La guerra in Ucraina continua la crisi della catena di approvvigionamento dopo la pandemia

Per favore, condividi questa storia!
La distruzione della catena di approvvigionamento globale continua senza sosta. Questo è essenziale per ridurre in cenere l'economia globale prima di "ricostruire meglio" dopo il Grande Reset. Il nuovo ordine mondiale del WEF avrà una catena di approvvigionamento radicalmente ridisegnata e un sistema monetario ridisegnato; sarà tutto digitale e basato su blockchain. ⁃ Editore TN

sommario

La guerra in Ucraina ha innescato un'altra crisi della catena di approvvigionamento, proprio mentre le interruzioni legate alla pandemia avevano iniziato ad attenuarsi.

  • L'Europa dipende da Russia, Ucraina e Bielorussia per le sue importazioni di energia, ma anche per alcuni prodotti chimici, semi oleosi, ferro e acciaio, fertilizzanti, legno, palladio e nichel, tra gli altri.
  • Soprattutto la dipendenza energetica è una vulnerabilità, ora che la Russia chiede pagamenti in rubli per le sue esportazioni. È improbabile che l'Europa sia in grado di sostituire completamente il gas russo a breve termine, mentre la maggior parte del petrolio russo e dei combustibili fossili solidi potrebbero essere sostituiti.
  • Oltre ai beni energetici, l'interruzione della fornitura di ghisa e molti altri prodotti siderurgici, il nichel e il palladio avranno probabilmente l'impatto maggiore sull'industria dell'UE.
  • Le catene di approvvigionamento dell'UE potrebbero anche essere distorte a causa di interruzioni della produzione legate alla guerra nei paesi terzi. L'UE potrebbe affrontare sfide nell'importazione, ad esempio, di circuiti elettronici da paesi terzi, poiché questi richiedono input come nichel e gas neon provenienti dalla zona di guerra.
  • La Germania e l'Italia sono relativamente vulnerabili alla crisi a causa dei loro settori industriali relativamente grandi, della forte dipendenza dall'energia russa e, nel caso dell'Italia, della forte dipendenza dalla Russia e dall'Ucraina per alcune importazioni di ferro e acciaio e per il gas nel suo mix energetico totale

Riusciremo mai a riprendere fiato?

Proprio mentre i problemi della catena di approvvigionamento causati dalla pandemia stavano iniziando ad attenuarsi (Figura 1), si è presentata la prossima crisi. La guerra in Ucraina sta chiarendo che gran parte del mondo dipende da Russia, Ucraina e Bielorussia per i beni di prima necessità come cibo, energia e altri beni.

Il commercio con Russia, Bielorussia e Ucraina (denominata zona di guerra nel resto di questo articolo) si è quasi interrotto a causa di un'ampia gamma di sanzioni, auto-sanzioni (principalmente da parte di società occidentali) e produzione e trasporti fortemente interrotti in Ucraina. Sebbene la quota complessiva del commercio mondiale sia limitata per quei paesi, le interruzioni del commercio possono avere grandi implicazioni sia per aziende e settori specifici che per intere economie. Le interruzioni (sia effettive che temute) nelle importazioni dalla zona di guerra danneggeranno l'UE più di una minore esportazione nella zona di guerra. Non solo perché la zona di guerra rappresenta una quota maggiore delle importazioni dell'UE rispetto alle esportazioni (figura 2), ma soprattutto perché meno importazioni di materie prime e prodotti intermedi possono avere effetti a catena su molteplici processi di produzione nell'UE.

In Parte I di questa nota di ricerca analizzeremo la dipendenza diretta e indiretta dell'UE dai prodotti non alimentari e dalle merci importate dalla zona di guerra. Valuteremo quali sottosettori industriali dell'UE sono più vulnerabili alle interruzioni causate dalla guerra. In Seconda parte confrontiamo la vulnerabilità dei più grandi paesi dell'Eurozona.

La ripresa delle interruzioni della catena di approvvigionamento

Oltre a petrolio e gas, Russia, Bielorussia e Ucraina sono produttori di una serie di materie prime chiave che vengono utilizzate negli articoli di uso quotidiano o nella loro produzione, come ghisa, palladio e neon. Oltre alle materie prime, anche alcune industrie dipendono da questi paesi per i prodotti intermedi. Un esempio lampante è la dipendenza di diverse fabbriche automobilistiche tedesche da alcune parti di automobili prodotte in Ucraina. Questo ha già portato al chiusura di diverse fabbriche automobilistiche tedesche.

Possiamo suddividere gli effetti sulle catene di approvvigionamento in effetti di primo e secondo ordine. Gli effetti di primo ordine sono causati da una riduzione del commercio diretto tra la zona di guerra e l'Unione Europea. Esistono due tipi di effetti di secondo ordine. Il primo è un minore commercio tra la zona di guerra ei paesi terzi che si traduce in una minore fornitura di prodotti all'UE da quei paesi terzi. Il secondo è la minore produzione dell'UE di beni intermedi a causa dell'aumento dei prezzi dell'energia, o addirittura delle carenze, a causa della guerra e, di conseguenza, della minore produzione di beni a valle per i quali questi intermedi servono come input (Figura 3).

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

1 Commento
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Anne

Non basta che Klaus Schwab e il suo tipo desiderino che le persone muoiano di fame, siano senzatetto e vivano in povertà. Ci si aspetta che perdiamo la nostra umanità e salvezza diventando transumani e perdiamo anche la buona salute.