Zuckerberg si impegna ad aiutare i contenuti Facebook di China Censor

Piazza Tianamin1989 Tianamin Square. Wikipedia Commons
Per favore, condividi questa storia!

Mark Zuckerberg si sta dimostrando un vero tecnocrate aiutando il governo autocratico e repressivo cinese a censurare i contenuti su Facebook. Se dispone di tali strumenti, quanto tempo ci vorrà prima che vengano applicati in altri paesi o negli Stati Uniti?  Editor TN

Mark Zuckerberg, Facebookl 'amministratore delegato, ha relazioni coltivate con i leader cinesi, compreso il presidente Xi Jinping. Lui ha pagato più visite nel paese per incontrare i suoi massimi dirigenti di Internet. Ha fatto uno sforzo per impara il mandarino.

All'interno di Facebook, il lavoro per entrare in Cina è molto più profondo.

Il social network ha sviluppato un software silenzioso per impedire che i post vengano visualizzati nei feed di notizie delle persone in aree geografiche specifiche, secondo tre dipendenti Facebook attuali ed ex, che hanno chiesto l'anonimato perché lo strumento è confidenziale. La funzione è stata creata per aiutare Facebook ad entrare in Cina, un mercato in cui il social network è stato bloccato, hanno detto queste persone. Il signor Zuckerberg ha sostenuto e difeso gli sforzi, ha aggiunto la gente.

Facebook ha limitato i contenuti in altri paesi prima, come il Pakistan, la Russia e la Turchia, in linea con la pratica tipica delle società Internet americane che generalmente soddisfano le richieste del governo di bloccare determinati contenuti dopo la loro pubblicazione. Facebook bloccato circa 55,000 contenuti in circa 20 paesi tra luglio 2015 e dicembre 2015, per esempio. Ma la nuova funzionalità fa un ulteriore passo in avanti, impedendo in primo luogo la visualizzazione dei contenuti nei feed in Cina.

Facebook non intende sopprimere i post stessi. Invece, offrirebbe il software per consentire a terzi - in questo caso, molto probabilmente una società cinese partner - di monitorare storie e argomenti popolari che si diffondono mentre gli utenti li condividono attraverso il social network, hanno detto le persone. Il partner di Facebook avrebbe quindi il pieno controllo per decidere se quei post debbano essere mostrati nei feed degli utenti.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti