Uno studio importante ha scoperto che le maschere sono inefficaci

FOTO: "Maschera facciale chirurgica" di NurseTogether è concesso in licenza con CC BY-SA 4.0. https://www.nursetogether.com/. https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0/
Per favore, condividi questa storia!
image_pdfimage_print
I blocchi e i mandati delle maschere sono tattiche di ingegneria sociale per preparare i cittadini al grande ripristino. Agli occhi dei tecnocrati, devi obbedire alla loro pseudo-scienza. La diffusione di COVID-19 è attribuita agli esseri umani che rifiutano di obbedire, e quindi tutti devono essere ulteriormente puniti. ⁃ TN Editor

Il primo studio controllato randomizzato1,2 per valutare l'efficacia delle maschere chirurgiche contro l'infezione da SARS-CoV-2 in modo specifico - che le riviste inizialmente si rifiutavano di pubblicare - sta finalmente vedendo la luce.

Il cosiddetto "Danmask-19 Trial", pubblicato il 18 novembre 2020 negli Annals of Internal Medicine,3 inclusi 3,030 individui assegnati a indossare una maschera chirurgica e 2,994 controlli non mascherati. Di loro, l'80.7% ha completato lo studio.

Per qualificarsi, i partecipanti dovevano trascorrere almeno tre ore al giorno fuori casa e non essere tenuti a indossare una maschera durante il loro lavoro quotidiano. Alla fine dello studio, i partecipanti hanno riferito di aver trascorso una media di 4.5 ore al giorno fuori casa.

Per un mese, i partecipanti al gruppo maschera sono stati istruiti a indossare una maschera ogni volta che erano fuori casa. Sono state fornite maschere chirurgiche per il viso con una velocità di filtrazione del 98%. In conformità con le raccomandazioni dell'Organizzazione mondiale della sanità, i partecipanti sono stati incaricati di cambiare la maschera dopo otto ore.

Il test degli anticorpi è stato eseguito prima dell'inizio e alla fine del periodo di studio. Alla fine del mese, hanno anche presentato un campione di tampone nasale per il test PCR.

Cosa ha trovato lo studio Danmask-19

L'outcome primario era un test PCR positivo, un risultato positivo del test anticorpale (IgM o IgG) durante il periodo di studio o una diagnosi ospedaliera di COVID-19. Gli endpoint secondari includevano prove PCR di infezione con altri virus respiratori.

Sulla base dei punteggi di aderenza riportati, il 46% dei partecipanti indossava sempre la maschera come raccomandato, il 47% prevalentemente come raccomandato e il 7% non ha seguito le raccomandazioni. Allora, cosa hanno trovato? Come ci si potrebbe aspettare, c'è una ragione per cui i ricercatori hanno avuto così difficoltà a pubblicare questo studio:

  • Tra i portatori di maschere, l'1.8% (42 partecipanti) è risultato positivo per SARS-CoV-2, rispetto al 2.1% (53) tra i controlli. Quando hanno rimosso le persone che hanno riferito di non aderire alle raccomandazioni per l'uso, i risultati sono rimasti gli stessi - 1.8% (40 persone), il che suggerisce che l'adesione non fa alcuna differenza significativa.
  • L'1.4% (33 partecipanti) è risultato positivo agli anticorpi rispetto all'1.8% (44) dei controlli.
  • Tra coloro che hanno riferito di indossare la maschera facciale "esattamente come indicato", il 2% (22 partecipanti) è risultato positivo per SARS-CoV-2 rispetto al 2.1% (53) dei controlli.
  • 52 partecipanti nel gruppo maschera e 39 nel gruppo di controllo hanno segnalato COVID-19 nella loro famiglia. Di questi, due partecipanti al gruppo maschera e uno al gruppo di controllo hanno sviluppato un'infezione da SARS-CoV-2, una scoperta che suggerisce che "la fonte della maggior parte delle infezioni osservate era fuori casa".
  • Lo 0.5% (nove partecipanti) nel gruppo maschera e lo 0.6% (11 individui) sono risultati positivi per uno o più virus respiratori diversi da SARS-CoV-2 (esito secondario).

Le maschere possono ridurre o aumentare il rischio di infezione

Tutto sommato, questo importante studio specifico per COVID-19 non è riuscito a fornire buone notizie a coloro che insistono sul fatto che le maschere facciali sono una componente cruciale della risposta alla pandemia. Le maschere possono ridurre il rischio di infezione da SARS-CoV-2 fino al 46% o aumentare il rischio del 23%. In altre parole, la preponderanza delle prove mostra ancora che le maschere non hanno praticamente alcun impatto sulla trasmissione virale.

Un altro punto da portare a casa che ottieni da questo studio, che Del Bigtree sottolinea nel report video di The Highwire sopra, è che la stragrande maggioranza - il 97.9% di coloro che non indossavano maschere e il 98.2% di quelli che lo facevano - sono rimasti senza infezione.

Quindi, stiamo distruggendo economie e vite in tutto il mondo, per cosa, esattamente? Per proteggere una piccola minoranza dall'ottenere un risultato positivo del test PCR che, come dettagliato in "La "casedemia" asintomatica è una perpetuazione della paura inutile, "Significa poco o niente. Come riportato dagli autori:4

“Sebbene non sia stata osservata alcuna differenza statisticamente significativa nell'incidenza di SARS-CoV-2, gli IC al 95% sono compatibili con una possibile riduzione del 46% fino al 23% di aumento dell'infezione tra i portatori di maschere.

Questi risultati offrono prove sul grado di protezione che chi indossa la maschera può prevedere in un ambiente in cui altri non indossano maschere e dove sono in vigore altre misure di salute pubblica, incluso l'allontanamento sociale ...

La trasmissione di SARS-CoV-2 può avvenire attraverso più percorsi. È stato affermato che per la via principale della diffusione della SARS-CoV-2, cioè attraverso le goccioline, le maschere facciali sarebbero considerate efficaci, mentre le maschere non sarebbero efficaci contro la diffusione tramite aerosol, che potrebbero penetrare o circumnavigare una maschera facciale. Pertanto, la diffusione di SARS-CoV-2 tramite aerosol spiegherebbe almeno in parte i presenti risultati ...

I presenti risultati sono compatibili con i risultati di una revisione di studi randomizzati controllati sull'efficacia delle maschere facciali per la prevenzione (come equipaggiamento protettivo personale) contro il virus dell'influenza ...

I nostri risultati suggeriscono che la raccomandazione di indossare una mascherina chirurgica quando fuori casa, tra gli altri, non ha ridotto, a livelli convenzionali di significatività statistica, l'incidenza dell'infezione da SARS-CoV-2 nei portatori di maschere in un contesto in cui l'allontanamento sociale e altra salute pubblica le misure erano in vigore, le raccomandazioni sulle maschere non erano tra quelle misure e l'uso comunitario delle maschere era raro. "

I tiranni del governo raddoppiano i mandati delle maschere

I ricercatori sottolineano che i risultati potrebbero potenzialmente risultare diversi se tutti indossassero una maschera. Al momento dello studio, le autorità danesi non consigliavano l'uso di maschere universali e la maggior parte dei danesi non le indossava. Quindi "l'esposizione dei partecipanti era in modo schiacciante a persone che non indossavano maschere".

Questa possibilità, tuttavia, è un grande "se" e non è sufficiente per imporre l'uso di maschere universali. Qualsiasi affermazione in tal senso non è altro che un'ipotesi del tutto non scientifica. Nonostante ciò, molti leader locali stanno ora raddoppiando i mandati delle maschere, alcuni addirittura richiedono che vengano indossati all'interno della propria casa quando è presente qualcuno al di fuori della famiglia e anche se è possibile mantenere le distanze fisiche.5

Come esempio di estremi, un documento dell'Università di Harvard del giugno 20206,7 anche le coppie suggerite dovrebbero indossare maschere per il viso durante il sesso. Altri stanno triplicando le maschere, raccomandando di indossarne due o anche tre contemporaneamente.8 L'ex commissario della Food and Drug Administration Dr. Scott Gottlieb sta esortando gli americani a indossare maschere chirurgiche N95 ogni volta che è possibile.9

Epidemia di leadership senza spine

Manca completamente dalla maggior parte delle raccomandazioni è la guida alla salute del buon senso nota per migliorare la tua funzione immunitaria e ridurre il rischio di infezione in modo naturale, come ad esempio integrando con vitamina DNACmelatoninaLa quercetina con zinco.

Come notato da Angela Rasmussen, virologa e affiliata del Georgetown Center for Global Health Science and Security, in un editoriale del 15 novembre 2020 su The Guardian,10 il nostro sistema immunitario sa come gestire il virus; sono i nostri politici che non sono riusciti a farcela. Lei scrive:11

“La maggior parte delle prove in entrambi i pazienti COVID-19 e modelli animali mostra che la risposta immunitaria a questo è abbastanza tipica per un'infezione virale acuta. Inizialmente, il corpo aumenta i livelli elevati di anticorpi IgG, ma dopo che l'infezione è stata eliminata, questi anticorpi scendono a un livello basale, che può essere inferiore al limite di rilevamento di alcuni test sierologici.

Gli anticorpi sono prodotti dalle cellule B, un tipo specializzato di cellula immunitaria che riconosce uno specifico antigene o bersaglio virale. Quando un'infezione viene eliminata, le cellule B che producono anticorpi si convertono da plasmacellule, specializzate nel pompare enormi quantità di anticorpi specifici per SARS-CoV-2, a cellule B di memoria.

Queste cellule producono livelli inferiori di anticorpi IgG; ma, soprattutto, persistono nel corpo per anni. Se vengono riesposti a SARS-CoV-2, si convertono rapidamente in plasmacellule e iniziano nuovamente a produrre alti livelli di anticorpi.

Non vi è alcuna indicazione che la maggior parte dei pazienti con COVID-19 non stia sviluppando la memoria immunitaria e gli animali infettati sperimentalmente con SARS-CoV-2 sono protetti contro il rechallenge con alte dosi di virus ...

Inoltre, gli anticorpi non sono l'unica parte importante del sistema immunitario. I linfociti T sono anche un componente chiave per la risposta immunitaria. Sono disponibili in due gusti: cellule T helper, che coordinano le risposte immunitarie e facilitano la memoria immunologica, e cellule T killer, che uccidono le cellule infette. Studi precedenti hanno dimostrato che l'infezione da SARS-CoV-2 induce risposte robuste delle cellule T ".

Come notato da Rasmussen, i dati raccolti sulle risposte dei linfociti T all'infezione da SARS-CoV-2 "sottolineano che SARS-CoV-2 non è un virus anomalo capace di prodezze miracolose di evasione immunitaria".

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
5 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Alfred

Nel mondo a venire, solo gli esperti (esperti designati ufficialmente) possono avere opinioni. Le masse non lavate possono solo inchinarsi e obbedire, e non sono autorizzate a commentare o confutare i loro padroni.

Daniel

Che ne dici di eseguire test su campioni di sangue conservati prelevati prima della pandemia?

trackback

[…] Studio punto di riferimento rileva che le maschere sono inefficaci […]

Dick Motta

La maschera obbligatoria del governatore Bullock che indossa la direttiva, 11/1720, in tutto il Montana dovrebbe essere dichiarata nulla. Il governo non è la soluzione ai problemi medici. Stand Up America!

[…] 50 - Indossare la maschera è visto da molti esperti e test non solo come inutile (se non come simbolo della nostra sottomissione), ma pericoloso. Lo studio di riferimento rileva che le maschere sono inefficaci https://www.technocracy.news/landmark-study-finds-masks-are-ineffective/ […]