Massimo esperto medico: "Scienza e sanità pubblica sono rotte"

Samira Bouaou/The Epoch Time
Per favore, condividi questa storia!
La folla dei tecnocrati medici non può confutarlo, quindi inventano bugie su di lui e lo attaccano sulle bugie con una massiccia propaganda. Questo è successo migliaia di volte a esperti medici credibili che hanno guidato la sicurezza con la scienza e la ragione reali. I tecnocrati lo hanno distrutto per promuovere l'agenda transumana per trasformare l'umanità. ⁃ Editore TN

Il dottor Martin Kulldorff è uno dei più qualificati esperti di pandemia di salute pubblica negli Stati Uniti. Per i narratori, è un paria.

In qualità di eminente epidemiologo e statistico, Kulldorff ha lavorato per due decenni per rilevare e monitorare i focolai di malattie infettive. I suoi metodi sono ampiamente utilizzati in tutto il mondo e da quasi tutti i dipartimenti sanitari statali degli Stati Uniti, nonché da centinaia di persone presso i Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

Kulldorff ha anche lavorato per decenni sulla sicurezza dei vaccini, sviluppando metodi utilizzati a livello globale per monitorare le reazioni avverse nei nuovi vaccini.

Il suo curriculum sul sito web della Food and Drug Administration (FDA) è lungo 45 pagine e include un elenco di 201 articoli pubblicati su riviste peer-reviewed. Il suo lavoro è stato citato più di 27,000 volte.

Dal 2003, Kulldorff ha lavorato presso la Harvard Medical School, prima come professore associato di medicina della popolazione e poi come professore di medicina.

A novembre, Harvard e Kulldorff si separarono bruscamente.

Kulldorff preferisce mantenere private le ragioni, ma è difficile ignorare che si è messo nel mirino della narrativa della pandemia all'inizio del blocco dei "15 giorni per rallentare la diffusione" e da allora ne ha pagato il prezzo.

È piuttosto qualcosa per uno scienziato della salute pubblica al top del suo gioco ammettere che "sia la scienza che la salute pubblica sono rotte".

“Per qualche ragione, è stata stabilita una narrativa ufficiale pubblica e non ti è stato permesso di metterla in discussione, il che, ovviamente, è molto dannoso, sia per la pandemia che per come affrontarla, perché devi avere un vivace discussione per capire come affrontare al meglio queste cose", ha detto a The Epoch Times.

Il nativo svedese ha detto di aver cercato di sottolineare nel marzo 2020 che c'era un gradiente di età molto ripido sulla mortalità per COVID-19, la malattia causata dal virus SARS-CoV-2.

Kulldorff ha affermato di aver tentato di pubblicare un articolo sia sulle riviste mediche statunitensi che sui giornali tradizionali affermando che mentre chiunque potrebbe contrarre il virus, l'attenzione dovrebbe essere rivolta alla protezione degli anziani e delle persone ad alto rischio. Il suo giornale è stato respinto da tutte le direzioni.

"Sono stato in grado di pubblicare in Svezia, sui principali quotidiani lì durante la primavera del 2020, quindi non è stato un problema", ha detto. "Ma agli Stati Uniti non è stato permesso di tenere un dibattito, il che è molto preoccupante".

La dichiarazione di Great Barrington

I suoi primi sforzi culminarono nel Dichiarazione del Grande Barrington, pubblicato con il dottor Sunetra Gupta e il dottor Jay Bhattacharya nell'ottobre 2020. La dichiarazione richiedeva un approccio più sfumato alle restrizioni universali imposte a gran parte della società occidentale.

"L'approccio più compassionevole che bilancia i rischi e i benefici del raggiungimento dell'immunità di gregge consiste nel consentire a coloro che sono a rischio minimo di morte di vivere normalmente la propria vita di sviluppare l'immunità al virus attraverso l'infezione naturale, proteggendo al contempo meglio coloro che sono a rischio di morte. rischio più elevato", si legge nella dichiarazione.

Leggi la storia completa qui ...

L'autore

Patrick Wood
Patrick Wood è un esperto importante e critico in materia di sviluppo sostenibile, economia verde, agenda 21, agenda 2030 e tecnocrazia storica. È autore di Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation (2015) e coautore di Trilaterals Over Washington, Volumes I e II (1978-1980) con il compianto Antony C. Sutton.
Sottoscrivi
Notifica
ospite

4 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Elizabeth Daly-DeJoy

Sfortunatamente, devi essere un membro di Epoch Times per leggere il resto dell'articolo.

[…] Leggi l'articolo originale […]

sto solo dicendo