Uno studio peer-reviewed rivela il "vaccino" dell'mRNA più dannoso del COVID

Un farmacista prepara il vaccino mRNA Pfizer-BioNTech COVID-19 in una clinica prototipo di farmacia ad Halifax il 9 marzo 2021. (Andrew Vaughan / The Canadian Press)
Per favore, condividi questa storia!
Il COVID ha causato danni significativi alla popolazione globale, aggravati da politiche pubbliche dannose. I "vaccini" mRNA hanno causato molti più danni del COVID. Ciò suggerisce una guerra biologica che ha lasciato una scia di morti e feriti. Se così non fosse, i produttori di farmaci e i politici farebbero un'immediata inversione di marcia per interrompere immediatamente tutte le iniezioni.

Ho dichiarato guerra alla tecnocrazia il 18 dicembre 2015 perché era sempre più evidente che la mafia tecnocratica/transumanista aveva dichiarato guerra all'umanità. Questo è ora in piena fioritura ma ancora in gran parte non riconosciuto. Mentre le iniezioni di COVID/mRNA sono state un attacco chiave all'umanità, ora sono visibili altri attacchi: crisi finanziaria, rottura della catena di approvvigionamento, crisi energetica, crisi alimentare e guerra. ⁃ Editore TN

STORIA IN BREVE

> Una revisione scientifica peer-reviewed sul Journal of Insulin Resistance, scritta dal cardiologo Dr. Aseem Malhotra, chiede l'immediata sospensione di tutte le vaccinazioni COVID poiché i dati del mondo reale mostrano che causano più danni che benefici

> I dati provenienti da Israele mostrano che la miocardite post-jab si sta verificando a un tasso di 1 su 6,000. I dati di Hong Kong di bambini e adolescenti maschi hanno rilevato un tasso di 1 su 2,700

> I dati del sistema British Yellow Card mostrano che 1 persona su 120 che ha ricevuto almeno un'iniezione di mRNA soffre di un evento avverso "oltre lieve". In Norvegia, il tasso di eventi avversi gravi post-jab è di 1 su 1,000 dopo due dosi di Pfizer

> I ricercatori esaminando i dati degli studi FDA, Health Canada e Pfizer e Moderna hanno concluso che il rischio assoluto di un evento avverso grave causato dai colpi di mRNA era di 1 su 800, il che supera enormemente il rischio di ricovero per COVID-19 riscontrato negli studi randomizzati controllati

> L'audio trapelato da un incontro del giugno 2022 tra i ricercatori israeliani e il Ministero della Salute israeliano rivela che il jab Pfizer provoca effetti avversi a lungo termine ed è associato a effetti collaterali più gravi dopo il rechallenge (cioè con dosi ripetute). Mentre i ricercatori volevano avvertire il pubblico, il Ministero ha modificato il loro rapporto finale per affermare che gli effetti negativi sono lievi e di breve durata. Il governo ha quindi annullato qualsiasi ulteriore ricerca sugli effetti negativi

I colpi di COVID sono un vero disastro, con feriti e morti che si accumulano giorno dopo giorno. Eppure le cosiddette autorità sanitarie, medici, media, produttori di farmaci e molti degli stessi colpiti affermano che non c'è niente da vedere qui. Fin dal loro rilascio, coraggiosi professionisti medici si sono espressi contro di loro, chiedendo un approccio più cauto.

Ora, una revisione scientifica peer-reviewed,1 2 3 pubblicato in due parti4 5 nel Journal of Insulin Resistance chiede la sospensione immediata di tutti i colpi di COVID poiché i dati del mondo reale mostrano che causano più danni che benefici.

Secondo questo documento, "Curare la pandemia di disinformazione sui vaccini mRNA COVID-19 attraverso la medicina basata sull'evidenza reale", scritto dal cardiologo Dr. Aseem Malhotra:

“Nella popolazione non anziana il 'numero da curare' per prevenire un solo decesso è di migliaia. La rianalisi di studi randomizzati controllati utilizzando la tecnologia dell'acido ribonucleico messaggero (mRNA) suggerisce un rischio maggiore di gravi eventi avversi dai vaccini rispetto all'essere ricoverati in ospedale per COVID-19.

I sistemi di farmacovigilanza e i dati sulla sicurezza nel mondo reale, insieme a plausibili meccanismi di danno, sono profondamente preoccupanti, soprattutto in relazione alla sicurezza cardiovascolare.

Rispecchiando un potenziale segnale dello studio di fase 3 Pfizer, nel 2021 è stato osservato un aumento significativo delle chiamate di arresto cardiaco alle ambulanze in Inghilterra, con dati simili che sono emersi da Israele nella fascia di età compresa tra 16 e 39 anni.

Conclusione: Non si può dire che il consenso a ricevere questi agenti sia stato pienamente informato, come richiesto eticamente e legalmente. Una pausa e una rivalutazione delle politiche di vaccinazione globali per COVID-19 è attesa da tempo”.

Jab Boomerang del COVID

Negli ultimi mesi, le statistiche sulla disabilità, sull'eccesso di mortalità e sui nati vivi puntano tutti nella stessa direzione. Qualcosa di orribile è iniziato ad accadere intorno ad aprile 2021 e continua a peggiorare. Qualcosa sta uccidendo un numero straordinario di persone nel pieno della loro vita, che dovrebbero avere decenni da vivere. Qualcosa sta spingendo le persone a presentare istanza di invalidità permanente in numero mai visto prima.

Cosa è cambiato nel mondo, nel 2021? Questa è la domanda. La risposta è ridicolmente semplice, eppure molti scelgono di spingere la testa più in profondità nella sabbia piuttosto che affrontare semplici fatti. I colpi COVID, che utilizzano la tecnologia dell'mRNA per innescare la produzione di anticorpi in un modo che non era mai stato utilizzato prima, sono stati lanciati nel 2021 con l'autorizzazione all'uso di emergenza. Questo è ciò che è cambiato.

Al momento del loro lancio, le sperimentazioni sull'uomo erano tutt'altro che terminate e gran parte del loro valore era già stato distrutto aprendo le prove e offrendo la vera iniezione a tutti i gruppi placebo.6

Quest'anno, ci siamo anche resi conto che la Pfizer, la Food and Drug Administration statunitense e i Centers for Disease Control and Prevention hanno tutti ripetutamente mentito sulla sicurezza e l'efficacia delle iniezioni, poiché i dati di prova della Pfizer mostrano che si tratta di pericolosi come vengono.

L'unico motivo per cui ora lo sappiamo è perché la FDA è stata citata in giudizio e costretta da un giudice a rilasciare il processo dati che inizialmente volevano mantenere nascosti per 75 anni. I dati Pfizer vengono ora rilasciati a un ritmo di 55,000 pagine al mese,7 e questi lotti si sono rivelati un tesoro di notizie cattive e peggiori.

Pfizer nascosto ferite gravi, classificandoli erroneamente quasi tutti come estranei allo sparo senza indagini e dati travisati che mostrano enormi rischi come non preoccupanti. I partecipanti che hanno subito gravi lesioni sono stati spesso semplicemente ritirati dal processo e i loro dati esclusi dai risultati.8

I dati del mondo reale ora mostrano in modo conclusivo che questi rischi sono estremamente reali. Ad esempio, lo studio clinico di fase 3 di Pfizer ha mostrato un aumento del rischio di problemi cardiaci e durante il 2021 i servizi di ambulanza del Regno Unito hanno registrato 27,800 chiamate in più di arresto cardiaco al di sopra della media nazionale negli anni precedenti, ovvero circa 500 al giorno9 10 — e sproporzionatamente tra i giovani.11 È importante sottolineare che il COVID-19 non può spiegare questo aumento, poiché il relativo aumento è iniziato nella primavera del 2021.

Un cambiamento di cuore

Nel suo articolo, Malhotra descrive in dettaglio il suo viaggio personale da convinto sostenitore del jab COVID a interrogante preoccupato. Ha ricevuto il regime a due dosi di Pfizer alla fine di gennaio 2021. Puoi vedere più degli sforzi di Maholtra nella conferenza che ha recentemente tenuto, catturata nel video sopra.

Pochi mesi dopo, suo padre, anche lui colpito dall'iniezione, ha subito un arresto cardiaco sei mesi dopo la sua seconda dose. I risultati dell'autopsia sono stati "scioccanti e inspiegabili", scrive Malhotra, e gli hanno fatto dare un'altra occhiata ai dati.

“Dopo sei mesi di valutazione critica dei dati io stesso, parlando con eminenti scienziati coinvolti nella ricerca sul COVID-19, nella sicurezza e nello sviluppo dei vaccini e con due giornalisti medici investigativi, ho concluso lentamente e con riluttanza che, contrariamente alle mie convinzioni dogmatiche iniziali, l'mRNA di Pfizer il vaccino è ben lungi dall'essere sicuro ed efficace come pensavamo all'inizio", scrive Malhotra.12

Continua a rivedere come l'esame post mortem ha rivelato che suo padre, che era estremamente attivo e in forma, aveva gravi ostruzioni in due delle tre arterie principali. La sua arteria discendente anteriore sinistra era bloccata al 90% e la sua coronaria destra era bloccata al 75%. L'ultima scansione, "qualche anno prima", secondo Malhotra, aveva rivelato un flusso sanguigno perfetto e nessuna ostruzione. Lui continua:13

“Non potevo spiegare le sue scoperte post mortem, soprattutto perché non c'erano prove di un vero infarto … Questa era precisamente la mia area di ricerca speciale. Cioè, come ritardare la progressione della malattia cardiaca e persino potenzialmente invertirla ... Poi, nel novembre 2021, sono stato informato di un abstract sottoposto a revisione paritaria pubblicato su Circulation, con risultati preoccupanti.

In oltre 500 pazienti di mezza età sottoposti a follow-up regolare, utilizzando un modello di punteggio predittivo basato su marcatori infiammatori fortemente correlati al rischio di infarto, il vaccino mRNA è stato associato ad un aumento significativo del rischio di un evento coronarico entro cinque anni da 11 % vaccino pre-mRNA al 25% 2-10 settimane dopo il vaccino mRNA.

Una critica iniziale e rilevante alla validità dei risultati è stata che non esisteva un gruppo di controllo, ma ciò nonostante, anche se parzialmente corretto, ciò significherebbe una grande accelerazione nella progressione della malattia coronarica e, soprattutto, rischio di infarto. , entro mesi dall'assunzione del jab.

Mi chiedevo se la vaccinazione Pfizer di mio padre, che aveva ricevuto sei mesi prima, potesse aver contribuito alla sua morte prematura inspiegabile e così ho iniziato a valutare criticamente i dati".

Punti dati da considerare

Malhotra esamina una serie di punti dati nel documento, tra cui:14

  • I dati Pfizer mostrano che ci sono stati quattro arresti cardiaci nel gruppo di iniezione e solo uno nel gruppo placebo.
  • L'uso fuorviante della riduzione del rischio relativo (95%) quando si parla di efficacia, piuttosto che di riduzione assoluta del rischio, che era solo dello 0.84%.
  • 119 persone dovrebbero essere iniettate per prevenire un test positivo, che può essere o meno indicativo di infezione.
  • Il processo di Pfizer non ha riscontrato una riduzione statisticamente significativa di malattie gravi o mortalità per COVID dall'iniezione nel corso di sei mesi (la durata del processo). Inoltre, il rischio di infezione grave da COVID-19 nel gruppo placebo era solo dello 0.04%, a dimostrazione di quanto fosse basso in primo luogo il rischio di malattie gravi, e questo nonostante le regioni scelte per la sperimentazione fossero state scelte per la loro percepita un'elevata prevalenza di infezione.
  • Mentre ci sono stati due decessi per COVID nel gruppo placebo e un solo decesso per COVID nel gruppo per iniezione, la mortalità per tutte le cause per un periodo più lungo ha rivelato 19 decessi nel gruppo per iniezione e 17 decessi nel gruppo placebo.
  • Lo studio pediatrico ha utilizzato una misura surrogata dei livelli di anticorpi piuttosto che una riduzione dell'infezione sintomatica, anche se non era nota una correlazione tra i livelli di anticorpi e la protezione dalle infezioni. La FDA avverte anche che: “[R]i risultati dei test anticorpali SARS-COV-2 attualmente autorizzati non dovrebbero essere utilizzati per valutare il livello di immunità o protezione di una persona da COVID-19 in qualsiasi momento, e soprattutto dopo che la persona ha ricevuto un COVID-19 -XNUMX vaccinazione”.

Estrapolazione dei dati per determinare la protezione contro la morte

Malhotra prosegue descrivendo come ha estrapolato i dati per determinare il livello di protezione che questi colpi di mRNA forniscono contro la morte correlata al COVID:15

“Ora che sappiamo cosa ha fatto e cosa non ha mostrato lo studio pubblicato in termini di efficacia del vaccino, possiamo tentare di estrapolare quale sarebbe l'effetto del vaccino nel ridurre la mortalità o qualsiasi altro esito negativo del virus.

Se c'è una possibilità su 1 che il vaccino ti protegga dall'infezione sintomatica da varianti ancestrali, quindi per trovare la protezione contro la morte, questa cifra (n = 119) deve essere moltiplicata per il numero di infezioni che portano a un singolo decesso per ogni fascia di età.

Ciò darebbe (fino a due mesi dopo l'inoculazione) la riduzione assoluta del rischio (di morte) del vaccino. Ad esempio, se il mio rischio all'età di 44 anni di morire per Delta (dovrei essere infettato da esso) è 1 su 3,000, la riduzione assoluta del rischio del vaccino che mi protegge dalla morte è 1 su 3,000 moltiplicato per 119, ovvero 1 per 357,000 …

Dai dati osservazionali è possibile calcolare il numero di coloro che avrebbero bisogno di essere vaccinati per prevenire un decesso da COVID-19. Ad esempio, confrontando i tassi di mortalità della popolazione durante l'ondata Delta, si ottengono 230 per le persone di età superiore agli 80 anni che devono essere vaccinate per prevenire un singolo decesso in quel periodo, con quel numero che sale a 520 per le persone tra i 70 e 10,000 per le persone tra i 40 anni...

A seconda della tua età, diverse centinaia o migliaia di persone come te dovrebbero essere iniettate per evitare che una persona muoia a causa della variante Delta del COVID-19 in un periodo di circa tre mesi.

Per gli over 80 questa cifra è almeno 230, ma cresce più si è giovani, arrivando ad almeno 2,600 per i cinquantenni, 50 per i 10,000enni e 40 per quelli tra i 93,000 ei 18 anni. Per omicron, che ha dimostrato di essere il 29% - 30% meno letale, il che significa che un numero significativamente maggiore di persone dovrebbe essere vaccinato per prevenire un decesso".

Quali sono i danni?

Successivamente, Malhotra esamina i prosciutti, osservando che uno degli effetti collaterali più comuni riportati è la miocardite o l'infiammazione del cuore, soprattutto tra i giovani uomini. Respinge l'affermazione delle autorità sanitarie secondo cui la miocardite è molto più diffusa in coloro che soffrono di una grave infezione da COVID, affermando:16

"L'incidenza della miocardite è aumentata vertiginosamente dalla primavera del 2021, quando i vaccini sono stati lanciati alle coorti più giovani, essendo rimasti entro i livelli normali per l'intero anno prima, nonostante COVID-19.

Con le prove più aggiornate, un documento israeliano ha rilevato che l'infezione stessa, prima dell'introduzione del vaccino, non ha conferito alcun aumento dei rischi di miocardite o pericardite da COVID-19, suggerendo fortemente che l'aumento osservati in studi precedenti erano a causa dei vaccini mRNA, con o senza infezioni da COVID-19 come rischio aggiuntivo nei vaccinati ...

Sebbene la miocardite indotta da vaccino non sia spesso fatale nei giovani adulti, le scansioni MRI rivelano che, di quelli ricoverati in ospedale, circa l'80% presenta un certo grado di danno miocardico. È come subire un piccolo infarto e sostenere qualche lesione - probabilmente permanente - del muscolo cardiaco".

I dati provenienti da Israele mostrano che la miocardite post-jab si sta verificando a un tasso di 1 su 6,000. I dati di Hong Kong di bambini e adolescenti maschi hanno rilevato un tasso di 1 su 2,700. I dati del sistema British Yellow Card mostrano che 1 persona su 120 che ha ricevuto almeno un'iniezione di mRNA soffre di un evento avverso "oltre lieve".

In Norvegia, osserva Malhotra, il tasso di eventi avversi gravi post-jab è di 1 su 1,000 dopo due dosi di Pfizer. Queste sono ferite che cambiano la vita in peggio.

In tutto, quasi 500,000 eventi avversi sono stati segnalati al sistema del cartellino giallo quando Malhotra ha scritto questo documento, che sottolinea essere "senza precedenti nell'era medica moderna ed è uguale al numero totale di segnalazioni ricevute nei primi 40 anni del cartellino giallo sistema di segnalazione (per tutti i medicinali, non solo per i vaccini) fino al 2020”.

Cosa ci dicono i dati VAERS

La stessa tendenza si osserva negli Stati Uniti, dove il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) ha ricevuto più segnalazioni di eventi avversi per i vaccini COVID rispetto a tutti gli altri vaccini messi insieme negli ultimi 30 anni. Malhotra scrive:

“Come per il sistema del Regno Unito, il livello di segnalazioni, comprese quelle gravi, associate ai vaccini COVID-19 è completamente senza precedenti. Ad esempio, al 24,000 marzo 2 sono stati registrati oltre 2022 decessi in VAERS; Il 29% di questi si è verificato entro 48 ore dall'iniezione e la metà entro due settimane.

Il tasso medio di segnalazione prima del 2020 era inferiore a 300 decessi all'anno. Una spiegazione spesso data per questo è che il lancio del vaccino contro il COVID-19 ha una portata senza precedenti; tuttavia, questo non è valido, dal momento che (almeno nell'ultimo decennio) gli Stati Uniti hanno somministrato 150 milioni - 200 milioni di vaccinazioni all'anno".

Un'altra critica al VAERS è che "chiunque può fare una voce", eppure, in effetti, un'analisi di un campione di 250 morti precoci ha suggerito che la stragrande maggioranza sono voci di ospedali o medici e la presentazione consapevolmente di un falso rapporto VAERS è una violazione di Legge federale punibile con multa e reclusione.

Dato che VAERS è stato istituito per generare segnali precoci di potenziale danno per i nuovi vaccini, ed è stato determinante nel farlo per diversi prodotti, sembra perverso criticarlo solo ora come inaffidabile quando sembra che non ci siano stati cambiamenti nel modo in cui opera .”

È stato stimato che gli effetti avversi gravi che vengono ufficialmente segnalati sono in realtà una grave sottostima, e questo dovrebbe essere tenuto a mente... Ad esempio, un documento di David Kessler (ex commissario della FDA) cita dati che suggeriscono che solo l'1% di eventi avversi gravi sono segnalati alla FDA. Allo stesso modo, in relazione al regime della Yellow Card nel Regno Unito, è stato stimato che solo il 10% degli effetti avversi gravi viene segnalato".

1 su 800 rischio assoluto di gravi effetti collaterali

Malhotra cita anche uno studio recente17 "costituito da alcuni degli scienziati medici più fidati al mondo in relazione alla trasparenza dei dati", che ha esaminato i dati della FDA, della Health Canada e degli studi Pfizer e Moderna.

“I ricercatori che hanno esaminato i dati degli studi FDA, Health Canada e Pfizer e Moderna hanno concluso che il rischio assoluto di un grave evento avverso dai colpi di mRNA era di 1 su 800, il che supera enormemente il rischio di ricovero per COVID-19 riscontrato negli studi randomizzati e controllati .”

Hanno concluso che il rischio assoluto di un grave evento avverso dai colpi di mRNA era 1 su 800, il che supera enormemente il rischio di ricovero per COVID-19 riscontrato in studi randomizzati controllati.

“Date queste osservazioni e la rivalutazione dei dati degli studi randomizzati e controllati sui prodotti di mRNA, sembra difficile sostenere che il lancio del vaccino sia stato vantaggioso in tutti i gruppi di età … e quando il possibile breve, medio e sconosciuto più lungo sono considerati danni a termine (soprattutto per iniezioni multiple, dati di sicurezza affidabili per i quali semplicemente non esistono), il lancio sull'intera popolazione sembra, nella migliore delle ipotesi, una scommessa sconsiderata", scrive Malhotra.18

“È importante riconoscere che i rischi di eventi avversi del vaccino rimangono costanti, mentre i benefici si riducono nel tempo, poiché le nuove varianti sono (1) meno virulente e (2) non colpite da un prodotto obsoleto.

Dopo aver valutato i dati, resta una reale possibilità che la morte cardiaca improvvisa di mio padre fosse correlata al vaccino. Una pausa e una rivalutazione delle politiche di vaccinazione per COVID-19 sono attese da tempo".

La copertura israeliana

Nelle notizie correlate, l'audio trapelato da un incontro del giugno 2022 tra i ricercatori israeliani e il Ministero della Salute rivela che i ricercatori sapevano che i colpi di COVID erano associati a seri rischi e volevano allertare il pubblico.

Tuttavia, mentre i ricercatori hanno sottolineato le prove che dimostrano che i jab Pfizer causano effetti avversi a lungo termine e sono associati a effetti collaterali più gravi dopo il rechallenge (cioè con dosi ripetute), il Ministero ha modificato il rapporto finale del ricercatore per affermare che gli effetti avversi sono lievi e di breve durata. Il governo ha quindi annullato qualsiasi ulteriore ricerca sugli effetti negativi.

Alla fine di settembre 2022, GB News ha intervistato il dottor Yaffa Shir Raz, che ha svelato la storia a livello internazionale19 (vedi video sopra per l'audio trapelato e il rapporto di GB).20 21 È importante sottolineare che i ricercatori hanno notato che il fenomeno del rechallenge è una prova molto forte di causalità, il che significa che i colpi stanno sicuramente causando i problemi segnalati.

Tuttavia, hanno anche avvertito il Ministero della Salute che avrebbero dovuto stare attenti con la formulazione e pensare "medico-legale", poiché le prove avrebbero esposto il governo a responsabilità, dal momento che non erano stati in anticipo con i rischi e avevano ha approvato i colpi. Il ministero, a quanto pare, ha deciso semplicemente di modificare le conclusioni dello studio e di chiudere ulteriori indagini piuttosto che rischiare la responsabilità.

I produttori di jab COVID chiedono l'autorizzazione per i potenziamenti per bambini

Nello stesso momento in cui vengono alla luce sempre più dati schiaccianti, Pfizer e Moderna stanno entrambe cercando l'autorizzazione all'uso di emergenza per i loro booster COVID bivalenti per bambini. Moderna sta chiedendo l'autorizzazione per i bambini dai 6 ai 17 anni, mentre lo scatto di Pfizer è per i bambini dai 5 agli 11 anni.22 Come riportato da Reuters il 23 settembre 2022:23

“... i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno affermato di aspettarsi che i booster del vaccino COVID-19 mirati alle varianti circolanti del virus saranno disponibili per i bambini di età compresa tra 5 e 11 anni entro metà ottobre.

L'mRNA-1273.222 di Moderna, un booster bivalente, contiene le varianti BA.4/BA.5 dominanti insieme al ceppo di coronavirus originale. Il vaccino aggiornato è già autorizzato per gli adulti, mentre il vaccino bivalente rivale della Pfizer è autorizzato come dose di richiamo per i bambini di età superiore ai 12 anni”.

Segui i dati e pensa da solo

Considerando quanto la FDA e il CDC siano stati finora sconsiderati, non c'è dubbio che autorizzeranno questi booster riformulati per i bambini, anche se sono stati testati solo per i livelli di anticorpi nei topi. Nel frattempo, nel mondo reale, le ferite e le morti continuano ad accumularsi.

Se ci fosse stata sanità mentale e umanità tra le mura delle nostre agenzie sanitarie, questi colpi sarebbero stati ritirati dal mercato senza indugio. Sfortunatamente, non sembra essere così, il che significa che siamo noi, il popolo, a dover porre fine alla carneficina educandoci a vicenda e dicendo semplicemente "NO" a questi e a tutti i futuri colpi di mRNA.

Referenze

Leggi la storia completa qui ...

Informazioni sull'editor

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

6 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Aldred

È difficile essere più dannosi “di” qualcosa che non esiste.

[…] Lo studio peer-reviewed rivela il "vaccino" dell'mRNA più dannoso del COVID […]

Daryl

I colpi di COVID sono un vero disastro, con feriti e morti che si accumulano giorno dopo giorno. Immagino che dipenda da che parte stai. Dal momento che questa è una guerra contro l'umanità, e lo SAPPIAMO, sembra che i vaccini abbiano un successo strepitoso. In effetti, sono i mind-boff di maggior successo MAI. Ho dichiarato guerra alla tecnocrazia il 18 dicembre 2015 perché era sempre più evidente che la mafia tecnocratica/transumanista aveva dichiarato guerra all'umanità. Ti ci è voluto fino alla SECONDA amministrazione Obama per capirlo? 9/11... hanno trovato il passaporto di uno dei... Per saperne di più »

[…] Lo studio peer-reviewed rivela il "vaccino" dell'mRNA più dannoso del COVID […]

[…] The Times of India 34 PocketsIl cardiologo indiano britannico collega la morte improvvisa del padre al vaccino Pfizer...https://timesofindia.indiatimes.com/life-style/health-fitness/health-news/british-indian-cardiologist-links-fathers-sudden-death-to-pfizer-vaccination-calls-vaccine-misinformation-the-greatest-miscarriage-of-medical-science/photostory/94503865.cmsA la perdita personale e la tragedia hanno portato il dottor Aseem Malhotra a esaminare le prove sui vaccini COVID, in particolare i vaccini mRNA. Nel suo recente documento di ricerca, il dottor Malhotra, un cardiologo formato dal Servizio sanitario nazionale (NHS), ha "valutato criticamente" i veri benefici e i potenziali danni dei vaccini contro la malattia da coronavirus (COVID) dell'acido ribonucleico messaggero (mRNA). Technocracy News 4 Pockets Studio peer-reviewed rivela il "vaccino" mRNA più dannoso di ... […]