Smart Oceans: torri cellulari sul fondo dell'oceano?

Per favore, condividi questa storia!
I tecnocrati inventano perché possono, non perché c'è un bisogno o una chiamata dimostrata a farlo. La comunicazione ad alta velocità come il 5G è penetrata nella terra e nello spazio, ma ora i tecnocrati si concentrano anche sugli oceani, per creare "Oceani intelligenti" e "Internet delle cose subacquee" (IoUT). ⁃ Editore TN

Nel 2018, a terra e nello spazio, i preparativi per implementare milioni di antenne venivano fatti e pubblicizzati pubblicamente per "5G", "Smart Cities" e "Internet of Things". Allo stesso tempo, e senza alcuna pubblicità, governi, laboratori di ricerca e interessi commerciali e militari stavano collaborando ai piani per creare "Smart Oceans" e "Internet of Underwater Things" (IoUT). Non consultarono pesci, balene, delfini, polpi e altri abitanti di quegli abissi.

Negli Stati Uniti, la National Science Foundation ha finanziato quello che ha chiamato il progetto SEANet. L'obiettivo era consentire la comunicazione wireless a banda larga da qualsiasi punto o negli oceani verso qualsiasi altra parte del pianeta o nello spazio. Internet of Underwater Things è stato progettato per abilitare tutte le stesse capacità di comunicazione fornite a terra, incluso lo "streaming video in tempo reale dall'acqua".

Negli ultimi tre anni, una marea di articoli è stata pubblicata da scienziati e ingegneri negli Stati Uniti, Cina, Pakistan, Qatar, Corea del Sud, Spagna, Australia, Grecia,

Italia, Francia, Marocco, Arabia Saudita e altrove. Nel 2020 il IEEE Internet of Things Journal ha pubblicato un numero speciale su Internet delle cose per Smart Ocean. Nel 2019 il giornale Sensori ha pubblicato un numero speciale su Smart Ocean: progressi, prospettive e sfide della ricerca emergentie la stessa rivista sta ora pubblicando un altro numero speciale su Internet delle cose subacquee.

Alcune delle attività che presumibilmente "hanno bisogno" di questa tecnologia negli oceani sono:

  • monitoraggio del cambiamento climatico
  • controllo e monitoraggio dell'inquinamento
  • prevenzione dei disastri, compresi i sistemi di allerta tsunami
  • esplorazione oceanica
  • pesca e acquacoltura
  • raccolta della barriera corallina
  • monitoraggio delle placche tettoniche
  • navigazione
  • commercio oceanico globale
  • esplorazione e produzione di petrolio e gas
  • comunicazione e sorveglianza militare

L'infrastruttura che sta iniziando a essere implementata, in tutti gli oceani, include:

  • sensori e antenne ("nodi") sul fondo dell'oceano
  • nodi a diverse profondità
  • nodi di superficie
  • antenne di trasmissione a diverse profondità per trasmettere dati verticalmente dal fondo dell'oceano alla superficie dell'oceano e orizzontalmente tra i nodi
  • Veicoli subacquei autonomi (AUV)
  • Veicoli di superficie autonomi (ASV)
  • robot sottomarini
  • boe di superficie senza fili
  • barche e navi intelligenti
  • sottomarini intelligenti
  • sponde intelligenti

Poiché la comunicazione è più difficile da realizzare sott'acqua che attraverso l'aria e più soggetta a interferenze, negli oceani vengono utilizzati diversi tipi di mezzi di comunicazione per inviare dati a velocità diverse e su distanze diverse. Onde acustiche, onde radio, laser, luce LED e induzione magnetica sono

tutti utilizzati per inondare gli oceani di dati. È in fase di sviluppo un sistema GPS subacqueo. La maggior parte di questi media funziona solo per comunicazioni a corto e medio raggio. La comunicazione a lungo raggio si basa sulle onde acustiche ed è simile alla tecnologia utilizzata nel sonar oceanico.

Queste tecnologie sono già commercializzate e installate oggi negli oceani del mondo. Alla conferenza Oceanology International 2022, che si terrà a Londra dal 15 al 17 marzo, decine di queste aziende esporranno i loro prodotti.

WaterLinked vende la tecnologia dei sensori subacquei tramite distributori in tutto il mondo per l'uso nell'acquacoltura e nella navigazione subacquea. "La nostra tecnologia Wireless Sense™ consente comunicazioni wireless affidabili e soluzioni innovative di sensori sottomarini", afferma il loro sito web.

EvoLogics vende modem acustici subacquei, sia a medio che a lungo raggio, che "forniscono comunicazioni digitali full-duplex".

SonarDyne International vende modem acustici subacquei all'industria petrolifera e del gas, ai governi e alle marine.

Voyis vende scanner laser subacquei a corto e lungo raggio.

GeoSpectrum vende "sistemi acustici integrati end-to-end" per l'esplorazione di petrolio e gas e per scopi militari.

Dynautics vende veicoli subacquei autonomi (AUV). Seaber vende "micro-AUV standard".

Hydromea commercializza "il primo drone subacqueo in assoluto senza cavi".

Mediterraneo Señales Maritimas vende "boe dati che integrano sensori attraverso il nostro datalogger in modo che i dati possano essere trasmessi a una stazione remota e visualizzati sul nostro software".

3D presso Depth, Inc. "fornisce sistemi laser LIDAR sottomarini avanzati".

Teledyne Marine vende alianti subacquei autonomi, veicoli subacquei autonomi ("sottomarini robot senza pilota") e "sistemi laser per immersioni subacquee sia in acque poco profonde che in acque profonde".

"I robot subacquei sciamano nell'oceano", afferma una pagina sul sito web del Woods Hole Oceanographic Institute. L'Istituto ha sviluppato un sistema di navigazione basato sull'acustica che consente a un gran numero di robot subacquei di lavorare insieme. "Invece di utilizzare un solo robot sottomarino, più grande e più costoso per coprire un'area dell'oceano, vogliamo avere centinaia o addirittura migliaia di robot più piccoli e a basso costo che possono funzionare tutti in sincronia", afferma la loro pagina web.

Le organizzazioni per la protezione degli oceani stanno conducendo da tempo una campagna contro l'inquinamento acustico negli oceani, ma stanno solo iniziando a essere consapevoli di questo nuovo tipo di assalto, che ha il potenziale per sminuire tutti i precedenti attacchi acustici per portata e portata. Ad esempio, una delle campagne dell'organizzazione ambientalista Sea Shepherd è "Silenziare l'assordante ruggito dell'inquinamento acustico oceanico". Loro scrivono:

“Nel 1953 Jacques Cousteau pubblicò un classico libro di memorie sui suoi primi giorni di esplorazione subacquea. Ha intitolato questo libro Il mondo silenzioso. Oggi le attività umane prendono in giro quel titolo. Negli ultimi decenni, l'inquinamento acustico marino è cresciuto a un ritmo esponenziale. Il rumore del traffico navale raddoppia ogni decennio. La palificazione, il dragaggio, il sonar e l'esplorazione sismica per petrolio e gas si aggiungono alla cacofonia. Per la fauna marina, e in particolare per i cetacei acusticamente sensibili, questo racket antropogenico rappresenta una minaccia grave e crescente. L'inquinamento acustico oceanico provoca grave stress, cambiamenti comportamentali, mascheramento (cioè difficoltà a percepire suoni naturali importanti), spiaggiamenti e perdita della sensibilità uditiva indotta dal rumore".

A questo mix si aggiunge ora Internet of Underwater Things, che inizia a inondare gli oceani di suoni per connetterli a Internet. E questo suono sarà modulato a impulsi con le stesse frequenze dannose delle onde radio per trasportare gli stessi dati. E per comunicare su grandi distanze, alcuni dei modem acustici subacquei commercializzati sono in grado di produrre un suono potente fino a 202 decibel. Ciò equivale a 139 decibel nell'aria. È rumoroso come un motore a reazione a una distanza di 100 piedi ed è al di sopra della soglia del dolore negli esseri umani. Questi modem emettono suoni modulati a frequenze che vanno da 7 kHz a 170 kHz, coprendo quasi l'intero raggio uditivo dei delfini, che usano il suono per la caccia e la navigazione.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite
4 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

[…] Tratto da Technocracy News & Trends […]

DawnieR

OH!! Questi PSICOPATI uccideranno la maggior parte della vita nei nostri oceani!! Questi PSICOSI DEVONO ESSERE FERMATI!!

elle

Perché sott'acqua? Non si preoccupano di uccidere gli oceani del mondo, che è esattamente ciò che faranno con questa tecnologia? No, non lo fanno. Credi davvero che si tratti di comunicazione tra umani? Pensa di nuovo. Se pensi fuori dagli schemi, non aggrapparti ai lati, troverai l'unica risposta che si adatta a tutte le cose ridicole che vengono incitate, forzate e installate nel nostro mondo oggi. In apparenza il motivo sembrerebbe incredibile. Non è. La nostra classe di predatori perniciosi non ha in programma di rimanere sulla Terra ancora a lungo, ma qualcuno sì. Apparentemente,... Per saperne di più »

Ultima modifica 14 giorni fa di elle
Ironia di Mardocheo

Più creep BS. Spingi "in avanti" con la tua inutile spazzatura techno.
Per prima cosa, riporta le stelle marine che il tuo "sistema" ha cancellato dall'Oceano Pacifico. Non c'è bisogno di più del tuo rumore anti-live (malvagio)!