Il capo delle Nazioni Unite lancia il primo rapporto per tenere traccia degli obiettivi di sviluppo sostenibile

SE il sig. Ban Ki-moon, segretario generale delle Nazioni Unite, si rivolge alla camera. Segmento ministeriale del Forum politico di alto livello sugli obiettivi degli obiettivi di sviluppo sostenibile in 2016: garantire che nessuno rimanga indietro. (Foto ONU / Manuale Elias)
Per favore, condividi questa storia!

La tecnocrazia richiede un monitoraggio al fine di controllare e, come in qualsiasi buon progetto, i progressi devono essere chiaramente rappresentati a tutti coloro che sanno come funzionano i tecnocrati elaborati. Le Nazioni Unite non fanno eccezione, poiché lo sviluppo sostenibile non è altro che riscaldato dalla tecnocrazia degli 1930.  Editor TN

Lancio della prima relazione sugli obiettivi di sviluppo sostenibile sulla nuova agenda per lo sviluppo globale adottata lo scorso anno, Segretario generale Ban Ki-moon oggi ha affermato che l'impresa 15 è "iniziata bene", ma richiederà a tutte le parti della famiglia delle Nazioni Unite e ai suoi partner di lavorare insieme.

"Abbiamo intrapreso un viaggio monumentale e storico", ha detto il Segretario generale al Forum politico di alto livello delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile (HLPF), che ha aperto 11 luglio e termina 20 luglio, presso la sede delle Nazioni Unite a New York.

"Dobbiamo imparare tutti, nei governi nazionali, nelle autorità locali, nelle imprese e nella società civile, e anche alle Nazioni Unite, a pensare diversamente", ha affermato, sottolineando anche la necessità di abbattere i silos, non solo tra l'economia, aspetti sociali e ambientali dello sviluppo, ma anche tra istituzioni governative, tra diversi livelli di governo e tra settore pubblico e privato.

Il Forum è la piattaforma centrale delle Nazioni Unite per il seguito e la revisione del 2030 Agenda per lo Sviluppo Sostenibile e Sviluppo Sostenibile Obiettivi (SDGs), adottato lo scorso settembre dagli Stati membri di 193.

Con il suo intervento, Ban ha lanciato il primo rapporto SDG, che fungerà da punto di riferimento per il periodo di attuazione di 15 dell'Agenda di 2030.

"Fornisce una valutazione accurata della posizione del mondo rispetto agli obiettivi 17, utilizzando i dati attualmente disponibili per evidenziare le lacune e le sfide più significative", ha affermato.

"Siamo partiti bene", ha aggiunto, invitando la comunità internazionale a "impegnarsi a non riposare mai fino a quando non avremo raggiunto un mondo di pace, dignità e opportunità per tutti".

Gli ultimi dati mostrano che circa una persona su otto vive ancora in condizioni di estrema povertà e quasi 800 milioni di persone soffrono la fame, ha affermato il massimo funzionario delle Nazioni Unite. Le nascite di quasi un quarto dei bambini sotto 5 non sono state registrate e 1.1 miliardi di persone vivono senza elettricità e la scarsità d'acqua colpisce oltre 2 miliardi.

I dati sottolineano anche l'imperativo di un'azione mirata a sostegno delle persone più lontane, ha affermato, sottolineando l'importanza dei dati e degli indicatori su tutti i gruppi, in particolare quelli che spesso non vengono considerati.

"Gli SDG affrontano le sfide critiche del nostro tempo", ha detto, compresa un'azione immediata sui cambiamenti climatici.

Il capo delle Nazioni Unite ha dichiarato che organizzerà un evento su 21 a settembre per consentire ai paesi di depositare i loro strumenti di ratifica su Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, un accordo che è stato adottato nel dicembre dello scorso anno ed entrerà in vigore quando i paesi 55 ratificheranno e 55 per cento delle emissioni globali di gas serra.

Ad aprile, i paesi 178 hanno firmato l'accordo di Parigi presso la sede delle Nazioni Unite e finora i paesi 19 hanno ratificato. Ma questi paesi 19 rappresentavano meno del 1 per cento delle emissioni di gas serra.

Ban ha incoraggiato almeno i paesi 40 che si sono impegnati a ratificare questo Accordo di Parigi entro la fine di quest'anno, tra cui Stati Uniti, Cina, Australia, Indonesia, Messico e Argentina.

Ha osservato che una delle caratteristiche principali del forum di quest'anno sono le revisioni nazionali volontarie, un meccanismo che consente ai governi di presentare volontariamente ciò che loro e le loro società stanno facendo per attuare l'agenda 2030. Quest'anno, i paesi 22 condivideranno le loro esperienze.

"Garantire che i progressi nel raggiungimento degli OSS saranno notevolmente migliorati assicurando la condivisione delle lezioni e la replica delle migliori pratiche", ha spiegato, invitando gli Stati membri a intensificare gli sforzi di follow-up e revisione attraverso un processo partecipativo, con il pieno impegno del settore imprenditoriale e della società civile.

Thomas Gass, segretario generale aggiunto delle Nazioni Unite per il coordinamento delle politiche e degli affari inter-agenzia e Francesca Perucci, capo della sezione dei servizi statistici del Dipartimento per gli affari economici e sociali delle Nazioni Unite, informeranno i giornalisti sul rapporto domani mattina a New York.

Anche oggi, il signor Ban ha incontrato Erna Solberg, primo ministro norvegese. Hanno discusso questioni relative al Forum politico di alto livello sullo sviluppo sostenibile, nonché ai cambiamenti climatici e ai movimenti dirifugiati e migranti.

A margine del Forum politico di alto livello, Ban ha anche incontrato Lubomir Zaoralek, ministro degli Esteri della Repubblica ceca, al quale ha sottolineato l'importanza della proprietà nazionale dell'agenda 2030. I due leader hanno anche discusso della situazione di rifugiati e migranti, del conflitto in Siria, prevenendo l'estremismo violento e i cambiamenti climatici.

Leggi il comunicato stampa completo qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti