Uber, Lyft causano più congestione e inquinamento nelle città

UberWikimedia Commons, Dlu
Per favore, condividi questa storia!
Le società di ride sharing erano i figli prediletti delle politiche di sviluppo sostenibile e Smart City per "salvare il mondo", ma hanno fatto esattamente l'opposto: aumentare l'inquinamento e la congestione del traffico. ⁃ TN Editor

È un fatto semplice che il ridesharing aumenta la congestione del traffico, ma risolvere il problema è meno in bianco e nero. Parte della sfida sta nel fatto che i politici hanno legato le proprie mani quando si tratta di regolamentazione.

Uber e Lyft devono la loro grande popolarità alle funzionalità a misura di cliente come brevi tempi di attesa, tariffe basse e la comodità di chiamare un taxi e pagare con uno smartphone.

Ma con queste virtù derivano molteplici inconvenienti, che i funzionari statali e locali stanno lottando per affrontare.

Studi recenti hanno scoperto che quando Uber e Lyft entrano in un mercato, le loro flotte lo sono più inquinante delle auto in media, contribuire a più congestione del traffico in particolare nelle città centrali, minare i sistemi di trasporto pubblico e devastare l'industria locale dei taxi. Le ditte di grandine affermano che alcuni studi sono giunti a conclusioni opposte o che tali impatti sono compensati dai vantaggi che apportano ai mercati dei trasporti locali.

Eppure le autorità di regolamentazione del governo hanno avuto difficoltà a combattere questi problemi, in parte perché si sono legate le mani.

"Li abbiamo lasciati fare quello che vogliono", mi ha detto Paul Koretz, un consigliere di Los Angeles preoccupato per l'effetto delle aziende sui servizi di taxi.

La questione è particolarmente acuta in California, dove la Public Utilities Commission ha preso l'iniziativa nel 2013 di ritagliarsi un regime normativo separato per l'industria del ride-hailing, classificato come "società di reti di trasporto".

Ciò ha impedito le iniziative locali per pareggiare i regolamenti in materia di grandine con quelli dei taxi. I cabdriver sono generalmente soggetti a controlli di fondo e ispezioni dei veicoli più rigorosi rispetto ai conducenti che salutano in auto.

Ma il PUC ha avuto difficoltà a supervisionare la nuova industria, poiché il presidente della Commissione Michael Picker, che è entrato in carica dopo l'azione del PUC, ha successivamente riconosciuto, definendo il regolamento di ride-hail non "qualcosa che possiamo fare efficacemente. "

Diamo uno sguardo agli impatti chiave che devono affrontare i funzionari statali e locali quando Uber, Lyft e altri servizi simili entrano nei loro mercati.

Inizia con la congestione. Lo ha scoperto uno studio di Gregory D. Erhardt e colleghi dell'Università del Kentucky in collaborazione con la città di San Francisco la velocità media all'interno della città è diminuita a 22.2 miglia orarie nel 2016 da 25.6 mph nel 2010 e le "ore di ritardo del veicolo" sono aumentate del 63% in quel periodo.

Sebbene ci siano stati una miriade di contributori al cambiamento, compresa la crescita della popolazione e dell'occupazione, i ricercatori hanno dato la colpa principalmente all'ingresso delle ditte di equitazione. Il peggior aumento della congestione si è verificato nel distretto centrale degli affari, dove erano prevalenti Uber, Lyft e altri servizi.

La maggior parte dei viaggi su questi servizi "stanno aggiungendo nuove auto alla strada", hanno scoperto. La maggior parte dei conducenti di autisti, inoltre, viveva fuori San Francisco, quindi il loro tragitto per la città era un altro fattore.

Una tendenza simile si è manifestata a New York City, dove Uber, Lyft e altri servizi basati su app hanno aggiunto 50,000 veicoli alle strade, secondo uno studio del consulente per i trasporti Bruce Schaller.

L'arrivo di servizi di trasporto passeggeri in una città è generalmente accompagnato da un declino del trasporto di massa. Studi sulla cavalcata del trasporto pubblico nelle principali città pubblicato lo scorso anno dal team di Erhardt ha concluso che una volta che i servizi arrivano in un mercato, la corsa su rotaia diminuisce in media dell'1.3% e quella sugli autobus dell'1.7%.

L'effetto "aumenta ogni anno che passa", hanno scoperto i ricercatori, al punto che un'espansione anche significativa dei sistemi di transito non è sufficiente per invertire il declino; dopo otto anni, i sistemi di trasporto pubblico dovrebbero espandere il servizio del 25% solo per evitare che i passeggeri diminuiscano. “Le agenzie di transito stanno combattendo una battaglia in salita," scrissero.

Leggi la storia completa qui ...

Sottoscrivi
Notifica
ospite

0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti