce all'aumentare dell'offerta.

I soldi della Fiat non sono nuovi: Marco Polo ne ha descritto l'uso in Cina oltre 700 anni fa. I viaggiatori e i commercianti che entravano in Cina furono costretti da Kublai Khan a scambiare i loro soldi veri (monete e lingotti d'oro e d'argento) con i suoi coupon, fatti di corteccia di gelso, ciascuno numerato e timbrato con il sigillo del Khan. Il Khan decretò che i commercianti locali furono costretti ad accettarli ("corso legale"). Gli stranieri hanno ottenuto la merce, il grande Khan ha ottenuto la verga e i commercianti cinesi hanno ottenuto la corteccia di gelso (un po 'come ottenere la parte ruvida di un ananas). Controllando l'offerta e i tassi di cambio per i soldi del gelso, divenne favolosamente ricco e i suoi cittadini furono impoveriti.

Durante la guerra d'indipendenza americana, i ribelli coloniali non avevano un potere fiscale organizzato, quindi stamparono il dollaro continentale per finanziare la guerra. Mentre la guerra si trascinava, stampavano troppi dollari e il suo rapido declassamento diede origine alla frase "Non vale la pena di un continente". Più tardi, nella guerra civile americana, anche la carta moneta confederata utilizzata per sostenere l'esercito divenne inutile. È stato ampiamente definito "stinco", dopo il suo uso più prezioso per aiutare a bendare le ferite.

Molti dittatori nel corso degli anni hanno provato il trucco del denaro fiat, ma così tanti hanno perso la testa o i troni che è caduto in disuso, sostituito da denaro reale fidato come sovrani inglesi, dobloni spagnoli, talleri austro-ungarici e aquile d'oro americane. Solo in tempo di guerra (o in preda al panico di Covid) le persone sono sufficientemente distratte o spaventate da consentire ai governanti di tassare segretamente chiunque detenga il loro deprezzamento fingendo di denaro. (Gli accademici keynesiani promuovono questa politica distruttiva per l'uso del tempo di pace.)

Finanziamento di Big Wars

L'ultimo secolo circa ha visto l'esplosione di grandi governi e grandi guerre: guerre razziali, guerre di classe, guerre mondiali, guerre regionali, guerra al bisogno, guerra alla droga, guerra all'inflazione, guerra ai terroristi, guerra sul carbonio e ora la guerra mondiale COVID.

Tutte le guerre costano un sacco di soldi. Sono così costosi che sollevare l'intero costo dalle sole tasse oneste provocherebbe una rivolta.

Lo spartiacque monetario fu la prima guerra mondiale, che vide i governi mobilitare tutte le risorse della comunità per lo sforzo bellico. La stampa di denaro e le carte razione erano i loro strumenti principali. La creazione di denaro ha distrutto le valute ovunque. Il costo della guerra distrusse la valuta tedesca e il segno di cartapesta sostitutivo fu soggetto alla terribile inflazione tedesca del 1923 che diede origine ai marxisti seguiti dai nazisti.

Anche la potente sterlina inglese è stata fatalmente indebolita e la disciplina del gold / silver standard è stata gradualmente distrutta. Il sovrano inglese britannico, coniato per la prima volta da Enrico VII nel XVI secolo, scomparve dalla circolazione al culmine della Grande Guerra nel 16. La sterlina britannica divenne una moneta legale nel 1917 e l'argento iniziò a scomparire dalla valuta britannica e australiana nel 1931 dopo la seconda grande guerra. Perfino il potente dollaro USA iniziò sulla strada della rovina durante la guerra del Vietnam e la convertibilità dell'oro fu sospesa da Richard Nixon nel 1945.

Abbiamo visto la morte di gran parte dei soldi divertenti del mondo negli ultimi 40 anni. Ad esempio, in Perù, un milione di Intis avrebbe acquistato una casa modesta nel 1985; cinque anni dopo non comprerebbe un tubetto di dentifricio. Il Brasile aveva così tante nuove banconote da finire gli eroi per stamparle.

In Vietnam negli anni '1980, le fabbriche dovevano noleggiare camion per trasportare i sacchi di dong per pagare i bonus dei lavoratori del Tet (Capodanno). Nel 1997 nello Zaire, ci vollero un pacco grande quanto 500,000 banconote della valuta locale per pagare un pasto - nessuno si prese la briga di contarle. Al confine jugoslavo nel 1989, i turisti abbastanza sciocchi da cambiare la valuta "dura" per i dinari jugoslavi hanno ottenuto 14 metri cubi di dinari. "I dinari non possono più essere misurati in milioni o miliardi, ma solo in metri cubi". Era diventata una valuta cubica. Questi tristi record sono stati eclissati a novembre 2008, quando lo Zimbabwe ha subito un'inflazione del 98% AL GIORNO.

La maggior parte dei governi sono bravi a distruggere: campi di concentramento, gulag, dittature, genocidio, governo della folla, guerre mondiali e. . . la distruzione di denaro sano. I soldi della Fiat sono il loro subdolo metodo di larchia ufficiale e poche persone si rendono conto che la rapina sta avvenendo fino a quando non è troppo tardi.

Le generazioni future guarderanno indietro con meraviglia alla moderna follia monetaria. Parole come peso, rublo, rupia, baht, vinto, rublo, ringgit, inti, dinaro, tolar, ostmark, dong, lira, zloty, cordoba, sogliola, cruziero e yuan si uniranno a "stinco" come descrizioni di inutilità. Euro, Pound, Renminbi, Yen e Dollar sono sulla stessa strada dell'oblio (il dollaro australiano ha perso oltre il 90% del suo potere d'acquisto negli ultimi 70 anni).

"Non puoi stampare oro."

Il denaro reale è sempre misurabile in base al peso, come sterline, grammi, centesimi e once d'oro e d'argento o carati di pietre preziose. Non può essere contraffatto o corrotto facilmente. Ma il denaro fiat si basa sul suo valore sull'onestà e l'apertura dei sovrani.

Qual è la causa dell'inflazione e delle svalutazioni? È semplicemente una politica monetaria libera (irrigazione del latte monetario). Con la diffusione della democrazia e forme più violente di governo della folla, i governi cercano di far finta di poter soddisfare le richieste della folla / elettorato senza tassare nessuno. Lo spruzzo di denaro Covid di oggi è un esempio estremo.

Perfino uno sciocco monetario come Castro poteva vedere cosa causava l'inflazione di Cuba. Nel 1993 si alzò a una manifestazione e dichiarò: "Ci sono nove miliardi di pesos in eccesso a Cuba".

I dittatori risolvono questo problema con regolari richiami di valuta. Dichiarano inutile l'intonaco di stinco di ieri e rilasciano un nuovo lotto, favorendo i loro compari, banchieri e mecenati. Alla fine, nessuna delle loro banconote è accettabile, anche con il supporto di corso legale, e il baratto o una valuta estera come il dollaro USA guadagna la circolazione.

I soldi della Fiat consentono ai politici di rubare segretamente i tuoi risparmi per combattere un'altra guerra contro qualcuno o qualcosa. Successivamente vedremo una guerra contro gli "speculatori" o "accaparratori" e chiederemo una valuta mondiale.

I One-Worlders delle Nazioni Unite non lasceranno andare questa crisi cocente. Sognano un governo mondiale (il "Gabinetto nazionale" scritto in grande) senza contanti circolanti e uso obbligatorio del denaro digitale (valuta della carta di credito.) Gli allarmisti climatici vorrebbero anche usare un monopolio del denaro digitale per promuovere la loro guerra al carbonio . Potrebbero controllare e razionare ciò che acquistiamo e consumiamo - solo lattuga, tofu, biciclette ed energia verde, senza viaggi all'estero e senza acquisti segreti di diesel, pancetta o carne di manzo.

Abbiamo già visto l'inizio della loro guerra al denaro: Digital Money si unirà a Mulberry Money, Shin Plaster e Cubic Currency nella lunga storia di fallimenti del denaro politico. Mentre le persone si concentrano sul distanziamento sociale e sul tracciamento dei contatti, gli universali stanno segretamente pianificando di richiamare banconote e abolire i contanti. Quindi possono razionare il "denaro" disponibile per ognuno di noi ogni mese (tagliandolo per i maschi bianchi una volta raggiunto il loro "Usa per data"?).

Qualcuno crede che l'euro sarebbe sopravvissuto alla seconda guerra mondiale? Il mondo islamico o la Cina accetterebbero una valuta basata in gran parte sulle promesse politiche di un nemico come l'America? Solo denaro reale come oro, argento e merci di scambio sono universalmente accettabili in tutti i confini.

L'euro è stato indebolito dalla Brexit e dalle guerre climatiche - non sopravviverà a una vera crisi. Il blocco del rublo sovietico, istituito con la forza e mantenuto dalla contraffazione ufficiale, non poteva sopravvivere al ritiro dell'Armata Rossa. E il Globo-dollaro? Mai.

Immagina il futuro della moneta elettronica della carta di credito quando gli hacker o una bomba a neutroni distruggono gli elettroni che la sostengono. O quando la griglia di energia verde collassa e i terminali swipe-and-go diventano vuoti? Cosa userete per comprare cibo o benzina dopodomani?

Cash sarà la più grande vittima di COVID?

Dovremmo opporci a tutte le mosse furbe per vietare le transazioni in contanti a favore dell'uso universale delle carte di credito sulla scusa scusa che la gestione dei contanti può diffondere il virus COVID. Non lasciare che il nostro denaro contante diventi la più grande vittima di COVID. Lo scambio di carta moneta con il monopolio della moneta elettronica è un brutto affare.

E dovremmo sempre essere liberi di risparmiare denaro e proteggere il valore dei nostri risparmi investendo in beni reali o suonando denaro come oro e argento. Nessun dittatore di latta, quando fuggì, prese la sua valuta. Per molte persone nel mondo, un negozio di monete d'oro, monete d'argento, pietre preziose o un po 'di terra produttiva ha permesso loro di sopravvivere o fuggire quando il loro governo divenne troppo oppressivo o perse una guerra e il denaro locale fiat divenne un cubo moneta.

Leggi la storia completa qui ...




COVID-19 sta mettendo i soldi nella tomba in anticipo in tutto il mondo

Ciò che la normale propaganda non poteva produrre da sola, la voce che il denaro fisico potesse trasmettere COVID-19 è letteralmente diventata una patata bollente che nessuno vuole toccare. Questo è un vantaggio perfetto per le banche centrali per stabilire una valuta digitale per rilanciare l'economia. ⁃ Editor TN

In tempi difficili, le persone sono state conosciute per accumulare valuta in casa - una coperta di sicurezza finanziaria contro una profonda incertezza. Ma in questa crisi, le cose sono diverse. Questa volta il contante stesso, passato di mano in mano in quartieri, città e società come il coronavirus, è fonte di sospetto piuttosto che di rassicurazione.

Non più una cosa da infilare senza pensarci in una tasca, infilata in un portafoglio consumato o gettata casualmente su un bancone della cucina, lo stato del denaro è cambiato durante l'era del virus - forse irrevocabilmente. La pandemia ha anche risvegliato il dibattito sulla continua vitalità di quella che è stata la linfa vitale fisica delle economie globali: carta moneta e monete.

Dai supermercati degli Stati Uniti e del Giappone alle baraccopoli dell'Africa alle stazioni di servizio di Teheran, un numero crescente di aziende e privati ​​in tutto il mondo hanno smesso di usare le banconote nel timore che la valuta fisica, gestita da decine di migliaia di persone durante la loro vita utile, potrebbe essere un vettore per la diffusione del coronavirus.

Funzionari pubblici ed esperti di salute hanno affermato che il rischio di trasferire il virus da persona a persona attraverso l'uso del denaro è minimo. Ciò non ha impedito alle aziende di rifiutare di accettare la valuta e alcuni paesi hanno esortato i cittadini a smettere del tutto di usare le banconote.

Nel mezzo dell'era del coronavirus, vengono effettuati mille calcoli prima che il denaro venga gestito, principalmente con le mani guantate. Alcuni lasciano i soldi stesi sulla superficie per giorni, affinché il virus muoia. Altri disinfettano le banconote con spray. Alcuni addirittura li microonde nella convinzione che uccide il virus. In Cina, le banche sono ora tenute a sterilizzare i contanti con luce ultravioletta o calore, quindi conservare le banconote per almeno una settimana prima che vengano consegnate ai clienti.

"In molte aree, il denaro stava già iniziando a scomparire a causa dell'aumento del rischio di rapina, della facilità di ordinazione su Internet e dell'ubiquità dei telefoni cellulari", afferma Zachary Cohle, assistente professore presso il dipartimento di economia della Quinnipiac University nel Connecticut.

"Contanti", dice Cohle, "ora porta un ulteriore stigma".

Leggi la storia completa qui ...




Élite globali: nel mondo post-covido, il denaro è spazzatura

La guerra alla liquidità si stava intensificando prima del Grande Panico del 2020. Ora è in atto il pieno assalto ed è quasi scontata la conclusione che la liquidità verrà eliminata dal sistema monetario mentre i banchieri centrali implementano una forma digitale di valuta per sostituirla. ⁃ Editor TN

Recentemente c'è stato uno sforzo concertato tra gli oligarchi che mi piace chiamare The Davos Crowd per demonizzare i soldi. Dal gestore degli hedge fund Ray Dalio che ha dichiarato "Cash is trash" all'inizio di quest'anno al COVID-19 che circonda la paura che rende le persone timorose di fare trading in contanti perché potrebbe essere contaminato, la retorica anti-cash è stata amplificata fino a undici.

E non è stato un segreto che l'élite del mondo vuole che smettiamo di effettuare transazioni in contanti perché è qualcosa che non possono seguire. La Svezia ha flirtato con la società senza contanti mentre l'Unione europea ha eliminato le banconote di grosso taglio allo stesso modo in cui gli Stati Uniti le hanno gradualmente eliminate.

Qualche anno fa, l'India ha creato una grande agitazione rimuovendo dalla circolazione la banconota da 500 e 1000 rupie. Tutte queste mosse sono state, nominalmente, al servizio della repressione della corruzione. Sono venduti al pubblico come un modo per punire criminali e riciclatori di denaro.

Ma la realtà è che la spinta alla rimozione di liquidità dalla società è quella di mettere tutti i nostri rapporti finanziari in banche dati che forniscono alle autorità un registro di tutto ciò che fai. Man mano che i governi di tutto il mondo diventano sempre più in bancarotta, cercano naturalmente modi per migliorare la conformità fiscale e creare profili di chiunque ritengano una minaccia alla loro continua esistenza.

Questa è la vera ragione per cui "il denaro è spazzatura" per le autorità. E i passi verso le versioni solo digitali delle valute nazionali è un'estensione della presa di potere attualmente in corso come risposta alla crisi di COVID-19.

Ma, soprattutto, la ragione di questa demonizzazione della liquidità ha molto a che fare con la comprensione che l'attuale sistema finanziario globale è rotto e avrà bisogno di un salvataggio coordinato globale.

Il modo più semplice per effettuare ciò è quello di essere in grado di creare denaro digitale con il colpo di una tastiera.

La crisi del 2008 è stata più grande della Federal Reserve. Per sopravvivere è stato necessario lo sforzo coordinato di tutte le principali banche centrali e il sostegno del Fondo monetario internazionale (FMI).

Quindi, colorami non scioccato quando vedo questo rapporto di Sputnik che il capo dello Shanghai Gold Exchange pubblicamente sostiene il caso a favore di una valuta digitale transnazionale per sostituire il dollaro USA come valuta di insediamento commerciale mondiale.

Secondo Wang Zhenying, citato da Reuters, il dollaro, in quanto arma della pressione statunitense e fonte di vulnerabilità per altri paesi, non può più essere la valuta globale standard. Ammette che anche l'oro non è un mezzo di scambio ideale, poiché la sua quantità è limitata e non può soddisfare le esigenze del crescente commercio internazionale. Pertanto, è necessaria una valuta sovranazionale per insediamenti indipendenti da qualsiasi paese.

Questa idea non è una novità ed è stata già promossa dalla Cina durante l'ultima crisi finanziaria del 2008-2009. Quindi il capo della banca centrale cinese Zhou Xiaochuan ha proposto di riformare il sistema di insediamenti internazionali attraverso diritti speciali di prelievo (DSP).

L'autore e commentatore Jim Rickards ha sottolineato questo punto da oltre un decennio. Ha parlato apertamente nei suoi libri precedenti The Death of Money and Currency Wars sui piani per l'FMI di assumere il ruolo di banca centrale mondiale perché la crisi in corso sarà maggiore di tutte le banche centrali.

Sono d'accordo con Jim su questo e lo faccio da anni. L'élite mondiale ha discusso apertamente di queste cose. Hanno scritto white paper su questo.

Ma ciò che è interessante ora è che il signor Zhenying sta modificando leggermente questa idea, parlando in termini di una valuta forte di qualche forma per sostituire il dollaro USA. Ma guarda da vicino il suo argomento e vedrai l'esca e cambiare mentre non crede che avremo il consenso sull'uso dei diritti speciali di prelievo del FMI (SDR) come un modo per regolare i conti che non crede che l'oro sia fattibile neanche.

Allora cosa sarà?

Leggi la storia completa qui ...




Whitehead: COVID-19 e The (Final) War on Cash

La tecnocrazia richiede il monitoraggio di tutti i consumi e comportamenti senza "nessuno lasciato indietro". L'unico modo per raggiungere questo obiettivo è rimuovere il denaro dal sistema economico e costringere tutti a un sistema digitale progettato per raccogliere e centralizzare tutti i dati finanziari. ⁃ Editor TN

“Il fatto è che il governo, come un bandito, dice a un uomo: i tuoi soldi o la tua vita. E molte, se non la maggior parte, le tasse sono pagate sotto la coazione di quella minaccia. Il governo, in effetti, non uccide un uomo in un luogo solitario, gli balza addosso dal lato della strada e, tenendo una pistola alla testa, procede a sparargli le tasche. Ma la rapina non è nient'altro che una rapina per quel motivo; ed è molto più sgarbato e vergognoso. ”-Lysander Spooner, Abolizionista e teorico legale americano

Il denaro contante potrebbe diventare una vittima della pandemia di COVID-19.

Man mano che questi blocchi COVID-19 si trascinano fuori, sempre più persone e aziende stanno andando senza contanti (per comodità e in un cosiddetto sforzo per evitare di diffondere i germi di coronavirus), impegnarsi nel commercio online o utilizzare forme di valuta digitali (carte bancarie, portafogli digitali, ecc.). Di conseguenza, il denaro fisico non è più re.

Eppure ci sono altre ragioni, più subdole, per questa reingegnerizzazione della società lontano dal denaro fisico: una società senza contanti - facilmente monitorabile, controllata, manipolata, armata e bloccata - giocherebbe direttamente nelle mani del governo (e delle sue società partner).

A tal fine, il governo e i suoi partner criminali hanno intrapreso una sottile guerra in contanti da qualche tempo.

Cos'è questa guerra in contanti?

È una campagna concertata per spostare i consumatori verso una modalità di commercio digitale che può essere facilmente monitorata, tracciata, tabulata, estratta per i dati, hackerata, dirottata e confiscata quando è conveniente.

Secondo economista Steve Forbes, "Il vero motivo di questa guerra in contanti - inizia con le grandi bollette e poi scendi - è una brutta presa di potere da parte del Grande Governo. Le persone avranno meno privacy: il commercio elettronico rende più facile per il Grande Fratello vedere cosa stiamo facendo, rendendo così più semplice bloccare le attività che non gli piacciono, come l'acquisto di sale, zucchero, grandi bottiglie di soda e Big Mac. ”

Proprio come la guerra alla droga e la guerra al terrorismo, questa cosiddetta "guerra al denaro" viene venduta al pubblico come mezzi per combattere terroristi, spacciatori, evasori fiscali e ora germi COVID-19.

La valuta digitale offre al governo e ai suoi partner aziendali il metodo migliore per rintracciarti, controllarti e punirti.

Negli ultimi anni, il semplice possesso di ingenti somme di denaro potrebbe coinvolgerti in attività sospette e identificarti come un criminale. Il fondamento logico (dalla polizia) è che il denaro è la valuta per le transazioni illegali dato che è più difficile da rintracciare, può essere usato per pagare gli immigrati clandestini e nega al governo la sua quota di "presa", quindi eliminare la carta moneta aiuterà le forze dell'ordine combattere il crimine e aiutare il governo a realizzare maggiori entrate.

Nonostante ciò che sappiamo del governo e della sua storia di corruzione, confusione, frugamenti e violazioni dei dati, per non parlare della facilità con cui la tecnologia può essere utilizzata contro di noi, la campagna per eliminare i soldi non è davvero una vendita difficile.

Non è una vendita difficile, cioè se conosci i pulsanti giusti da spingere, e il governo è diventato un grande maestro nell'arte di far fare ai cittadini esattamente ciò che vuole. Ricorda, questo è lo stesso governo che prevede di utilizzare le tattiche di scienza comportamentale per "spingere" i cittadini a conformarsi con le politiche pubbliche del governo e le iniziative del programma.

Non è nemmeno una vendita difficile se si appartiene alla generazione digitale, quel segmento della popolazione per cui la tecnologia è di seconda natura e "il la prima generazione nasce in un mondo che non ha mai conosciuto la vita digitale. "

E certamente non è una vendita difficile se appartieni alla crescente classe di americani che usano i loro telefoni cellulari per pagare le bollette, acquistare beni e trasferire fondi.

Più o meno allo stesso modo in cui gli americani hanno optato per la sorveglianza del governo attraverso la comodità di dispositivi GPS e telefoni cellulari, i contanti digitali - i mezzi per pagare con la propria carta di debito, carta di credito o cellulare - stanno diventando di fatto il commercio della polizia americana stato.

Non molto tempo fa, è stato stimato che gli smartphone sostituiranno completamente i contanti e le carte di credito entro il 2020. In perfetto orario, un numero crescente di aziende sta adottando politiche senza contanti, tra cui alcune compagnie aeree, hotel, compagnie di autonoleggio, ristoranti e negozi al dettaglio. In Svezia, anche i senzatetto e le chiese accettano denaro digitale.

Sostenere il caso di "mai, mai trasportare denaro" al posto di un portafoglio digitale, giornalista Lisa Rabasca Roepe sostiene che il denaro contante sia scomodo, L'accesso allo sportello automatico è costoso ed è ora possibile rimborsare le persone che utilizzano app digitali come Venmo. Pertanto, non è più necessario il denaro. "Sempre più rivenditori e negozi di alimentari abbracciano Apple Pay, Google Wallet, Samsung Pay e Android Pay" note Roepe. "L'app di PayPal è ora accettata in molte catene di negozi tra cui Barnes & Noble, Foot Locker, Home Depot e Office Depot. Walmart e CVS hanno entrambi sviluppato le proprie app di pagamento mentre i loro concorrenti Target e RiteAid stanno lavorando sulle proprie app. "

Nemmeno il denaro sta diventando digitale.

Un numero crescente di Stati sta cercando di adottare patenti di guida digitali che risiederebbe sul tuo cellulare. Queste licenze includeranno tutte le informazioni contenute nella licenza stampata, insieme ad alcuni "extra" come i dati in tempo reale scaricati direttamente dal Dipartimento dei veicoli a motore del tuo stato.

Ovviamente, leggere tra le righe, avere una patente di guida digitale ti aprirà a quasi lo stesso rischio dei contanti digitali: consentirà al governo di tracciare meglio i tuoi movimenti, monitorare le tue attività e le comunicazioni e alla fine ti bloccherà .

Quindi qual è il problema qui?

Nonostante tutti i vantaggi che derivano dal vivere in un'era digitale - vale a dire la convenienza - è difficile immaginare come un mondo senza contanti navigato attraverso un portafoglio digitale non segnali l'inizio della fine per la poca privacy che ci rimane e ci lascia vulnerabili a ladri di governo e hacker di dati.

In primo luogo, quando dico privacy, non mi riferisco solo alle cose che non vuoi che le persone sappiano, quelle piccole cose che fai a porte chiuse che non sono né illegali né dannose ma imbarazzanti o intime. Mi riferisco anche a cose che sono profondamente personali e di cui nessuno ha bisogno di conoscere, certamente non il governo e il suo gruppo di corpi indaffarati, tate, guardoni, guardie carcerarie e burocrati meschini.

In secondo luogo, stiamo già assistendo a quanto sarà facile per gli agenti governativi manipolare i portafogli digitali per il proprio guadagno. Ad esempio, i sistemi di confisca di beni civili stanno diventando ancora più redditizi per le agenzie di polizia grazie a Dispositivi ERAD (recupero elettronico e accesso ai dati) forniti dal Dipartimento della sicurezza interna che consentono alla polizia di determinare non solo l'equilibrio di qualsiasi carta a banda magnetica (ad es. carte di debito, di credito e regalo) ma anche congelare e sequestrare fondi su carte prepagate. In effetti, l'ottava Corte d'Appello del Circuito governato che non viola il quarto emendamento per la polizia di scansionare o scorrere la carta di credito.

Terzo, come commentatore Paul Craig Roberts osservato, mentre gli americani sono stati distratti dalla costosa guerra del governo contro il terrorismo, "il sistema finanziario, lavorando a stretto contatto con i politici, ha arrecato più danni agli americani di quanto i terroristi possano eventualmente infliggere". Alla fine, come Roberts - che ha servito come segretario aggiunto del Ministero del Tesoro per la politica economica sotto Ronald Reagan - chiarisce, la guerra in contanti consiste nel dare al governo il massimo controllo dell'economia e un accesso completo al portafoglio della cittadinanza.

In quarto luogo, se c'è una volontà, c'è un modo. Finora, ogni convenienza tecnologica che ha semplificato la nostra vita è diventata anche il nostro tallone d'Achille, aprendoci a maggiori vulnerabilità sia degli hacker che degli agenti governativi. Negli ultimi anni, il governo degli Stati Uniti è stato ripetutamente violato. Nel 2015, l'Ufficio di gestione del personale ha avuto più di Furono rubati 20 milioni di file di personale, tutto, dai numeri di previdenza sociale alle date di nascita e alle impronte digitali. Nel 2014, è stato il La Casa Bianca, il Dipartimento di Stato, l'ufficio postale e altre agenzie governative, insieme a una serie di istituzioni finanziarie, rivenditori e giganti dell'intrattenimento che hanno violato i loro file. E queste sono le persone incaricate della protezione nostro informazione sensibile?

In quinto luogo, se esiste un'entità che lo farà non smettere di usare denaro per i suoi scopi nefasti, è il governo degli Stati Uniti. Il denaro contante è la valuta utilizzata dal governo per pagare i suoi "associati" stranieri. Ad esempio, l'amministrazione Obama ha volato più di $ 400 milioni in contanti in Iran, secondo quanto riferito nell'ambito di un accordo finanziario con il paese. I critici affermano che il denaro è stato riscattato per il ritorno degli ostaggi americani. E poi c'era il $ 12 miliardi in banconote da $ 100 impacchettate che gli Stati Uniti sono volati in Iraq solo per affermare di non avere alcuna traccia di ciò che è successo ai soldi. È semplicemente scomparso, ci hanno detto. Quindi quando gli economisti del governo te lo dicono i due terzi di tutte le banconote da $ 100 in circolazione sono all'estero- più di mezzo trilione di dollari di valore - è una buona scommessa che il governo abbia svolto un ruolo significativo nelle loro esportazioni.

In sesto luogo, questo tentativo di eliminare i contanti fa parte di un tendenza globale più ampia guidato da istituzioni finanziarie internazionali e dalle Nazioni Unite che stanno trasformando nazioni di ogni dimensione, dalla nazione più piccola alle economie più grandi e avanzate.

Finalmente, a parte il ritorno a un'era pre-tecnologica, luddista, non c'è davvero modo di tirare indietro questo cavallo ora che ha lasciato il cancello. Mentre farlo è quasi impossibile, significherebbe anche fare a meno delle molte comodità e vantaggi che sono gli angeli migliori, se vuoi, delle tendenze totalitarie della tecnologia: Internet, i progressi della medicina, ecc.

A nostro danno, non abbiamo praticamente alcun controllo su chi accede alle nostre informazioni private, su come sono archiviate o su come vengono utilizzate. Rimane da discutere se abbiamo mai avuto molto controllo. Tuttavia, in termini di potere contrattuale sui diritti alla privacy digitale, siamo stati ridotti a una posizione pietosa e non invidiabile in cui possiamo solo sperare e confidare che coloro che detengono il potere tratteranno le nostre informazioni con rispetto.

Chiaramente, come chiarisco nel mio libro Battlefield America: The War on the American People, siamo tornati al punto di partenza, tornando a un'era pre-rivoluzionaria della tassazione senza alcuna rappresentazione reale.

Leggi la storia completa qui ...


L'avvocato e autore costituzionale John W. Whitehead è fondatore e presidente di L'Istituto Rutherford. Il suo nuovo libro Battlefield America: The War on the American People è disponibile presso www.amazon.com. Whitehead può essere contattato al johnw@rutherford.org.




città intelligenti senza contanti

Coronavirus: l'OMS esorta le persone a diventare "senza contanti"

I globalisti stanno sfruttando appieno una spaventosa crisi per promuovere un mondo senza contanti come un modo per combattere il coronavirus cinese. La rimozione di liquidità dalla società toglie tutto il potere monetario ai cittadini, dandolo alle banche centrali. ⁃ Editor TN

Sembra il cinese iniziato qualcosa ...

Di seguito riporta che Pechino aveva "messo in quarantena" denaro sporco, l'OMS ha avvertito lunedì che il virus potrebbe sopravvivere con le banconote, diffondendo potenzialmente Covid-19 all'interno delle comunità e in tutto il mondo. Per ridurre il rischio di essere infettati dal denaro, la ONG ha consigliato ai cittadini dei paesi in lotta con i focolai di favorire i pagamenti digitali quando possibile, il Daily Telegraph segnalati.

Che l'OMS stia dicendo al pubblico di evitare denaro non è certo una sorpresa: la ricerca lo ha scoperto è stato scoperto che i coronavirus vivono sulle superfici fino a 9 giorni.

Durante la dichiarazione, un portavoce dell'OMS ha fatto riferimento a Uno studio della Bank of England afferma che le banconote "possono trasportare batteri o virus" e ha esortato le persone a lavarsi le mani. Altri studi hanno dimostrato che il 90% delle banconote da 1 US $ presentava batteri e uno studio svizzero ha scoperto che i virus sono sopravvissuti per giorni sui fronti dei franchi svizzeri.

Seguono gli avvertimenti dell'OMS la Banca popolare cinese il mese scorso ha iniziato a disinfettare la valuta depositata presso le banche cinesi utilizzando la luce ultravioletta, prima di mettere in quarantena le bollette per una settimana prima di rimetterle in circolazione.

Gli inglesi e i loro colleghi europei dovrebbero stare sempre più attenti mentre il virus si diffonde in Europa, ha avvertito l'OMS, tramite il Telegraph:

"Sappiamo che i soldi cambiano spesso di mano e possono raccogliere ogni sorta di batteri e virus", ha detto un portavoce al Telegraph.

"Consigliamo alle persone di lavarsi le mani dopo aver maneggiato le banconote ed evitare di toccarsi il viso. Quando possibile, sarebbe anche consigliabile utilizzare pagamenti senza contatto per ridurre il rischio di trasmissione ".

Certo, quello una delle principali ONG del mondo sta cogliendo l'opportunità di proclamare le virtù del denaro "senza carta" non è certo una sorpresa: la spinta globalista verso una "società senza contanti" è in atto ormai da anni, avendo avuto i suoi maggiori successi in Scandinavia. La Svezia è diventata praticamente "senza contanti" e in così poco tempo, hanno già affrontato i numerosi inconvenienti di affidarsi esclusivamente al denaro digitale.

Leggi la storia completa qui ...




WEF Framework di debiti per la valuta digitale della banca centrale

TN ha documentato la corsa precipitosa delle banche centrali verso la valuta digitale / blockchain al fine di sostituire le valute fisiche. Questo sarà il nuovo sistema finanziario per lo sviluppo sostenibile, noto anche come Technocracy. ⁃ Editor TN

Il World Economic Forum (WEF) - insieme ad alcune delle principali banche centrali del mondo - ha creato una valuta digitale della banca centrale (CBDC) toolkit di policymaker.

Secondo un annuncio il 22 gennaio, il toolkit è il tentativo del WEF di aiutare i responsabili politici a capire se implementare un CBDC sarebbe vantaggioso e guidarli attraverso la sua progettazione.

Il WEF ha collaborato con regolatori, ricercatori delle banche centrali, organizzazioni internazionali ed esperti di oltre 40 istituzioni per sviluppare il quadro. Il capo della blockchain e la tecnologia del libro mastro distribuito (DLT) al World Economic Forum Sheila Warren ha spiegato:

“Dati i ruoli fondamentali che le banche centrali svolgono nell'economia globale, qualsiasi implementazione di valuta digitale da parte della banca centrale, anche potenzialmente con tecnologia blockchain, avrà un profondo impatto a livello nazionale e internazionale. […] È indispensabile che le banche centrali procedano con cautela, con una rigorosa analisi delle opportunità e delle sfide poste. ”

Il governatore della Bank of Thailand Veerathai Santiprabhob ha affermato che l'istituzione ha fatto buoni progressi nella propria implementazione del CBDC, denominata Project Inthanon. Recentemente, rapporti ha iniziato a circolare che le banche centrali di Hong Kong e della Thailandia si sono avvicinate all'attuazione di un CBDC congiunto per i pagamenti transfrontalieri. Ha spiegato come il toolkit sia utile per il continuo sviluppo della valuta digitale della banca:

"In base alla nostra esperienza, dobbiamo identificare i compromessi tra i vantaggi derivanti dai casi d'uso e i rischi associati in diverse dimensioni. È qui che il Policymaker Toolkit potrebbe utilmente fornire un framework attuabile per la distribuzione di CBDC. ”

Il governatore della Banca centrale del Bahrain Rasheed M. Al Maraj ha annunciato che l'istituzione che sta guidando piloterà il toolkit del WEF, dicendo: “Speriamo che sia un'opportunità per imparare, crescere e adattarsi ai cambiamenti della Quarta Rivoluzione Industriale “.

Pro e contro di una valuta digitale

il colore del pollice contesto riconosce che un CBDC - tra le altre cose - può migliorare i costi e accelerare l'efficienza dei pagamenti interbancari transfrontalieri, nonché ridurre i rischi di regolamento e controparte. Il WEF rileva che una valuta digitale può anche migliorare la trasmissione e il reporting dei dati finanziari e migliorare la tracciabilità rispetto alla liquidità fisica.

Il documento ammette che, prima di considerare un CBDC, dovrebbero essere prese in considerazione altre soluzioni all'attrito economico. Una valuta digitale non può aggiungere valore nei pagamenti interbancari nazionali in cui è già presente un sistema efficiente.

Il toolkit rileva inoltre che l'implementazione della valuta digitale richiede investimenti sostanziali nella sicurezza informatica e nella resilienza del sistema, e che i rischi potenziali ne derivano:

“Genera notevoli rischi finanziari, tra cui: 1) rischio di disintermediazione bancaria, che potrebbe ridurre gli utili bancari e l'attività di prestito; 2) rischio gestito da una banca digitale poiché i depositanti possono convertire rapidamente depositi bancari commerciali in CBDC. "

Toolkit distingue tra diversi tipi di CBDC

Il framework del WEF divide i CBDC in tre categorie: vendita al dettaglio, all'ingrosso e ibrida. La prima categoria consente agli utenti non finanziari di detenere conti in valuta digitale, mentre la seconda è un sistema elettronico che consente l'accesso alla riserva della banca centrale che potrebbe essere utilizzata dalle banche commerciali e da altri istituti finanziari per le transazioni interbancarie e di sicurezza.

I CBDC ibridi consentono agli istituti finanziari che di solito non hanno accesso a un deposito bancario centrale di detenere riserve. Ciò consentirebbe maggiori garanzie e monitoraggio di tali organizzazioni e migliorerebbe l'interoperabilità tra i diversi sistemi di pagamento, secondo il WEF.

Il documento spiega che nel caso di un CBDC basato su DLT, la banca centrale manterrebbe il pieno controllo sull'emissione della valuta digitale:

"[La banca centrale] potrebbe delegare l'approvazione delle transazioni a una rete più decentralizzata, molto probabilmente costituita da istituti finanziari regolamentati. L'approvazione delle transazioni potrebbe seguire un processo di consenso prestabilito determinato dalla banca centrale, che potrebbe includere privilegi per la banca centrale come i poteri di "veto" o la visibilità delle transazioni. È anche possibile sviluppare un sistema DLT in cui la banca centrale rimane l'unico nodo di convalida ma beneficia di altri vantaggi relativi alla DLT. "

L'impatto delle stablecoin sullo sviluppo del CBDC

Gli sforzi e le discussioni globali sullo sviluppo del CBDC sono sempre più comuni. Molti Credere che le stablecoin - e in particolare la Bilancia di Facebook - sono servite da sveglia per le banche centrali per rendersi conto che nell'era digitale il pubblico si aspetta pagamenti digitali economici e immediati.

All'inizio di questo mese, anche la presidente della Banca centrale europea, Christine Lagarde disse che sostiene il coinvolgimento attivo della banca nello sviluppo di un CBDC, in particolare nell'affrontare la domanda di pagamenti transfrontalieri più rapidi ed economici.

Leggi la storia completa qui ...




Le banche vendono ora i tuoi dati di transazione per grandi cifre

Se i dati sono il nuovo olio del 21st secolo, le banche hanno più di chiunque altro ... sui tuoi acquisti, viaggi, abitudini, ecc. Ora stanno cercando modi per vendere i tuoi dati al miglior offerente, non pagandoti nulla in cambio. ⁃ Editor TN

C'è un nuovo potente giocatore che guarda ciò che acquisti in modo da personalizzare le offerte di prodotti per te: la banca dietro la tua carta di credito o di debito.

Per anni, Google e Facebook hanno pubblicato annunci in base al tuo comportamento online. Rivenditori di Amazon a Walgreens anche regolarmente aspirare la cronologia delle transazioni per guidare la spesa futura e mantenere la tua lealtà.

Ora anche le banche vogliono trasformare i dati che hanno già sulle tue abitudini di spesa in entrate extra identificando i probabili clienti per i rivenditori. Le banche sono sempre più consapevoli del fatto che potrebbero trovarsi in una miniera d'oro di informazioni che possono essere utilizzate per prevedere - o influenzare - dove spendi. Storicamente, tali dati sono stati utilizzati principalmente per la protezione dalle frodi.

"Dieci anni fa, la tua banca era come il tuo psichiatra o il tuo ministro - la tua banca manteneva segreti."

Supponi di doverti pranzare il Cyber ​​Monday, il giorno dello shopping online più frequentato dell'anno. Se ordini in anticipo su Chipotle - pagando, ovviamente, con la tua carta di credito - potresti presto scoprire che la tua banca pende 10% fuori dal pranzo a Little Caesars. La banca guadagnerebbe commissioni dal comune pizza, sia per mostrare l'offerta che per elaborare il pagamento.

Wells Fargo ha iniziato a personalizzare le offerte al dettaglio per i singoli clienti il ​​21 di novembre, unendosi a Chase, Bank of America, PNC, SunTrust e una serie di banche più piccole.

A differenza di Google o Facebook, che cercano di dedurre ciò che ti interessa acquistare in base alle tue ricerche, visite web o Mi piace, "le banche hanno l'arma segreta in quanto sanno effettivamente su cosa spendiamo soldi", ha detto Silvio Tavares del trade gruppo CardLinx Association, i cui membri aiutano a mediare le offerte relative all'acquisto. "È un migliore predittore di ciò che andremo a spendere."

Mentre le banche affermano di muoversi con cautela e di essere consapevoli delle preoccupazioni in materia di privacy, non è chiaro che i consumatori siano pienamente consapevoli di ciò che stanno facendo le loro banche.

Le banche conoscono molti dei nostri segreti più profondi e oscuri: quella serie di fatture pagate in una clinica oncologica, per esempio, o quella grande scheda da club che pensavi fosse rimasta a Las Vegas. Una banca potrebbe sospettare la relazione adultera di qualcuno molto prima che il partner tradito lo farebbe.

"Dieci anni fa, la tua banca era come il tuo psichiatra o il tuo ministro - la tua banca manteneva segreti", ha dichiarato Ed Mierzwinski, avvocato dei consumatori presso il Public Interest Research Group degli Stati Uniti. Ora, dice, "pensano di essere gli stessi di un grande magazzino o di un commerciante online".

La startup Cardlytics, uno dei pionieri del settore, gestisce i programmi di offerta per Wells Fargo, Chase e altre banche. Nonostante queste collaborazioni, Cardlytics afferma di ottenere approfondimenti su circa $ 2.8 miliardi di miliardi di spesa annuale dei consumatori in tutto il mondo.

Leggi la storia completa qui ...