Dove si trovano i candidati alla presidenza sui cambiamenti climatici

Immagine gentilmente concessa da Wikipedia
Per favore, condividi questa storia!

Nota TN: mentre solo il 6% degli elettori si preoccupa del cambiamento climatico, la macchina elitaria globale lo sta inserendo nella questione chiave del secolo. Questo articolo elenca ogni candidato e la sua posizione dichiarata sul cambiamento climatico.

Solo un 6 percento degli elettori registrati ha definito i cambiamenti climatici la questione piĂą importante che deciderĂ  il loro voto come presidente, secondo un sondaggio dell'UniversitĂ  di Quinnipiac di luglio. Ma le elezioni presidenziali di 2016 determineranno il ruolo degli Stati Uniti nell'affrontare questa sfida globale e nel gestire gli impatti dei cambiamenti climatici per gli anni a venire.

In preparazione ai colloqui sul clima di Parigi a dicembre, i paesi 150 hanno sottoscritto impegni per ridurre le emissioni di gas serra dopo 2020. La conferenza sul clima di quest'anno è fondamentale, poiché una nuova ricerca ha scoperto che anche un aumento da 1.5˚C a 2˚C della temperatura media globale potrebbe innescare il crollo delle piattaforme di ghiaccio antartiche, con conseguente possibile innalzamento del livello del mare di 10 metri (circa 33 piedi ) da centinaia a migliaia di anni.

Un nuovo sondaggio dell'UniversitĂ  del Texas ha rilevato che il 76% degli americani (un aumento dell'8% rispetto a un anno fa) ora crede che il cambiamento climatico si stia verificando, incluso il 59% dei repubblicani. Il numero crescente di credenti influenzerĂ  le elezioni?

"Se i candidati stanno prestando molta attenzione a dove il pubblico americano si trova su questioni come i cambiamenti climatici, questo può certamente", ha affermato Sheril Kirshenbaum, direttore del sondaggio energetico dell'Università del Texas. "I nostri dati suggeriscono che gli argomenti energetici saranno importanti per gli elettori diretti a novembre 2016."

Inoltre, "... questioni come i cambiamenti climatici, la distruzione dell'habitat e l'inquinamento sono di interesse per il pubblico e le grandi maggioranza favoriscono la protezione dell'ambiente, di solito circa i tre quarti della popolazione totale", ha affermato Steve Cohen, direttore esecutivo del Earth Institute alla Columbia University. "Ora, se si riflette in una campagna politica è un'altra domanda."

Gli elettori primari, sia repubblicani che democratici, tendono ad essere più agli estremi del loro partito che al centro. Nella campagna primaria repubblicana c'è stata poca, se non nessuna, discussione sull'ambiente, e ciò che di solito è stato a sostegno dello sfruttamento dei combustibili fossili e del fracking. Dal punto di vista democratico, si discute molto sui cambiamenti climatici e l'importanza della sostenibilità.

"Le parti sembrano molto divise sui cambiamenti climatici in questo momento", ha dichiarato Robert Erikson, professore di scienze politiche alla Columbia University. "Ci vorrebbe un'impennata di sostegno pubblico per riconoscere e affrontare il problema per motivare i candidati del GOP a spostarsi".

Ma la base repubblicana si sta muovendo verso il riconoscimento del cambiamento climatico e dei suoi effetti. "Penso che ciò che sta cambiando il loro punto di vista è che la scienza negli ultimi anni di 20 è diventata molto, molto chiara", ha detto Cohen. “Vedi anche eventi come l'uragano Sandy, le inondazioni nella Carolina del Sud, gli incendi boschivi in ​​Occidente e la siccità in California. Queste sono tutte condizioni oggettive che sono state chiaramente esacerbate dai cambiamenti climatici ".

Dove si trovano oggi i candidati alla presidenza su questi temi?

Vedi ogni candidato qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti