Problemi malvagi: la nuova agenda urbana e le città intelligenti

Per favore, condividi questa storia!
La mente della tecnocrazia è chiaramente vista nella prima riga di questa storia: qualsiasi problema causato dalla tecnologia può essere risolto con più tecnologia. Non si verifica mai a un Technocrat che molti problemi non possono essere risolti con la tecnologia. ⁃ Editor TN

Le soluzioni tecnologiche come le città intelligenti rendono un sistema più complesso, dando origine a "problemi malvagi" che richiedono rimedi tecnologici sempre più estesi.

Nel mese di ottobre 2016, presso il World Urban Forum 8 a Quito, in Ecuador, Habitat delle Nazioni Unite ha lanciato il suo terzo ciclo di pianificazione con Habitat III, ora noto come Nuova agenda urbana. L'agenda definisce il lavoro della comunità urbana globale fino a 2036, quando l'umanità sarà sulla buona strada per una popolazione 2050 stimata di 10 miliardi - due terzi dei quali saranno abitanti delle città. La Nuova agenda urbana ha stabilito un piano ambizioso e ambizioso su come il mondo gestirà il processo intensificato di quello che il filosofo francese Henri Lefebvre, scrivendo in 1970, ha definito:urbanizzazione planetaria. "

Habitat III faceva parte di un processo più ampio all'interno della comunità di esperti e professionisti che lavoravano ai grandi problemi di 21stsecolo: cambiamenti climatici, transizione energetica, insicurezza alimentare e idrica, cambiamenti demografici (crescita, invecchiamento e urbanizzazione), pandemie, degrado ecologico, stress economico e instabilità politica, tra gli altri. Prima di Habitat III, le loro ambizioni costituivano quella che è nota come l'agenda di sviluppo post-2015. L'anno 2015 è stato significativo perché ha segnato il rinnovo e il rafforzamento di diverse agende di sviluppo chiave. La prima è stata la rinnovata piattaforma di riduzione del rischio di catastrofi delle Nazioni Unite International Disease Relief, la 2015 Framework Sendai, seguito dal Sviluppo Sostenibile Obiettivi (SDG) a settembre 2015, il Paris accordo sul clima a dicembre 2015 e, infine, Habitat III a ottobre 2016.

Replicating Power Structures

Molti vedono la Nuova agenda urbana come la chiave della capacità dell'umanità di superare una tempesta perfetta di crisi globali. Come la tabella di marcia per sopravvivere a 21st secolo, porta un carico immenso, e quelli che lavorano per rendere la sua visione inclusiva e sostenibile l'urbanistica una realtà deve contemplare una vasta gamma di problemi malvagi. A Quito, tuttavia, è diventato chiaro a molti osservatori che la Nuova agenda urbana aveva un'ambizione larga un miglio, ma non era nemmeno profonda un centimetro con piani concreti per l'attuazione. Sessione dopo sessione ha rinviato il tedio dell'azione sostanziale insistendo sul fatto che il lavoro da compiere era di capire come applicare le belle parole del documento. Quel lavoro sarebbe stato intrapreso a Kuala Lumpur, presso il World Urban Forum 9 nel mese di febbraio 2018.

[the_ad id = "11018 ″]

Il compito del forum era di capire come attuare la nuova agenda urbana. Il forum si è concentrato in particolare sugli SDG Goal 11, che mira a "rendere le città inclusive, sicure, resilienti e sostenibili". Era un focus appropriato per un incontro di esperti e professionisti dello sviluppo umano impegnati in città, fornendo un luogo per confrontare note, promuovere le migliori pratiche e la rete. Questa, tuttavia, non è la storia completa.

Il plausibile, anche se scettico, è che il World Urban Forum 9 riguardava la riproduzione di un'agenda di sviluppo profondamente radicata nei valori di Washington Consensus sulla liberalizzazione del mercato e sulla mercificazione istituzionale. La presenza di esperti che presumibilmente controllano le conoscenze alla base dell'agenda ha aggiunto un pizzico di legittimità. Il Programmapresentava una serie vertiginosa di seminari che avevano la narrativa comune di "ascoltare dal pubblico" e favorire lo "sviluppo partecipativo". Tuttavia, il contenuto e molti dei messaggi sembravano essere guidati da mandati di finanziamenti o sovvenzioni. Lasciati a desiderare, in molti casi, erano quelli che hanno imparato qualcosa di pratico: come fornire acqua negli insediamenti informali, come prepararsi ai cambiamenti climatici o come migliorare lo smaltimento dei rifiuti.

Molte sessioni hanno avuto un'atmosfera neocoloniale come rappresentanti della minoranza globale privilegiata - capi di agenzie, ONG, istituti di ricerca, programmi di laurea, società e istituzioni finanziarie - sessioni presiedute e tempo di conversazione monopolizzato. Era una scena che ricorda profondamente il processo di sviluppo globale dell'ultimo mezzo secolo.

SMART CITIES

Un nuovo sviluppo al World Urban Forum 9 è stato l'emergere di città intelligenti come meta narrativa per l'attuazione della Nuova agenda urbana. Il forum ha caratterizzato una proliferazione di sessioni sulle tecnologie delle città intelligenti, gli oratori plenari hanno abbandonato il termine come standard di riferimento nella pianificazione urbana sostenibile e inclusiva e molti stand espositivi hanno presentato dichiarazioni stridenti sull'intersezione di verde, intelligente e inclusivo, il tutto sostenuto dalla vasta potenziale della tecnologia. Considerando che la nuova agenda urbana di Habitat III menziona a malapena le città intelligenti, l'ubiquità del termine al World Urban Forum 9 merita qualche considerazione.

Le città intelligenti sono improvvisamente apparse all'ordine del giorno per una serie di ragioni. In primo luogo, i pontificatori urbani del mondo - un lotto bizzarro - hanno bisogno di un concetto appariscente per incarnare la soluzione di attuazione per la Nuova agenda urbana. In secondo luogo, nella sua ambiguità il concetto di città intelligenti è diventato una tela su cui sono schizzati molti programmi. Questa versatilità rende le città intelligenti più un segnaposto conveniente per una visione normativa di 21st-urbanesimo di una soluzione sostanziale che può essere attuata. In terzo luogo, e forse soprattutto, le città intelligenti sono il luogo dove scorre il grande denaro. Cisco Systems, Microsoft e Google, tra molti altri attori aziendali, si impegnano tutti in città intelligenti e stanno per catturare un pezzo in crescita del capitale speculativo che scivola sui mercati globali.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

2 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Ray Songtree

Gli autori sono all'oscuro. Programmi di spopolamento come le scie chimiche, i vaccini e il 5g ridurranno la crescita della popolazione, mentre la tecnologia della città intelligente aumenta per contenere i pochi sopravvissuti infertili che saranno gradualmente sostituiti da cloni resistenti alle malattie per servire ciò che i robot non possono servire. Ricordiamo che il chip integrato e le fibre ottiche provenivano dall'ingegneria posteriore dell'incidente di Roswell del 1947. La biologia non ha importanza, solo un pianeta gestito in modo efficiente per l'estrazione a coloro che ci hanno fornito la tecnologia. I programmi di spopolamento sono reali.