Il Parlamento britannico chiama Mark Zukerberg e Facebook "Digital Gangsters"

Il Parlamento del Regno Unito chiama i gangster digitali di Facebook
Per favore, condividi questa storia!
La cultura aziendale di Facebook creata dal suo fondatore Mark Zuckerberg, è paragonata ai "gangster digitali" che si considerano al di sopra della legge. Seguirà il regolamento. ⁃ TN Editor

Facebook ha deliberatamente violato il diritto alla privacy e alla concorrenza e dovrebbe essere urgentemente soggetto alle norme di legge, secondo un rapporto parlamentare devastante che denuncia la società e i suoi dirigenti come "gangster digitali".

 rapporto finale dell'inchiesta 18 della commissione selezionata su Digital, Culture, Media e Sport per la disinformazione e le notizie false ha accusato Facebook di aver intenzionalmente ostacolato la sua inchiesta e di non aver affrontato i tentativi della Russia di manipolare le elezioni.

"La democrazia è a rischio a causa del targeting malizioso e implacabile di cittadini con disinformazione e" pubblicità oscure "personalizzate da fonti non identificabili, fornite attraverso le principali piattaforme di social media che utilizziamo ogni giorno", ha avvertito il presidente del comitato, Damian Collins.

Il rapporto:

  • aCCUSA Mark Zuckerberg, Co-fondatore e amministratore delegato di Facebook, di disprezzo per il parlamento nel rifiutare tre richieste separate per lui di fornire prove, inviando invece dipendenti junior incapaci di rispondere alle domande della commissione.
  • Avverte che la legge elettorale britannica è inadatta allo scopo e vulnerabile alle interferenze di attori stranieri ostili, inclusi agenti del governo russo che tentano di screditare la democrazia.
  • Invita il governo britannico a stabilire un'indagine indipendente su "influenza straniera, disinformazione, finanziamenti, manipolazione degli elettori e condivisione dei dati" nel referendum sull'indipendenza scozzese 2014, il referendum UE 2016 e le elezioni generali 2017.

Il lavoro si è mosso rapidamente per approvare le conclusioni del comitato, con il vice leader del partito, Tom Watson, che ha annunciato: “Il lavoro è d'accordo con l'ultimo conclusio del comitato

n - l'era dell'autoregolamentazione per le aziende tecnologiche deve terminare immediatamente.

"Abbiamo bisogno di una nuova regolamentazione indipendente con un rigido regime di poteri e sanzioni per contenere i peggiori eccessi del capitalismo di sorveglianza e le forze che cercano di usare la tecnologia per sovvertire la nostra democrazia".

Il segretario alla cultura, Jeremy Wright, che incontrerà Zuckerberg questa settimana per discutere dei danni derivanti dai social media, sarà probabilmente messo sotto pressione per sollevare direttamente le preoccupazioni del comitato con l'amministratore delegato di Facebook.

Lanciato in 2017 mentre cresceva la preoccupazione per l'influenza di informazioni false e la sua capacità di diffondersi senza scrutinio sui social media, l'indagine è stata turbocharged nel marzo dell'anno successivo, con il Scandalo di raccolta dati di Cambridge Analytica.

L'Osservatore ha rivelato che la società aveva acquisito segretamente i dati raccolti da milioni di profili degli utenti di Facebook e stava vendendo i suoi approfondimenti ai clienti politici per consentire loro di manipolare in modo più efficace i potenziali elettori. La società ha da allora crollò in amministrazione.

Il comitato sostiene che Facebook ha rispettato i termini di un accordo colpito con i regolatori statunitensi in 2011 per limitare l'accesso degli sviluppatori ai dati degli utenti, lo scandalo non si sarebbe verificato. "Lo scandalo Cambridge Analytica è stato facilitato dalle politiche di Facebook", conclude.

Il rapporto sulla pagina 108 rende la lettura esasperante per il gigante dei social media, che è accusato di continuare a dare la priorità ai profitti degli azionisti rispetto ai diritti alla privacy degli utenti.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti