AGGIORNAMENTO: AT&T interrompe la vendita di dati sull'ubicazione a causa delle richieste di indagini della Fed

Credito d'immagine: Stephen Yang
Per favore, condividi questa storia!
AT&T è stata colta in flagrante e denunciata questa settimana da Scheda madre. per la vendita di dati sulla posizione dei clienti, una grave violazione delle leggi sulla privacy. Oggi, AT&T afferma di aver smesso di vendere dati perché ora sanno che è in corso un'indagine federale. Se la storia è una guida, AT&T riprenderà a vendere dopo che il calore e l'attenzione saranno passati. AT&T è un classico esempio di Tecnocrazia in azione. ⁃ TN Editor

AT&T ha dichiarato giovedì che smetterà di vendere i dati sulla posizione dei propri clienti a fornitori di servizi di terze parti dopo che un rapporto di questa settimana ha affermato che le informazioni stavano finendo nelle mani sbagliate.

L'annuncio segue le forti richieste dei legislatori federali per un'indagine sul presunto uso improprio dei dati, che è venuta alla luce quando Motherboard ha rivelato una complessa catena di condivisione di informazioni non autorizzata che si è conclusa con un cacciatore di taglie che ha rintracciato con successo il dispositivo di un giornalista.

AT&T aveva già sospeso i suoi accordi di condivisione dei dati con una serie di cosiddetti "aggregatori di località" lo scorso anno alla luce di un'indagine del Congresso che ha scoperto che alcuni dei dati di localizzazione di Verizon erano stati utilizzati in modo improprio da funzionari della prigione per spiare americani innocenti. All'epoca AT&T aveva anche affermato che avrebbe mantenuto quelli dei suoi accordi che fornivano chiari vantaggi per i consumatori, come la condivisione della posizione per i servizi di assistenza stradale.

Ma l'annuncio di giovedì di AT&T va molto oltre, impegnandosi a terminare tutti gli accordi rimanenti che aveva, anche quelli che ha affermato essere attivamente utili.

"Alla luce dei recenti rapporti sull'uso improprio dei servizi di localizzazione, abbiamo deciso di eliminare tutti i servizi di aggregazione della posizione, anche quelli con evidenti vantaggi per i consumatori", ha affermato AT&T in una nota. "Stiamo eliminando immediatamente i servizi rimanenti e sarà fatto a marzo".

In modo caratteristico, il CEO di T-Mobile John Legere ha twittato martedì che la sua azienda avrebbe "terminato completamente il lavoro di aggregazione di località" a marzo. Verizon ha affermato in una dichiarazione giovedì che anche lei stava terminando i suoi quattro accordi di condivisione della posizione rimanenti, che sono tutti con servizi di assistenza stradale - dopodiché, i clienti dovrebbero dare alla società il permesso di condividere i propri dati con le società di assistenza stradale. Una portavoce di Sprint non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Gli annunci riflettono un'importante vittoria per i difensori della privacy che hanno criticato le aziende americane sulla gestione delle informazioni personali dei consumatori, spesso a loro spese personali ed economiche.

"I vettori sono sempre responsabili di chi finisce con i dati dei propri clienti - non è sufficiente attribuire la colpa di un uso improprio alle società a valle", ha affermato il senatore Ron Wyden (D., Oregon) in una dichiarazione. “Il tempo per prendere in parola queste aziende è passato da un pezzo. Il Congresso deve approvare una legislazione forte per proteggere la privacy degli americani e, infine, ritenere le aziende responsabili quando mettono a rischio la tua sicurezza consentendo a stalker e criminali di rintracciare il tuo telefono sul dark web ".

Altri critici hanno affermato che gli americani hanno un "diritto assoluto" alla riservatezza dei propri dati.

"Sono straordinariamente turbato dalle segnalazioni di questo sistema di riconfezionamento e rivendita dei dati sulla posizione a servizi di terzi non regolamentati per scopi potenzialmente nefasti", ha dichiarato il senatore Kamala Harris (D., California) in una dichiarazione dopo la pubblicazione del rapporto sulla scheda madre . "Se vera, questa pratica rappresenta una minaccia legittima alla nostra sicurezza personale e nazionale."

Harris ha invitato la Federal Communications Commission ad avviare immediatamente un'indagine.

Motherboard ha riferito che i principali operatori wireless statunitensi T-Mobile, AT&T e Sprint hanno venduto i dati sulla posizione dei loro clienti in un mercato non regolamentato in cui le informazioni personali degli americani viaggiano attraverso diversi livelli di entità di terze parti che acquistano i dati sulla posizione ma sono non autorizzato a gestire tali informazioni.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti