Propaganda delle Nazioni Unite: finiranno mai l'allarmismo e il finto panico?

Per favore, condividi questa storia!
Ricordando che la propaganda ha lo scopo di ingannare, possiamo vedere che le Nazioni Unite promuovono solo lo sviluppo sostenibile, ovvero la tecnocrazia. Il riscaldamento globale non è nelle mani dell'umanità per causare o cambiare, eppure è dichiarato essere un'emergenza planetaria di proporzioni esistenziali. ⁃ Editore TN

Discorso principale EVP Timmermans per il vertice mondiale sullo sviluppo sostenibile

Grazie per avermi invitato a parlarvi oggi del multilateralismo e del nostro cammino verso la COP27 a Sharm el-Sheikh.

Alla fine di quest'anno, il mondo si riunirà di nuovo in risposta a una crisi che minaccia la nostra stessa esistenza. La crisi climatica sta già devastando tutti i nostri paesi.

Possiamo affrontarlo, ma solo se lavoriamo tutti insieme in stretta collaborazione. Perché un'emergenza planetaria ha bisogno di una risposta globale.

Solo pochi mesi fa, tutte le nazioni hanno concordato di mantenere l'aumento della temperatura a 1.5 gradi e abbiamo concluso le regole che ci consentono di attuare l'accordo di Parigi. Per molti versi, la COP26 è stato il momento in cui il mondo ha iniziato a passare dall'ambizione all'azione.

Ci siamo arrivati ​​grazie al multilateralismo, grazie all'impegno ostinato di quasi 200 paesi che hanno lavorato duramente per trovare un accordo. E l'abbiamo trovato.

Siamo arrivati ​​a un'agenda che mi ha dato speranza. Spero di poter dire ai miei figli, a mio nipote e presto a mia nipote: "lo stiamo facendo, per te, e possiamo davvero realizzarlo".

Penso che Glasgow abbia anche dimostrato che il sistema multilaterale funziona. Che questo sia il modo per costruire partenariati più forti, più diversificati e più inclusivi. Il modo per fornire una risposta comune alle sfide di oggi ea quelle di domani.

Ora, questo non vuol dire che il sistema multilaterale funzioni in modo impeccabile. Sappiamo tutti che ci sono aree in cui il sistema non è o non è più "adatto allo scopo".

Per questo l'Unione Europea continua a sostenere gli sforzi di riforma. Promuoveremo la modernizzazione dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e dell'Organizzazione Mondiale del Commercio e di altre istituzioni chiave. Spingeremo anche per lo sviluppo di nuove norme globali e piattaforme di cooperazione in materia di tassazione, economia circolare e intelligenza artificiale.

Ripensando alla COP26, penso che sia stato un chiaro successo per la comunità globale. Abbiamo deciso di porre fine alle sovvenzioni al carbone e ai combustibili fossili, abbiamo messo in atto regole chiare per la rendicontazione trasparente delle emissioni e dei mercati del carbonio. e ci siamo impegnati ad aumentare il nostro lavoro sull'adattamento e sul finanziamento dell'adattamento.

Le nazioni sviluppate non sono riuscite a mobilitare i 100 miliardi di dollari di finanziamenti per il clima impegnati. Siamo comunque sulla buona strada per raggiungere questo obiettivo entro il prossimo anno e voglio lavorare per raggiungerlo effettivamente quest'anno. L'UE è stata un donatore coerente e continueremo a parlare con altri donatori per raggiungere questa cifra il prima possibile.

Infine, e forse la cosa più importante, la COP26 ci ha dato la possibilità di mantenere il riscaldamento globale ben al di sotto dei 2°C. E, se tutti gli impegni saranno pienamente attuati, il percorso potrebbe addirittura portarci a 1.8°C.

Ma 1.8°C non è 1.5°C. C'è ancora molto lavoro da fare per mantenere l'impegno preso a Glasgow: dobbiamo puntare più in alto. Quindi, il nostro compito è continuare a lavorare insieme per attuare politiche interne concrete e garantire che ogni parte presenti un NDC che sia in linea con l'obiettivo di 1.5°C.

Penso che per molti versi anche l'India sia stata un attore chiave alla COP26. L'annuncio del premier Modi di un obiettivo zero netto per il 2070 è stato molto positivo e molto gradito. Questo obiettivo aiuterà a guidare la transizione verde dell'India e, nel contesto della COP26, è stato questo annuncio che ha contribuito a raggiungere gli obiettivi di temperatura dell'accordo di Parigi.

L'India ha sempre seguito il discorso e pertanto attendiamo con impazienza ulteriori piani per la tua transizione verde. La presentazione di un contributo determinato a livello nazionale aggiornato e di una strategia a lungo termine consentirebbe all'India di assumere un ruolo guida nella consegna dell'accordo di Glasgow e rendere il vostro paese un esempio globale. In diverse aree, l'India è già presente. L'impegno a installare 500 GW di energia rinnovabile entro il 2030 è un ottimo esempio della leadership globale dell'India.

L'Unione europea e l'India stanno già lavorando insieme per la transizione verde e siamo ansiosi di continuare ed espandere tale lavoro. L'International Solar Alliance e la Coalition for Disaster Resilient Infrastructure sono due eccellenti esempi della nostra cooperazione finora.

Nei prossimi mesi, spero anche di continuare la discussione iniziata alla COP26 sull'eliminazione graduale del carbone e sulla garanzia di una transizione giusta. Allo stesso modo, non vediamo l'ora di ampliare la nostra cooperazione sull'idrogeno verde, anche organizzando un primo forum UE-India sull'idrogeno.

All'interno dell'UE, nel 2022, l'azione ambiziosa per il clima continuerà a essere in cima alla nostra agenda politica. Attualmente stiamo lavorando con i nostri Stati membri e il Parlamento europeo per negoziare la nuova legislazione per ridurre le emissioni di almeno il 55% entro il 2030 rispetto al 1990. In questa lotta globale, l'UE si impegna a fare la nostra parte e a casa quello che abbiamo concordato a Parigi e Glasgow.

In vista della COP27, l'UE continuerà ad entrare in contatto sia bilateralmente sia attraverso il G7, il G20, il MOCA e la High Ambition Coalition. Viaggerò di nuovo e ascolterò le preoccupazioni, le sfide dei nostri partner e discuterò le opportunità per una transizione giusta. Quanto meglio conosciamo e comprendiamo le reciproche circostanze, migliore sarà la nostra risposta e più facile sarà garantire i giusti flussi di sostegno, che si tratti di finanziamenti per il clima, tecnologia o know-how.

Prima di concludere, permettetemi di affrontare brevemente un altro COP che si svolgerà anche quest'anno. Perché c'è un'altra crisi per la quale il mondo si riunirà per trovare una risposta comune. Questa è la crisi della biodiversità.

La crisi della biodiversità e la crisi climatica sono strettamente interconnesse e l'umanità sta lentamente ma inesorabilmente cogliendo l'entità di queste crisi. La buona notizia è che le nostre risposte alla crisi climatica, sia in termini di mitigazione che di adattamento, possono anche aiutare a ripristinare la biodiversità.

Quando proteggiamo e ripristiniamo zone umide, torbiere, ecosistemi costieri e marini, quando sviluppiamo spazi verdi urbani e installiamo tetti verdi, quando gestiamo foreste e terreni agricoli in modo sostenibile, ci adattiamo ai cambiamenti climatici ma garantiamo anche acqua pulita e suoli sani , e spazio per far fiorire la natura.

Ecco perché l'accordo di Glasgow sul clima sottolinea anche l'importanza di soluzioni basate sulla natura.

Durante la COP15, l'Unione Europea spingerà per proteggere il 30% di tutta la terra e il 30% di tutto il mare entro il 2030. La natura è il nostro più grande alleato nella lotta alla crisi climatica e invece di farle pagare il prezzo del nostro inquinamento, noi bisogno di proteggere la natura in modo che possa proteggerci.

Concludo qui e grazie mille per l'attenzione. Ricordiamoci tutti che la lotta alle crisi del clima e della biodiversità è una lotta per il nostro futuro comune. In questa lotta, l'UE e l'India saranno partner stretti, ne sono certo. Quindi continuiamo il nostro lavoro, e continuiamo a ricordare perché lo facciamo: affinché i nostri figli e nipoti possano ancora vivere una vita felice e sana su questo pianeta che condividiamo.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

6 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
James Covey

2022-02-24 Tony Heller – Odio digitale, negazione climatica e ritardo La Casa Bianca sta mentendo sulle prove a favore del cambiamento climatico. Stanno mentendo sulla loro capacità di controllare la CO2 atmosferica. E mentono anche su come sarebbe il clima se potessero controllare la CO2. https://newtube.app/TonyHeller/D6D1PTX (9 minuti di video)

elle

Qualunque! Il problema non è il clima. SIETE.

Smedley Butler

Radere i bambini! Questo è un culto del lavoro pazzo. $ 100 MILIARDI ora o lo faremo di 0.2 gradi più caldo per te... ahah... zero netto entro il 2070??? NON comprare MAI quello che stanno vendendo.

sto solo dicendo

Il panico finto non si fermerà mai! La paura alimenta le masse e la gente la ama così tanto. …”Ma quelli che sperano nel Signore rinnoveranno la loro forza; si alzeranno con le ali come aquile; correranno e non si stancheranno; ed essi cammineranno, e non sfiniranno. Isaia 40:31

crema pakistana

Buon articolo. È impressionante che tu abbia lavorato con il ritardo Antony C. Sutton. In quel contesto, significherebbe che Vladimir Putin è un falso nemico degli Stati Uniti.

[…] Propaganda delle Nazioni Unite: finiranno mai l'allarmismo e il finto panico? […]