Reimpostazione del WEF: una pandemia potrebbe introdurre la copertura sanitaria universale

Per favore, condividi questa storia!
La medicina basata sui dati o "basata sull'evidenza" è un concetto puramente tecnocratico al centro dei principi di gestione della mandria. Il WEF vede la telemedicina e l'intelligenza artificiale come l'ultimo erogatore di servizi sanitari per una popolazione ignara in cui le relazioni personali medico-paziente non saranno consentite. ⁃ TN Editor

La pandemia della malattia da coronavirus (COVID-19) che è iniziata come un'epidemia in un paese e ha viaggiato molto rapidamente in tutto il mondo, rappresenta un valido motivo per gli investimenti nella salute pubblica globale e ha resuscitato il dibattito sulla copertura sanitaria universaleUHC).

Si stima 400 milioni di persone in tutto il mondo non hanno accesso ai servizi sanitari di base. Ogni anno, quasi 100 milioni di persone sono spinte in condizioni di estrema povertà perché devono coprire le proprie spese sanitarie. Questi numeri sono aumentati con COVID-19 e continueranno ad aumentare man mano che le persone perdono il lavoro, l'assicurazione sanitaria e le spese sanitarie aumentano a causa della spesa correlata al COVID-19 per test, trattamenti e vaccini.

Il passaggio a un'assistenza sanitaria basata sul valore (VBHC) è fondamentale per raggiungere gli obiettivi UHC di assistenza sanitaria di qualità, protezione finanziaria e accesso equo all'assistenza sanitaria. Questi sistemi sono già tesi, pieni di malattie croniche e morbilità complesse che sono state ulteriormente esacerbate da COVID-19.

È fondamentale ottimizzare l'efficienza dei sistemi sanitari e fornire un'assistenza incentrata sul paziente in cui l'attenzione è rivolta ai risultati di salute che contano veramente per il paziente e la società. Per raggiungere questo obiettivo, ecco i tre modi in cui VBHC può abilitare l'UHC in un mondo di recupero post-pandemia.

1. Gli approcci basati sui dati ottimizzano l'erogazione delle cure

Durante lo sforzo globale per mitigare la diffusione di COVID-19, molti servizi tradizionali si sono rapidamente orientati verso cure innovative ad accesso remoto. L'inerzia intrinseca nei sistemi sanitari legacy è stata rapidamente sostituita dall'urgente necessità di facilitare la fornitura di assistenza sanitaria a distanza, che ha creato un boom della salute digitale.

Il valore della salute digitale nell'avanzamento dell'agenda UHC è stato sempre più convalidato dal supporto del Organizzazione Mondiale della Sanità che ha concordato a mandato per la salute digitale come strumento per far progredire l'UHC.

In particolare, la telemedicina ha consentito maggiori livelli di coinvolgimento medico-paziente indipendentemente dalla posizione, aumentando così in modo significativo la portata geografica del personale sanitario. Altre capacità della salute digitale includono strumenti di e-learning e mobile-learning che possono guidare comportamenti di prevenzione e ricerca della salute maggiori coerenti con l'UHC.

Il valore dei dati acquisiti da questi elementi dà maggiore chiarezza al "divario digitale", evidenziando come le popolazioni meno servite non abbiano gli strumenti per impegnarsi in comportamenti di ricerca della salute appropriati. Ciò consente approcci mirati alla fornitura di cure per i pazienti che vivono nei deserti digitali, consentendo loro di accedere alle cure attraverso modelli alternativi come le cliniche mobili.

Questo approccio basato sui dati per ottimizzare l'erogazione delle cure è coerente con VBHC poiché si concentra sul miglioramento dei risultati. Il direttore generale dell'OMS, il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, afferma che: "sfruttare la potenza delle tecnologie digitali è essenziale per ottenere una copertura sanitaria universale".

COVID-19 ha accelerato questa transizione digitale e dobbiamo sfruttare la potenza dei dati per identificare i punti critici e i punti ciechi nei nostri modelli di assistenza sanitaria ed espandere la copertura a più della popolazione mondiale.

2. Un migliore accesso all'assistenza sanitaria e migliori risultati migliorano la salute della popolazione

Nonostante molti paesi forniscano nominalmente UHC e migliorino l'accesso, ci sono ancora molti problemi legati alla qualità dell'assistenza e opportunità mancate per migliorare i risultati. Per massimizzare gli sforzi che migliorano la copertura sanitaria, dobbiamo andare oltre l'accesso e i pacchetti di benefici per porre l'accento sulla qualità dell'assistenza e sui risultati di salute, un pilastro fondamentale del VBHC.

La salute digitale e l'assistenza basata sui dati sono sempre più riconosciute come fattori trainanti dell'UHC e dobbiamo garantire che questi strumenti implichino la raccolta e l'analisi sistematica di dati completi sugli esiti sanitari. Monitorando meticolosamente i risultati di salute per gruppi opportunamente segmentati, possiamo misurare l'impatto degli interventi sanitari indipendentemente dall'accesso.

Questi modelli sono stati adottati da diversi paesi e si prevede che il passaggio sismico alla salute digitale all'indomani del COVID-19 aumenterà l'adozione di processi decisionali basati sul valore. Il Ruanda è spesso pubblicizzato come un paese in via di sviluppo con un sistema sanitario degno di nota, che include un uso significativo di cartelle cliniche computerizzate e risultati sanitari relativamente alti.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
5 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Sapere Audete

La legge marziale medica è solo una piccola parte della tirannia.

Rodney

Mi prenderò cura della mia salute grazie, puoi mantenere le tue idee robotiche anti-umane AI ..

Alfred

Salute universale = Controllo universale

Conigliera

Quindi vogliono una gestione della malattia universale, non curano nessuno ...