"Xenobot": gli scienziati usano le cellule staminali per creare i primi robot viventi

xenobotUno xenobot con quattro "arti". Fotografia: Douglas Blackiston
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
Gli xenobot rappresentano una nuova forma di vita e una prova del concetto. Inizialmente sono state utilizzate cellule staminali di rane, ma le cellule staminali di qualsiasi organismo vivente, compresi gli esseri umani, potrebbero potenzialmente ottenere gli stessi risultati. Una battaglia etica è certa. ⁃ Editor TN

Essere avvisati Se l'ascesa dei robot avverrà, l'apocalisse potrebbe essere una faccenda più soffocante di cui gli scrittori di fantascienza ci hanno preparato.

I ricercatori negli Stati Uniti hanno creato le prime macchine viventi assemblando cellule di rane artigliate africane in piccoli robot che si muovono sotto il loro stesso vapore.

Una delle creazioni di maggior successo ha due gambe tozze che la spingono sul suo "petto". Un altro ha un buco nel mezzo che i ricercatori hanno trasformato in una custodia in modo che potesse brillare con carichi utili in miniatura.

“Queste sono forme di vita completamente nuove. Non sono mai esistiti prima sulla Terra ", ha affermato Michael Levin, direttore dell'Allen Discovery Center presso la Tufts University di Medford, nel Massachusetts. "Sono organismi viventi programmabili."

I robotisti preferiscono il metallo e la plastica per la loro forza e durata, ma Levin e i suoi colleghi vedono benefici nel realizzare robot da tessuti biologici. Quando vengono danneggiati, i robot viventi possono curare le loro ferite e, una volta terminato il loro compito, cadono a pezzi, proprio quando gli organismi naturali decadono quando muoiono.

Le loro caratteristiche uniche significano che le future versioni dei robot potrebbero essere impiegate per ripulire l'inquinamento microplastico negli oceani, individuare e digerire materiali tossici, fornire farmaci nel corpo o rimuovere la placca dalle pareti delle arterie, affermano gli scienziati.

"È impossibile sapere quali saranno le applicazioni per qualsiasi nuova tecnologia, quindi possiamo solo indovinare", ha detto Joshua Bongard, ricercatore senior del team dell'Università del Vermont.

I robot, lunghi meno di 1 mm, sono progettati da un "algoritmo evolutivo" che gira su un supercomputer. Il programma inizia generando configurazioni 3D casuali da 500 a 1,000 cellule della pelle e del cuore. Ogni progetto viene quindi testato in un ambiente virtuale, per vedere, ad esempio, quanto si muove quando le cellule cardiache vengono impostate sul battito. I migliori interpreti vengono utilizzati per generare più disegni, che a loro volta vengono messi alla prova.

Poiché le cellule cardiache si contraggono e si rilassano spontaneamente, si comportano come motori in miniatura che guidano i robot fino all'esaurimento delle loro riserve di energia. Le celle hanno abbastanza carburante al loro interno per consentire ai robot di sopravvivere per una settimana a 10 giorni prima di chinarsi.

Gli scienziati hanno aspettato che il computer sfornasse 100 generazioni prima di scegliere una manciata di progetti da costruire in laboratorio. Hanno usato pinzette e strumenti di cauterizzazione per scolpire la pelle in fase iniziale e le cellule cardiache raschiate dagli embrioni di rane artigliate africane, Xenopus laevis. La fonte delle cellule ha portato gli scienziati a chiamare le loro creazioni "xenobot".

Leggi la storia completa qui ...

Unisciti alla nostra mailing list!


Avatar
2 Discussioni dei commenti
0 Discussione risposte
0 Seguaci
Per molti commenti
Discussione più calda del commento
1 Autori di commenti
justsayin Autori di commenti recenti
Sottoscrivi
ultimo il più vecchio più votati
Notifica
justsayin
ospite
justsayin

Cercare di dimostrare l'evoluzione non funzionerà, perché è una grande bugia. '(Gesù) che è l'immagine del Dio invisibile, il primogenito di ogni creatura: poiché da Lui sono state create tutte le cose, che sono nei cieli e che sono in terra, visibili e invisibili, che tu sia trono o dominio, o principati o poteri: tutte le cose sono state create da Lui e per Lui. ' Colossesi 1: 15-16.