La conferenza delle Nazioni Unite adotta un piano d'azione per l'educazione globale per "mobilitare la società civile"

Cerimonia di chiusura della Conferenza del Dipartimento di informazione pubblica / Organizzazione non governativa delle Nazioni Unite, Gyeongju, Repubblica di Corea.
Per favore, condividi questa storia!

Nota TN: quando le Nazioni Unite affermano di essere "impegnate a continuare sostenere e collaborare con le ONG e il mondo accademico nei nostri sforzi congiunti per sostenere e attuare con successo l'Agenda 2030 ", si tratta di ONG come la Bill & Melinda Gates Foundation che ha sponsorizzato e finanziato Common Core State Standards negli Stati Uniti. Le Nazioni Unite stanno arrivando per i nostri bambini, e loro non sono scoraggiati da nulla. I genitori americani dovrebbero insorgere in totale ribellione contro questo palese tentativo di fare il lavaggio del cervello ai loro figli. Guarda la foto per vedere la loro gioiosa celebrazione alla cerimonia di chiusura.

Oggi a Gyeongju, nella Repubblica di Corea, è stata adottata un'agenda d'azione per l'educazione globale che afferma l'importanza dell'obiettivo di sviluppo sostenibile 4 - garantire un'istruzione di qualità inclusiva ed equa e promuovere opportunità per tutta la vita per tutti -.

Parlando dal podio all'66th Nazioni Unite Conferenza del Dipartimento di informazione pubblica (DPI) / Organizzazione non governativa (ONG), La signora Cristina Gallach, sottosegretario generale delle Nazioni Unite per le comunicazioni e l'informazione pubblica, ha dichiarato: "Questa conferenza ha dimostrato un altro esempio del valore per le Nazioni Unite di investire in partenariato con il mondo accademico e le ONG".

Lo Piano d'azione Gyeongju fornisce una guida concreta alle ONG di tutto il mondo per migliorare la loro capacità di esercitare pressioni sui governi affinché si impegnino ad attuare il SostenibileSviluppo Sostenibile Obiettivi e mobilitare le ONG nelle comunità sul campo.

"Le Nazioni Unite sono impegnate a continuare a sostenere e collaborare con le ONG e il mondo accademico nei nostri sforzi congiunti per sostenere e attuare con successo l'Agenda 2030", ha continuato Gallach.

Il piano d'azione recentemente adottato include una serie di misure concrete per le ONG di tutto il mondo per avviare rapidamente l'attuazione dell'agenda 2030 a livello di base.

Il dott. Scott Carlin, copresidente della conferenza e professore associato di geografia alla Long Island University, ha dichiarato: “Le ONG di tutto il mondo hanno portato passione e competenza nelle vivaci consultazioni finali sul documento finale. Siamo grati per tutti gli input ricevuti e molto orgogliosi del piano d'azione Gyeongju. ”

"Speriamo che Gyeongju sia stato uno scenario ispiratore per la messa a punto di un vero piano di unificazione che sarà utile per le ONG, ovunque lavorino", ha aggiunto il copresidente Dr. Yukang Choi.

Per la prima volta nella storia della Conferenza DPI / ONG, i giovani hanno anche sviluppato ed emesso una Dichiarazione per i giovani.

La signora Gallach ha sottolineato che i giovani "sono venuti in gran numero, dimostrando il valore che vedono nella collaborazione con le Nazioni Unite".

Ahmad Alhendawi, inviato del Segretario generale per i giovani, ha osservato che "la Conferenza non solo ha rafforzato il ruolo critico delle ONG per realizzare una visione per l'Agenda 2030, ma ha anche sottolineato l'urgenza di maggiori investimenti nell'educazione per la cittadinanza globale per sbloccare il potenziale di questa enorme generazione di bambini e giovani. "

"Purtroppo i giovani non sono ancora abbastanza coinvolti nei processi di elaborazione delle politiche in tutto il mondo", ha detto la signora Saphira Rameshfar, rappresentante della comunità baha'i e leader dei giovani della Conferenza.

"La Dichiarazione dei giovani è un promemoria necessario che i giovani sono necessari come leader e decisori non solo nei forum dei giovani e nei consigli per scopi speciali, ma in quegli spazi in cui sono determinati il ​​corso e la direzione della società nel suo insieme", ha aggiunto Rameshfar.

Il piano d'azione è stato redatto attraverso un processo di consultazione globale multi-stakeholder, che ha preceduto e durante la conferenza. È stato adottato nella sessione plenaria finale della Conferenza e sarà ampiamente condiviso con la società civile, il Segretario generale delle Nazioni Unite, il Sistema delle Nazioni Unite, gli Stati membri e le comunità di apprendimento.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti